renzi-sulle-tracce-di-la-pira

Rai Tre rispiega La Pira a Renzi
di

di Cesare Buquicchio Discorso sui “Millegiorni”, Camera dei Deputati, 16 settembre. Paragrafo sulla politica estera. Citazione di La Pira (“…come fare a non valorizzare la politica estera come una grande occasione per rimettere al centro il Mediterraneo? La Pira l’avrebbe definito il prolungamento del lago di Tiberiade, in un momento come questo.”) Discorso di inaugurazione (Continua a leggere)

renzi-sulle-tracce-di-la-pira

Rai Tre rispiega La Pira a Renzi

di Cesare Buquicchio Discorso sui “Millegiorni”, Camera dei Deputati, 16 settembre. Paragrafo sulla politica estera. Citazione di La Pira (“…come fare a non valorizzare la politica estera come una grande occasione per rimettere al centro il Mediterraneo? La Pira l’avrebbe definito il prolungamento del lago di Tiberiade, in un momento come questo.”) Discorso di inaugurazione [...]

 
rise_of_mobile-1280x880

La vista da qui: divario digitale, divario culturale.

In La vista da qui. Appunti per un’internet italiana dMassimo Mantellini (minimum fax), c’è un intero capitolo dedicato al tema del divario digitale in Italia, tema sempre più attuale e discusso. Lo pubblichiamo di seguito, e vi invitiamo a visitare online lo spazio creato da Mantellini per raccogliere racconti, frammenti ed esperienze su cosa sia internet oggi. (Fonte immagine)

 

Scendo dal treno e vado a trovare Cristoforo.[1] Cristoforo è il mago dei numeri, forse la persona che in Italia negli ultimi dieci anni ha guardato più spesso dentro la sfera di cristallo dell’accesso a internet, ne ha osservato i diagrammi e le curve, ha provato a immaginarne le tendenze. A mezzogiorno in punto suono il campanello e lui al citofono mi risponde: «Sei puntuale come la morte». Cristoforo sa cose che né io e né voi sappiamo sui motivi per cui il nostro paese è stabilmente in fondo alle classifiche europee dello sviluppo tecnologico, della banda larga, dell’utilizzo di internet nelle scuole, nelle amministrazioni pubbliche, ovunque.

 
Fallon famiglia

La guerra non finisce mai

(L’immagine di Siobhan Fallon è presa dal sito dell’autrice, qui).

di Gabriele Santoro

«Libertà! Quale parola gloriosa per cominciare! Non sono mai stato uno schiavo, solo l’immaginazione mi restituisce quella condizione inumana. Non spero nulla, se non di respirare con i miei compagni in questa terra l’aria di libertà. Coltivo l’unica ambizione di rompere le catene per esclamare: libertà per tutti! Gli occhi del mondo convergono su di noi, e dagli esiti della lotta dipende la nostra felicità». La lettera è datata 18 settembre 1864, e porta in calce la firma del sergente afroamericano Charles W. Singer, impegnato sul fronte della guerra civile americana.

 
1185990_557553620948710_1068849568_n

Sull’avventura di “PIANISSIMO”

Sull’avventura di “Pianissimo – libri sulla strada”, Filippo Nicosia ha scritto un libro adesso pubblicato da Terre di mezzo. Per gentile concessione dell’editore, condividiamo un estratto del libro con i lettori di minima&moralia. In apertura, un breve “cappello” di Nicosia in cui dà conto di alcune novità, come l’apertura della libreria Colapesce a Messina. di [...]

 
6E8A75F2-AB14-4483-A681-8F4767DB769B_mw1024_s_n

Le opere e la vita di Pavel Gubarev

Origini e ambizioni del «governatore di Donetsk». Ex manager, politicamente ambiguo, è il capopolo della rivolta. Esempio della complicata situazione nell’est Ucraina, dove anche i gruppi di sinistra mettono in guardia da personaggi emersi dalla guerra con Kiev. (Questo pezzo è uscito sul manifesto. Grazie all’autore e alla testata.) di Simone Pieranni Pavel Gubarev ha [...]

 
Fiumani

Letture d’autore: intervista a Federico Fiumani

di Pierluigi Lucadei  Da oltre trent’anni è il leader dei Diaframma, una delle due o tre band a cui può essere attribuita l’invenzione del rock italiano così come l’abbiamo inteso per molti anni. Marchigiano di nascita ma fiorentino di adozione, Federico Fiumani è anche autore di alcuni libri, tra i quali ricordiamo almeno l’autobiografia-ad-aneddoti “Brindando [...]

 
ponte-del-diavolo

Dovunque, eternamente

di Domenico Fina Dovunque, eternamente. Romanzo dei più profondi, perturbanti e autentici che mi sia capitato di leggere negli ultimi tempi. È il primo libro pubblicato da Simona Rondolini, perugina, nata nel 1970, giunto finalista al Premio Calvino dello scorso anno. Rilke, Mahler, Mann avvolgono la vita della protagonista, Laura Paliani, studentessa universitaria che vive [...]

 
articolo-18-dove-il-problema-Altan (2)

Difendere l’articolo 18 non vuol dire essere ideologici

di Luigi Manconi Ho sottoscritto convintamente i sette emendamenti, presentati da un gruppo di senatori del Partito democratico, alla legge delega di riforma del mercato del lavoro. Non per questo sono un anti-renziano. Per molte ragioni e, soprattutto, perché non sono, per contrasto, bersaniano, cuperliano, lettiano, civatiano, fassiniano (nel senso di “né con Fassina né con Fassino”). Sono manconiano di [...]

 
roxon bangs

Traducendo La Rock Encyclopedia di Lillian Roxon

Pubblicata nel 1969, l’anno del festival di Woodstock, la leggendaria Rock Encyclopedia e altri scritti di Lillian Roxon arriva ora in libreria (a breve per minimum fax).

Segnaliamo che venerdì 26 settembre il libro sarà presentato in anteprima a Roma, al Monk club, da Emiliano Colasanti e dalla sua traduttrice Tiziana Lo Porto e festeggiato con un dj-set di Omaggio a Lillian Roxon.

Pubblichiamo qui una riflessione che Tiziana Lo Porto ha scritto sul suo lavoro di traduzione al libro. (Nella foto, Lillian Roxon con Lester Bangs. Fonte immagine).

di Tiziana Lo Porto 

La prima volta che ho sentito parlare di Lillian Roxon è stato a un festival di cinema. Tra i film minori in programma c’era un documentario che si chiamava Mother of Rock: Lillian Roxon, diretto da Paul Clarke. La scheda del film diceva che era la storia di una giornalista rock australiana (anche se era nata in Italia da genitori polacchi) vissuta a New York negli anni sessanta e settanta e lì diventata amica di molti celebri musicisti rock. Tra i suoi amici c’era Iggie Pop.

 
maxresdefault (1)

L’opaca viltà della politica romana

Questo pezzo è uscito oggi sul Manifesto. A Roma oggi alle 18.30 è previsto un presidio davanti a Regina Coeli, alle 20.30 un’assemblea sul diritto alla città al Nuovo Cinema Palazzo. di Sandro Medici Nun­zio D’Erme è un istrut­tore di nuoto. I bam­bini che par­te­ci­pano ai suoi corsi l’adorano, così come i loro geni­tori. Piace [...]