Renzi-Matteo

La benedetta questione della comunicazione di Matteo Renzi

di Christian Raimo Nelle ultime settimane Matteo Renzi è stato sempre al centro del dibattito pubblico: il viaggio in America, Marchionne, i Clinton, l’inglese strampalato, l’intervista da Fazio, il bailamme sull’articolo 18, lo sberleffo dei sindacati, la direzione PD, la polemica con la minoranza, le critiche da parte del Corriere e Repubblica, etc… Anche chi [...]

 
kim

Amo amare. Intervista a Kim Thúy

Ringraziando la testata, pubblichiamo la versione integrale di un’intervista che Andrea Cirolla ha fatto alla scrittrice vietnamita Kim Thúy sulle pagine del Corriere della Sera, edizione di Milano, in occasione dell’uscita in Italia del suo secondo romanzo «Nidi di rondine». In coda, una nota a margine della presentazione milanese del 24 settembre. di Andrea Cirolla [...]

 
pauls_0113

Sogni che il denaro può comprare. Il romanzo di Alan Pauls.

Pubblichiamo la postfazione di Giorgio Vasta a Storia del denaro di Alan Pauls uscito in questi giorni per le edizioni SUR. Il romanzo conclude la “trilogia della perdita” dello scrittore argentino, dopo Storia del pianto (Fazi, 2009) e Storia dei capelli (SUR, 2012). (Fonte immagine)

Ricostruire un albero genealogico sostituendo alle ramificazioni familiari i flussi di denaro. Mettere da parte la superstizione ingenua delle storie individuali e dei loro incroci e dare forma a una stirpe collocando semplici transazioni economiche al posto di matrimoni nascite e morti. Pensare alla propria origine come a un investimento, molto probabilmente avventato, a tutta la propria vita come a uno scoperto che la banca ci segnala allarmata ma che si rivela incolmabile (noi versiamo, continuiamo a versare ma lo scoperto non si riduce, al contrario progredisce, si fa abisso).

 
renzi-sulle-tracce-di-la-pira

Rai Tre rispiega La Pira a Renzi

di Cesare Buquicchio Discorso sui “Millegiorni”, Camera dei Deputati, 16 settembre. Paragrafo sulla politica estera. Citazione di La Pira (“…come fare a non valorizzare la politica estera come una grande occasione per rimettere al centro il Mediterraneo? La Pira l’avrebbe definito il prolungamento del lago di Tiberiade, in un momento come questo.”) Discorso di inaugurazione [...]

 
rise_of_mobile-1280x880

La vista da qui: divario digitale, divario culturale.

In La vista da qui. Appunti per un’internet italiana dMassimo Mantellini (minimum fax), c’è un intero capitolo dedicato al tema del divario digitale in Italia, tema sempre più attuale e discusso. Lo pubblichiamo di seguito, e vi invitiamo a visitare online lo spazio creato da Mantellini per raccogliere racconti, frammenti ed esperienze su cosa sia internet oggi. (Fonte immagine)

 

Scendo dal treno e vado a trovare Cristoforo.[1] Cristoforo è il mago dei numeri, forse la persona che in Italia negli ultimi dieci anni ha guardato più spesso dentro la sfera di cristallo dell’accesso a internet, ne ha osservato i diagrammi e le curve, ha provato a immaginarne le tendenze. A mezzogiorno in punto suono il campanello e lui al citofono mi risponde: «Sei puntuale come la morte». Cristoforo sa cose che né io e né voi sappiamo sui motivi per cui il nostro paese è stabilmente in fondo alle classifiche europee dello sviluppo tecnologico, della banda larga, dell’utilizzo di internet nelle scuole, nelle amministrazioni pubbliche, ovunque.

 
Fallon famiglia

La guerra non finisce mai

(L’immagine di Siobhan Fallon è presa dal sito dell’autrice, qui).

di Gabriele Santoro

«Libertà! Quale parola gloriosa per cominciare! Non sono mai stato uno schiavo, solo l’immaginazione mi restituisce quella condizione inumana. Non spero nulla, se non di respirare con i miei compagni in questa terra l’aria di libertà. Coltivo l’unica ambizione di rompere le catene per esclamare: libertà per tutti! Gli occhi del mondo convergono su di noi, e dagli esiti della lotta dipende la nostra felicità». La lettera è datata 18 settembre 1864, e porta in calce la firma del sergente afroamericano Charles W. Singer, impegnato sul fronte della guerra civile americana.

 
1185990_557553620948710_1068849568_n

Sull’avventura di “PIANISSIMO”

Sull’avventura di “Pianissimo – libri sulla strada”, Filippo Nicosia ha scritto un libro adesso pubblicato da Terre di mezzo. Per gentile concessione dell’editore, condividiamo un estratto del libro con i lettori di minima&moralia. In apertura, un breve “cappello” di Nicosia in cui dà conto di alcune novità, come l’apertura della libreria Colapesce a Messina. di [...]

 
6E8A75F2-AB14-4483-A681-8F4767DB769B_mw1024_s_n

Le opere e la vita di Pavel Gubarev

Origini e ambizioni del «governatore di Donetsk». Ex manager, politicamente ambiguo, è il capopolo della rivolta. Esempio della complicata situazione nell’est Ucraina, dove anche i gruppi di sinistra mettono in guardia da personaggi emersi dalla guerra con Kiev. (Questo pezzo è uscito sul manifesto. Grazie all’autore e alla testata.) di Simone Pieranni Pavel Gubarev ha [...]

 
Fiumani

Letture d’autore: intervista a Federico Fiumani

di Pierluigi Lucadei  Da oltre trent’anni è il leader dei Diaframma, una delle due o tre band a cui può essere attribuita l’invenzione del rock italiano così come l’abbiamo inteso per molti anni. Marchigiano di nascita ma fiorentino di adozione, Federico Fiumani è anche autore di alcuni libri, tra i quali ricordiamo almeno l’autobiografia-ad-aneddoti “Brindando [...]

 
ponte-del-diavolo

Dovunque, eternamente

di Domenico Fina Dovunque, eternamente. Romanzo dei più profondi, perturbanti e autentici che mi sia capitato di leggere negli ultimi tempi. È il primo libro pubblicato da Simona Rondolini, perugina, nata nel 1970, giunto finalista al Premio Calvino dello scorso anno. Rilke, Mahler, Mann avvolgono la vita della protagonista, Laura Paliani, studentessa universitaria che vive [...]