Fascisti_su_Marte

Il cornuto e il fascismo. Un aneddoto di Andrea Camilleri

Fascisti_su_Marte

La sapienza di una lingua rigorosa è un rifugio dalle contese del popolo. Soprattutto in momenti come quello che stiamo vivendo, in cui le contese del popolo brillano per imbecillità di sincronia con le voci sparate dai megafoni della popolarità. Quel chiacchiericcio blaterato, spesso triste e triviale, che osserviamo sui social network altro non è che l’eco di parole dette da chi dovrebbe avere la responsabilità della lingua.

Ecco allora che questa campagna elettorale e il dibattito pubblico che ne segue sta sfoggiando una grammatica in cui le parole sono sottratte dal dominio del senso.

Senza pretesa di esaustività e andando un po’ a caso, dai tragici fatti di Macerata a oggi abbiamo avuto: “pistoleri” e non “terroristi”, “farsi giustizia”, “nigeriani cannibali” e “vodoo”, per poi arrivare raddoppiando di lena nella corsa in quel revival lessicale riguardante il fascismo: “il fascismo è morto per sempre”, “il ritorno del fascismo è una fesseria” però “il saluto romano non è reato se ha intento commemorativo” e così via sino all’incerto ma inebriante “fascismo degli antifascisti”.

Ora, si potrebbe discutere per ore e giorni interi su queste formulazioni e su chi l’ha formulate (cosa che in parte sta già avvenendo – perché ormai non basta mormorare: bisogna avere anche l’ultima parola, come intuiva già Voltaire). Meglio di no. È utile invece constatare come questo così detto dibattito “ha fatto pure cose buone”: è il caso della riproposizione delle considerazioni di Umberto Eco sul fascismo eterno; delle riflessioni di Michela Murgia, o ancora di quelle di Luigi Manconi.

A mo’ di chiosa di queste pensieri, lucidi e chiari, un aneddoto che si deve all’intelligenza screziata d’ironia di Andrea Camilleri. Che racconta di Raul Radice, critico teatrale al Corriere della Sera: un gentiluomo milanese, vecchio stampo, che aveva iniziato la sua carriera da giornalista durante il ventennio come redattore di un quotidiano fascista, L’Impero. La testata era diretta da due figure importanti del regime, Mario Carli e Emilio Settimelli. Mentre a ricoprire il ruolo di amministratore di tutte le pubblicazioni fasciste era Arnaldo Mussolini, fratello di Benito.

Ebbene, ricorda Camilleri, un giorno Arnaldo Mussolini chiese a Radice di accompagnarlo dal Duce per la relazione mensile sull’andamento delle pubblicazioni. Così entrano nello studio di Benito Mussolini, a Piazza Venezia, col giovanissimo Radice nel ruolo di portaborse e col cuore che gli batteva forte. Il Duce era chino sulla sua scrivania a scrivere, fitto fitto. Saluto romano di rito, poi il fratello si mise accanto a Benito, aprì la valigetta con tutti i documenti e glieli porse. Ma questi, prima ancora di scorgerli, esordì: «Arnaldo, da qualche tempo L’Impero mi sembra che abbia perduto mordente. Ma che succede?».

E il fratello rispose: «Sai, è una cosa molto delicata e pure sgradevole…»

«E cioè?»

«Beh, sai, la moglie di uno dei due va a letto con l’altro. E il marito l’ha scoperto. Quindi i due non si parlano più, e così sta andando tutto un po’ a rotoli».

Arnaldo non pronunciò nessun nome, non disse quale dei due era stato tradito.

Così Mussolini si chinò, pensoso, e dopo un lungo silenzio alzò lo sguardo, guardò dritto negli occhio il fratello e disse: «licenzia il cornuto!».

Ecco, in una sola frase, quella che per Andrea Camilleri è la vera essenza del fascismo.

Marco Filoni è dottore di ricerca in Storia della filosofia. Fra i suoi libri più recenti Kojève mon ami (Aragno, 2013), Le philosophe du dimanche (Gallimard, 2010) e la cura dei volumi di Kojève, La nozione di autorità (Adelphi, 2011) e Identité et réalité dans le «Dictionnaire» de Pierre Bayle (Gallimard, 2010). Scrive per le pagine culturali di “Repubblica” e del “Venerdì di Repubblica”.
Commenti
5 Commenti a “Il cornuto e il fascismo. Un aneddoto di Andrea Camilleri”
  1. mari scrive:

    Grazie per avermi fatto riflettere e anche sorridere

  2. db scrive:

    se non vado errato, mario carli è il padre di guido governatore.

  3. db scrive:

    ritiro tutto, santa rete da cascia mi ha illuminato: il padre di guido è filippo.

  4. Margherita montano scrive:

    Camilleri……affascinante !!!!!

  5. db scrive:

    ho riflettuto sull’aneddoto camilleriano (s. rete da cascia mi ha illuninato ancora, facendomelo leggere per intero in “segnali di fumo”, utet 2016, racolta di minielzeviri apparsi sul sole24ore, googla “camilleri radice cornuto”, p. 26), e obietto che esso condensi l’essenza del fascismo.

    la cornice sua è ovviamente fascista, in quanto riporta una misura censoria, del capo del governo cioè che interviene politicamente sulla stampa.

    questa però è solo la cornice, ovvero l’accidente. ponendo infatti benito come proprietario del quotidiano, la logica sottesa alla misura diventa aziendale – ovvero: se la causa della crisi editoriale è quella indicata da arnaldo, necessariamente dei due condirettori va sacrificato il cornuto, poiché a intralciare il funzionamento del quotidiano sono i sentimenti ecc. di lui, non certo del cornificante.

    Dunque correggerei la chiusa del post così: “Ecco, in una sola frase, quella che secondo Adorno è la vera essenza dell’industria culturale” (quella che sostanzia ilsole24ore stesso, v. ultime sue vicende).

    quanto a Eco, nel post il suo saggetto è linkato come edito dalla nave di teseo. s. rete lo dà gratis un po’ ovunque, ad es. https://www.facebook.com/notes/10150771696524390/

Aggiungi un commento