diaz

Il silenzio della politica sulle violenze di Genova

diaz

Ripubblichiamo un pezzo uscito su Internazionale, che ringraziamo.

Attribuendo la definizione di tortura alle violenze commesse dalla polizia nella scuola Diaz di Genova quattordici anni fa, la corte europea dei diritti umani è arrivata dove le istituzioni italiane non hanno avuto la forza, il coraggio, o semplicemente la decenza, di arrivare. Quel pestaggio sistematico e prolungato, contemporaneo all’irruzione della stessa polizia nel media center adiacente alla scuola dormitorio, e finito conl’interruzione della diretta di Radio Gap, fu inequivocabilmente un atto di tortura.

Quello che successe sabato 21 luglio 2001 alla Diaz e nella caserma di Bolzaneto fu gravissimo, ma le violenze commesse dalle forze di polizia cominciarono molto prima, già dal venerdì, facendo scattare – in risposta agli scontri provocati dai black bloc, del tutto estranei alle forze raccolte dal Genoa Social Forum – una risposta repressiva che coinvolse tutti.

Se non si allarga lo sguardo all’intera “gestione del disordine” di quei giorni non si può capire fino in fondo cos’è successo a Genova: una sospensione dello stato di diritto avvallato dai vertici della polizia, e quindi dallo stesso ministero dell’interno, e non un semplice colpo di testa dopo l’irruzione nella Diaz.

La Diaz è solo uno degli ultimi episodi di una lunga serie di violenze. Forse il più grave, ma non certo l’unico. Tanto che il momento più basso di quella notte, accanto ai pestaggi indiscriminati nei corridoi della scuola, è costituito dalle dichiarazioni ai giornalisti dell’allora capo ufficio stampa della polizia, Roberto Sgalla. Fu lui a giustificare l’assalto della polizia, agitando un inesistente pericolo eversivo e adducendo come prove “inequivocabili” il ritrovamento nella scuola di mazze e molotov, che poi si scoprirà essere state depositate lì ad arte dalla stessa polizia.

Genova è una ferita ancora aperta perché non è stata fatta sufficiente chiarezza sulla catena di comando di quella macchina repressiva (oltre che sul motivo per cui la macchina entrò in funzione da subito, fin dal venerdì mattina).

(continua a leggere su Internazionale)

Alessandro Leogrande è vicedirettore del mensile Lo straniero. Collabora con quotidiani e riviste e conduce trasmissioni per Radiotre. Per L’ancora del Mediterraneo ha pubblicato: Un mare nascosto (2000), Le male vite. Storie di contrabbando e di multinazionali (2003; ripubblicato da Fandango nel 2010), Nel paese dei viceré. L’Italia tra pace e guerra (2006). Nel 2008 esce per Strade Blu Mondadori Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del Sud (Premio Napoli-Libro dell’anno, Premio Sandro Onofri, Premio Omegna, Premio Biblioteche di Roma). Il suo ultimo libro è Il naufragio. Morte nel Mediterraneo (Feltrinelli), con cui ha vinto il Premio Ryszard Kapuściński e il Premio Paolo Volponi. Per minimum fax ha curato l’antologia di racconti sul calcio Ogni maledetta domenica (2010).
Commenti
Un commento a “Il silenzio della politica sulle violenze di Genova”
Trackback
Leggi commenti...
  1. […] ho appena letto sul blog di minimaEmoralia che l’agente che mentì sostenendo di essere stato accoltellato da un no-global (quale […]



Aggiungi un commento