L’Eternauta

di Emiliano Morreale

questo pezzo è uscito sulla rivista Lo Straniero

Nella stazione della metropolitana di Rivadavia, a Buenos Aires, fino al 2002 si trovava un murale che mostrava un uomo in una tuta da palombaro, a figura intera, avanzare verso lo spettatore. La stessa figura venne dipinta per le strade della città qualche anno dopo, in segno di protesta durante la visita di George W. Bush. E la stessa immagine è stata utilizzata nella campagna elettorale da Veronica Kirchner, solo che dentro lo scafandro, sul volto, si potevano intravedere le fattezze di suoi marito Nestor, in coma ma (almeno a quanto voleva simboleggiare l’immagine) ancora presente.

Asterios Polyp

di Nicola Lagioia

Se il nostro establishment culturale non fosse così provinciale da considerare ancora il fumetto un genere artistico minore, non si sarebbe costretti a dire che David Mazzucchelli è il Thomas Pynchon delle tavole disegnate. Noi per fortuna giochiamo un altro campionato, quindi possiamo celebrare in tutta libertà la prima vera graphic novel di questo autore – Asterios Polyp – come uno dei più complessi e interessanti eventi artistici tout del primo scorcio del XXI secolo.

Il re pallido

Questa tavola è una recensione disegnata de «Il re pallido», ultimo romanzo di David Foster Wallace, uscita per «D-Repubblica».
Cliccando sull’immagine è possibile ingrandirla.

La delegazione arrivò a Massa senza troppi casini

di Duccio Battistrada Lo dico subito. Io Pazienza non l’ho mai conosciuto. Sfiorato sempre, visto mai. Ci sono dei posti di Roma dove passo e dico: ecco, qui è quella volta che non l’ho incontrato. Perché non ho voluto incontrarlo. Come la biblioteca in Via della Gatta. Non andai all’inaugurazione della mostra, ci andai dopo […]

Thanx, Makkox

Per quei pochi che ancora non lo sapessero, le altre vignette politiche di Marco Dambrosio, in arte Makkox sono qui.

Imperial Bedrooms

Questa tavola è una recensione disegnata di Meno di zero di Bret Easton Ellis, uscita per D-Repubblica. Cliccando sull’immagine è possibile ingrandirla.

We get the media we deserve

Questo articolo è uscito per D-Repubblica. di Tiziana Lo Porto The Influencing Machine è un libro a fumetti che andrebbe regalato a tutti quelli che a vent’anni hanno rinunciato in partenza a credere nei media, a chi a sessanta non ci ha mai creduto o ultimamente ha smesso di crederci, a quelli che vedono complotti […]

Fratelli

di Nicola Lagioia Questo pezzo è uscito su Repubblica – XL Senza lavoro, senza rabbia, senza futuro: sono i ragazzi di Alessandro Tota, il quale, giunto alla seconda graphic novel, fotografa mirabilmente la peggiore gioventù dei nostri tempi. Se i libertini di Tondelli affrontavano il rischio col paracadute della propria ingenuità e il Pompeo di […]

Il tempo necessario – Gipi

Per salutare l’arrivo nei cinema de L’ultimo terrestre e dare l’in bocca al lupo a Gipi, postiamo oggi questa sua breve clip che ben fotografa un recente e scabroso fatto di cronaca occorso nell’ultimo anno a un noto protagonista della vita pubblica del nostro Paese. Titolo del contributo: Il tempo necessario Nicola Lagioia Nicola Lagioia […]

The part where I wake up…

Charles Burns, uno dei più geniali artisti e fumettisti americani di sempre, torna in libreria a sei anni di distanza dal monumentale Black Hole con un nuovo lavoro: X’ed Out. Tommaso Pincio ne parla sul suo blog.

di Tommaso Pincio.

I suoi ritratti compaiono regolarmente sulla rivista letteraria più stylish in circolazione, «The Believer». Anche «Time» e «The New Yorker» sollecitano spesso i suoi servigi di illustratore.