corriere

Elementi di scienza politica

La mia generazione esiste
non è affatto un`idea o un`astrazione
non è nemmeno un`allucinazione triste
nata un sabato pomeriggio a Ikea
fra cataste bruciate di librerie Billy
e una pallida riunione condominiale
finita a ironie e strilli
Le facce dei miei compagni di scuola
erano bianco-verdi come le linee d`erba
e le maglie del calcetto il sabato sera.
In genere sposavano sempre una liceale
producevano due o tre figli
nel quartiere sotto casa dei genitori
si incontravano sullo stesso piazzale
scambiavano corsi di inglese e polizze
con gli orari di rientro dopo la pizza
In tanti avevano l`acqua nella borraccia
e un ventoso ricordo sul parabrezza
di quando andavano a votare o al mare e poi
poi iniziavano piano a invecchiare
mantenendo la giovinezza in faccia

Commenti
5 Commenti a “Elementi di scienza politica”
  1. bidé scrive:

    Vaga rabbia adolescenziale e nullo senso del ritmo. Proprio brutta.

  2. Marco Mantello scrive:

    sì, il paese coincide con l´anonimo giudizio di bidé, rabbioso, adolescenziale, fuori ritmo. Sono perfettamente d´accordo.

  3. bidé scrive:

    Ah, il saper accettare i giudizi avversi con classe (a parte che c’era più ritmo nel mio commento che in tutta la poesiuola).

    Tuo,
    Alberto Rossi in arte bidé

  4. Marco Mantello scrive:

    ciao Alberto Rossi in arte bidè, piacere di conoscerti, a presto

  5. Sergio Falcone scrive:

    Terribile. E terribile la mia generazione.

Aggiungi un commento