_Il futuro

effetto-casimir_1-e1435873526903-1280x720

di Christian Raimo La mattina di Capodanno ci svegliammo tutti e quattro con un cerchio alla testa che era il contrario di un’aureola. Facemmo colazione al bar con i cornetti appena fatti: abbozzammo dei bilanci e ci immaginammo il futuro prossimo. Marco si lamentò ancora che il voltafaccia di Carla gli scottava sempre di più […]

Lo sconosciuto

AlbertoBurri_Grande-rosso-P18_1964_www.all-art-org

di Saverio Mariani L’ho scoperto giorni dopo, ma la sala operatoria nella quale mio padre è stato chiuso per oltre quattordici ore, non era distante dall’altra sala dove i chirurghi avevano praticato l’espianto allo sconosciuto. L’operazione, nel suo complesso, sembra semplice: tirare via da un corpo morto gli organi ancora sani, e impiantarli nel corpo […]

Le parole

Foto am 04.04.19 um 09.45

di Marco Mantello Quando le parole brillano come posate sopra i tavoli di un ristorante e sono sempre le due e un quarto e là fuori, invariabilmente, splende il sole se non è proprio un infarto sono comunque problemi di cuore La morale impersonata da una dieta universale da una porta spalancata osserva che al […]

Come iniziare un racconto o addirittura un romanzo? ovvero una microscopica lezione di scrittura sull’incipit

pf_1569050346

di Christian Raimo Quando ci si fa la domanda Come iniziare un racconto o un romanzo? in realtà ci si sta ponendo almeno tre questioni differenti che forse non sono trasparenti nemmeno a noi stessi. 1. La prima è quella della pagina bianca. Ed è la questione più sottovalutata nei corsi di scrittura. Chi insegna […]

Il bizzoso, ovvero l’autorottamazione di Matteo Renzi

1518498723901.jpg--renzi___i_grillini___altro_che_mele_marce__e_un_ortofrutta_

di Christian Raimo La scissione di Matteo Renzi è l’evento più politicista, pigramente tattico, che si è visto negli ultimi anni di politica italiana, tanto che persino trovare il nome resta difficile (L’Italia del sì? Un’altra strada?) e non esiste nemmeno uno straccio di manifesto che possa corroborarlo, ma solo una canzone di Jovanotti e […]

Le chiavi di casa

Foto am 25-01-2016 um 18.22

di Marco Mantello Me la ricordo come fosse oggi la prima volta che ricevetti le chiavi di casa.  Avevo nove anni e il consiglio di famiglia fu occupato per intero dalla cerimonia di investitura. Stavo in ginocchio sotto la tovaglia con un elmo di cartone e una spada di compensato e una croce rossa pennarellata […]

“La mafia non è più quella di una volta”: intervista a Franco Maresco

FRANCO-MARESCO-e1566980462577-625x350

Questa intervista è uscita in forma ridotta su La Repubblica, che ringraziamo di Emiliano Morreale Mentre fervevano i preparativi per la premiazione della Mostra di Venezia, dove il suo La mafia non è più quella di una volta ha vinto il premio speciale della giuria, Franco Maresco, rimasto a Palermo, ha staccato il telefono ed […]

Dove un’ombra sconsolata mi cerca. Intervista a Andrea Molesini

davide-ragusa-9wCECsT6gS8-unsplash

Photo by davide ragusa on Unsplash

di Valentina Barengo

Dove un’ombra sconsolata mi cerca (Sellerio, 2019), il quinto romanzo per adulti di Andrea Molesini (molti ricorderanno anche i suoi titoli per ragazzi, tra cui il celeberrimo Quando ai veneziani crebbe la coda), è ancora una volta ambientato in laguna, e alla laguna è dedicato. Scrive infatti l’autore veneziano, nella pagina cui di solito si è usi leggere “a qualcuno”: “[…] Queste pagine vengono dall’ascolto della mia città-arcipelago, un impasto di eros e fango, di pietra e d’argilla che in tempi lontani uomini braccati dal destino avverso edificarono nella speranza – vana e ricorrente – d’imbrogliare la morte, e al mistero del tempo e della felicità sono dedicate”.

In un andare e venire della narrazione che ha l’incedere del ricordo, viene raccontato il passaggio cruciale dall’infanzia all’adolescenza di Guido, figlio di una donna lieve e fatta di poesia e di un ufficiale della Regia Marina, concreto, razionale ma appassionato di mappamondi,che dipinge.

L’America vent’anni dopo Columbine

bloc

Pubblichiamo un pezzo uscito sul Messaggero, che ringraziamo.

A vent’anni di distanza dall’eccidio commesso nella Columbine High School, la crescita delle stragi di massa negli Stati Uniti è esponenziale: nel solo mese di agosto sono state assassinate 53 persone e nel 2019 il numero degli assalti armati con almeno tre vittime è salito a 38, toccando l’apice tragico del massacro nel centro commerciale Walmart a El Paso.

Il 20 aprile del 1999, due teenager, poi suicidatisi, uccisero dodici studenti e un insegnante della Columbine, ferendo altre 24 persone. Si trattava del quinto attentato più sanguinoso negli Stati Uniti dalla Seconda Guerra Mondiale. Oggi è fuori dai primi dieci della triste classifica. Dopo la Columbine, sono andati in scena 165 attacchi, che hanno provocato 959 morti e 1053 feriti.

Julian Sands: da John Keats a Percy Bysshe Shelley

1sands

Julian Sands è un attore in grado di convivere con il doppio ruolo di icona della controcultura e volto noto in popolari serie tv e film per il grande schermo. La massa lo conosce per i suoi ruoli in Camera con Vista, Stargate: L’Arca della Verità e le apparizioni in Ocean’s Thirteen, le serie Smallville e I Medici; per il pubblico più colto e “alternativo”, Sands è legato a film dal fascino disturbante come Gothic di Ken Russell, Il Pasto Nudo di David Cronenberg, Boxing Helena di Jennifer Lynch (figlia di David), Il fantasma dell’Opera di Dario Argento.

Il 6 e 7 settembre, Julian Sands sarà protagonista di un reading poetico, con letture tratte da John Keats and Percy Bysshe Shelley: Essential Poems, edito dalla Keats-Shelley Memorial Association.

Un’esperienza memorabile per tutti gli amanti della poesia romantica inglese.