Io-bamboccione-mio-malgrado_h_partb

La cospirazione dei bamboccioni

di Angelo Orlando Meloni

Lo sport preferito dagli italiani, si sa, è il calcio, sebbene per lo meno da queste parti, cioè in Sicilia, lo sport nazionale sembra essere stato insidiato dal poker on line. Ma se lo sport nazionale dell’italiano medio è il calcio, lo sport nazionale del giornalista medio è la caccia al bamboccione. Ci sono giornalisti che se ne vanno in giro con i loro scalpi. Altri che dalla pelle levigata del bamboccione ricavano pellicce e soprabiti. Altri ancora che li fanno impagliare e li mettono in salotto. Che volete farci, il giornalista medio è fatto così. Buono e caro, fosse per lui non darebbe fastidio a una mosca. Vivi e lascia vivere è il suo motto. Ma quando vede un bamboccione gli cala la saracinesca sugli occhi. “Tutto scorre”, è solito sentenziare, ma quando sente odor di bamboccioni il giornalista medio flette i muscoli e si getta nel vuoto.

Ricordare la favola dei fornai disperati e dimenticati? C’era una volta un fornaio buono che voleva dare ai suoi apprendisti una paghetta di duemila euro al mese netti, ma gli apprendisti erano cattivi e svogliati, e non volevano lavorare. E così il fornaio buono è rimasto solo soletto nel suo forno, a tirare fuori michette, scolli, sfilatini e rosette intrisi di lacrime, ed è ancora lì che si dispera in attesa del suo apprendista azzurro. Ma siamo così sicuri che a fronte di stipendi medi da fame, e con un’intera generazione ridotta alla canna del gas, ci siano stati tutti questi bamboccioni che rifiutavano duemila (!) euro netti al mese pur di continuare a vivere con mammà, senza una lira e con le pezze al culo? Pensate davvero che sia credibile? Da quando in qua il giornalista medio crede alle scie chimiche, al presunto morbo di morgellons o-come-si-chiama, ai complotti pluto-alieno-sion-bancario-farmaceutici?

E se non crede alle scie chimiche, se non crede ai rettiliani, se non crede che con il bicarbonato possiamo guarire i malati terminali, se non crede che con i vaccini spuntano le ali e se non ci crede perché la deontologia professionale e il metodo scientifico gli impongono di verificare le notizie e le fonti, qualcuno saprebbe spiegare perché il giornalista medio ha creduto a quest’insultante enormità? Eppure così è stato, come recitava per esempio un articolo uscito su La Stampa. Manco a dirlo, la notizia si è poi rivelata sostanzialmente falsa, ma la tentazione di dare addosso ai bamboccioni è stata più forte della verità. Il giornalista medio sembra convinto che esista una specie di cospirazione dei bamboccioni. In qualche modo ha scambiato la conseguenza per la causa e non sembra essersi mai chiesto che se un sacco di gente continua a vivere con i genitori il motivo forse andrebbe cercato nei miseri stipendi che i megadirettori da qualche anno in qua hanno elargito ai cari sottoposti. Ma è inutile chiamare in causa il rasoio di Occam, mi sa. Qualcuno potrebbe pensare che questo Occam fosse un efferato terrorista con la barba lunga, un tagliagole, un sovversivo.

Così va il mondo. Non impariamo mai e le cose ricominciano sempre dall’inizio, come se a ogni ricambio generazionale dovessimo ripartire da capo. L’ultimo caso di cospirazione bambocciona finito sotto la graticola è recentissimo e riguarda la leggenda dell’Expo perduta e ritrovata. Ormai la conoscete tutti, penso: c’era una volta un’Expo che prometteva lavoro ma i giovani lo rifiutavano, perché i giovani sono il male e noi siamo il bene. Se volete saperne di più, su questa storia in gran parte falsa, su queste migliaia di bamboccioni che avrebbero rifiutato succose offerte di lavoro per coltivare il grande nulla nel quale sono soliti sguazzare, rimando a un articolo uscito su L’Espresso, che vi permetterà di ricostruire la faccenda di link in link. Fortuna vuole insomma che qualche giornalista ci sia ancora, in giro. Intendo qualche giornalista che prima di battere sui tasti e menare i bamboccioni per l’aia si rimbocca le maniche e si documenta. Ma la domanda è un’altra. La domanda è: cosa spinge fior di professionisti a sputare veleno contro un’intera generazione, il cui destino è stato sacrificato sull’altare del dio mercato nel nome delle magnifiche sorti del Grande Coatto Universale? Cosa vi hanno fatto i giovani, e pure i quarantenni, che giovani non sono? Perché li trattate come se fossero freelancer del nulla, veri apostoli del nichilismo?

Aldo Grasso, per esempio, in base a cosa ha dichiarato nel sito de Il Corriere della Sera di essere “un po’ sconcertato” quando gli hanno raccontato la leggenda dell’Expo? In base a cosa si è lanciato in una filippica contro i bamboccioni senza prima verificare la notizia? Non pensate che sia contraddittorio parlare di una “generazione che non è stata abituata al lavoro” e allo stesso tempo riferire notizie senza averle verificate? È questo l’esempio dato ai bamboccioni da parte della generazione che invece è stata abituata al lavoro? E soprattutto, perché tutto questo odio? Sono domande alle quali qualcuno prima o poi dovrà rispondere. Forse uno psicologo potrebbe aiutarci, o un epidemiologo, o un mago. Di certo non sarò io a farlo, non adesso almeno, perché mi aspettano gli amici al bar per la briscola. Ormai ho una certa età, sapete, e non vedo l’ora di lamentarmi davanti a un Fernet cantando la canzone dei bei vecchi tempi. Anche a me, in fondo, i giovani danno un sacco di fastidio. In verità non li sopporto, non li posso proprio vedere. Io ogni mattina ho il mal di schiena e loro no, si alzano dal letto e sono freschi come una rosa. Che tempi, amici, che tempi…

Commenti
7 Commenti a “La cospirazione dei bamboccioni”
  1. SoloUnaTraccia scrive:

    Alla domanda in coda può rispondere facilmente Freud.

    Per il resto, pezzo da applausi.

  2. |quasiscrive| scrive:

    Gran bell’articolo. Per chi come me è nato negli anni Ottanta, è una vera boccata d’aria fresca.

    Da intellettuale fascista quale mi sento (anche se chiedo scusa, trovandomi qui), vedo nella violenza una forza liberatrice.

    Questo per dire che fino a poco tempo fa ho sperato nell’esplosione di una guerra civile, fra garantiti
    e precari. Sarebbe orribile. Il sangue scorrerebbe a fiumi insieme a detriti di ossa e teste mozze. Ma sarebbe giusta.

  3. arcidiavolo scrive:

    Il motivo per il quale ci si diverte a sparare impunemente, senza alcuna decenza e con la più totale assenza di onestà intellettuale sui bamboccioni, credo sia contenuta nella tanto usata, abusata, diciamo pure stuprata locuzione “forti (direi fortissimi), con i deboli, deboli (direi arci/ultra debolissimi), con i forti”.
    Chiunque non abbia un lavoro ed io ahimé rientro in questa sfigatissima categoria, non ha alcuna dignità, non viene preso in considerazione da nessuno ed a parte i pochi diritti sanciti dalla costituzione, è vero scritto da qualche parte lì dentro, ci sarebbe pure il diritto al lavoro, ma lasciamo perdere, non facciamo troppo i pretenziosi, manteniamo un basso profilo altrimenti poi non vorrei che ci dessero dei choosy, è un povero sfigato, un derelitto, un pezzente che qualsiasi opinione abbia viene immediatamente silenziato e, nei migliori dei casi compatito. Un qualsiasi pennivendolo può dunque permettersi di riversargli addosso tutta la sua disonestà e le sue frustrazioni senza correre il minimo rischio di querele, polemiche e grane.
    Ah, però, a proposito dei choosy, mi permetto una piccola digressione, quella ministro della quale non ricordo il nome, detta anche Lady piangente, quella con la figlia not choosy at all, but “that was born with the silver spoon in the mouth”, che tradotto nella nostra spregevole lingua vuole dire pressappoco “con il culo nel burro”, mi si perdonino gli anglicismi, ma è arcinoto che quando si è dinnanzi a cotanti professoroni afflitti da poliglottismo, ma a mio modesto parere incapaci di ordinare un cappuccino in Canton Ticino senza l’interprete, il contagio è inevitabile. Orbene sì proprio ella, è notizia di pochi giorni fa, grazie alla sua geniale riforma del lavoro, ci è costata, ci costerà, la bellezza di cinque miliardi (dicasi cinque!) di euro. Ora, bisognerebbe domandare alla cara ministra, se sa con questa cifra quanti “bambocciusi”, avrebbero potuto campare in maniera almeno un poco decente o quanti corsi di formazione professionale avrebbero potuto essere finanziati.
    Per concludere, noi saremo anche degli irriducibili “bambocciusi”, ma voi, cari baroni dei miei stivali siete soltanto dei………………….
    p.s. Lascio licenza ad ogni “bambocciuso” che si rispetti e che legge, di riempire i puntini come meglio crede, ma mi raccomando assolutamente di evitare ingiurie, insulti e parolacce.

  4. SoloUnaTraccia scrive:

    @Arcidiavolo: per forza non trovi lavoro, non sei aggiornato (è ‘na battuta).

    Sono 12, i miliardi di euri causati dall’ennesima incompetenza ministeriale.

  5. arcidiavolo scrive:

    Caro Solo Una Traccia, se davvero è così allora non posso fare altro che chiedere umilmente venia a tutti e fare pubblica ammenda; evidentemente li avevo sottovalutati! Non ero consapevole fino in fondo della loro competenza…
    A questo punto, non posso fare altro che rassegnare le mie dimissioni da “bambocciuso”, chissà mai che per questo mio atto di impavido coraggio, possa essere rimborsato con quattordicimila euri al mese, ma comunque io mi accontenterei anche di un bel vitalizio, davvero non mi offenderei.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Orlando Meloni critica l’approccio di molti giornalisti: è più facile ed incontra maggior favore popolare montare un caso giornalistico dando contro ad […]

  2. […] (NOTA: quest’articolo è stato originariamente pubblicato su Minima&moralia.) […]



Aggiungi un commento