Oltre la frontiera d’Australia: “La grande occasione di Martin Sparrow”

joey-csunyo-512460-unsplash

Photo by Joey Csunyo on Unsplash

di Tiziano Rugi

Parafrasando Henry James, lo storico vuole più documenti di quanti ne possa utilizzare, mentre il romanziere vuole più libertà di quanta se ne possa permettere. Perché allo storico non è richiesta fantasia, ma anzi la ricerca della verità, mentre per lo scrittore le priorità si ribaltano. Non è semplice per uno storico cimentarsi nella forma romanzo: lo storico è interessato a parlare con i fatti, a ricostruire precisamente gli eventi; il romanziere parla con i personaggi e con le storie.

Il Salone del Libro, più del dettaglio

gioco_del_mondo

di Nicola Lagioia È stata presentata ieri la XXXII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Il gioco del mondo. Vi aspettiamo a Torino dal 9 al 13 maggio. Il programma ufficiale è on line. Io qui in via non ufficiale e incompleta (mantenere uno spazio di non ufficialità è per me importante) provo […]

Le anafore

Foto am 05.04.19 um 09.09

di Marco Mantello Ti amo perché tu sai montare gomme e cucine Ikea riempire agende come la mia di date libere come le stelle ti amo perché non hai controllo alcuno sulle vacanze estive e sulle nomine rai Ti amo perché curi la tua pelle con il cadavere di un deodorante bio Ti amo perché […]

Necropolis di Giordano Tedoldi

55462871_10219568830317271_410004115016384512_n

Esce oggi per Chiarelettere “Necropolis”, terzo romanzo di Giordano Tedoldi. Invitiamo a leggerlo e ospitiamo volentieri questa recensione. di Ilaria Palomba Entrare in Necropolis significa entrare in un tempio devastato dalle più profonde e dunque indomabili pulsioni umane. È una distopia? Non esattamente. È un testo di narrativa? Non esattamente. È un saggio filosofico? Neanche. […]

Cristo II

Foto am 04.04.19 um 09.45

di Marco Mantello   “Solo che mia madre  così cristiana che calpestava il pane e dalla piana degli ulivi mia madre diceva che tutti erano tutti senza amore e intanto raccoglieva il seminato tutta china sul suo prete equamente divisa fra la scuola e il rancore Ma una volta assieme a Gina fissai il cielo […]

La memoria

Foto am 24.03.19 um 08.02

di Marco Mantello Ho perduto la memoria sopra un libro di storia negli archivi di stato fra le glosse, i manoscritti e gli altri resti del passato l`ho perduta e me ne sono ricordato Però prima di sapermi commemorato in qualche regia università ti volevo far vedere quella roba che scrivevo e che forse sapevi […]

“Fedeltà”, il valzer di fragilità di Marco Missiroli

1fedeltà (1)

Fedeltà è un romanzo sulla precarietà – economica, lavorativa, abitativa, sentimentale, erotica – della nostra epoca. I protagonisti, Carlo e Margherita, uno aspirante scrittore che si accontenta di fare il professore e l’altra architetto che ripiega su un lavoro da agente immobiliare, sono alle prese con le difficoltà dell’essere vivi (“ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando”, dice Philip Roth in esergo) e dell’esserlo insieme. Sono una coppia che vacilla di fronte alle tentazioni incarnate da Sofia e Andrea, più giovani e più liberi di loro ma altrettanto incapaci di concretizzare un futuro plausibile, ma che resiste proprio grazie all’attrazione di quei corpi che dovrebbero allontanarli. La fedeltà gioca un ruolo così decisivo nel mantenerli sull’orlo di una crisi d’identità da sfumare spesso nel suo contrario, in una trama di parole non dette o appena sussurrate, atti mancati e subito negati.

Marco Missiroli, al ritorno al romanzo a quattro anni di distanza da Atti osceni in luogo privato, è abile nell’irretire il lettore facendo transitare la voce da un personaggio all’altro, grazie al cosiddetto ‘passaggio di anime’, un approccio complesso alla materia narrativa che ha richiesto un lavoro molto più lungo del solito ma che gli ha permesso di ritrarre in modo struggente le nevrosi della sua generazione.

Il bed-in di John e Yoko, cinquant’anni dopo

1bedin

di Teresa Capello

Il 20 marzo del 1969 John Lennon e Yoko Ono si sposarono, a Gibilterra. La loro privacy durò ben tre minuti, dopo i quali annunciarono alla stampa di voler trascorrere la loro luna di miele insieme ad una platea mondiale. E lo fecero, dando vita concretamente ad una performance davvero unica, straordinaria. Si chiusero per sette giorni, dal 25 al 31 marzo, nella stanza 902 dell’International Hilton Hotel di Amsterdam, convocando una conferenza stampa globale che facesse da cassa di risonanza per quello che definirono il loro “Bed-in for Peace”: per 12 ore al giorno, dalle nove del mattino alle nove di sera, sarebbero rimasti a letto, a chiacchierare con i cronisti e con gli ospiti, ripresi dalle telecamere e fotografati continuamente.

Il giudice e l’algoritmo: l’intelligenza artificiale in Cina arriva nei tribunali

1china

Pubblichiamo un pezzo uscito sul Manifesto, che ringraziamo.

di Simone Pieranni

In Cina l’intelligenza artificiale viene ormai applicata anche nel mondo giudiziario: per raccogliere prove, per uniformare le sentenze. Senza alcun dibattito in merito. La corsa cinese all’intelligenza artificiale si ammanta di progressi reali e di propaganda. Nelle ultime settimane la stampa locale ha sottolineato il peso che i sistemi di Ai avranno all’interno del sistema giudiziario, nel lavoro delle corti, nelle procedure e nella raccolta delle prove.

“Il gioco del mondo” 9-13 maggio: la XXXII edizione del Salone del Libro

Schermata 2019-03-06 alle 16.55.13

“Incontrarsi per caso non era un caso, nelle nostre vite”, Julio Cortázar La XXXII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino ha un titolo chiaramnte cortázariano: “Il gioco del mondo”.  Partendo dall’idea che i paesi hanno confini ma le culture e le lingue no, abbiamo lavorato perché il Salone quest’anno avesse non semplicemente un […]