Il segreto di Zerocalcare

1zero

Pubblichiamo Il segreto di Zerocalcare, contributo di Adriano Ercolani al volume Leggere Zerocalcare, pubblicato da Comic Out nella collana Siamo Saggi. Il libro, oltre a quello di Ercolani e della curatrice Laura Scarpa, ospita i contributi di Matteo Stefanelli, Claudio calia, Sarah Di Nella, Valerio Bindi, Giovanni De Mauro, Giacomo Bevilacqua e lo Zerocalcare Fan Club, che ha curato le schede dei libri e sui personaggi e tematiche. Il libro è uscito oggi ed è ordinabile a questo link.

Quando si parla di Zerocalcare, ovvero di uno dei più grandi fenomeni editoriali degli ultimi decenni, bisogna scontare un paradosso: parliamo di un autore che esprime un punto di vista estremamente peculiare sul reale (le sue idee politiche non hanno praticamente rappresentanza parlamentare), utilizzando un gergo dialettale carico di espressioni di un preciso periodo storico (il romanesco adolescenziale degli anni ‘90), costruendo le sue storie su una galassia di riferimenti culturali molto connotati (l’immaginario pop dei ragazzini cresciuti con i cartoni animati e i videogiochi negli anni ‘80) attraverso un medium tuttora purtroppo considerato nella percezione pubblica come qualcosa da ragazzini (il fumetto).

Sulla carta, dovremmo parlare di un autore di culto in una nicchia ristrettissima, quella dei 30-40enni romani che frequentano i centri sociali, ascoltano il punk e l’hard core e sono cresciuti sostanzialmente come nerd. Insomma, logicamente dovremmo trattare di dimensioni commerciali e di influenza culturale da fanzine autoprodotta, in poche centinaia di copie.

Le parole del carcere fuori dal carcere: reclusione, isolamento, distanziamento sociale

carc

di Giada Ceri Custodire i corpi, cautelarsi contro il rischio del contagio; contenere la vita – quella del virus e la nostra. E la lingua si adegua. Arresti domiciliari, distanziamento “sociale”[1], misure di sicurezza… Le parole d’ordinanza nel mondo penitenziario sono diventate di uso comune anche fuori, il vocabolario del mondo “libero” si è appropriato […]

Le università devono riaprire in autunno?

arruzza

di Cinzia Arruzza Le università devono aprire in autunno? Per diverse settimane questa domanda mi ha lasciata un po’ paralizzata. Non perché le due opzioni disponibili mi sembrassero ugualmente attraenti, ma perché entrambe mi sembravano ugualmente dannose. Tuttavia, come regola generale, credo che la linea di condotta moralmente prudente sia quella di andare online. Qui […]

Guccini, la persistenza di un mito

guccini80

di Salvatore Romeo Avevo tredici anni (o giù di lì) quando mi sono imbattuto per la prima volta in Francesco Guccini. Era la fine degli anni 90 e avvenne in maniera del tutto casuale: mi trovai davanti il cofanetto (doppia musicassetta) di “Guccini live collection” e non so bene perché lo comprai. Fatto sta che […]

100 idee per lo spazio di via Napoleone III una volta sgomberata Casapound:

casapound-scritta-1565115769483-1200x1200

di Christian Raimo 1. una asl 2. una moschea 3. un museo del fumetto intitolato a Stefano Tamburini 4. la sede fissa di Baobab Experience 5. un labirinto 6. la nuova sede del Rialto 7. un forno di quartiere 8. una biblioteca internazionale 9. una succursale della Di Donato 10. la nuova sede della Fondazione […]

Chav è un classico contemporaneo

ETi_rMkWAAEEHDj

di Christian Raimo Che Chav fosse un libro così bello e importante non me la aspettavo. Immaginavo che questo breve memoir di D.Hunter fosse un testo rappresentativo, anche paradigmatico della riflessione della working class alla fine del novecento operaio; il sottotitolo italiano Solidarietà coatta prova a tenere insieme la forza del neologismo ma anche il […]

Un certo tipo di notte

francesco-luca-labianca-RqmZvx60R_4-unsplash

di Elisa Poli Il faudra endormir pour de vrai un soir, les gens heureux, pendant qu’ils dormiront, je vous le dis et en finir avec eux et leur bonheur une fois pour toutes. Louis-Ferdinand Céline, Voyage au bout de la nuit La Fase Due è il lato B di un disco inedito che rievoca memorie […]

Solo gli oggetti parlano

IMG-20200506-WA0041

Questo racconto fa parte di un progetto di libro, intitolato Lockdown, a cura di Mirko Perri e Armando Canzonieri, che uscirà in autoproduzione il 25 maggio 2020; si tratta una serie di video-interviste, registrate e sbobinate, che coprono un arco temporale che va dalla metà alla fine di aprile. Le interviste sono state riscritte unendo […]

Non temere la vampa del sole – su Virginia Woolf

08-virginia-woolf-las-2971827b

di Edoardo Pisani Voglio affondare con la bandiera spiegata. Virginia Woolf Nell’estate del 1904, poco dopo la morte del padre Leslie, Virginia Woolf, allora Virginia Stephen, vive una delle crisi più profonde della sua esistenza. È a casa dell’amica Violet Dickinson, che tanto l’ha rincuorata nelle lettere. Ha appena tentato il suicidio, buttandosi dalla finestra, […]

Intorno a Silvia Romano, vittima non perbene

the-joy-of-life-1937-

Pubblichiamo un pezzo uscito sul sito della Fondazione per la Critica Sociale, che ringraziamo. di Stela Xhunga “Capiamo i banditi e le ragioni per cui agiscono in quel modo, sebbene il reato di sequestro di persona sia tra i delitti più odiosi che si possano commettere”. A dichiararlo fu Fabrizio De André durante il processo ai suoi […]