georgesaunders

Il discorso di George Saunders agli studenti

georgesaunders

Il discorso di George Saunders agli studenti arriverà in libreria alla fine di aprile 2014. Per motivi legati ai diritti sospendiamo la pubblicazione online del testo integrale. 

Commenti
59 Commenti a “Il discorso di George Saunders agli studenti”
  1. Sandro scrive:

    Un discorso intenso e commovente. Viene quasi da biasimarci di non aver ascoltato con sufficiente attenzione la storia dei nostri nonni e quegli insegnamenti di una vita intera che ci spiegano anche la loro a volte incomprensibile felicità nel vedere le nostre conquiste e la nostra felicità. Essere gentili, non me lo dimenticherò.

  2. peppe scrive:

    Un manifesto dell’anima, ai tempi del rancore.
    Sarà il mio promemoria per l’anno nuovo.

  3. Jacopo (Perugia) scrive:

    Si può dapere da dove salta fuori questa idea che invecchiando si divenga più gentili? A me risulta esattamente l’opposto. Poche età sono più a rischio di egoismo della vecchiaia.

  4. antonio mazzini scrive:

    Ma chi è George Saunders?

  5. fabio cuzzola scrive:

    direi splendido….l’opposto dell’egoismo alla Steve Jobs!!

  6. Mario scrive:

    Lo trovo sinceramente pieno di rispetto verso il prossimo e carico di pedagogia i9ntensamente positiva

  7. Pietro scrive:

    Interessante spunto e grazie a voi (e al Post che mi ha fatto scoprire queste pagine)…ma non ho capito il riferimento all’egoismo di Steve Jobs in un commento precedente…al più individualismo, per cui di discorso in discorso vi rimando a quello del citato fondatore della Apple:

    http://www.ilgiornale.it/news/discorso-steve-jobs-ai-neolaureati-stanford.html

  8. lisa scrive:

    Peró occhio. Siate gentili solo con chi è in grado di ricoscere la vostra gentilezza. O l’essere stato cosi gentile potrebbe ritorcervisi contro.
    E diventare uno dei rimorsi più grandi della vostra vita.
    Perché il mondo, ahimè, è fatto soprattutto di giovani egoisti egocentrici

  9. marcus scrive:

    un inno a non sprecare la vita con le cose che la sporcano! egoismo, rancori, rabbie, e tutto quello che di peggio c’e’! grazie del discorso!

  10. Paola scrive:

    E da qualche tempo,da quando ho più tempo che ho capito cosa manca alla società occidentale consumista ha perso il senso e il valore della parola anima il soffio vitale che ci fa rispondere alla domanda che senso ha vivere … Perché correre affannarci ridere soffrire? Concordo la gentilezza l amore disinteressato rendono anche la tua vita più significativa più degna… La mancanza di anima ha tolto la ragione per cui valga la pena morire … Senza sapere per cosa si e disposto a morire non si può conoscere per chi o cosa di e disposti a vivere.. Senza anima non ci sono ideali… Allora io direi prendete tempo non fatte nulla solo cominciate a fare un lungo e nuovo viaggio dentro di voi trovando domande e cercando di darvi risposte .. Cercate cio che bi ha reso felici e cio che bi ha reso tristi .. Cercate il vostro soffio vitale

  11. johnny scrive:

    bel discorso, intenso e profondo. peccato che nella realtà quotidiana valga il contrario

  12. Tullia scrive:

    Mi ha aperto il cuore condividendo tutto il senso del suo discorso

  13. Nicolini Romano scrive:

    Anche io concordo con quanto detto. Peccato che a noi preti si dia retta solo quando ormai è troppo tardi. Quando diciamo di feequentare la Chiesa ed i sacramenti non è perchè ci guadagniamo. Ti immagini ? Ieri ho confessato per diverse ore in un freddo tremendo e con un sonno che cadevo a pezzi. Eppure chi si confessava, se non recitava una commedia, oggi è più buono e gentile, ovvero : realizza davvero il BUONO del Natale!

  14. La vita è radicata nel presente. Tutto il resto è paura, tutto il resto è notte senza riposo.

  15. Staff scrive:

    Un bel discorso senza dubbio, fatto con sinceritá e sopratutto con l´anima. Forse i giovani non sempre ascoltano davvero chi ha giá vissuto la loro etá ma senz´altro bisogna provarci.

  16. Bertini Paolo scrive:

    Condividere, certo, si può condividere. Poi però viene da chiedersi cosa si fa con chi si approfitta, con i malintenzionati, gli insistenti, i cattivi, i ladri, gli stupratori, gli assassini. Tutte categorie umane che esistono. Se la diffidenza aumenta, non è perché la gente diventa più scontrosa. Ma perché il mondo diventa più difficile. Quando sono nato io c’erano tre miliardi di persone nel mondo, ora ce ne sono sette miliardi

  17. laura scrive:

    eccomi non so se ho capito…comunque aggiungerei il SORRISO…la gentilezza si è sempre sposata col sorriso…

  18. Ilaria scrive:

    Non vorrei andare troppo contro-corrente, ma questo discorso mi sembra la tipica americanata per commuovere gli animi e tanti saluti. Non ci crede nessuno che invecchiando si diventa più gentili, trovo invece si diventi più avidi, infantili, egocentrici e tristi. Naturale: si è proiettati verso la morte, anche se questo non giustifica i cattivi comportamenti.
    La gentilezza è un grande insegnamento insieme ad un grande augurio.
    Ma come sempre negli americani, troppe parole per qualcosa di semplice. Trovo noiosa la prima parte, un preambolo inutile, faticoso, troppe immagini per arrivare al punto. Insomma. Ci si aspetterebbe un talismano più universale come monito per gli anni a venire.

    Ai giovani forse bisognerebbe dire: credete. Non in Dio che non esiste, ma in un progetto sano da rinnovarsi di continuo, non per sconfiggere la morte, ma per essere “bene” in questa vita. Finché c’è.

  19. Be’ è rinfrancante constatare che si arriva alla stessa conclusione partendo da esperienze e percorsi molto diversi, sia culturalmente che geograficamente. In sostanza George raccomanda di far prevalere l’amore rispetto ad altro meno nobile. Gentilezza può voler dire anche saper capire le ragioni degli altri ed abbandonare la regola dell’occhio per occhio per spiazzare con un dirompente perdono. Conservare odio e rancore farà più male che mettere una pietra “gentile”sopra! 😉

  20. giovanna scrive:

    Grazie!!!!!!

  21. william scrive:

    «Sono molto imbarazzato perché ho lavorato per quarant’anni, studiando di tutto, facendo esperienze, viaggiando per il mondo, e tutto quello che posso dirvi è soltanto di essere un po’ più gentili l’uno con l’altro».
    Aldous Huxley

  22. Emilia scrive:

    Sono d’accordo con Saunders: imparare ad essere gentili può cambiare in meglio la nostra vita e può fare la differenza per chi vive a contato con noi. Ma non pensiamo che per essere gentili voi, lo devono essere anche gli altri. Essere gentili non è un dono da fare agli altri, ma è un dono da fare a se stessi.

  23. laura scrive:

    anche se mi sono laureata 10 anni fa’, mi fa piacere sentirmi una dei destinatari di questo discorso. non tutti hanno quel processo di “guarigione” dell’anima, queste sono le persone che ritengo essere “povere nell’animo” e mi dispiace per loro perchè non hanno colto le occasioni che la vita stessa gli ha offerto. altre invece, per una serie di eventi, piu o meno cercati nel corso della vita, evolvono… per fortuna ne conosco tante. ricordo che quand’ero piccola non vedevo l’ora che mio padre invecchiasse affinchè diventasse piu gentile, meno rabbioso, ed è stato cosi’. sono fiera di lui. cambiare il proprio modo di essere è un duro lavoro su se stessi ma i beneficini appagano l’anima, danno un senso alla vita. siamo fatti di energia che irradiamo a chi cè intorno. temp fa’ non la pensavo cosi, dopo un processo lento e difficile mi sono ritrovata ad amare davvero la vita e sfortuna, forse, ha voluto che ho incontrato una persona che non sta bene con se stessa e col mondo che gli sta intorno. la depressione oscura tutto e dà adito a momenti di forte egoismo…e altro, non vado olter, non nè il blog piu adatto per parlarne. ne ho parlato solo perchè questo tipo di evoluzione verso la Vita, verso l’Amore, è personale, ognuno di noi deve fare il proprio percorso…mi sento e mi sono sentita piu volte impotente, nonostante ci abbia messo l’anima per fargli assaporare Amore. Buona vita a tutti.

  24. davide scrive:

    molto bello

  25. davide scrive:

    (:

  26. Gabriella scrive:

    quante sciocchezze … la solita americanata … fosse così semplice

  27. guido scrive:

    Saunders, di cui ignoravo l’esistenza sino ad oggi, mi sembra un pò in ritardo rispetto a gesù cristo.. che dalla sua a suo di anni ne aveva 30 .

  28. Maria scrive:

    Se fossi stata lì, quel giorno, in quell’aula, certamente non avrei potuto che condividere espressioni di così alto valore … oggi, anziana e un pò bruttarella, non sollecito gentilezza ma allontano chi non la esercita naturalmente, così sono certa della realtà che mi circonda; dopo un pò mi riavvicino, per verificare se le cose possono migliorare. Conclusione: Georges Saunders voleva solo
    “scusarsi ” pubblicamente del suo cattivo carattere e … prendersi altro tempo per non essere gentile.

  29. Cornetta Maria scrive:

    L’egoismo è l’enciclopedia di tutti i difetti ma è anche molto funzionale: devi solo pensare ad una persona, te stesso, un bel risparmio di tempo ed energie! Sarà cinico, ma la verrità lo è sempre. Fateci caso, i più egoisti sono sempre i più longevi!

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] → George Saunders George Saunders “Ragazzi miei, siate affamati ma senza perdere la gentilezza”.  Il discorso dello scrittore americano ai giovani laureati: “L’egoismo è una malattia. La cura? Essere cortesi. Solo così la vita ha senso” [il discorso integrale qui: mimina&moralia] […]

  2. […] Essendo anch’io, si parva licet, “un vecchio noioso e antiquato, con i migliori anni ormai alle spalle, che nel corso della sua vita ha commesso una serie di errori madornali” mi permetto di consigliare la lettura del discorso che George Saunders, (autore di Dieci dicembre, del quale già tessei le lodi qui) ha tenuto ai laureandi della Syracuse University del 2013, e che è riportato integralmente sul benemerito sito di minima&moralia […]

  3. […] il discorso di George Saunders agli studenti. L’unica cosa che non ho capito è perché abbiano tagliato la parte in cui dice “Stay […]

  4. […] discorso che George Saunders, autore di Dieci dicembre, ha tenuto ai laureandi della Syracuse University […]

  5. […] (Rivista Studio) *Il discorso agli studenti di George Saunders: come provare ad essere migliori (Minima et Moralia) *Obama svolta a sinistra e guarda a Bill de Blasio (Politico) *I sei libri (non graditi) che vi […]

  6. […] IL DISCORSO DI GEORGE SAUNDERS AGLI STUDENTI […]

  7. […] che i concetti di gentilezza e generosità comprendano anche il fatto di lasciare qualcuno o qualcosa a chi ama veramente quel […]

  8. […] Fonte: Il discorso di George Saunders agli studenti : minima&moralia. […]

  9. […] questo post perché ieri mi è capitato di leggere sul blog di Minimum Fax la traduzione del discorso che George Saunders ha tenuto ai laureandi dell’Università di Syra…. Tutto basato sull’importanza della gentilezza e sullo sbrigarsi a metterla in atto […]

  10. […] piuttosto relativo): mi ha stupito il successo (su twitter e su tanti blog) che ha riscosso il discorso di George Saunders ai laureandi della Syracuse […]

  11. […] di chi legge solo per passione e non è uno specialista. Soltanto due righe che nascono dal discorso che Saunders ha tenuto ai neolaureati della Syracuse University. Nessuno sprone ad […]

  12. […] la recensione di Finzioni Magazine. E qui, su Minima et Moralia, il discorso di George Saunders tenuto ai laureandi della Syracuse University […]

  13. […] gentili: minima e moralia ha pubblicato qualche giorno fa un discorso che lo scrittore George Saunders ha fatto ai laureandi della Syracuse University. Il succo del discorso è che, se c’è una cosa per cui vale la pena impegnarsi nella vita, […]

  14. […] Buon anno! “cercare di essere più gentili” […]

  15. […] L’elogio della gentilezza (lunghetto, ma molto, molto bello e dedicato a Laura, che forse capirà. Forse.) […]

  16. […] Lui è George Saunders, uno scrittore americano (da poco ha pubblicato “Dieci Dicembre”, un libro di racconti che ha raccolto commenti entusiasti da parte della critica) che, lo scorso Agosto, è stato invitato presso la Syracuse University per tenere il discorso ai neodiplomati. Da quel giorno le sue parole hanno fatto il giro del web e sono state riprese, anche in Italia, su diverse testate (vd. La Repubblica) e blog (vd. miminaetmoralia, Daria Bignardi ecc). Merito dell’esperienza o del mestiere, poco importa, questo è proprio quello che cercavo. Sono parole autentiche, usate sapientemente per trasmettere un messaggio disarmante proprio per la sua semplicità intrinseca: dimenticatevi di voi stessi e dedicatevi con gentilezza alle persone che amate, fate dell’amore la vostra filosofia di vita, il vostro scopo. Questa è l’essenza della nostra esistenza, questa è la felicità e ciò che da a tutto il resto (carriera, successo) un senso. Di seguito un estratto (per il testo integrale http://www.minimaetmoralia.it/wp/il-discorso-di-george-saunders-agli-studenti/). […]

  17. […] da un discorso d George Saunders, via qui. […]

  18. […] è l’autore più citato al momento, avete già letto il suo splendido discorso ai laureandi della Syracuse University del 2013? Non credo di aver torto quando affermo che il clamore attorno a Dieci Dicembre – il New York […]

  19. […] a essere brave persone, anche se a volte finiscono per sembrare solo degli idioti. Poi ho letto il discorso che hai tenuto alla Syracuse University sul «cercare di essere più gentili» e ho creduto di aver […]

  20. […] Ho scoperto la casa editrice Minumum Fax solamente da qualche mese e devo dire che finora non mi ha mai delusa, anzi mi ha fatto conoscere nuovi scrittori e nuovi modi di scrivere totalmente diversi dai classici che siamo abituati a leggere. Anche in questo caso non mi ha delusa. Parlo dell’ultima raccolta di racconti di George Saunders autore all’apice della carriera di cui pare che il mondo intero stia parlando positivamente anche grazie al famoso e toccante (ma anche ironico) discorso tenuto ai laureandi del 2013 della Syracuse University. […]

  21. […] Fonte: http://www.minimaetmoralia.it/wp/il-discorso-di-george-saunders-agli-studenti/ […]

  22. […] a essere brave persone, anche se a volte finiscono per sembrare solo degli idioti. Poi ho letto il discorso che hai tenuto alla Syracuse University sul «cercare di essere più gentili» e ho creduto di aver […]

  23. […] presso la Syracuse University, la cui versione integrale è disponibile sul blog di minimum fax (http://www.minimaetmoralia.it/wp/il-discorso-di-george-saunders-agli-studenti/ ).  Dopo una divertente introduzione, l’autore si sofferma a pensare a quali siano i più […]

  24. […] subito condiviso più o meno ovunque. Poi, in vista della pubblicazione in cartaceo, il testo on line è stato tolto: se volete, comunque, potete sentirlo pronunciare dallo stesso Saunders (e, anche se non dovrei […]

  25. […] subito condiviso più o meno ovunque. Poi, in vista della pubblicazione in cartaceo, il testo on line è stato tolto: se volete, comunque, potete sentirlo pronunciare dallo stesso Saunders (e, anche se non dovrei […]

  26. […] a essere brave persone, anche se a volte finiscono per sembrare solo degli idioti. Poi ho letto il discorso che hai tenuto alla Syracuse University sul «cercare di essere più gentili» e ho creduto di aver […]



Aggiungi un commento