Il potere dei simboli: una conversazione con Francesco Boer

1blake

In questo momento di grave confusione, nel quale mostri del passato che credevamo sconfitti per sempre stanno riaffiorando al potere come nel più scontato dei film horror, è necessario acuire il proprio discernimento, per sfuggire ai gangli letali degli schieramenti contrapposti, o meglio di quella logica fallace che vede schieramenti contrapposti dove c’è solo uno scontro tra civiltà e barbarie.

Non c’è par condicio con chi ostenta la sopraffazione come visione della società. la menzogna come strategia comunicativa e la violenza come modus operandi. Non si può dare dignità di opinione a false notizie, calunnie sistematiche, insulti razzisti.

L`ultimo tifoso del Palermo

Foto am 12-09-2017 um 14.11

di Marco Mantello Cara Maria Carmela, verlobt, in einer Beziehung, non so se ti ricordi di me quando andavamo a scuola o al mare sono l’ultimo tifoso del Palermo il ragazzo col megafono sono quello che taglia i capelli e al cliente gli dice sta’ fermo sono essenzialmente afono ma ho il dovere morale di […]

Le anafore

Foto am 05.04.19 um 09.09

di Marco Mantello Ti amo perché tu sai montare gomme e cucine Ikea riempire agende come la mia di date libere come le stelle ti amo perché non hai controllo alcuno sulle vacanze estive e sulle nomine rai Ti amo perché curi la tua pelle con il cadavere di un deodorante bio Ti amo perché […]

Cristo II

Foto am 04.04.19 um 09.45

di Marco Mantello   “Solo che mia madre  così cristiana che calpestava il pane e dalla piana degli ulivi mia madre diceva che tutti erano tutti senza amore e intanto raccoglieva il seminato tutta china sul suo prete equamente divisa fra la scuola e il rancore Ma una volta assieme a Gina fissai il cielo […]

La memoria

Foto am 24.03.19 um 08.02

di Marco Mantello Ho perduto la memoria sopra un libro di storia negli archivi di stato fra le glosse, i manoscritti e gli altri resti del passato l`ho perduta e me ne sono ricordato Però prima di sapermi commemorato in qualche regia università ti volevo far vedere quella roba che scrivevo e che forse sapevi […]

Topolino a chi?

topolino3

di Federico Vergari

La risposta si è fatta un po’ attendere ma è arrivata in queste ore tramite le pagine del quotidiano la Repubblica: “Dispiace un po’ che persone competenti e preparate parlino con tanta leggerezza di uno strumento come Topolino, un giornale che è stato capace, nei suoi ormai 70 anni di vita editoriale, di iniziare alla lettura generazioni di lettori, stimolandone la crescita personale e contribuendo spesso alla formazione di un loro forte senso critico. Topolino ha questa grande capacità di raccontarti la realtà che hai attorno e di farlo in modo divertente e solo in apparenza ‘leggero’ adatto anche ad un pubblico più giovane che spesso lo avvicina soprattutto per la magia delle sue avventure. Riesce a fare divulgazione usando un linguaggio semplice e fruibile, per questo efficace, e chi è esperto di comunicazione sa quanto sia complesso farlo. Topolino è spesso una ‘stazione di partenza’ di percorsi personali ricchi di stimoli e passioni”.

Essere senza tempo

Foto am 15.03.19 um 09.26

di Marco Mantello Capiterà che tu non dorma o che io non avrò fame così alla fine parleremo delle mezze stagioni trascorse a pomiciare sui cornicioni della radio che ci informa di altre rondini strafatte poco prima di emigrare delle piogge acide a primavera di voli bassi, troppo bassi di una strada che prima non […]

Appunti su “Serotonina”

michel-houellebecq-e-la-moglie-qianyun-li-1061339

Questo pezzo è uscito sulla rivista «Gli Asini», che vi suggeriamo di leggere. di Nicola Lagioia Di Serotonina, settimo romanzo di Michel Houellebecq, si è molto parlato prima ancora che venisse pubblicato. Contagiati dall’ansia anticipatoria che governa la stampa quotidiana, molti critici hanno posto con faciloneria l’accento sulle facoltà divinatorie dello scrittore francese: così come […]

Non conosco la combinazione della dispensa

Foto am 20-07-2017 um 13.54

di Marco Mantello   Il tempo accelera le commissioni e rende gli uomini più obbedienti nel formulare opinioni sui saldi estivi e il debito, dunque lavoro, per qualche cosa di impersonale e puro che decide, delibera, aiuta a barricarsi nel singolare e a declinarsi al plurale senza alcuna credibile alternativa a un dizionario di fallimenti […]

“Sogni e favole” di Emanuele Trevi

51DmUmVbi9L._SX337_BO1,204,203,200_

Questo articolo è uscito su “Il Sole 24 Ore”, che ringraziamo. di Gianluigi Simonetti È proprio vero: per chi oggi ha venti o trent’anni è difficile immaginare quanto fosse sconnessa, alla fine del Novecento, l’esistenza umana. Sconnessa perché dis-connessa, letteralmente scollegata dal flusso delle informazioni digitali; ma anche perché disunita, o meglio unita solo in […]