It sounds like a jet approaching, and everybody, it's a matter of instants, stare at each other, your words that choke in your mouth; but it is only a gate that slides and closes. A hatchet chopping firewood is a kalashnikov burst, the footstep of a woman's heel is a sniper shot. We look normal, in Aleppo. Instead, fear is a cancer that wears us out from within.Eight months after the beginning of the battle, one thing only hasn't changed, here: Assad jets are so inaccurate that they never bomb around the front line - they might miss the rebels, and hit the loyalists. And if the favourite target once was the Shifa Hospital, now that its walls are but powder, its medical staff a flower and a framed photo, the most dangerous places are bread lines. They are just kids and women, today. In two hundreds, they compete for a bunch of boxes with some olive oil, some rice, chickpeas. Sugar. They have missing fingers, missing ears, in the sharp wind of this winter's remnants they scarcely wear a threadbare shirt and a few else, their bones that sculpt their skin. Mothers notice you, notice a stranger, and try to leave their newborn in your arms, they say: Bring him with you. Save him.It's starving, Aleppo, swept away by a typhus fever epidemic, in the streets people sell everything, it seems they scattered on the ground their entire living room, teapots, TVs phones, tableclothes, light switches, everything - to be precise: bits of everything: for Aleppo is but rubble, now, someone sells you the stroller, someone else its wheels. Ibtisam Ramdan is 25, she lives with her three children and tubercolosis in a slide of sewer under the river's bank, the door that is a hen-house gate, the fireside a paint's can, and these three children, in the dark of a rancid corner, crying and coughing, they cough so loudly and they cry so desperately that they wheeze - the left-overs of some rice on a cardboard's scrap: they don't even have dishes: and anyway here, for the time being, there's nothing edible. And like them, dozens of other families; all the river's bank is faults and hovels, they aren't sheds, they aren't caves, they are but bits of things, metal sheets, stones, planks, plastic rags - piles, piles of bits of things, at some point, simply, you realize you are inside, amid women, kids, old men, maimed and mute, you walk one centimeter from them and they not even look at you, blackened from the stoves' coal, their feet in the mud. They have but rain water, their skin dotted of infections, even cats, here, are sick, while a jet, suddenly, snarls over your head, you move a shutter, and you find a man who is dying from leukaemia, you move another shutter, and you find a man who is flaying a rat - you ask a question, and your translator who burst into tears and tells you Excuse me, but I have no longer words, I have no longer words for all this.It's so starving, Aleppo, so exhausted that missiles strike, and people continue to live amid the debris. As in Ard al-Hamra, 117 dead - 17 of whom are still here, scattered under you. The alive pop from collapsed stairs, collapsed ceilings, one by one, from crumbled pavements, butts of pillars, a carpet that hangs from a chandelier: they have only what they wear, in the Nokia of Fouad Zytoon, 36, the picture of a head hurled on a shelf, it's his daughter. They insist on telling you everything in detail, Do you want the names of the victims?, they ask you, I got the complete list, and you feel ashamed to say it, but no, you don't need the names, the number is enough, and anyway it's late, and Aleppo is thousand stories and this is just a line of your article, it's late, really, and anyway you are tired, and dusty, and you are scared of this jet over your head, that keeps on circling, and circling and circling, the pilot who is selecting his target, who is perhaps selecting you and no, you need only the number, thank you it's enough, 117, 17 never recovered from under your feet - and the guy, point-blank, who stares at you, tells you: You see? nothing remains, of our lives, not even a name.It looks normal, Aleppo. And journalists left. War has become so part and parcel of this city, so embedded in its flesh that grass grew amid the rubble, taxi drivers notice the Nikon, on your neck, and they stop you, as you were a tourist, they ask you: Want to go to the frontline? - but then you bump into a kid, and she salutes you standing at attention: you bump into a garbage collector, in the street, into an electrician who is fixing an antenna, and it's like a whip crack, suddenly, the body that falls down: shot down: a sniper. Then at the entrance of the hospital, while the jet disappears, appears, glides, gains altitude again, at the entrance of the hospital lie the corpses with no ID, people pass by, they just lift the white sheet, they make sure he isn't a brother, a cousin. Then you walk into a playground, while perhaps he is selecting you, and there is a sleeping bag amid the swings, while perhaps it's your turn, and in the sleeping bag there is a black-and-blue guy, a hole on his temple, then you open a main door, and the walls that are all blood, while they are the fiercest minutes, you look around, and everywhere, these buildings that are one floor inhabitated one floor destroyed, a charred tricycle pending in the air. Then you go into a school, into a classroom, and at mortar fire's noise, children not even turn their heads: only at a rain of kalashnikov fire they start to debate: It's a doshka, Ahmed, 6, says, No it's a short-barrell kalashnikov, Omar, 6, too, says, You see?, it's lighter than a draganov - while perhaps it's your turn, now, and you can only hug yourself, together with all you didn't say, in your life, the times you weren't able to love, the times you weren't able to dare, the times that now it's late for everything, and life shines of a raging beauty, now that perhaps your turn has come. Until you get the news; airstrike on Sheik Said neighborhood. And it's rough to admit it, but it's an infinite relief: Sheik Said: not you - an infinite relief: to know that somebody died. And - and it's like this war has robbed you not of your humanity, but even more violently: like it left you naked in front of the mirror: naked as you really are: because you are the only one who matters, in your life, to admit it bleeds, but this war hasn't robbed you of anything, simply your humanity, your diversity never existed. You are the only one who matters - and such a life, what a life is?Because later, worn out, you twist and turn amid the piled sandbags to escape the never ending snipers. How long does it take?, you ask, your nerves crumbling, how far is it? - and only now you do understand this war; when in the middle of nowhere, Alaa says: It's here.Because of the ancient souk of Aleppo, the most charming 4,000 sqm of the Middle East, a vertigo of voices, and tales colors, an overflow of life, now this is all that remains: rubble. Your feet that you walk in and sink until the ankles, bented spikes of rusty iron bars, shattered glasses, metal sheets, bullet-ridden blown up shutters. Powder and stones. Nothing else. But really nothing else. Rebels drag you around alley by alley; this is the cotton market, they explain you, this is the gold market, on your right you find the spices, down there is the silver. And they are but rubble. Here is where brides buy their gowns, and they point out the butt of something, here their wedding band - verbs in present tense: and you see but nothing. There's not even a rat, here.Rebels and loyalists are so close that they scream at each other while they shoot each other - it's a war of the last century, the war of Aleppo, it is a trench warfare of rifle shots, on the frontline the first time you cannot believe it: with these bayonets that you have seen only in history books, and you tought they hadn't been used any longer since Napoleon's time, today that war is a drones war: and here, instead, they fight meter by meter, with that blade tied to the barrel, and decayed of blood, and for it's really a war street by street, a hand-to-hand combat, the alley cats, out there, that contend for a shinbone. Even tough they are but praetorian guards of an empire of death, by now, ready to offer you tea and cigarette under the sun and fire while from the old mosque, a UNESCO world heritage site, they welcome you with the V victory sign as in front of the Colosseum for a photo souvenir: and instead they are but in front of smashed minarets, walls defaced by bullet holes, briers of rubble while they take off their shoes, as in any mosque, or they stop you: You cannot enter here: this is the women area, and instead they are but the charred remains of objects you don't even understand what objects are - while they keep guard pink elephants: but everything, here, amid the ghosts of the brides, is more sacred than life.You think they are roads, they are The Road by Cormac McCarthy. Even the muezzin, now, calls no longer to prayer: he calls for blood donors for the wounded of the last missile, dropped one hour ago. And only kalashnikov fire, suddenly, wake you up - out there shooting starts again. It is the only sign of life - out there, somebody dies. Somebody hasn't died, yet.

Il lavoro delle donne

Ieri ho letto sul sito della Columbia Journalism Review questo pezzo che era stato molto segnalato in rete. L’ha scritto Francesca Borri, reporter italiana free-lance, autrice di due libri sulle guerre. L’avevo tradotto forse dignitosamente perché mi sembrava potesse innescare un dibattito sull’informazione. Francesca mi ha scritto e mi ha gentilmente inviato il suo originale in italiano. Se volete commentare sul sito della CJR o scrivere all’autrice, questo è l’indirizzo: http://www.cjr.org/feature/womans_work.php. La foto,
Aleppo dopo un missile, è di Stanley Greene.

di Francesca Borri

Mi ha infine scritto. Cioè: dopo oltre un anno, un attacco di tifo e un proiettile al ginocchio, ha visto la televisione, il mio direttore, e ha pensato che l’italiana rapita fossi io: e mi ha infine scritto. Mi ha scritto: ma se hai internet, non è che twitti il sequestro?

Cioè, poi uno torna la sera, che poi tornare neppure è il verbo giusto, qui, con i mortai intorno che ti esplodono ovunque, e la polvere la fame, la paura, uno si ferma la sera, in una base dei ribelli in mezzo all’inferno, e spera di trovare un amico, una parola una carezza: e trova solo Clara, invece, che sta in vacanza a casa tua e ti ha scritto otto volte, Urgente!, perché sta cercando il tesserino per entrare alle terme, e dico: otto volte, e per il resto solo messaggi tipo questo Paolo: bellissimo il suo pezzo: come il suo libro sull’Iraq – solo che non è sull’Iraq, il mio libro: è sul Kosovo.

Non so: l’unica cosa che ho capito, onestamente, è che uno ha questa immagine romantica, no?, il freelance pronto a rinunciare alla sicurezza di uno stipendio fisso in cambio della libertà di seguire le storie che più ha voglia di seguire: e invece non sei affatto libero, l’opposto: sei al traino delle notizie in prima pagina. Perché la verità è che l’unica possibilità che ho di lavorare, oggi, è stare in Siria: cioè: stare dove non vuole stare nessuno – la verità è che la seconda lingua, ad Aleppo, dopo l’italiano è lo spagnolo: perché ai greci non è rimasto neppure di che pagarsi il biglietto aereo. E più che Aleppo, a essere precisi: il fronte: perché poi ti chiedono solo il sangue, solo il bum bum – cioè, racconti gli islamisti, e tutta la loro rete di attività sociali, racconti la ragione della loro forza, un pezzo molto più difficile del fronte, provi a spiegare, non solo a emozionare, e ti rispondono: ma qui in 6mila battute non è morto nessuno.

In realtà avrei dovuto capirlo da lì, da quella volta che Marco mi chiese un pezzo da Gaza, perché Gaza, al solito, era sotto bombardamento e perché tanto Gaza, mi arrivò questa mail, la conosci a memoria: che importa che stai ad Aleppo. E perché io invece sono finita in Siria perché ho visto su Time le foto di questo tipo, Alessio Romenzi, uno che si è infilato nelle condutture dell’acqua ed è sbucato a Homs quando ancora nessuno sapeva che Homs esisteva: e un giorno ho visto queste foto, mentre ascoltavo i Radiohead, ho visto quegli sguardi, dritti, giuro, ma degli sguardi che ti si inchiodavano addosso, perché Assad li stava sterminando uno a uno, e nessuno neppure sapeva che Homs esisteva, e giuro: era una morsa alla coscienza che alla fine potevi solo dire: devo andare in Siria. Ma subito: devo andare in Siria – e invece la cosa più frustrante, qui, è che scrivi da Roma o scrivi da Aleppo, per loro è uguale. Ti pagano uguale: 70 dollari a pezzo. Luoghi in cui ogni cosa costa il triplo, perché poi in guerra si specula su tutto, e per dire, dormire, qui, sotto il tiro dei mortai, un materasso per terra e l’acqua gialla che domani ho di nuovo il tifo, costa 50 dollari a notte, l’auto 250 dollari al giorno. Con il risultato che finisci per massimizzare, non minimizzare, il rischio. Perché non solo non puoi permetterti un’assicurazione, quasi mille dollari al mese, ma più in generale, non puoi permetterti un fixer, cioè un locale che ti curi la logistica, l’organizzazione, non puoi permetterti un interprete: ti ritrovi in città sconosciute completamente solo. In mezzo ai proiettili. Sono perfettamente consapevoli che con 70 dollari a pezzo ti obbligano a tagliare su tutto, e sperare di morire, se sei colpito, perché non potresti mai permetterti di essere ferito: però poi il pezzo lo comprano comunque: anche se non comprerebbero mai il pallone della Nike cucito dal bambino pakistano. E come quella volta a Castelvolturno, gli scioperi dei braccianti clandestini: che mi arrivò questa mail: voglio un pezzo indignato! 50 euro al giorno! prendono solo 50 euro al giorno!, ma che mondo è? – e tutti noi eravamo lì per 20 euro al pezzo.

E poi con questa storia delle nuove tecnologie c’è questa idea, no?, questo equivoco di fondo: che l’informazione sia velocità, una gara a chi pianta per primo la bandiera sulla luna. E così è ovvio, le agenzie sono imbattibili. E però è una logica autolesionista: perché hai materiale standardizzato, e il tuo quotidiano, la tua rivista non ha più alcuna unicità: alcuna ragione per cui dovrei pagare per averti. Cioè: per le notizie ho internet: e gratis. A un giornale chiedo di più. Chiedo analisi, chiedo approfondimento – chiedo di capire, non solo di sapere. Perché la crisi, oggi, è dei giornali, non dei lettori: i lettori ci sono, e contrariamente a quanto pensano i direttori, sono lettori intelligenti, che vogliono cose intelligenti: semplicità, ma non per questo semplificazione – perché poi io ogni volta che pubblico il pezzo di colore, cioè, poi trovo sempre queste dieci mail, gente che mi dice sì però, bellissimo pezzo: magnifico affresco: però io voglio capire cosa succede in Siria, e io vorrei tanto rispondere che non posso fare un’analisi, perché se tento un’analisi me la cestinano dicendo e tu chi sei, bimba, per fare un’analisi?, anche se ho due lauree, un master due libri e dieci anni di guerre sparse, alle spalle, e la mia giovinezza, onestamente, è finita ai primi pezzi di cervello che mi sono schizzati addosso, avevo ventitrè anni ed ero in Bosnia. Perché come freelance, la verità è che siamo solo giornalisti di seconda classe. Anche se poi siamo solo freelance, qui, perché questa è una guerra bastarda, è una guerra del secolo scorso, una guerra di trincea combattuta a colpi di fucile, ribelli e lealisti sono così vicini che si insultano mentre si sparano: al fronte, la prima volta giuro, non ci credi, con queste baionette che hai visto solo nei libri di storia, ed eri convinto non si usassero più dai tempi di Napoleone, oggi che la guerra è la guerra dei droni: e invece qui è metro a metro, strada a strada, e fa paura, minchia, fa paura perché io scrivo, intanto, e qui esplode tutto – e però ti trattano come un ragazzino: fai una foto da copertina e ti dicono: ma eri solo nel posto giusto al momento giusto, fai un pezzo da esclusiva, come quello dalla città vecchia, che siamo stati i primi a entrarci, con Stanley, e ti dicono: e come giustifico che il mio inviato non è riuscito a entrarci e tu sì? Uno mi ha scritto: lo compro ma lo firma lui.

E poi sei donna: e ti chiedono sempre di scrivere di donne. E d’accordo quella volta che non avevo il velo sotto l’elmetto, e nel rifugio erano tutti uomini e mi hanno lasciato sotto i mortai: e infatti è il mio pezzo più citato: ma onestamente è stata una volta sola, mentre gli altri giornalisti: e perché sono tutti maschi, onestamente, e sono loro a ripeterti che non sei abbastanza coperta, e non ti siedi in modo abbastanza decente, e non guardi in modo abbastanza umile, e non sei abbastanza rispettosa della cultura locale, e e e – e anche se loro poi non hanno mai aperto un Corano. E indipendentemente dal velo, comunque: come Jonathan, l’altra sera: bombardavano tutto, e io stavo lì in un angolo con quest’aria che che altra aria puoi avere? se forse tra un minuto muori, e Jonathan se ne viene, mi squadra, mi fa: questo non è un posto per donne – e a uno così, ma che vuoi dirgli?, idiota: questo non è un posto per nessuno. Perché onestamente è solo segno di sanità mentale, se ho paura, perché Aleppo è tutta cordite e testosterone, e poi sono tutti traumatizzati, Henri che non parla che di guerra, Ryan strafatto di anfetamine, e però a ogni bambino squarciato vengono solo da te e ti domandano: come stai?, perché tu sei femmina e fragile, e a te verrebbe da rispondere: sto come stai tu – e perché le volte che ho un’aria ferita, in realtà, sono le volte che mi difendo, tirando fuori ogni emozione ogni sentimento: sono le volte che mi salvo.

Perché poi uno pensa: la Siria. E invece è un manicomio. Il ragazzo italiano che non trovava lavoro e ora combatte con al Qaeda e la madre è qui a inseguirlo per Aleppo per prenderlo a padellate, il turista giapponese che sta al fronte, e sta veramente qui in vacanza, dice che ha bisogno di due settimane di adrenalina, il neolaureato svedese in giurisprudenza che è venuto a raccogliere prove sui crimini di guerra e Damasco voleva andarci in autostop: o i musicisti americani con le barbe da bin Laden, che dicono che così sembrano siriani, anche se sono biondi e alti due metri, e hanno portato medicine per la malaria anche se qui la malaria mica c’è: e vogliono distribuirle suonando, tipo pifferaio magico – e per non dire i vari funzionari di Onu sparse, che tu gli dici: c’è un bambino con la lesmaniosi, possiamo curarlo in Turchia? no non possiamo, si scusa la mail: è un bambino specifico, e noi possiamo occuparci solo dell’infanzia in generale.

E perché poi anche noi: perché sei un giornalista di guerra, e alla fine stai sempre un metro sopra gli altri, no?, con quest’aura dell’eroe tu che rischi la vita per dare voce ai senza voce, e hai visto cose che gli altri non hanno mai visto, e sei una miniera di aneddoti, a cena, sei l’ospite figo ed è una gara per averti, e – e invece poi arrivi, e scopri approssimazione ovunque e questo mantra: it’s a secret, it’s a secret, perché invece di fare rete tra noi, di fare muro, fare sindacato, siamo i nostri primi nemici, e la ragione dei 70 dollari a pezzo non è che mancano le risorse, perché poi le risorse per il pezzo sulle amiche di Berlusconi si trovano sempre: la ragione vera è che chiedi 100 dollari e un altro è pronto a vendere a 70: ed è la concorrenza più feroce, tra noi, zero collaborazione, zero aiuto – come Beatriz, oggi, che per essere la sola a scrivere del corteo mi indica la strada sbagliata, e mi fa infilare tra i cecchini: cioè: tra i cecchini: per un corteo come mille altri. Perché poi diciamo di essere qui come Romenzi, qui perché un giorno nessuno possa rispondere: ma io non sapevo, e invece siamo qui solo per vincere un premio, per avere infine due righe dal direttore: avere spazio, con tutti questi fotografi che inseguono il singolo scatto, e non gli importa niente della continuità, della completezza della narrazione: del ritratto di insieme – e i fotografi solo perché i writers sono quasi tutti in Turchia: raccontano quello che gli raccontano i fotografi. E siamo qui a intralciarci da soli come se avessimo tra le mani il pezzo da Pulitzer: e invece non abbiamo proprio niente, stretti tra il regime che ti rilascia il visto solo se sei contro i ribelli e i ribelli che non è che sei libero, con loro, vedi solo quello che vogliono che tu veda, esattamente come con il regime – e la verità è che siamo un fallimento, i lettori che a stento ricordano dove sta Damasco, dopo due anni, e il mondo che della Siria dice di istinto: quel casino della Siria, perché della Siria non si capisce niente, solo sangue, sangue sangue ed è per questo che i siriani la verità è che ci detestano, come l’ultima foto, quel bambino con sigaretta e kalashnikov, un bambino di sette anni, ed è ovvio che la foto è costruita, e però è su tutti i giornali, adesso, e tutti a strillare: che barbari questi siriani, che barbari questi arabi, e all’inizio mi fermavano, mi dicevano grazie, grazie che mostri al mondo i crimini di Assad, oggi uno mi ha fermato, mi ha detto: Vergognati.

Ma perché poi: io per prima. Ma perché se davvero avessi capito qualcosa, di questa guerra, non avrei avuto paura di amare, paura di osare, nella vita, se solo davvero avessi capito qualcosa, della Siria, di questa vita che forse tra un minuto finisce, e invece di essere qui, adesso, stretta al muro in quest’angolo rancido e buio, a rimpiangere disperata tutto quello che non ho avuto il coraggio di dire, ora che è tardi, è tardi per tutto, e come ho potuto perdere quanto di più bello avevo? – e perché è questa l’unica cosa da raccontare, di una guerra, il solo pezzo che davvero avrei dovuto scrivere, ora che è tardi, invece che distrarmi tra ribelli lealisti, sunniti, sciiti, l’unica cosa da capire: la storia che mi è rimasta impigliata tra le dita: voi che potete, voi che domani siete vivi, ma che state aspettando? perché non amate abbastanza?, l’unica cosa da scrivere, da queste macerie, se solo davvero avessi capito qualcosa: voi che avete tutto, ma perché avete così paura?

Christian Raimo (1975) è nato a Roma, dove vive e insegna. Ha pubblicato per minimum fax le raccolte di racconti Latte (2001), Dov’eri tu quando le stelle del mattino gioivano in coro? (2004) e Le persone, soltanto le persone (2014). Insieme a Francesco Pacifico, Nicola Lagioia e Francesco Longo – sotto lo pseudonimo collettivo di Babette Factory – ha pubblicato il romanzo 2005 dopo Cristo (Einaudi Stile Libero, 2005). Ha anche scritto il libro per bambini La solita storia di animali? (Mup, 2006) illustrato dal collettivo Serpe in seno. È un redattore di minima&moralia e Internazionale. Nel 2012 ha pubblicato per Einaudi Il peso della grazia (Supercoralli) e nel 2015 Tranquillo prof, la richiamo io (L’Arcipelago). È fra gli autori di Figuracce (Einaudi Stile Libero 2014).
Commenti
33 Commenti a “Il lavoro delle donne”
  1. Arturo scrive:

    Il pezzo è interessante, ma il punto è questo, che mette in evidenza un certo Joe nei commenti alla versione originale dell’articolo:

    “I’ve no idea who you are writing for at $100 a piece. Nobody in the mainstream media world pays that little… Maybe its different in Italian…and I know things in the journalism world are bad…but as far as English languages goes…it’s not the case.”

    Va bene la solidarietà, va bene la passione, ma accettare 50 euro per un pezzo di guerra, per quello che ne posso capire, magari mi sbaglio, mi sembra immorale almeno quanto pagarlo così poco.

  2. David scrive:

    Quando hai tutto, hai anche paura. Forse è anche per questo che sei lì. A questo punto è meglio proseguire, senza voltarsi indietro, è molto più nobile.

  3. “La crisi è oggi crisi dei media, non dei lettori. I lettori sono ancora lì, e contrariamente a quello che credono molti redattori, sono brillanti lettori che chiedono semplicità senza semplificazione. Vogliono capire, non semplicemente sapere.”
    Una delle questioni che solleva Francesca (insieme ad altre, molte altre) è quella contenuta nella frase qui sopra. E, purtroppo, non riguarda solo l’informazione, ma ogni grado e stato della comunicazione. Io mi occupo in prevalenza di teatro e ho la netta percezione, da anni, che la stragrande maggioranza del pubblico è estremamente più sensibile, profonda e intelligente della media degli addetti ai lavori. È come se il filtro adottato fra chi fa le cose e il pubblico sia gestito da cinici e sciocchi presuntuosi che ritengono di sapere cosa quest’ultimo desideri. Non possono che rifarsi ai propri desideri che sono invariabilmente tarati sul basso, sull’orrore, sulla risata grassa, sul pettegolezzo, certo non sulla comprensione, non sull’emozione se non fine a se stessa. Non considerano i nostri lavori (il giornalismo, lo spettacolo, la letteratura) come il tentativo di offrire al pubblico strumenti di comprensione del reale attraverso occhi diversi dai suoi, ma come una specie di macelleria concettuale, una serie di scosse adrenaliniche e superficiali senza termine e fine. Così, devo aspettare che Christian scovi e traduca questo articolo dall’inglese. Articolo che, altrimenti, non avrei mai letto. Chissà cos’altro mi sono perso di Francesca.
    Al di là di considerazione morali, vorrei porre un quesito: il sistema che pone le persone sbagliate nei posti giusti è, concettualmente ed economicamente, conveniente? A chi? Al pubblico no di certo. E credo che faccia anche guadagnare di meno.

  4. Ada scrive:

    Una nota al volo. “You know Gaza by heart,” non è “Hai Gaza nel cuore”, ma “Conosci Gaza a memoria”. È diverso!

  5. Christian Raimo scrive:

    @Ada, vedi, ho messo l’originale, così mi sono risparmiato anche qualche topica nella traduzione, per la fretta e per altro.

  6. Edoardo Acotto scrive:

    Questa traduzione volenterosa è comunque decisamente migliore di quella de La Stampa http://www.lastampa.it/2013/07/12/blogs/voci-globali/il-lavoro-di-una-donna-la-realta-distorta-di-una-giornalista-freelance-in-siria-1LdkqBQFPBdmStyynsxymL/pagina.html.

    Il mio unico appunto (scherzoso): si dice I RADIOHEAD, non: Radiohead 😀

  7. Christian Raimo scrive:

    Non so se la mia traduzione fosse dignitosa, lo spero. L’ho tolto, ora. Ma adesso questo è il pezzo originale.

  8. sonia scrive:

    cara Francesca, si legge angoscia, nervosismo, indignazione e rabbia nelle tue parole. tutti sentimenti che purtroppo prova anche chi vive situazioni lontane dalla guerra. perchè tante sono le cose ingiuste e inspiegabili. come costringere un giornalista a non svolgere la professione che voleva, cioè dire ciò che pensa, scrivere ciò che vuole, come vuole scriverlo. nella vita è difficile fare questo, perchè c’è sempre la selezione, il filtro imposto da chi sborsa gli spiccioli, le briciole perchè tu possa campare con quello e nello stesso tempo avere qualcuno che legga ciò che scrivi. e allora col tempo capisci quello che gli altri vogliono e ti pieghi, perchè ti serve la pagnotta proprio come a tutti. e diventi altro, fai un pò di marketing (che a mio avviso è sempre ignobile, perchè pretende di sapere agli altri cosa piace veramente), fai un pò di calcoli, quando non vorresti. e questo t fa schifo, perchè lo fai a spese di chi muore, a spese di chi soffre, e patisce un inferno, che tra l’altro non ha scelto, come hai fatto tu. sii forte e credici sul serio, altrimenti tornatene a casa e fai la scrittrice. in bocca al lupo! p.s. i RADIOHEAD sono il mio gruppo preferito, ma forse dovresti ascoltare qualcosa di un tantino più allegro… so che striderebbe con l’atmosfera che si respira lì, ma almeno servirebbe a staccare il cervello per il tempo di una canzone…

  9. gloriagaetano scrive:

    E io l’ho pensato che non avremmo mai capito niente di quello che stava succedendo in Siria Egitto, Atene, Aleppo, e prima della primavera araba.Chi arma le parti contrapposte? Cosa si sa di Gaza? Per questo l’articolo è illuminante su come riceviamo le informazione anche su Rai news 24, anche su Algesira, Non sappino neanche cosa è successo davvero in Bosnia. Eppure abbiamo partecipato a una guerra. Zizek dice altre cose. Gli stupri, il cecchinaggio c’è stato anche da parte italiana , e da parte della Nato in generale. Un bellissimo articolo,drammatico,disperato,che ci fa capire in quali condizioni operano i freelance. E’ allucinante.ma veramente dobbiamo solo amare? Sono sempred’accordo su questa soluzione. Ma vorremmo anche sapere. Ed è questala cosa più dura da ottenere: Amare e Sapere. Come faremo la storia di questi anni? Ci berremo quello che ci dicono.
    Amare è ancora più difficile, in tempi in cui non si riesce a guardare lagente in faccia, in cui manca quella parola che ho sentito dire a un papa, purtroppo,per me che sono laica,una parola che non si pronuncia più:Solidarietà.

  10. Lucia scrive:

    Questa allocuzione non mi suscita ammirazione quasi a ogni frase. Avrei fatto a meno di dirlo, per rispetto a una persona che ha scelto di rischiare la vita per essere il primo reporter straniero a entrare ad Aleppo – ma rispetto anche il turista giapponese che va in prima linea in cerca di emozioni, il laureato svedese in cerca di prove di crimini di guerra, e i musicisti americani che portano medicinali antimalarici anche se la malaria non c’è e vogliono consegnarli suonando il violino.
    Invece lo dico, perché avrei ingoiato tutto, ma l’ultimo paragrafo no.

    Se ci tieni tanto a dirmi (tu, a me) che non devo avere paura, che tutto potrebbe finire in un istante, che noi qui abbiamo tutto (a parte case in prestito e non, e tessere gratis della spa), che dobbiamo vivere amare capirci, e dare una carezza al nostro bambino, non avevi bisogno di arrivare fino in Siria a sguazzare nel sangue sangue sangue tra i fischi delle pistolettate e gli agguati delle colleghe: ti bastava entrare in un ospedale, o in un carcere (ma anche una asl o la posta possono essere un buon inizio).

    Quanto al dibattito sull’informazione, contribuisco azzardando una previsione: il reportage di Francesca Borri su Francesca Borri sarà molto più letto e commentato dei reportage di Francesca Borri su Gaza o Siria o Kosovo (o era l’Iraq?). Oriana Fallaci insegna. Terzani, Saviano insegnano.

  11. giorgio scrive:

    Ciao Francesca,

    ti scrivo perchè, dopo aver letto questo tuo articolo, ho riflettuto su diverse cose.
    Conosco abbastanza i tuoi lavori: ho letto entrambi i tuoi libri e molti dei tuoi articoli (sia quelli su peacelink sulla palestina e sul libano) sia il tuo reportage sull’ilva, sia molti degli articoli che hai scritto sulla siria.

    Trovo da un lato interessante il tuo modo di scrivere; tuttavia sono un pò sorpreso dalla poca stima che sembri avere negli ‘altri’.
    Dico così perchè mi sembra che tu ti ponga spesso al di sopra, e questo lo trovo, sinceramente, poco rispettoso.

    In questo tuo ultimo articolo, tu denunci alcune cose, e fai bene; non sono un giornalista freelance, ma se le condizioni sono queste fai bene a denunciarle.
    Tuttavia, quando parli di chi è intorno a te (dalla tua amica che cerca il badge per la spa, ai giornalisti intorno a te) non c’è n’è uno che si salva.
    (Ma questo non per mettere in dubbio che ciò sia successo davvero, ma perchè mi pare che tu metta l’accendo quasi sempre sul negativo degli altri).

    E questo è un pò il leit motiv di molti dei tuoi scritti: tutto intorno a me è disprezzabile, e io no: io sono diversa.

    Io ti stimo per il tuo lavoro. Penso sia necessario che ci siano persone che raccontino la sira.
    Tuttavia mi mette un pò a disagio questa supponenza, che ti assicuro trapela.

    Anche quando dici: ‘nessuno conosceva homs prima che alessio romenzi pubblicasse le sue fotografie sulla siria. Permettimi di dissentire: chi conosce la siria, conosce homs; e c’è tanta gente che la conosce e che si informa. E questo te lo fa notare anche Andrea Glioti (nei vari commenti del sito del CJR), lui, che conosce il medioriente e lavora anch’egli in siria.

    E infine nella tua ultima frase, vedo un pò di paternalismo. Sembra quasi che tu dai dei consigli sempre a questi altri’, (che poi: altri chi? chi ha tutto?? tutto in che senso??).
    Non lo so, questa idea un pò arcaica: divisiva, che chi (è ricco immagino, o è libero.. non so..)
    non ha in realtà ‘veri’ problemi e può vivere senza paure..
    Mi sembra molto semplicistico, e (mi dispiace dirtelo) ma ancora, ‘giudicato’ dall’alto del tuo punto di vista.

    Sembra quasi che perchè hai visto una guerra (esperienza tremenda, e su questo non oserei mai metterlo in discussione) allora ti permetti di generallizzare su chi non l’ha vissuta.

    Beh, mi viene da dire: ma tu le persone comuni le conosci? Intimamente intendo.
    Intendo i tuoi amici, i tuoi cari..
    In quante diverse forme si può esprimere il dolore e la paura?
    Ma questo al di là delle guerre, e gli strati sociali..
    Ripeto, nell’intimità.

    Credo, con tutto il rispetto per te, che le persone meritino più rispetto.

    Anche su twitter, tanta gente ti ha mostrato solidarietà (poi percarità, spesso la gente dice banalità, e non va molto oltre – però non tutta: guarda tutti i commenti su CJR: vari commenti si critici che solidali sono molto apprezzabili); e tu sembri essere sempre più pronta a lamentarti che a mostrare umiltà e gratitudine.

    Non so, dopo aver letto tanto di te, mi è venuto spontaneo dirti questo.

    Tanti saluti

  12. simona scrive:

    Cara Francesca,

    Inizialmente il tuo pezzo mi è piaciuto, ma riflettendoci con più attenzione, ho visto in esso molto egocentrismo e voglia di creare del sensazionalismo mischiato a del vittimismo.

    E’ molto duro il tuo lavoro, e questo senza ombra di dubbio.

    Tuttavia, come conferma anche un altro freelance, non penso sia la tua unica possibilità di lavoro.
    Anche perchè in un altra intervista dichiari di ‘seguire le storie che ti incuriosiscono’..

    E’ ammirevole che tu abbia scelto questa strada per cercare giustizia e dare voce a chi non ce l’ha.
    E per questo ti stimo molto.

    Tuttavia mi pongo una domanda sull’etica. Tu, come Alessio Romenzi, ( che menzioni nell’articolo), in un certo senso ‘usate’ la sofferenza estrema di altre persone come opportunità di carriera. Perchè è poi a voi che va la notorietà.
    Esempio Romenzi: che ha pubblicato tante fotografie sul time e vinto il world press photo con le fotografie sulla Siria; e tu: che stai partecipando al 2013 kurt schork award, grazie anche alla notorietà di Stanley Greene.
    (Romenzi ha anche dichiarato che nel suo lavoro è interessato a ‘seguire storie estreme’..e le varie sue interviste, mi hanno fatto percepire che per lui si tratta innanzitutto di un lavoro, e che non era riuscito a far carriera precedentemente, e c’è riuscito ‘grazie’ alla Siria…)

    Non so, nelle tue parole mi sembra ci sia un’ostentazione di una purezza e di un vittimismo opinabili.

    Nel senso che il tuo lavoro è una scelta, di una donna occidentale istruita, che ha avuto la possibilità di studiare e ha scelto un lavoro piuttosto che altro. Con condizioni difficili, certamente, e critico, insieme a te l’ipercompetitività degli altri giornalisti, la mancanza di umanità, tatto, nonchè di empatia del tuo editore.
    Credo tu abbia lavorato in condizioni durissime, e te ne do pienamente atto.

    Mi chiedo solo, se anche tu sia totalmente innocente riguardo al narcisismo di cui parli.

    E poi l’ultima frase: ‘voi che avete tutto, vivete la vita senza paura’- un pò banale. La sofferenza la prova anche chi ‘ha tutto’; come te ad esempio, che hai tutto e scegli di stare in Siria. O anche chi ha poco, ma non necessariamente vive la guerra.

    La sofferenza ha mille sfaccettature e forme.

    Anche per questo mi viene da dire: c’è sotto un bisogno di dimostrare qualcosa?

  13. ginevra scrive:

    Credo che ci siano vari punti da considerare.

    Prima di tutto la giornalista francesca, scrive, qui, soprattutto per un disagio personale.
    Umanamente comprensibile. La sindrome post traumatica da stress è un disagio che molte persone che tornano da zone di guerra provano. Proprio per la disumanità che vedono e di cui hanno esperienza.

    Tuttavia, il problema mi pare sia a monte: sul perchè si sceglie questo lavoro?
    Io ho letto molti pezzi di Francesca, e anche i suoi due libri.
    Quel che le critico è la supponenza.
    Sembra quasi che vada in zone con problematiche per dimostrare al mondo che lei è diversa. Lei non è come tutti noi che non sappiamo nulla di homs..
    Questo mi sembra arrogante, e nemmeno troppo intelligente.
    Molte persone, invece sono informate, e sottovalutare gli altri mi sembra un punto di partenza sbagliato che un giornalista può avere.

    E poi, c’è tristemente, quasi la ricerca di un vissuto esotico.

    E’ il sentirsi diversa dagli altri, per non dire superiore, che mi disturba.
    E questo l’ho colto in molti articoli di francesca che ho letto; dove il sottotesto dice: guardate che vita al di là dei limiti vivo. Perchè lei, nei suoi scritti mette molto sè stessa, e da un lato è molto bella come scelta, però la supponenza che trapela a me non piace.

    Altri giornalisti non mi danno questa sensazione. Andrea Bernardi ad esempio: anche lui copre la Siria, e non ha per niente questo atteggiamento.
    E’ estremamente chiaro nelle sue spiegazioni, e, sembra almeno, essere lì per informare i lettori. Non per dimostrare qualcosa a sè stesso.

  14. marco scrive:

    l’avevo letto nell’originale, e senz’altro ha il merito di trascinarci nel vortice del problema. Della Siria. E anche dei free lance. Il titolo del pezzo qui su minima e moralia e’ completamente fuorviante: il lavoro dei pubblicisti, dovrebbe chiamarsi.

  15. francesco scrive:

    Un pezzo osceno. Se il giornalismo fa quasi sempre schifo è spesso colpa dei giornalisti stessi, e questo articolo ne è un ottimo esempio.

  16. simone scrive:

    Francesca Borri è una ragazza benestante,
    che ha avuto la possibilità di prendere una laurea e due master, e può in un certo senso permettersi di stare in siria, dato che la paga è molto bassa.
    Se lo faccia per motivi nobili o meno non mi è chiaro.
    Quel che però è chiaro, è che si è messa su un piedistallo, e dall’alto del suo snobbismo giudica praticamente chiunque le sta intorno.
    E la frase finale è una perla. ‘voi che domani siete vivi, vivete senza paura’.
    Sì, tanta gente è piena di paure, tuttavia la vita è dura per molti, e banalizzare così la vita degli ‘altri’ non mi sembra molto sensibile, soprattutto da parte di chi ‘predica, si lamenta e chiede empatia’

    Francesca Borri, ottimo che denunci; ma scendi dal piedistallo e abbi un pò di rispetto per gli esseri umani, perchè non solo chi è in guerra soffre.
    La guerra di siria è un inferno, ma non per questo tutti gli altri sono dei rincoglioniti.
    Perchè il tuo atteggiamento è un pò quello.

  17. Nives scrive:

    Solo una domanda: perché tutti quei due punti? Ps. Non di temi che sono l’unica ad averli notati!

  18. Sascha scrive:

    Curiose le ostilità un po’ assurde e molto moralistiche che questo pezzo ha suscitato, sia qui che sul Post.
    Sembra che l’atteggiamento di Francesca Borri abbia lisciato il pelo dalla parte sbagliata a parecchie persone di impeccabile moralità ed esemplare coraggio.
    Una di queste s’è sentita così profondamente offesa da commentare qui sotto quattro nomi diversi (Simone, Simona, Ginevra e Giorgio) con impegno degno forse di miglior causa…

  19. sergio garufi scrive:

    “snobbismo”

  20. bernardo parrella (@berny) scrive:

    non potrei dire neppure io quale si la traduzione “migliore”, considerato che la traduzione rimane sempre un lavoro in progress e prefettibile per natura (a parte ovvi strafalcioni, come quello segnalato su gaza): @edoardo, se hai correzioni, fammi sapere 😉

    fatto sta che io ho tradotto il pezzo per lastampa.it subito dopo aver ricevuto formale OK da CJR che ne aveva il copyright mondiale, (diversamente da altre traduzioni circolate 😉 — solo dopo aver visto queste ultime francesca ha deciso di distribuire in giro (anche al post e pare anche su internazionale a breve) la sua versione originale, da cui aveva poi tradotto in inglese per CJR e che non mi aveva mai detto esistesse, pur avendo scambiato vari messaggi con lei in quella fase… e quando ieri mattina sono uscite le varie versioni italiane, lei era tornata in palestina presa da mille altre storie e con scarsa connessione, per cui chissa’ se e quando trovera’ il modo e il tempo di leggere e replicare in qualche modo ai moltissimi commenti (qui, su lastampa.it, ilpost.it, ecc.) dei lettori italiani, oltre a quelli inglesi anche piu’ numerosi su CJR…

    questo per chiarimento generale, thanks 😉

  21. alessandra quattrocchi scrive:

    Avevo letto il pezzo in inglese e lo trovo nell’originale italiano più toccante e più convincente. Mi stupisco davvero però che susciti tante accuse di supponenza. Mi stupisce e mi addolora anche.
    E’ chiaro, e l’autrice lo dice, che questo mestiere si fa per passione, perchè si è morsi dalla voglia di andare a vedere e poi di testimoniare. E’ una droga. Il problema è che ti pagano pochissimo PERCHE’ gli editori italiani ritengono che “la gente” non voglia capire ma solo essere imboccata di sangue splatter ecc. L’altro motivo – lo dico da giornalista che vive dentro una redazione e per anni ha dovuto pagare i corrispondenti a pezzo con le poche lire concesse dall’editore- è che la professione in Italia è purtroppo gestita da un Ordine che avvantaggia solo i lavoratori dipendenti sicché il freelance è considerato un cretino che non è riuscito a farsi assumere da nessuno. Questo provoca la corsa al ribasso dei prezzi, cosa che Francesca Borri segnala peraltro, parlando di “guerra fra proveri”, ma non è colpa dei “poveri”. Quanto all’invocazione finale, è una riflessione personale e non un’accusa di superficialità al resto del globo terracqueo.
    Ne esce, primo, che i freelance in Italia non sono amati; secondo, che in Italia diamo fuffa da mangiare ai lettori, e poi ci stupiamo che nessuno compri i giornali. Vecchia storia ma sempre attuale.

  22. marta scrive:

    Riguardo l’articolo in sé, dal punto di vista dell’analisi della forma e del contenuto: penso sia stato scritto di pancia, e da un lato lo comprendo, data la situazione specifica in cui la giornalista si trovava; dall’altro ritengo legittime (poi certo condivisibili o meno) le critiche che ho trovato sul web sullo stile, e l’autoreferenzialità o narcisismo (anche se tuttavia, lei dichiara di scrivere in prima persona perchè vuole che i lettori siano lì con lei; e può esere interessante cone scelta, perchè rende i suoi racconti molto ‘visivi’ – poi a me personalmente Francesca piace abbastanza come scrittrice, anche se alcune cose mi sono piaciute molto e altre meno).

    In ogni modo, al di là delle diverse opinioni; credo che uno dei punti sui quali sarebbe importante riflettere, al di là dello stile, o della persona singola Francesca Borri, è l’apertura ad un dibattito sulle condizioni lavorative dei freelance; e provare in maniera collettiva a fare qualcosa al riguardo.
    Credo che iniziare a parlarne e denunciare sia la prima cosa e lei in questo ha il merito di averlo fatto pubblicamente – come altri che ne stanno parlando in questi giorni e in passato.

    Lei ha parlato pubblicamente di una solitudine nella quale si trovano molte persone, e questo è un passo per provare a cambiare una situazione.

    Una risposta al problema è provare a fare qualcosa in maniera collettiva.

    Inoltre, non penso che si possa incolpare un singolo perchè accetta dei lavori sottopagati: perchè se si prova a fare un lavoro (quello del giornalista) e ci si crede, a volte si accettano anche proposte di lavoro sottopagate, se è l’unica chance che si ha di lavorare.
    Poi certamente bisogna lavorarci su: cercare (quando è possibile) di non accettare lavori sotto pagati è un passo; che però non si può fare da soli: altrimenti si rimane tagliati fuori.
    Lo si può fare con una battaglia collettiva, responsabilizzando e sensibilizzando gli editori su queste tematiche, e facendo rete e sindacato tra i freelance cercando di cambiare queste logiche.
    Battaglia certamente lunga e difficile in italia, dove c’è poca solidarietà tra le persone, ma ci si deve provare.

  23. Giorgio Dellepiane Garabello scrive:

    Non mi interessa se Francesca Borri sia supponente, ottimista, introversa, pessimista, privilegiata, d’umili o men che nobili origini…
    mi ha fatto fermare il pensiero su quel pozzo di sofferenza, così lo percepisco dalla mia verde collina (dove l’ADSL di Telecom funziona come in un paese bombardato, cioè va e viene), che dev’essere la Siria oggi.
    Mi sembra chiaro che a tutti il suo pezzo (da pochi dollari) faccia pensare e riflettere chi lo legge.
    Tanto basta, direi.
    P.S.: ho cercato su “minima&moralia” grazie alla segnalazione radio di Edoardo Camurri.
    La mia ex si chiama Annamaria Borri, ma non c’entra, o forse tutto c’entra.
    Buona strada a tutti.

  24. maria scrive:

    cara francesca gli occhi che ti si sono incollati addosso ti hanno obbligata ad andare a vedere di persona, non credo che la tua come quella di altri sia una scelta facile, anzi.Ho letto tutto d’un fiato il tuo scritto, poi anche i commenti e le opininioni che ha provocato.Io sono una persona “normale” di quelle che vorrebbero capire come stanno le cose veramente. Io penso che non dovremmo aver bisogno che una ragazza come te ci racconti gli orrori che sei “costretta” a vivere per capire come stanno le cose: la guerra è pazzia alla fine di essa nessuno è mai veramente vincitore. Crediamo di conoscere la guerra ,fa parte della vita di tutti i giorni,i nostri figli giocano giochi di guerra ,ammazzano virtualmente il nemico tutti i giorni,ma poi spengono il televisore e la normalità ritorna.Per te cara francesca non è così, ciò che vivi ti marchia l’anima, ma ricorda che anche tu sei viva.La follia che racconti,
    la disperazione delle tue parole per me sono il messaggio di chi vuole avvertire l’amico di un grande pericolo sottovalutato perchè sfumato nei suoi contorni da chi ha interesse che il “gioco” vada avanti. Credo che l’amore di cui tu parli sia davvero l’unico antidoto a ciò che ci sta succedendo. Credo che questo sia in fondo il cuore del tuo messaggio. grazie francesca.

  25. diana ragazzo scrive:

    Ho appena finito di leggere quanto francesca, da uno dei luoghi più disperati, ha scritto. Anch’io vorrei poter capire qualcosa di quanto avviene in Siria. A leggere i giornali o ad ascoltare la radio ricavo solo l’idea di morti, distruzione. Ma c’è qualche punto da cui partire per tentare un’analisi? Oltre alla constatazione del regime dispotico di Assad?
    Dei direttori di giornale che pagano 70 dollari – più o meno 53 euro – un pezzo scritto sotto i tiri dei mortai che si può dire? Sfruttatori di vite a rischio.

  26. Mariateresa scrive:

    Il punto che Francesca Borri mette in evidenza con molta chiarezza e lucidità è che i giornali sono in crisi, non i lettori: difatti sulla carta stampata il suo pezzo ha avuto finora poca se non nulla risonanza (personalmente non leggo più la Stampa e il Corriere della Sera da parecchio, quindi…), sul web c’è invece una marea di reazioni. Punto primo. Punto secondo: trovo molto brutto ma non me ne stupisco, avendo avuto a che fare con il giornalismo per decenni, che un pezzo della free lance sia firmato dall’inviato (di solito maschio, di solito superpagato, di solito vanitoso e narcisista, di solito con arie da Hemingway…) o che si dedichi un busto a Maria Grazia Cutuli post mortem mentre in vita non la si è assunta. Quanto agli sgambetti nella professione, beh, Borri lo sa benissimo che accade ovunque ma forse fra le giornaliste risultano più odiosi, proprio per l’idea (che molto spesso è appunto solo un ideale) che fra donne debba scattare quella sorellanza che forse (forse) scatta fra uomini…Adele Cambria raccontava poco tempo fa di un dispetto fattole da Oriana Fallaci che, quando erano entrambe a Monaco per aspettare la nascita della primogenita di Grace Kelly, le annunciò che era già nato un figlio, rischiando di farle prendere un granchio. Terza questione: il giornalismo di guerra. Io rinuncerei agli inviati di guerra, tutti: sia per un profondo pacifismo che m’impedisce di provare empatia per chi si fa guerra sia perché, dopo anni passati a leggere articoli d’inviati, ho capito qualcosa della situazione pakistana solo grazie a Henry Bernard Levy, della situazione jugoslava grazie ad Adriano Sofri, cioè mi pare che gli scrittori, proprio in quanto tali, abbiano più tempo e agio di descrivere meglio la situazione, mentre spesso il giornalista di guerra (per non parlare degli embedded, teleguidati dagli stati maggiori) non ha una visione d’insieme. E poi perché c’è il rischio, testimoniatomi da numerosi convegni sull’argomento, che ci sia più partecipazione nelle situazioni di guerra, si scateni vale a dire quella adrenalina che in fondo è il motivo per cui si sceglie di fare il giornalista; il masochismo che spinge a fare l’inviato in situazioni di pericolo viene ampiamente ricompensato dalla soddisfazione di poter dire “io c’ero”…questo è innegabile, ma succede anche per l’incidente d’auto, una branca particolarmente avvoltoia del giornalismo di nera che non muta di un ette la situazione tragica delle strade (altro che Oms). Allora, o ripensiamo il giornalismo in toto e io credo, perché ne sono convinta, che uomini ma ancor più donne (come nell’esercito) debbano boicottare i luoghi di guerra, o, come credo che accadrà, continuiamo così, continuiamo a farci del male perché, purtroppo, è nella natura umana. Quanto alla chiosa, beh, ricorda molto la poesia di Primo Levi, “Se questo è un uomo”…”Tu che torni a casa la sera e trovi la cena pronta” ecc.ecc…..il fatto è che quando si sta bene non si pensa a quando si sta male, basta entrare in un ospedale e avere la fortuna di uscirvene, basta scansare un rischio qualsiasi fuori dalla porta di casa e non c’è da fare moralismi…

  27. Mariateresa scrive:

    Aggiungo anche che della Grecia dei colonnelli ho capito molto da Oriana Fallici di “Un uomo”…Sia chiaro, io, per quel che vale, ho molta ammirazione per Francesca Borri: il suo pezzo mi è molto piaciuto, denuncia una situazione del giornalismo che non è di oggi e che forse va finalmente affrontata, mette sotto accusa quegli organismi internazionali tipo Onu fatti di molta fuffa e pochissima sostanza, descrive bene il caos che si scatena in guerra (questi posti lontani, l’Afghanistan, la Siria, sempre in tumulto) ma non vedo soluzioni, purtroppo la concorrenza spietata del prezzo (l’esercito di disoccupati, le migliaia di scuole di giornalismo che sfornano professionisti che non saranno mai assunti) ha proletarizzato di fatto una professione che con il web si è davvero democratizzata e Julian Assange l’ha mostrato per primo al mondo, non si torna indietro e per me è anche democratico tutto ciò…fermo restando che la Siria, non avendo petrolio, non interessando alle superpotenze (ma è meglio non moltiplicare i combattenti sul campo), continuerà così chissà per quanto ancora…

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Borri, freelance in Siria, prova a chiedere una riflessione sulla narrazione della guerra e, sopratutto, sul ruolo […]

  2. […] (in cui lavorano proprio Riotta e Bardazzi); c’è Valigia Blu di Arianna Ciccone; c’è Minima et Moralia di Cristian Raimo; su Il Post. Ecco che la miccia è accesa, dopo l’endorsemnet di importanti […]

  3. […] (in cui lavorano proprio Riotta e Bardazzi); c’è Valigia Blu di Arianna Ciccone; c’è Minima et Moralia di Cristian Raimo; su Il Post. Ecco che la miccia è accesa, dopo l’endorsemnet di importanti […]

  4. […] giorno fa il pezzo di Francesca Borri ha dato il via a un acceso dibattito in rete. Pubblichiamo un commento di Ilaria […]

  5. […] speranze di farle ricambiare il favore ospitandomi a Honolulu. – Un dibattito in rete nato da questo articolo della fotoreporter Francesca Borri mi ha scatenato altri mille pensieri, tutti più o meno […]



Aggiungi un commento