“Caro avvocato degli italiani e dei diritti umani…”. Una lettera aperta a Giuseppe Conte

las menians

di Marco Mantello Gli ultimi e i primi Caro avvocato degli italiani e dei diritti umani Conosco diverse persone qui a Berlino, ma ce ne sono tante anche in Danimarca, in Inghilterra e in diversi paesi europei, che hanno vissuto con il sussidio e alla fine hanno detto di no a un sistema di dare […]

Tutto il tempo è il tempo

mde

Prosegue la rubrica a cura di Luca Romano in cui si parla di libri che abbiano almeno tre mesi di vita. In questo caso, un approfondimento de “I vivi e i morti” (minimum fax) di Andrea Gentile è l’occasione per raccontare il tempo in letteratura.

Guardare e non giocare: fenomenologia del Game Video

1zeld

di Stefano Felici

Let’s play, speedrun, playthrough e walkthrough, live streaming, machinima: sono alcune fra le parole-chiave di un fenomeno relativamente nuovo e, per molti, del tutto inaspettato – posto in relazione, almeno superficialmente e con ironia, al mettersi in contemplazione di una passata di vernice fresca che si asciuga sulla parete: star seduti a veder giocare gli altri. Assistere in diretta, o in differita, a partite di un qualsiasi videogioco (sportivo, d’avventura, di ruolo: non ha importanza): una pratica in cui il proprio livello di interazione è spesso limitato a scegliere se continuare a guardare, cambiare canale (in questo caso, Twitch o YouTube) o spegnere tutto.

Chi ha paura dell’uomo nero? Roberto Minervini racconta il declino americano

minervini

Il risveglio del Klu Klux Klan, il declino delle Black Panthers. Roberto Minervini, a venezia con “What you gonna do when the world’s on fire?”, in concorso a Venezia, racconta il declino dell’America contemporanea.

Una strada dedicata a Leogrande, ma in Albania

alessandro_leogrande

Questo pezzo è uscito su “Repubblica”, che ringraziamo di Nicola Lagioia Ad Alessandro Leogrande sarà intitolata una strada. Non in Italia, ma in Albania. Leogrande, scomparso all’improvviso lo scorso novembre all’età di quarant’anni, è lo scrittore e intellettuale che il nostro paese forse non merita ma a cui dovrebbe dare ascolto, anche ora che non […]

Il ponte di ferragosto

steinar-engeland-100576-unsplash

di Marco Mantello Mi sentivo come un funerale di stato era per questo che mi rifiutavo evitando cordoni e applausi le voci calme dei presidenti buoni e il vescovo che benediva il cavo. Era dai tempi di Nassiriya e del conflitto yugoslavo che non mi sentivo così alienato dalla visione di salme e selfie dalla […]

I lati oscuri del web (e come possiamo ancora provare a salvarci)

datacenter

Data mining e profilazione. L’evoluzione del web attraverso “Il lato oscuro di Google” del collettivo Ippolita pubblicato da (Milieu) e “Dieci ragioni per cancellare subito i tuoi account social” di Jaron Lanier (Il Saggiatore).

Storia e Ucronia nei libri di Davide Orecchio

luca romano davide orecchio mio padre la rivoluzione

Prosegue la rubrica a cura di Luca Romano in cui l’autore recupera e approfondisce libri che abbiano almeno tre mesi di vita. Stavolta è il turno di “Mio padre la rivoluzione” (minimum fax) di Davide Orecchio.

1988-1990, Keith & Paz (2017-2018)

ARTICOLO PAZ FOTO 7

di Teresa Capello Un parallelo – dal punto di vista, diciamo, di un fruitore attento – fra due importanti mostre Personali: Keith Haring a Milano, Palazzo Reale, nel 2017 – “About art” – e la recente “Andrea Pazienza. Trent’anni senza”, attualmente in corso al MACRO di Roma fino a metà luglio – pare necessario. Tra […]

Bob Dylan e l’epos del Novecento

Foto 1 Capello Dylan 2018

Bob Dylan, la poesia, il Nobel, il suo tour infinito. Un approfondimento di Teresa Capello.