il_570xN.1178221548_p6y2

Giocare con il fuoco, ovvero un’alternativa c’è sempre. Persino per il voto del 4 marzo.

di Christian Raimo

Nel libro e nel film La scelta di Sophie la protagonista si trova di fronte a un dissidio straziante. Mentre è rinchiusa in un campo di concentramento, un ufficiale nazista le chiede quale dei due figli vuole sacrificare per la camera a gas: nel caso non scelga entrambi verranno uccisi. Lei sceglie il figlio più piccolo, e si porterà ovviamente dentro un dolore e un senso di colpo lancinante con cui finirà per suicidarsi. La scelta impossibile di Sophie viene citata decine di volte da Slavoj Žižek quando deve discutere di alternative politiche. Per esempio con il referendum in Grecia, quando occorreva scegliere tra l’incognita disastrosa di un uscita dall’euro e l’intervento della Troika che avrebbe confiscato il governo, ossia tra l’eventualità di un massacro sociale e l’illusione che quel massacro sociale non ci sarebbe stato (come invece è accaduto, l’ultimo numero di Internazionale lo documenta in modo atroce). Tsipras aveva davanti un bivio simile a Sophie. E sembrava avere a disposizione soltanto le logiche utilitariste di un John Stuart Mill o di un John Rawls: quale sarebbe stato il meno peggio? Come per Sophie: quale sarebbe stata la scelta meno peggio? Lei sacrifica il figlio minore perché lo ritiene meno consapevole; proprio come nell’utilitarismo, il calcolo è: il minore dolore possibile. È chiaro però perché Sophie si porterà dietro il peso terribile di quella scelta, perché ha subito dall’ufficiale nazista una violenza peggiore di quella di vedere la morte di un figlio, o persino di decretarla, l’ha scelta: cioè ha fatto propria la logica nazista, proprio malgrado, con l’idea di poter contenere i danni peggiori. Ha rinunciato al proprio desiderio, alla propria etica.

Di fronte a un’alternativa tra un peggio assoluto – la morte di due figli – e un peggio che ci sembra minore – la morte di solo uno dei due e la scelta che viene implicata – l’argomentazione utilitarista va a schiantarsi contro la dimensione etica. L’unica scelta possibile è respingere la possibilità di scegliere.

Ripenso all’esempio di Žižek ogni volta che leggo editoriali simili a quello che Francesco Costa ha scritto qualche giorno fa per il Post e che ha avuto decine di migliaia di condivisioni e commenti. L’argomentazione di Costa è simile, è quella dell’utilitarista, che di fronte al male assoluto, e Costa descrive una possibile vittoria del centrodestra come il male assoluto – e non prende nemmeno in considerazione le altre forze politiche (Movimento 5stelle e LeU), tantomeno Potere al Popolo – non la scelta meno peggiore, bensì l’unica possibile è votare il Pd. Il refrain è quello che fu usato in occasione del referendum costituzionale per il senato – scenari apocalittici sicuri in caso di vittoria del no, anche se poi i Maya non sono poi arrivati.

Il tutto, come spesso accade, è corredato da una strumentazione retorica autoverificazionista, “guardiamoci negli occhi”, “diciamocelo”, “credetemi”, che è un po’ quella che troviamo nella pubblicità dei dentifrici quando ci viene detto “consigliato da 7 dentisti su dieci” o quando in qualche altro spot ascoltiamo “I divani Pincopalli sono i migliori. Garantisce Pincopallini!”. Ma c’è ancora di più, un passaggio che sembra innocuo, ma inserisce un frame falsamente condizionante, e quando alla fine Costa dichiara di essere, nel bene o nel male, un privilegiato, e che quindi anche se dovesse accadere il peggio assoluto – il governo del centrodestra o Cinquestelle – lui sarebbe comunque al riparo (“vivo in una delle città più prospere e meglio amministrate d’Italia, sono un uomo, ho la cittadinanza italiana, sono relativamente giovane, sono normodotato, sono autosufficiente, sono eterosessuale, sono bianco, non ho figli, ho un lavoro stabile e che mi piace e uno stipendio che mi permette di vivere serenamente”), mentre “se però siete donne, studenti, stranieri, genitori, malati, disoccupati, precari, disabili, omosessuali, non bianchi, se non potete vaccinarvi, o se avete a cuore la serenità di almeno una di queste categorie di persone, io ve lo dico, guardiamoci negli occhi: forse non ve lo potete permettere, di giocare col fuoco”.

Non trovate l’argomentazione dolorosamente simile a quella dell’ufficiale nazista nei confronti di Sophie o quella della Troika nei confronti del governo Tsipras: in un campo di concentramento, di fronte al massacro sociale, o nell’incombenza di una crisi (è il frame che Costa pone), forse non vi potete permettere di scegliere, di giocare col fuoco?

E invece giocare con il fuoco è quello che spesso non soltanto si può fare, ma quello che bisogna fare, anche se sembra pericoloso e folle. Giocare con il fuoco è quello che fa il piccolo protagonista della Ruota delle meraviglie, l’ultimo film di Woody Allen, messo di fronte alla scelta di affidarsi a un padrino rude e assente o a una madre frustrata e depressa. Giocare con il fuoco è l’unica possibilità quando la dimensione politica non si nutre solo di doppi legami. Giocare con il fuoco vuol dire immaginare che esista un’alternativa proprio alle false opzioni, con cui siamo costretti a introiettare la logica del Tina, del There’s no alternative. Questo vuol dire per esempio che la scelta unica di andare a votare e votare Pd immediatamente si allarga: ed ecco che spuntano fuori come opzioni realistiche l’astensionismo o persino una lista come Potere al Popolo, o qualunque altra opzione, tanto più se siamo ” donne, studenti, stranieri, genitori, malati, disoccupati, precari, disabili, omosessuali, non bianchi, o abbiamo a cuore la serenità di almeno una di queste categorie di persone”. Abbiamo per esempio la possibilità di fare politica attivamente, occupandoci giorno per giorno, militando, delle persone che pensiamo dovrebbero avere i diritti e non li hanno – il lavoro di supplenza infinito rispetto alla politica che hanno fatto e continuano a fare con sempre più fatica per esempio le ong del Mediterraneo, per salvare decine di migliaia di vite umane: lavoro, tra parentesi, smerdato dal Pd l’estate scorsa, ostacolato in modo vergognoso dal codice Minniti. Oppure sostenendo coloro che in questi anni complicati, hanno fatto battaglie per l’università o la scuola: l’Onda, il movimento dei precari, i sindacati prima di vendersi l’estate di tre anni fa al governo: battaglie, tra parentesi, boicottate, represse, liquidate, ignorate dal Pd. Oppure con un impegno personale, nel proprio lavoro. Ero a piazza Indipendenza l’estate scorsa, quando le forze dell’ordine caricarono per quasi una settimana gli stranieri inermi, a documentare quelle cariche, e a cercare di non prenderle, a una mia collega una manganellata è arrivata: cariche, tra parentesi, legittimate e sostenute dal Pd. Ero a Macerata due settimane fa a manifestare in una città freddissima, e immersa in un inutile coprifuoco, insieme a quarantenni e cinquantenni bolsi e paciosi, una reazione minima all’aggressione fascista ai sei nigeriani da parte del fascista Traini: manifestazione, tra parentesi, boicottata dal Pd; coprifuoco, tra parentesi, creato dalla paranoica gestione dell’ordine pubblico del Pd, dal ministro al sindaco di Macerata.

Questo è evidentemente giocare con il fuoco: scioperare e boicottare le disposizioni urticanti della Buona scuola (dal comitato di valutazione all’alternanza scuola lavoro), manifestare con i riders di Deliveroo o Globo per sostenere i loro diritti, stare dalla parte dei lavoratori della logistica (una delle poche battaglie sindacali che con la tenacia e la radicalità del conflitto ha ottenuto vittorie in questi anni; anni in cui, tra parentesi, il Pd smerdava il sindacato un giorno sì e un giorno pure), io manifestare con i profughi, con chi occupa, con chi rivendica il diritto alla casa, scegliere di imbarcarsi su una ong del Mediterraneo, ospitare dei senza fissa dimora a casa (da un anno, sì, ne ospito due a casa mia), manifestare contro i fascisti, arruolarsi con l’Ypg e combattere a Afrin (ci sono diversi italiani che l’hanno fatto al tempo del there’s no alternative) o almeno sostenere quella battaglia, considerare le proprie sicurezze dei privilegi se ledono i diritti degli altri o delle ingiustizie se ci sono persone che in qualche modo dovrebbero ma non hanno i nostri stessi diritti. Certo, tutto questo, potrebbe portare allo scontro sociale, come paventato da più parti. E quindi? Non c’è già lo scontro sociale? Una disoccupazione giovanile al 40 per cento, un giovane su dieci che vive in povertà assoluta, il 26 per cento di Neet, il 13 per cento della popolazione che prende psicofarmaci, una dispersione scolastica al 30 per cento in Sicilia e Sardegna, un’ingiustizia economica generazionale più forte di tutta l’Europa? Non è già questo scontro sociale? Uno scontro sociale senza che sia mai avvenuto nemmeno uno screzio. Una sconfitta sociale. Il meno peggio.

Se vi piace, privilegiati o oppressi, rifugiarvi nella consolazione che non c’è alternativa, queste elezioni sembrano fatte apposta per voi. Sembrano il come volevasi dimostrare che la politica può poco, e che votare il meno peggio, non è solo quello che potete fare con coscienza, ma quello che potete permettervi. Se invece accettate, un suggerimento, giocate col fuoco. È come funziona la politica, c’è il rischio di perdere e perdere di brutto, ma almeno sarete sicuri di non aver perso il desiderio di un mondo che ancora non si vede.

Commenti
17 Commenti a “Giocare con il fuoco, ovvero un’alternativa c’è sempre. Persino per il voto del 4 marzo.”
  1. Franz scrive:

    Ergo, mi stai consigliando di votare i fascisti per vedere che effetto fa la guerra civile? Perchè non vedo molti altri fuochi con cui giocare, e questo mi pare decisamente divertente. Almeno lo scontro coi fucili qualche screzietto lo causa.

  2. Stefano scrive:

    Ma cosa vorrebbe dire tutto ciò? ( a parte che nell’articolo di Costa si parla anche dei partiti minori) . Di non considerare niente e buttarsi nella mischia elettorale a testa bassa? Ha un senso? Facendo così non si capisce dove vuole andare a parare l’autore dell’articolo. Almeno Costa si è esposto dicendo la sua. Il problema sarà comunque risolto dalle astensioni, s.bianche, ecc perché quello che è stato ottenuto è la sparizione di una qualche coscienza di quello che ci aspetta

  3. michele tonin scrive:

    ma quindi raimo, che voti? e soprattutto, chi speri che vinca queste elezioni?

  4. legalité scrive:

    Si vota per scegliere l’opzione più convincente, altrimenti siamo al narcisismo. In questo Costa ha chiarito come non ci siano troppi dubbi.

  5. zaccarivo' scrive:

    L’articolo di Costa non esprime – Costa si prende la briga anche di dirlo espressamente – un invito a votare il meno peggio. L’allarme al cuore del suo ragionamento è che esiste una tale distanza nella qualità delle differenti dirigenze partitiche in Italia che un voto informato e ponderato non può essere esercitato in un regime di vera scelta, ma di costrizione per assenza di alternative al Pd. L’argomentazione più sostanziosa che porta a sostegno della propria tesi è che un esito Destra/Cinque stelle al governo in seguito colpirà con più durezza chi generalmente è individuato quale elettore di quelle forze, ovvero chi vive in condizioni di disagio socio-economico. Ma si tratta di un ragionamento paraculo, perché se chi se la passa male non ha alcun benessere da potersi vedere eroso e continuerà a passarsela male all’incirca allo stesso modo, il nostro Costa faticherà non poco e ben più degli ‘svantaggiati’ a convivere con un esecutivo formato dalle forze che assommano il 50% dei consensi espressi per telefono – per quelli espressi in scheda direi di aspettare. Costa, insomma, esprime le proprie preoccupazioni cercando di ammantarle di una generalità che non è: le argomentazioni di Costa sono ‘settarie’. Ma, e qui tenetevi forte, non c’è da sorprendersi, perché sono settare anche le argomentazioni di Raimo, che dichiara in maniera implicita ma chiara di voler votare per Potere al Popolo. Giocare con il fuoco è un’immagine che proprio come l’appello da ‘privilegiato’ di Costa ha un richiamo su un segmento della società. Né Costa né Raimo esprimo più di un approccio parziale (il primo elencando i traguardi del governo invitando il lettore a tenerne considerazione solo ai fini del plot e non per ammirarne la consistenza, il secondo richiamando quell’immaginario ‘antagonista’ che se gli levi il nemico si accartoccia su se stesso).

  6. Marco scrive:

    Raimo sta semplicemente dicendo una cosa che per molti è ovvia da tempo, e cioè che si può benissimo essere di sinistra e non votare PD , perché il PD in questi anni ha tradito tutte le aspettative e le promesse possibili, e soprattutto non ha per niente rappresentato le fasce sociali economicamente disagiate che Costa invece invita, per il loro stesso interesse, a votare PD.
    Le alternative ci sono e ognuno sceglierà chi preferisce: Liberi e uguali, Potere al popolo o 5 stelle.
    Ma se il male assoluto è la destra, allora mi verrebbe da dire, sia a Raimo che a Costa, che l’unica vera alternativa elettorale – pragmaticamente, razionalmente, sondaggi alla mano – sono i 5 stelle. A meno che non la si pensi, come Scalfari, che è meglio Berlusconi/Salvini/Meloni a Di Maio.

  7. Sergio Falcone scrive:

    In tutta onestà, comprendo tutte le motivazioni e ascolto, leggo con interesse ma, per quello che mi riguarda, non trovo nessun motivo convincente per andare a votare.

  8. laura scrive:

    ma questo mondo che ancora non si vede da quale forza politica sarebbe professato?

  9. paola scrive:

    concordo pienamente con Marco

  10. Giorgio scrive:

    A Macerata ero tra i bolsi placidi cinquantenni caro
    Christian.Per simmetria replico di averti intravisto tra i bolsi livorosi quarantenni.Detto ciò voglio aggiungere che apprezzo lo sforzo intellettuale che metti dentro i tuoi ragionamenti, mano, mano che entri nella carne viva della società di questi ultimi anni.Tuttavia,mi capita spesso quando ti leggo di andare oltre l’encomio, ho già detto poco fa che apprezzo, insieme allo sforzo alla documentazione,puntuale e raffinata sempre presente nei tuoi interventi.Ma dico ancora un tuttavia,caro Christian, tuttavia quasi sempre,quando ti leggo, mi pare che a te manchi un quadro d’insieme generale delle grandi questioni che travagliano il nostro paese.Stato sociale, immigrazione,istruzione, sembra sempre che a te sfugga qualcosa di fondamentale di questi temi, sfugga la complessità, l’enormità delle questioni che riguardano milioni di persone,ognuna particolare e con aspettative diverse,la sfida della politica certo, oggi resa ancora più difficile da condivisioni transnazionali ( globalizzazione) e quindi questa sorta di peccato originale affligge i tuoi ragionamenti e li rende velleitari,provinciali e brontoloni e in sostanza privi di critica costruttiva.Poi ovvio tutto è criticabile e tutto è migliorabile ma la beata solitudine,nicchia, intendo, a cui ti costringi non tiene conto della complessità, e mi sembra( non mi contestare che parlo a nome di altri,dico subito che è una mia sensibilità intellettuale a farmi dire questa cosa,quello che sento,quello che leggo,gli amici, non Italiani, che votano in generale per le sinistre,ecco l’ho specificato, ricercatori, giornalisti, professori in giro per l’Europa) che in Europa le migliori forze progressiste la meglio gioventù, non trovano confort dentro i tuoi ragionamenti.Un saluto affettuoso.

  11. baudelaire scrive:

    Forse Marco e Paola, che valutano come “alternativa” il m5s, nonostante l’inadeguatezza del loro “capo politico” e le amenità di un sistema di controllo opaco, non vivono a Roma. Perché l’incapacità amministrativa di Raggi e di tutto il gruppo “cinque stelle” è conclamata. Evidente. E la città ne paga le conseguenze.
    Grazie anche a quelli che alle elezioni per il campidoglio valutarono come “alternativa” plausibile il m5s. Se si possono giustificare gli elettori “incazzati”, perché la vita è dura e prendersela con il potere è doveroso oltre che salvifico, non si possono perdonare i Narcisisti, gli Egoisti politici. Gli Stronzi insomma. Le probabilità che un’amministrazione a guida Giachetti sarebbe stata migliore mi pare del tutto plausibile. Per tenermi basso. Ma per i Narcisisti – Egoisti – Stronzi, Giachetti era troppo renziano. Ma li mortacci vostra.

  12. paolino scrive:

    L’articolo di Costa dice “solo” che il PD è l’unico partito capace di governare mentre gli altri sono privi di leader, progetti comuni e/o capacità amministrativa. Un po’ come il gentile baudelaire qui sopra. Ma che c’è di male a voler votare un partito destinato a rimanere all’opposizione?

  13. paolino scrive:

    A proposito: si può dire che Žižek, a proposito della Grecia, ha preso una (vergognosa) cantonata? O che parlare di “incognita disastrosa di un’uscita dall’euro” manca di qualsivoglia giustificazione?

  14. Matteo scrive:

    Un buon numero di commenti mi pare che ciurlino nel manico….che significa settario fascismo sinistra ? Se proviamo ad analizzare questa grottesca brigata che si appresta ad occupare il condominio vediamo che son quasi tutti già svolpinati e di provata fede liberista e le ridicole sponsorizzazioni esterne stanno li a mostrarlo.
    Cosa ci dovrebbro far di meglio e di diverso gli Orlando Cuperlo Grasso ecc. rispetto a quello che già hanno fatto in otto anni spesso nello stesso brodo di tutti gli altri amabili pescilipoti?
    Se proprio vogliamo fare le anime belle prima di tutto niente minestre riscaldate e avanzi caritatevoli per favore e dopo di che le alternative sono
    astenersi > capisco ma non approvo
    5stelle > sarei tentato ma son sicuro che poi si allineano ai “finti democratici”
    PoP > è la mia scelta a cui attribuisco un alto valore simbolico e di testimonianza politica che vuole riaffermare l’ ovvio secondo me : nella partita tra capitale e lavoro manca il lavoro e invocare la complessità della globalizzazione in funzione giustificatoria non aiuta…il lavoro so bene che esiste ancora anche nel bel mezzo della rivoluzione industriale4.0

  15. db scrive:

    mi è chiaro tutto fuorché costa: chi è?

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Sono rimasto tutto oggi a riflettere e a valutare i diversi lati della scelta, dopo aver letto nell’ultimo periodo diversi articoli (Francesco Costa, la risposta di Sofri, la contro-riposta di Costa, la risposta-alla-risposta-alla-risposta, e altri: Marco Delmastro, Massimo Mantellini, Roberto Tallarita, questo, questo, questo e questo). […]

  2. […] Sono rimasto tutto oggi a riflettere e a valutare i diversi lati della scelta, dopo aver letto nell’ultimo periodo diversi articoli (Francesco Costa, la risposta di Sofri, la contro-riposta di Costa, la risposta-alla-risposta-alla-risposta, e altri: Marco Delmastro, Massimo Mantellini, Roberto Tallarita, questo, questo, questo e questo). […]



Aggiungi un commento