Girodet

Cosa non possiamo più permetterci. (Una risposta a Francesco Costa)

di Marta Fana e Giacomo Gabbuti

Il 4 Marzo si avvicina, provocando nei più un sentimento confuso, malmostoso, sicuramente deprimente; come l’attesa per un colloquio o una presentazione importante, che sai ti esporrà a tensione e stress, che ti richiede preparazione e attenzione, ma sai già non cambierà nulla, vuoi perché un posto in palio non c’è, o tu il lavoro lo stai già facendo gratis lo stesso. Verrebbe dunque voglia di fuggire, isolarsi, magari rinchiudersi a vivere dentro un romanzo di Saramago; ma proprio la necessità di resistere all’allucinazione, e recuperare una sana dose di lucidità, ci spinge a scrivere in risposta ad un articolo di Francesco Costa che, in queste ore, abbiamo visto spuntare qui e là, e suscitare reazioni, tra molte delle persone con cui negli anni abbiamo discusso e ragionato, anche solo come amici o colleghi. Difficile, del resto, non condividere l’incipit: La scelta in vista delle elezioni politiche del 4 marzo è purtroppo tanto semplice quanto deprimente.

È infatti deprimente per chiunque della nostra generazione, cresciuto negli anni a loro modo semplici e magici del Berlusconismo e della sua opposizione allegra, non avere nemmeno la vaga possibilità di votare per una coalizione che si candidi a batterne la copia sbiadita e non candidabile. E dire che allora Berlusconi ci sembrava il mostro, responsabile di tutte le brutture e i mali di un Paese che – anche questo è deprimente, ma statisticamente ineccepibile – ci troviamo a dover riconoscere fosse, non per meriti suoi, in salute molto migliore di quell’Italia in cui noi ci troviamo. Eppure, quello schieramento che magari dieci anni fa avrebbe potuto apparire magari non esaltante, ma tutto sommato una decente opzione da votare per fermare il mostro, è forse l’unica opzione che in nessun modo possiamo sentirci di votare (a parte il mostro certo, e quegli aborti della storia che è bene non nominare nemmeno, visto che già troppo spazio gli si concede) .

Guardiamoci negli occhi. Che siate di destra o di sinistra, che vi piaccia o non vi piaccia il governo Gentiloni, se siete un minimo seri e informati, e avete un po’ di onestà intellettuale, sapete che è possibile sostenere che questa classe dirigente sia la meno peggio. Non solo perché, come in modo quasi banale deve ricordare a Costa il suo stesso direttore, “abbiamo votato per decenni uova oggi e nessuno ci ha mai lasciato vedere una gallina domani, col risultato di avere frittate.” E perché, continua Sofri, il PD non è solo “il partito di De Luca, ma il partito che mi dice di voler essere il partito di De Luca”. Tralasciamo un attimo De Luca, e il fatto che, contrariamente a ciò che avviene in una classe dirigente da paese normale, bisogna specificare di quale De Luca si parli – del figlio, che si è dimesso? Del padre, che ha ancora qualche problema, mettiamola così, a rapportarsi con la stampa di una democrazia occidentale? Ce ne sono altri? Facciamo per un attimo finta che uno dei De Luca non sia governatore e factotum del PD nella principale regione del meridione d’Italia.
Anche se sei privilegiato e hai potuto studiare fino al dottorato, non è possibile ignorare che il PD continua a voler essere il partito anche, per esempio, di Marianna Madia. Un ministro con cui ci si può persino permettere il lusso di sorvolare sulla sua miracolistica apparizione nelle liste del PD ai tempi di Veltroni (si sa, nella politica come in tutto il mercato del lavoro italiano, l’”inesperienza” del lavoratore alla prima esperienza si supera facilmente quando ci si conosce). Così come possiamo tralasciare l’apporto nullo, quando non negativo, di due intere legislature da parlamentare, e di quasi una da Ministro, di tali miracolati. E ci si può soffermare solo sulla vicenda, che purtroppo sembra interessare quasi solo il
Fatto Quotidiano e gli eredi del compianto Paolo Sylos Labini, di un PhD copiato spudoratamente – come ammesso dalla stessa commissione di “esperti” non accademici che, per assolvere lei, dichiara che copiare è uno standard riconosciuto nella disciplina economica. E che dunque, per difendere la miracolata, offende tutti quelli che quel PhD se lo sono sudato nella speranza di ottenere un lavoro che, per loro, non pioverà dal cielo. Copiare non in un dettato delle elementari, ma in un titolo pensato come anticamera alla ricerca, viene elevato a standard; e anziché pretendere che si dimetta, come in un paese normale, si imbastisce una commedia dell’assurdo, contribuendo a screditare il ruolo e il senso della ricerca e di chi la fa. Non si sa se ridere o piangere se il livello è tale che persino quel Roberto Perotti, già commissario alla spending review ed oggi editorialista di Repubblica, che nonostante di giorno predicasse che la meritocrazia è il sale della democrazia e di notte si precipitava a difendere il Ministro, oggi arriva a dover rinnegare sia lei, che le politiche economiche del PD.

Forse ce la leghiamo al dito, ma assieme a Madia, all’apice di quella classe dirigente c’è quel tale Poletti, che ha ripetutamente insultato più di una generazione, e anche le istituzioni, cercando di ridurre la disoccupazione scancellandola tra un bollettino e l’altro. Certo, se si appartiene alla nostra generazione, e se si è andati a studiare fuori dall’Italia poi, viene difficile sorvolare su quel “meglio che si tolgano dai piedi” riferito ai molti, troppi che ogni giorno emigrano, soprattutto a chi non ha alternativa alla disoccupazione. Ma anche quel suo cordiale suggerimento, sull’andare a giocare a calcetto (con la Madia?) per trovare lavoro. Lo dicevamo prima, purtroppo è una ovvietà che in Italia si continui a trovare lavoro sempre di più solo per via informale e attraverso resi sociali: ma è una dichiarazione che rasenta l’abominio politico, se a farla è un Ministro della Repubblica, di un governo degli auto-proclamati “progressisti”, ignorando che sarebbe compito suo e di chi l’ha messo lì non diciamo addirittura promuovere la mobilità sociale, ma fare il possibile per rendere l’Italia un paese normale. Noi sì, ce la leghiamo al dito, perché non crediamo che sia compito del Ministro del Lavoro di quella che era e vorremmo ritorni ad essere un’economia industriale avanzata incitare i giovani a formarsi scaricando cassette di frutta al mercato nei periodi estivi – forse, di nuovo, ispirato dai trascorsi educativi della sua collega di gabinetto. Ma crediamo che queste cose dovrebbero imbarazzare non solo noi, e rendere impossibile definire classe dirigente da paese normale questa roba qua.

Come quel tale Ernesto Carbone, che sembrerebbe essere addirittura parte della Segreteria Nazionale, ma che si è fatto ricordare solo con un immondo #Ciaone a sfregio del referendum sulle trivelle. O la collega Pina Picierno, che per difendere l’indifendibile sfoggia in tv lo scontrino a dimostrazione che con 80 euro è possibile far la spesa per due settimane. Personaggi le cui capacità amministrative, di governo, non vi è traccia, e che però, se ci passate un piccolo sforzo di immaginazione, rivediamo in quelle nuove leve cooptate dal segretario per rappresentare i Millennials. Già invecchiati nelle loro camicie bianche, ad immagine e somiglianza del leader, non solo non sembrano, per essere cortesi, statisticamente rappresentativi della propria generazione, ma danno l’idea di immaginarsi il futuro più come poltrone e posti di potere, che come progresso, sviluppo, e tutte quelle robe là che, magari per finta o con la verve di una concorrente di Miss Italia, la classe dirigente progressista di un paese normale deve trasmettere.

Ma parliamo di quelli competenti, più in vista negli ultimi tempi. Come quel Calenda, titolare di un Ministero che credevamo dovesse occuparsi dello Sviluppo Economico, e che invece sembra riconvertito a slide e campagne pubblicitarie di dubbio gusto e utilità, come quella Invest in Italy che annovera tutt’oggi tra i punti forti della competitività del sistema Italia, il basso costo del lavoro dei laureati. Lo stesso Ministro, ci risulta, ha taciuto per anni di fronte a casi come Almaviva, dove licenziamenti illeciti e ricattatori venivano subiti da 1666 dipendenti a Roma; o come le mobilitazioni della logistica, da ultima la vicenda Castelfrigo. Ed invece proprio a pochi giorni dal voto fa sfoggio dei muscoli del capitano (De Falco, più che De Gregori), e si stupisce tutto ad un tratto del fatto che, se tutto quello che sai fare è provare ad attrarre capitali stranieri col basso costo del lavoro, le aziende internazionali lascino l’italia per andare dove, senza nemmeno uscire dall’Europa, c’è chi offre lavoro ancora più economico del nostro.

O di quel suo collega, Minniti, che offende tutto quello che si può offendere, dai diritti umani, all’idea di Europa, alla Calabria stessa, siglando un “patto di sangue” con chi deve respingere, non importa come, i disperati prima che possano rovinargli il ruolo da sceriffo del Mediterraneo per conto di Bruxelles, fa sembrare umano chi parla di protettorato in Libia. Ministro che come non bastasse, a seguito di un attentato terroristico di matrice razzista, dichiara con interessante lapsus come non sia giusto farsi giustizia da sé; minaccia di vietare le manifestazioni antifasciste; e nel frattempo blinda le piazze ai fascisti, scaricando il peso della repressione su chi ne contesta la legittimazione, e contribuendo a rinverdire retoriche e, purtroppo, anche dinamiche da “opposti estremismi”.

Forse, tutti questi possono sembrare normali paragonati ad un Alfano, o ad una a Lorenzin, un ministro della Salute che sarà ricordata per il fertility day  e l’indegna campagna ministeriale ad esso abbinata, incluso pure il patetico scarico di responsabilità successivo. Ma, serve ricordarcelo persino a noi che, come avrete capito, certe cose ce le leghiamo al dito, che se Alfano, bontà su, ha deciso che il gioco dell’oca dei Ministeri lo aveva stufato, quella Lorenzin, lungi da rappresentare motivo di scandalo per una coalizione progressista, la rappresenta e capeggia a Modena. Una mossa che mischia dadaismo, disprezzo di base e storia – e anche, ritornando a Sofri, profonda stupidità: l’ultima di una serie di “scelte che non sono solo opinabili, ma del tutto assurde e prive di valore e logica”.

Con Lorenzin siamo pronti per lasciarci alle spalle questa galleria degli orrori- risparmiandovi il commento su soggetti come Orfini o  Esposito-, sì, davvero deprimente, e arrivare ad un altro punto in cui siamo d’accordo con Costa: meriteremmo di avere una alternativa, meriteremmo una vera coalizione, e non un ammasso di cose incompatibili. Da un estremo infatti abbiamo quelli che (un Tocci, un Manconi, talvolta un Cuperlo; sull’antifascismo persino quell’Orlando, che diventa furioso solo stilando le liste), almeno su alcune questioni si esprime con parole di buon senso. Qualcuno di questi arriva addirittura a dire quel che si dovrebbe, e potrebbe talvolta sembrare un Corbyn de noantri – non fosse per quel piccolo problema lì, che i Corbyn, per esser Corbyn, le cose che dicono prima le pensano sul serio; insomma ci credono, e comunque le devono fare; ma soprattutto, quelle che condannano non le possono votare. All’altro, quelli che come la Bonino, ultraliberisti, che promettono di congelare la spesa pubblica per 5 anni e di abbassare le imposte sulle imprese ai minimi d’Europa, come se tutto il mondo progressista non stesse lì a crucciarsi per l’aumento delle disuguaglianze; la Bonino che, se qualcuno si fosse scordato che con Berlusconi ha già governato, dichiara candidamente di scegliere (per ora!) la sinistra, solo perché più Europeista (sic!) della destra; ma che nel momento stesso in cui lo dice, già si dichiara favorevoli a larghe intese con quella roba lì che Costa ci ricorda, giustamente, sarebbe bene non tornasse a governare il Paese. In mezzo quel che capita, e perché no, benvenuti anche gli integralisti cattolici – ci risulta sia stata la Binetti a stufarsi della Bonino e passare all’UDC, salvo poi governare con le larghe intese, tornare addirittura nella coalizione via Centro Democratico (di quel Tabacci con cui ora Bonino è candidata), e tornare di nuovo all’UDC, se non ci siamo persi o confusi nei passaggi intermedi. Il fatto che, a destra quelli con posizioni diverse facciano una coalizione di partiti, mentre nel PD stanno direttamente nello stesso partito, non rende la “coalizione” che fa capo a Renzi diversa, o più omogenea, dell’accozzaglia del centrodestra. Il fatto che il PD esista da anni, sia erede nominale del più importante partito progressista di massa della storia europea ed italiana, e probabilmente sia la cosa che più assomiglia a un partito vecchio stampo nel panorama politico attuale, non toglie che il PD sia nato dal delirio onirico di un pessimo regista fallito prestato alla politica come Walter Veltroni, che immaginava un partito stile americano, ma che mette dentro sin dalle origini gente che (come la Bonino, ma non solo: a chi parlavano Alesina e Giavazzi, dicendo che il liberismo era di sinistra?) in America sarebbe economicamente troppo a destra persino per un liberal, e avrebbe fatto magari il Repubblicano pro-diritti civili. Sull’euro, magari, Salvini e Berlusconi non saranno d’accordo. Ma almeno, se non a parole nei fatti, senza raggiri retorici, a destra sanno per chi giocano, e sono tutti d’accordo sul fatto che quel “bene comune e progresso nazionale” di cui parla Sofri, si ottenga rendendo i ricchi liberi di essere più ricchi, attraverso la flat tax. E nel dirlo e proporlo sono più coerenti di chi dovrebbe difendere, ci dice Costa, donne, studenti, stranieri, genitori, malati, disoccupati, precari, disabili, omosessuali, e invece, dopo aver trasformato la politica industriale in regalie alle aziende, propone di ridurre l’aliquota sui profitti d’impresa, portandola in pochi anni dal 27,5 al 22 percento.

Ma poi ammesso che questa classe dirigente sia preferibile, su un piano del tutto manageriale, o magari etico, a quel Mario Draghi evocato da Berlusconi e accettato da Salvini: cosa ci dovremmo fare noi con questa classe dirigente? È possibile parlare di classe dirigente buona o cattiva, ignorando del tutto cosa questa classe dirigente dice di voler fare? Prendiamo a prestito le brutte suggestioni che l’immagine di Draghi premier di un governo FI-FdI-Lega ci provoca: se il problema è avere una classe dirigente educata, presentabile, decente (magari pure protestante?), perché non dovremmo direttamente votare Berlusconi, accelerare il paventato tracollo, e attendere con i pop corn sul divano l’arrivo in cavalleria di una classe dirigente nuova di zecca, d’importazione nord-europea, che ci tolga persino la seccatura di farsi votare?

Se avete anche solo un briciolo di percezione di come è stato possibile che l’Italia sia uscita dalla miseria e dalla sotto-occupazione secolare, e di come è che i paesi realmente avanzati abbiano utilizzato la globalizzazione e l’apertura ai mercato per diventare paesi sviluppati; se conoscete anche solo un po’ cosa deve e non deve fare un governo, cosa può e cosa non può fare, cosa devono essere in grado di fare le persone che ne fanno parte, lo sapete anche voi: oggi, una classe dirigente di livello ci serve disperatamente, per ripensare radicalmente (che sia dentro o fuori dai vincoli Europei, coerentemente con le convinzioni in merito di ciascuno) il ruolo dello Stato non solo nel rilanciare l’economia al di fuori della più grave recessione della storia d’Italia; ma anche per guidare una riconversione dell’economia, un ritorno verso imprese di grandi dimensioni, dinamiche e produttive; un investimento in settori in grado di garantire occupazione qualificata e quelle innovazioni senza le quali la concorrenza non può che avvenire sul prezzo, quello del lavoro in primis. etc. Insomma, non soltanto e non tanto la macchietta dell’IRI rievocata dai nostalgici di chi ne avrebbe fatto solo un carrozzone per assistere i malcapitati Padroni del vapore italiani, ma raccogliere quella sfida riformista descritta da Mariana Mazzucato, e mettere politiche pubbliche innovative al centro di una ridiscussione di cosa e come si deve produrre. È proprio l’incapacità di tornare alla vera crescita, di suscitare innovazione, di avere un avvenire credibile, che rende ogni piccolo miglioramento di oggi un ulteriore allarme; perché non possiamo dirci che il Paese è incontestabilmente migliore di come fosse cinque anni fa, se lo spread è calato di qualche punto, o di recente sono diminuiti di qualche unità i disoccupati, e però nel frattempo sono esplosi i lavori a cottimo, non abbiamo recuperato il drammatico calo di capacità produttiva, che ogni giorno che passa diventa sempre più la nostra nuova, ridotta capacità di creare lavoro. La deflagrazione di una parte del tessuto produttivo di piccola e piccolissima dimensione cui abbiamo assistito in questi anni, e che è probabilmente alla base di tanta rabbia sociale e populismo di cui non vogliamo rassegnarci a stupirci solo dopo fatti di cronaca, non sarà recuperato, senza che al suo posto sorga nulla di nuovo; le famiglie non potranno più permettersi molte cose, essendosi indebitate o avendo ridotto i risparmi, e riadatteranno dunque abitudini di consumo e investimento (su loro stesse in primis, come ci racconta il drammatico crollo delle iscrizioni alle Università). Del resto, la recrudescenza fascista contro cui il PD, all’improvviso, ma con qualche indecisione e una buona dose di goffagine, si scaglia per racimolare qualche voto utile fuori tempo massimo, e più in generale l’ondata populista contro cui lo stesso partito vorrebbe ergersi ad argine, non crediamo si possano spiegare soltanto con l’efficace propaganda di un Salvini o con l’”emergenza” immigrazione. Ma Costa di donne, studenti, stranieri, genitori, malati, disoccupati, precari, disabili, omosessuali, sembra ricordarsi solo quando vuole ricordargli che non possono permettersi nemmeno di votare liberamente, ma devono accontentarsi del meno peggio (così come si ricorda degli americani solo al termine di un articolo in cui basa tutta l’argomentazione sull’impossibilità di votare per altri candidati: chiedere a Hillary?).

Ecco, senza fare campagna elettorale per nessuno, senza andare oltre questo che riteniamo un semplice esercizio di ginnastica mentale, ci sentiamo di concludere che se c’è una cosa che noi, tutti, non possiamo proprio più permetterci (lasciando passare per un attimo quello di dire, da privilegiati, agli altri cosa non potrebbero permettersi di fare) è di continuare a considerare tutto questo governo da paese normale; lasciare che questo scivolamento verso l’abisso vada avanti, senza sentirci coinvolti personalmente, se non per il fastidio che ci dà vedere il popolo esercitare il diritto di voto; legittimarlo, seppure nella forma di meno peggio.

Potevamo forse permettercelo quando eravamo piccoli e vedevamo Aprile di Nanni Moretti e cantavamo ai cortei studenteschi Mi sono fatto da solo, ma nell’Italia da incubo in cui rischiamo di passare tutta la nostra vita, non possiamo più. È vero, le alternative mancano. e su questo gravi le mancanze della sinistra, nelle sue varie espressioni. A tratti, bisogna ammetterlo con dovuto sconforto, pare più credibile, o comunque coerente, la destra, quando la fa semplice sull’Euro, ma almeno mostra di avere, se non un piano, una visione coerente. Invece da quest’altra parte si trasecola e procrastina, piuttosto che rimettersi a discutere di politica, dei temi e delle contraddizioni di questo sistema. Dovremmo pretendere l’esistenza di una dirigenza politica, di quadri che abbiano idea di cosa significhi amministrare un paese, senza che questo significhi abbandonare l’idea che il paese lo si provi ad amministrare per cambiarlo radicalmente, non assuefarsi a un simile meno peggio.

Guardandoci negli occhi, quello che oggi non possiamo davvero più permetterci è di lasciare che questo scivolamento verso l’abisso vada avanti, e chiamarlo pure meno peggio. Qui ed ora, se esiste un meno peggio, ci sembra fare di tutto perché nel parlamento ci sia un nucleo di opposizione, alla destra quanto alla riproposizione di larghe intese e governi tecnici, che sappia mettersi non a capo, ma a servizio, di un meglio che deve essere costruito giorno per giorno, dal 5 marzo, fuori da questa logica tossica del meno peggio.

Commenti
35 Commenti a “Cosa non possiamo più permetterci. (Una risposta a Francesco Costa)”
  1. Andrea Disint scrive:

    “Già invecchiati nelle loro camicie bianche, ad immagine e somiglianza del leader, non solo non sembrano, per essere cortesi, statisticamente rappresentativi della propria generazione, ma danno l’idea di immaginarsi il futuro più come poltrone e posti di potere, che come progresso, sviluppo, e tutte quelle robe là che, magari per finta o con la verve di una concorrente di Miss Italia, la classe dirigente progressista di un paese normale deve trasmettere”.

    Capisco che in rete si scriva in fretta e che di tempo ne abbiamo tutti pochino… ma vi siete riletti? Ma che lingua è mai quella ?

  2. Claudia scrive:

    E quindi? Il succo, mi par di capire, è votare convintamente per NON governare e lasciare che a farlo sia la destra scatenata nella speranza che il male liberato obblighi a la sinistra a ripensarsi. È un’idea, certo. C’è da dire che storicamente non è che abbia molto funzionato…
    ps: per parlare a qualcuno al di là della propria piattaforma, però, sarebbe bene lavorare per un linguaggio e uno stile più inclusivo.

  3. Piero Indrizzi scrive:

    Condivido tutto alla virgola. Mi permetto solo di consigliare periodi più brevi nella scrittura. Infatti si fa non poca fatica a seguire le argomentazioni troppo prolungate.
    Con affetto e comprensione, un vecchio signore.

  4. Michele scrive:

    Mi accodo anch’io ai commenti precedenti. Contenuti a parte (cosa proponete l’astensione? Oppure lasciare fare e che sarà sarà?) com’è scritto male. Da MEM ci si aspetterebbe uno stile di scrittura più curato e sopratutto chiaro.
    Buon lavoro

  5. Fosfeni scrive:

    Ho letto il Post di Costa e questa risposta con partecipazione e scoramento.
    Condivido le obiezioni qui riportate, eppure non vedo alternative. Non vedo una alternativa che non mi getti nuovamente nello sconforto. Che fare?
    L’ipotesi di un governo Salvini/Meloni/Di Maio si fa sempre più concreta e mi spaventa non poco, non potrò ignorarla proprio al momento del voto.

    Invito anch’io a rivedere il testo, comprendo l’enfasi ma alcuni punti risultano quasi incomprensibili.

  6. Marcello scrive:

    Ma come, avete scritto un papiro che metà bastava per smontare (male) la tesi di Costa, il quale non dice affatto di votare il meno peggio ma letteralmente “l’unica opzione”, e poi alla fine dell’articolo gli date ragione (“È vero, le alternative mancano.”)? Scritto inutile e prolisso, con l’aggravante di non aver avuto il coraggio nemmeno di fornire alternative plausibili.

  7. baudelaire scrive:

    non si capisce un cazzo, ed è impaginato di merda.

    ma la parte peggiore sono i concetti di questo intervento. velleitario, autoriferito, sembra il volantino partorito da un’assemblea d’istituto. senza proposte politiche ponderate, senza un progetto.

    per farla breve: né con francesco costa né con questa schifezza.

  8. Konst scrive:

    Finalmente un testo dove non prevalgano passioni tristi come paura e rassegnazione mascherati da realismo e ha – anche se timidamente – il coraggio di lanciare il cuore oltre l’ostacolo attraverso la descrizione di un classe dirigente “giovane” che non ha altro orizzonte ideale che la fotografia (sfocata ai lati) dell’esistente.
    Un vincitore – per disturbare Mandela – è un sognatore che non si è arreso, si potrebbe chiosare., Non si è arreso come Francesto Costa e Luca Sofri si potrebbe parafrasare.

  9. Ines Burello scrive:

    Mi associo ai commenti precedenti.
    MEM ci ha abituato a scritti di qualità decisamente diversa.
    In questo articolo trovo solo disprezzo gratuito e pregiudizi, in una lingua a cui davvero andrebbero tolte le ragnatele.

    Poi, mi permetto di infilarmi nei panni di Marianna Madia.
    Sono una giovane ministra della PA. In 5 anni ho portato avanti alcune riforme da applicare ad un corpaccione piuttosto monolitico, ho tentato di assecondare qualche processo di modernizzazione e un po’ per volta ho contribuito – con altri, ovvio – a rinnovi contrattuali fermi da secoli.
    Cosa fanno i miei più severi detrattori? Le pulci a una tesi che ho scritto parecchi anni prima del mio ingresso in politica.

    Non vorrà mica dire che sono stata una brava ministra? Il sospetto viene…

  10. Carlo Pepato scrive:

    La sciatteria linguistica/editoriale e la confusione mentale dietro questo articolo rappresentano perfettamente tutti i motivi per cui Costa ha ragione.

  11. Stefano scrive:

    In effetti si fa un po’ fatica a seguirvi e a capirvi. Spero che voi ci siate riusciti.

  12. Pier Carlo Batté scrive:

    Certo, risulta essere scritto male per quella grande maggioranza che è abituata solo a leggere i titoli dei giornali (se li legge mai) e i messaggini su Whatsapp o i post sui social, e che non fa altro che darsi ragione con i propri simili sui blog, rinunciando a ogni tipo di approfondimento o di ragionamento critico e preferendo le scelte automatiche da tifoso o il leccaculismo, pratica in cui gli abitanti del Bel Paese eccellono. Ormai non sappiamo neppure più leggere, già gli slogan sono troppo complessi per il 90% di noi italioti, figurarsi un’analisi come questa condivisibile al 100%

  13. N. N. scrive:

    Analisi chiarissima, non capisco tutti questi commenti negativi.

    Si preghino i commentatori sopra di me di riflettere sul fatto che questo articolo a) é un’analisi politica su una corrente di pensiero che é dilagante nell’Italia politica di oggi, e b) non ha alcuna intenzione di darvi un’alternativa (perciò é impossibile che ne troviate una).

    La soluzione al problema contro il quale vi scontrerete il 4 Marzo implicitamente la dovete trovare voi, poiché questa é interamente opinionabile e sarebbe ingiusto e disonesto da parte degli autori pretendere che ne esista una condivisibile dalla maggior parte dei loro lettori.

  14. Claudia scrive:

    Certo, non è che il pezzo è mal scritto, siamo noi che non capiamo cerebrolesi da whatsapp. Bene così, continuiamo a farci del male.

    Ps NN la copula accentiamola grave: è, non é. Anche questo vuol dire prendersi cura degli altri.

  15. Paolo D. scrive:

    Tutto vero, il PD e Renzi hanno fatto una serie di schifezze una dietro l’altra in questi 4 anni, e qualcosa di buono.

    Però, se potessi tornare indietro al 2001, sostituirei tranquillamente quella legislatura lì con quella appena terminata, senza dubbio alcuno. E voi?

    Senza tenere in conto che c’è il rischio tangibile che la prossima (o quella dopo se questa sarà breve) sarà la peggior legislatura dal Dopoguerra, peggio anche di quella 2001-2006 o 2008-2013.

  16. Pier Carlo Batté scrive:

    A proposito della Madia: in Germania quando si scoprì che il ministro dell’Istruzione Annette Schavan aveva copiato la propria tesi di dottorato, la suddetta signora si dimise, non ci fu nemmeno bisogno che l’opposizione insorgesse: era il 2013…

  17. Pier Carlo Batté scrive:

    @ Ines Burello: la Schavan presentò la tesi semicopiata di dottorato nel 1980… 33 anni dopo ha avuto il buon gusto di dimettersi

  18. Giacomo Gabbuti scrive:

    Ringrazio per i commenti, anche duri.

    Sulla forma: sicuramente si poteva fare molto meglio, accetto e mi faccio carico personalmente della responsabilità della gran parte delle cose qui segnalate. Sicuramente se si scrive è per farsi capire, se non ci si riesce è un fallimento e come tale lo si accetta.

    Sul merito: la tesi di Costa, per come l’abbiamo letta noi, non è “votare il meno peggio”, ma “votare l’unica classe dirigente da paese normale”. Per noi questo assunto non regge: non c’è una sola alternativa; semplicemente non ce ne è nessuna. Potevamo essere ancora più prolissi e parlare di Regeni, così come entrare nel merito di certe politiche: l’idea era solo provare a sottolineare cose che no, noi non riteniamo cose da classe dirigente normale. E questo certo si può argomentare su un piano di sostanza – cosa riteniamo debba fare una classe dirigente, che non può valutarsi in astratto; ma vista la natura dell’argomentazione di Costa, volevamo sottolineare soprattutto quando questo non sia vero anche su un piano formale, “igienico”. “Fare le pulci a una tesi di dottorato” è la norma in un’università da paese normale, potevamo scriverlo in modo più comprensibile, ma la sostanza è quella lì. Ci sono problemi più gravi, ma per questo fine era un caso paradigmatico (come i De Luca, Poletti, etc.) di quanto questa classe dirigente non sia già da parecchio da paese normale.

    Costa dice che la scelta è semplice quanto deprimente: noi concordiamo sul deprimente, non sul semplice. Non ci sono scorciatoie. Ognuno voti chi crede, noi invitiamo a votare partiti in grado di fare opposizione esattamente perché rischia di essere la peggiore legislatura del dopoguerra, e quindi astenersi non crediamo possa essere un’opzione. Non ci sentiamo in posizione di poter dire a nessuno quale sia l’opzione migliore per ottenere questo, né tanto meno cosa si possa o non si possa permettere.

  19. Henry Molise scrive:

    Un appunto sulla forma: sono d’accordo sul fatto che al testo manchi una rilettura. Ma riflettendoci un poco ho provato a giustificare l’incuria col fatto che probabilmente gli autori volevano dare una risposta tempestiva agli interventi di Costa e Sofri, per mantenere vivo il dibattito.

    Ancora sulla forma: credo sinceramente che questo dibattito sia un esempio di confronto sano e aperto. Le posizioni sono nette, ma lasciano spazio al dialogo e alla riflessione personale, non impongono niente. Si possono condividere o meno, ma è innegabile che al fondo di questo scambio ci sia una correttezza intellettuale rara rispetto agli interventi urlati, offensivi (all’intelligenza umana), denigratori e poco costruttivi che si leggono un po’ dappertutto.

  20. Donatella Migliaccio scrive:

    In buona parte vero e condivisibile (arrivata solo a metà e, per la scarsità di tempo, e per la prosa non proprio impeccabile). Come chiedo spesso alla mia opposizione in Consiglio Comunale: la vostra proposta, qual è?

  21. Vulfran scrive:

    A mio avviso non giova all’articolo il rimestare in una dimensione esclusivamente nazionale, senza riferimenti concreti alla situazione europea. Troviamo un vago auspicio a riflettere su come “paesi realmente avanzati abbiano utilizzato la globalizzazione e l’apertura al mercato per diventare paesi sviluppati” senza dire nemmeno quali (in modo da far capire quale sia il modello di reale avanzamento cui dovremmo ispirarci). Viene citato Corbyn come esempio di coerenza socialdemocratica senza riferire della sua nazionalistica ambiguità riguardo sia alla Brexit sia alla politica estera e a quella dell’immigrazione. Della grave crisi in corso nei maggiori paesi europei dei partiti corrispettivi del pd (Germania, Francia, Spagna) non viene fatto cenno. Non si tratta di consolarsi con il mezzo gaudio scaturente dal mal comune, ma di riconoscere che il problema del pd non è esclusivamente il problema del pd.

  22. Rimbaud scrive:

    Commenti come “non si capisce un cazzo, ed è impaginato di merda” mi fanno venir voglia di dire che ve lo meritate Renzi, o Berlusconi, o Salvini o la Meloni. O la Bonino con altri 5 anni di austerity anche più pesante dell’attuale.
    Purtroppo un problema che in molti non considerano quando affrontano la presente situazione politica e sociale, è che esistono tantissimi laureati degli anni ’90 e primi 2000 in Scienze della Comunicazione, che hanno poppato dal seno dell’Alma Mater tutta l’egemonia postmoderna che è stata loro rifilata. E adesso non distinguono più il contenuto dal contenente.
    Vorrebbero che si parlasse di politica con il distacco compiaciuto di un articolo di Vice, e con molte immagini, perchè troppo testo è da vecchi..
    Costoro stanno al discorso culturale e artistico come i bocconiani alle scienze economiche: non hanno la più vaga idea di quale possa essere l’alternativa al vuoto post sessantottino, e non sanno di essere espressione e milizia dell’aridità di questo millennio.
    E vorrebbero addirittura che Marta Fana e Giacomo Gabbuti dicessero loro cosa votare.
    Spegnete spotify e ricominciate a studiare, oppure tornate a leggere Vice o Vision, o altre riviste da seduta al gabinetto, nelle pause tra un lavoretto a nero e l’altro pagato in visibilità…

  23. Andrea Disint scrive:

    @rimbaud, ma com’è che Fana e socio che han studiato tanto, rispetto a noi critici di spotify, poi scrivon i periodi coi piedi, metton le virgole alla dadaista? (E la sciatteria linguistica, gli va dato atto, l’han pure ammessa) Pensa a cosa sarebbe successo se un testo così l’avesse prodotto, facciamo finta, la Boschi…

  24. Claudia scrive:

    Grazie @rimbaud, c’hai rimesso a posto. Sei un grande.

  25. Giordano scrive:

    Mamma ‘ro carmine voi state messi male…
    La copula é grave? Ma gravi siete voi, Cristo!
    Prendersi cura degli altri non é mettere gli accenti giusti. Tenerci alla collettivitá é semmai evitare di aprire la bocca se non per dare un contributo costruttivo al discorso, nella sostanza. Lasciate che a parlare sia chi puó arricchire la discussione e la ricerca, invece di bloccare tutto con ste cazzate superflue… magari ci guadagnereste pure voi.

  26. Stenelo scrive:

    Una sbrodolata onomastica senza alcuna gerarchia, la quantità prevale su e sostituisce la qualità, secondo il tratto caratteristico della cultura borghese alla Monsieur Homais.
    Dopo una buona decina di nomi, a due dei quali viene fatto precedere “quel tale” al cognome (a Calenda viene invece anticipato un semplice “quel”), viene menzionato senza alcuna soluzione di continuità il nome di Marco Minniti. Mettere di fatto e formalmente sullo stesso piano uno stragista di massa (a esser generosi) con una nullità (“quel tale”, lo dice il testo stesso, ripeto) che si diletta a scrivere “#ciaone” su twitter. Uno spera che ci sia se non una morale, una logica in tutto ciò. Che il testo almeno abbia la decenza di menzionare quel nome a conclusione dell’articolo. Invece continua per decine e decine di righe. Con inezie quali la ridicola campagna a favore della fertilità promossa da Beatrice Lorenzin.
    Tutto questo non solo è preoccupante perché confonde la mente di chi pur non voterà mai più per il Partito Democratico. Ma è desolante perché quella confusione (sanguinaria) *È* il Partito Democratico stesso.

  27. Claudia scrive:

    @giordano Se la profondità del tuo contribuito non va oltre un messaggio sgrammaticato, come puoi pretendere che gli altri ti ascoltino? Siamo arrivati a questo livello di narcisismo? Neanche fare lo sforzo minimo di impegnarsi per comunicare, farsi capire a una comunità più ampia? Dobbiamo sempre e solo rivolgerci agli amichetti, alla nicchia, a chi ha superato l’esame di purezza?

  28. L. scrive:

    Forse però sarebbe corretto esplicitare che l’autrice sostiene apertamente Potere al popolo.

  29. Nico scrive:

    Molti contenuti sono condivisibili ma non condivido la scelta dell’astensione. Eppoi si critica Poletti e Madia ok, però cerchiamo di essere inattaccabili sull’italiano altrimenti gli si dà ragione.

  30. Rigel 7 scrive:

    Un misto di prosopopea e ciance da talk show che non toccano mai questioni importanti (tipo il citato Calenda e la non citata industria 4.0, funziona non funziona? Boh), molto deprimente

  31. Morands scrive:

    Senza entrare nel merito dei contenuti, mi colpisce la virulenza della polemica sul linguaggio e il periodare. A me – salvo qualche virgola – non pare che sia così sciatto e illeggibile come viene presentato. Anzi: il periodo citato con orrore da Andrea Disint ad esempio è corretto, certo articolato ma di senso pienamente compiuto. Non accuso certo gli altri commentatori di essersi ridotti a “frasi da Whattsapp”, però non mi par così tragico dover affrontare un testo simile.

  32. Brigel scrive:

    Il contenuto è pure condivisibile in molti punti, però come scrivete male, ragazzi. Ripijateve!

  33. Claudia scrive:

    @db Francesco Costa è il vicedirettore del Post.

  34. Daniele scrive:

    Bene. E adesso che ci becchiamo un bel Di Maio – Salvini la signorina Fana e compagno sono contenti? Non ti piaceva la tesi della Madia? Beccati allora i congiuntivi dell’analfabeta fuori corso. Secondo me come post dottorato invece che i blog ed i talk show sarebbe meglio veramente che andaste a scaricare cassette al mercato. Siete velleitari, autoreferenziali e sostanzialmente inutili.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Sono rimasto tutto oggi a riflettere e a valutare i diversi lati della scelta, dopo aver letto nell’ultimo periodo diversi articoli (Francesco Costa, la risposta di Sofri, la contro-riposta di Costa, la risposta-alla-risposta-alla-risposta, e altri: Marco Delmastro, Massimo Mantellini, Roberto Tallarita, questo, questo, questo e questo). […]



Aggiungi un commento