La formazione passa per la via del Fallimento

Il problema che contraddistingue il nostro tempo consiste nel come riuscire a preservare la funzione educativa propria del legame familiare di fronte a una crisi sempre più radicale e generalizzata del discorso educativo. Come vi può essere educazione – e dunque formazione – se l’imperativo che orienta il discorso sociale s’intona perversamente come un «Perché no?» che rende insensata ogni esperienza del limite? Come si può introdurre la funzione virtuosa del limite – funzione che assegna un senso possibile alla rinuncia e che rende possibile l’unione di Legge e desiderio – se tutto tende a sospingere verso l’apologia cinica del consumo e dell’appagamento senza differimenti? Come può il legame familiare non cedere sulla sua funzione educativa, sul suo essere il luogo elettivo della trasmissione del desiderio e della soggettivazione, se il discorso sociale dominante esalta l’aggiramento della castrazione come perno della nuova morale iperedonista? Come è possibile sostenere la funzione formatrice della rinuncia e del limite quando l’assenza o il declino dei riferimenti normativi all’Ideale finisce per rendere la rinuncia al godimento pulsionale immediato sempre più insensata?

La difficoltà in cui versa ogni discorso educativo è doppia: per un verso è difficoltà ad assumere con responsabilità la differenza generazionale introducendo il potere simbolico dell’interdizione. Per un altro è difficoltà a trasmettere il desiderio da una generazione all’altra; è difficoltà nel dare testimonianza di cosa significhi desiderare.

I compiti della funzione paterna

L’assenza di conflittualità come fattore imprescindibile della formazione è uno dei sintomi maggiori del legame familiare e del legame sociale ipermoderno. Il nuovo disagio della giovinezza non è più segnato dall’Edipo, non si produce dal conflitto tra le generazioni, dalla tragedia dell’usurpazione, dal carattere trasgressivo del desiderio che infrange la Legge. Il disagio della giovinezza prodotto dal discorso del capitalista è un disagio legato a un effetto di intasamento e di intossicazione generato dall’eccesso di godimento e dal declino della funzione simbolica della castrazione. La clinica dei cosiddetti nuovi sintomi mostra bene come il problema dell’attuale disagio della giovinezza non sia tanto quello del conflitto tra il programma della pulsione e quello della Civiltà, tra l’immaginazione del desiderio e il peso opprimente della realtà, tra le ragioni dei figli e quelle dei padri, ma di come accedere all’esperienza del desiderio.

Questa difficoltà di accesso al desiderio ha certamente a che fare, come abbiamo visto, con l’egemonia incontrastata del discorso del capitalista e con l’evaporazione del padre che da essa scaturisce. Ma ha anche molto a che fare con un’assenza di adulti, con una caduta della differenza generazionale e della responsabilità che essa comporta.

Una mia giovane paziente raccontava tutto il suo disagio (e il suo godimento inconscio) nel dover sostenere il padre che, separatosi dalla madre quando lei aveva solo 2 anni, esige di essere consolato ogni volta che le sue storie d’amore finiscono nel nulla. Un’altra giovane paziente bulimica che rubava nei supermercati mi parlava della difficoltà di trovare un argine simbolico sufficientemente solido in grado di frenare la sua corsa rovinosa del godimento. Il suo problema non era quello di raggiungere il godimento della trasgressione per la via dell’aggiramento clandestino della Legge, ma come poter risvegliare la Legge paterna dal suo sonno sconsiderato, di come poter essere vista rubare da qualcuno che avrebbe assunto finalmente la responsabilità di fermare la sua deriva pulsionale.

La crisi attuale dell’operatività dell’ordine simbolico coincide con la crisi del potere di interdizione, ma anche con la difficoltà della trasmissione del desiderio da una generazione all’altra, coincide con la capacità degli adulti di fornire una testimonianza su come si possa esistere senza voler suicidarsi o impazzire, sulla capacità di rendere questa esistenza degna di essere vissuta. È il doppio compitodella funzione paterna. Essere chiamati a introdurre un «No!» che sia davvero un «No!» (un mio paziente tossicomane si lamentava di non aver mai incontrato un «No!» di questo genere) e, al tempo stesso, saper incarnare un desiderio vitale e capace di realizzazione. Perché questo doppio compito è oggi così difficile da sostenere?

Il dono di una generazione all’altra

Soffermiamoci su almeno due grandi nuove angosce dei genitori di oggi. La prima è relativa all’esigenza di sentirsi amati dai loro figli. Questa esigenza è inedita e ribalta la dialettica del riconoscimento: non sono più i figli che domandano di essere riconosciuti dai loro genitori, ma sono i genitori che domandano di essere riconosciuti dai loro figli. In questo modo la dissimmetria generazionale viene ribaltata. Per risultare amabili è necessario dire sempre «Sì!», eliminare il disagio del conflitto, delegare le proprie responsabilità educative, avallare il carattere pseudodemocratico del dialogo. In questo modo si produce una collusività patogena tra questo «Sì!» perpetuo e il «Perché no?» perverso che ispira il discorso sociale dominante.

La clinica psicoanalitica mostra che senza l’esperienza del limite, l’esperienza stessa del desiderio viene fatalmente aspirata verso un godimento di morte. Lo abbiamo ripetuto più volte. Resta indispensabile che qualcuno – al di là delle differenze di genere e anche al di là del legame di sangue perché, come usava ripetere spesso l’ultimo Lacan, «qualunque cosa» può porre in esercizio la funzione paterna – si assuma il peso dell’atto di introdurre la castrazione simbolica. Considerando però che in questo atto di interdizione è già in gioco un movimento di donazione. Perché la Legge che il padre incarna, senza pensare mai di esaurirla nella sua persona, non si manifesta affatto come una pura negazione repressiva, ma come ciò che sa rendere possibile il desiderio. È il problema della trasmissione: una generazione deve donare all’altra, insieme al senso del limite, la possibilità dell’avvenire, il desiderio come fede nell’avvenire.

La seconda grande angoscia dei genitori di oggi è quella legata al principio di prestazione. Lo scacco, l’insuccesso, il fallimento dei propri figli sono sempre meno tollerati. Di fronte all’ostacolo la famiglia ipermoderna si mobilita, più o meno compattamente, per rimuoverlo senza dare il giusto tempo al figlio di farne esperienza. Le attese narcisistiche dei genitori rifiutano di misurarsi con questo limite attribuendo ai figli progetti di realizzazione obbligatoria. Ma, come ha scritto Sartre, se i genitori hanno dei progetti per i loro figli, i figli avranno immancabilmente dei destini… e quasi mai felici. Avere un figlio senza difetti, capace di prestazione, riflette le angosce narcisistiche dei genitori. Il fallimento della trasmissione può essere legato a un’esigenza di clonazione, di immedesimazione nel proprio discendente, di ripetizione dello stesso destino. Era ciò che accadeva nell’epoca edipica del disagio della giovinezza. Ma può accadere anche che esso si produca come effetto di un’assenza di atti simbolici, come accade nel tempo ipermoderno. In questo caso non avremo l’investitura fallica, la clonazione, il carattere sacro dell’identificazione – «Diventa come me!» – ma un’esigenza superegoica di efficienza. Non conta tanto la clonazione, ma la necessità di occultare ogni imperfezione. I genitori di oggi sono terrorizzati dalla possibilità che l’imperfezione possa perturbare l’apparizione del loro figlio come ideale. È un nuovo mito della nostra civiltà: dare ai figli tutto per poter essere amati; coltivare il loro essere come capace di prestazione per scongiurare l’esperienza del fallimento. Ne consegue che i nostri giovani non sopportano più lo scacco perché a non sopportarlo sono innanzitutto i loro genitori. Il principio di prestazione ipermoderno è un principio di affermazione dell’io. Ma siamo sicuri che il successo dell’io si accompagni alla soddisfazione?

Elogio del fallimento

La psicoanalisi non tesse affatto l’elogio della prestazione. Il lavoro dell’analisi è antagonista al narcisismo dell’apparizione, a quel successo dell’io che abbaglia e cattura i giovani di oggi. L’esperienza dell’analisi punta piuttosto a scorticare l’involucro narcisistico dell’immagine per porre il soggetto di fronte alla verità del proprio desiderio. Tutto nell’esperienza analitica mira a ridurre i falsi prestigi dell’io, come si esprimeva Lacan. La psicoanalisi non sostiene il culto ipermoderno della prestazione, ma tesse l’elogio del fallimento. Essa raccoglie i resti, i residui, le vite di scarto; lavora sulle cause e sulle vite perse. Per fare lo psicoanalista bisogna amare le cause perse… Ma cosa significa tessere un elogio del fallimento? Il fallimento non è solo insuccesso, sconfitta, sbandamento. O meglio, è tutto questo: insuccesso, sconfitta e sbandamento, ma è anche il suo rovescio. Il fallimento, secondo Lacan, è proprio del funzionamento dell’inconscio. La sua definizione di atto mancato è tutta un programma: un atto mancato è il solo atto riuscito possibile. Perché? Perché è un atto mancato per l’io, ma è riuscito per il soggetto dell’inconscio. Lo stesso accade in una sbadataggine o in un lapsus. Il fallimento è uno zoppicamento salutare dell’efficienza della prestazione. E, in questo senso, la giovinezza è il tempo del fallimento o, meglio, è il tempo dove il fallimento dovrebbe essere consentito. È quel tempo che esige il tempo del fallimento, dell’errore, dell’erranza, della perdita, della sconfitta, del ripensamento, del dubbio, dell’indecisione, delle decisioni sbagliate, degli entusiasmi che si dissolvono e si convertono in delusioni… del tradimento e dell’innamoramento…

Perdersi è necessario

I giovani sono esposti al fallimento perché la via autentica della formazione è la via del fallimento. Lo insegnava Hegel e lo insegnano i testi biblici, prima della psicoanalisi. È il fratello più giovane che, nella celebre parabola evangelica, chiede al padre la sua parte di eredità in anticipo per dissiparla nel godimento più ottuso. La formazione è erranza, discontinuità, incontro, rottura del familismo. C’è sempre nel cammino di una vita una caduta da cavallo, un incontro con la terra, un faccia a faccia con lo spigolo duro del reale. In questo senso i giovani sono più esposti alla malattia dell’inconscio. Perché ci sia incontro con la verità del desiderio è necessario smarrirsi, fallire, perdersi. Chi non si è mai perduto non sa cosa sia ritrovarsi… Ecco perché Lacan diceva di contare solo su di loro, sui giovani, e su di essi poneva la sua speranza per l’avvenire della psicoanalisi. I giovani sanno perdersi come nessun altro… Sanno perdersi e ritrovarsi… Ma è fondamentale la presenza degli adulti perché questo avvenga. Sono necessari una casa, un legame, un’appartenenza perché l’erranza dia i suoi frutti. È necessario che i genitori sappiano tollerare le angosce di questo andirivieni.

Il nostro elogio del fallimento sovverte drasticamente l’illusione del discorso del capitalista: «il fallito è l’oggetto», afferma Lacan. Questo significa che l’oggetto non si presenta come ciò che può colmare la «mancanza a essere» che abita il soggetto, ma che l’incontro con l’oggetto è strutturalmente marcato da una condizione fallimentare. L’oggetto è sempre fallito, è sempre insoddisfacente, è sempre un vuoto, una lacuna. La pulsione non si chiude su di esso, ma deve farne il giro. L’oggetto è fallito perché non è mai raggiunto, perché si raggiunge solo la sua ombra. È questo il fondamento della teoria lacaniana dell’inesistenza del rapporto sessuale. L’essere umano è condannato a fronteggiare il sesso senza possedere la chiave per decifrarne il mistero. Se nel mondo animale questa chiave è inscritta biologicamente, determinata geneticamente, valida universalmente, per l’essere umano non c’è alcuna natura che la regoli.

Una nuova forma di schiavitù

Cosa è il disagio della giovinezza nella civiltà dominata dal discorso del capitalista e dalla sua «libertà immaginaria», dalla libertà del godimento che in realtà è una manifestazione del Super-io, ovvero dell’istanza che nega ogni forma possibile di libertà, che rende schiavi? Questa libertà non è il lievito del desiderio, per usare un’immagine evangelica, ma una nuova forma di schiavitù che rigetta ogni forma di responsabilità.

Il discorso della psicoanalisi è antagonista a quello del capitalista perché la psicoanalisi denuncia l’oggetto come fallito, mentre il discorso del capitalista ne sostiene il potere feticistico, idolatrico, anche se astutamente ne sfrutta l’inconsistenza. Schierarsi dalla parte del fallimento dell’oggetto, del fallimento del rapporto sessuale, del fallimento proprio del soggetto dell’inconscio, è la sola possibilità per provare a far sorgere di nuovo il desiderio e la sua Legge.

Massimo Recalcati (1959) è uno psicoanalista lacaniano. Da anni affianca alla pratica clinica la scrittura: oltre a collaborare regolarmente con Il manifesto e la Repubblica, ha pubblicato numerosi saggi, fra cui Il complesso di Telemaco (Feltrinelli), Cosa resta del padre?, L’uomo senza inconscio e Jacques Lacan. Desiderio, godimento e soggettivazione (Raffaello Cortina). A maggio 2013 è uscito per minimum fax il libro-intervista Patria senza padri. Psicopatologia della politica italiana a cura di Christian Raimo.
Commenti
13 Commenti a “La formazione passa per la via del Fallimento”
  1. Cristina scrive:

    Complimenti per l’analisi…lucidissima, quasi iperrealista!

  2. L’imperativo al godimento e l’illusoria possibilità di poter saturare il desiderio sono due pilastri che reggono la struttura del bio-capitalismo (come lei ha, tra le righe, sempre sottolineato).
    La tragedia, in tale declinazione mortifera di un certo ordine discorsivo, è la perdita del senso, cioè della struttura di mediazione tra il singolo e il “di-fuori”.
    Quest’ultimo è, oggi, assunto quale dato di fatto. Il soggetto, psicoticamente, vive l’im-mediatezza di una condizione im-possibile:il contatto privo di filtri con la vacuità (reale lacaniano?).
    Il declino della funzione limite e l’imperativo superegoico al godimento sono le condizioni per lo smacco della funzione semantica e per la riduzione del soggetto a macchina pseudo-istintuale. A differenza degli animali, però, noi siamo in quanto esseri di linguaggio, nessun fuori esiste al di là di quello costruito in questa relazione., ci è quindi ontologicamente precluso il contatto non-mediato con l’Altro.
    Mi spiego.
    La crisi della capacità di simbolizzazione è, secondo me, la vera tragedia di un soggetto incapace di rendersi conto di essere un “soggetto del linguaggio” e che, quindi, vive mondi mediati, frutto della propria relazione fantasmatica. IL desiderio, quale ecceità singolare che ci costituisce, è assente perchè imploso, letteralmente frantumato in molteplici rivoli che non è più possibile integrare. Il desiderio è irrangiugibile, perchè è venuta meno la capacità del soggetto di auto-riconoscersi in quanto singolarità.
    Un percorso ascetico di ri-scoperta della nostra ecceità mi sembra indispensabile.
    Ho espresso qualche breve nota sull’argomento qui:
    http://haecceitasweb.com/2011/03/14/brevi-considerazioni-sulla-odierna-condizione-umana-seguite-da-un-confronto-tra-m-recalcati-e-g-de-rita/

  3. cinzia scrive:

    L’analisi effettuata è molto interessante e significativa di una involuzione-degenerazione (sottolineo dal mio punto di vista) della cellula famiglia. Al di là delle ineccepibili spiegazioni, mi soffermo a valutare la metamoforfosi dei ruoli nel nucleo familiare che, a mio avviso, hanno determinato in misura catastrofica la distruzione della famiglia intesa come insieme di persone coeso e ambiente generatore di protezione. Oggi, direi più luogo di incontro di individualità unite biologicamente. Ritengo che il problema principale sia da ricondurre prioritariamente alla posizione assunta dalla donna nella gestione dei compiti e delle responsabilità nei confronti, ovviamente, dei figli, ma anche, e non meno importante, verso il marito. Tutto ciò che è stato rilevato nell’articolo è diretta conseguenza dello smarrimento del ruolo di madre e centro del focolare domestico (casalinga può risultare offensivo?!?!) da parte della donna. Trovo che non vi sia nulla di dequalificante che una donna, che spontaneamente abbia deciso di crearsi una famiglia, si occupi esclusivamente della casa, della prole e del marito. Quest’ultimo, tra parentesi, mi sembra sempre più dimenticato da una donna che annaspa dietro a mille attività arrancando sfinita al fine settimana, parcheggiando i figli dai nonni o affidandoli alla baby sitter, a cui va metà dello stipendio, se non di più, e che addirittura è costretto ad occuparsi egli stesso della casa ( in parte per sopravvivenza, in larga parte per non sentire i rimbrotti isterici di una moglie che dimentica quali sono le sue principali responsabilità e mansioni). Ecco allora il “SI” che offrono ai propri figli per discolparsi di una assenza che è giustificata perchè generalizzata. E allora come ci si può chiedere che i figli capiscano cosa vuol dire desiderio quando oggi si è perso il significato di desiderare a tutti i livelli. Quando ero bambina io, e ho solo 37 anni, il desiderio era qualcosa di grande, di insopprimibile, lo respiravi quotidianamente, e il senso castrante dell’educazione effettivamente lo rafforzava e lo portava a livelli di immaginazione costruita consapevolmente. Ritengo che oggi non ci sia capacità comunicativa perchè la superfcialità e la fretta sminuisce di valore qualsiasi cosa e ogni relazione interpersonale. Mancano i punti di riferimento, e se non si trovano nell’ambiente dove si è cresciuti non ci si può aspettare che le risposte si trovino altrove. Vedo intorno a me adolescenti che definisco “autistici” nel senso di estraniati dal contesto in cui si trovano, dal vero senso della vita, della realtà. Di cose da dire ce ne sarebbero molte, nonchè esempi eclatanti da raccontare, ma mi fermo qui, scusandomi di aver portato il discorso ad un livello più empirico. Auspico che in un futuro prossimo possa esserci una inversione di tendenza per cui si riscopra il valore della famiglia e la donna possa tornare a una dimensione più naturale e più in sintonia con il proprio primario ruolo di femmina e madre.

  4. Lina scrive:

    “La formazione passa per la via della possibilità di simbolizzazione, della sperimentazione del fallimento e del limite”.
    L’esaltazione di una condizione perfetta di felicità e autosufficienza è tipica delle tendenze edoniste e superficiali del nostro tempo, che non intendono, di proposito, offrire impalcature solide di riferimento-contenimento, né possibilità di scoperta autonome e critiche. La funzione paterna è una funzione simbolica, espletata da figure simboliche appunto, tra cui un padre reale, consapevole e libero di fronte ai tentativi di condizionamento di una società che si regge su pseudo-ideali. La figura della donna emancipata e libera costituisce a sua volta, la funzione esemplare di un’educazione rispettosa delle differenze, in presenza di una figura maschile, che sa e deve, costruirsi un’identità altra, al di fuori dei significati di potere e sicurezza, basata sul controllo dell’altro. Tale possibilità, viene d’altronde ostacolata, dalle stesse impalcature di una società votata al servizio del capitale, e dunque, che si regge su quegli stessi fattori di controllo e manipolazione dell’altro.

  5. irene palazzo scrive:

    mi sembra interessante ciò che ne pensa il dott. G Contri, consiglio di leggere

  6. Franco Cilli scrive:

    Non ce l’ho con Recalcati che per quanto mi consta è una brava persona, ma i suoi discorsi mi danno la nausea. A parte la sua capacità di riflettere sulla realtà(la sua), quali sono le argomentazioni scientifiche a sostegno delle sue tesi? Elucubrazioni e basta, roba vecchia, figlia di una cultura idealistica che costruisce il mondo a misura delle ridotte capacità mentali del soggetto parlante. Non c’è nessuna argomentazione che si possa opporre a quella di Recalcati, semplicemnte perché lui non dice assolutamente nulla. E’ il lacanismo bellezza.

  7. Yunghi scrive:

    Please remove this image from war in Kosevo. you do not have right to use this image. It’s my work. read this to understand usage of images on the internet. http://www.blogher.com/bloggers-beware-you-can-get-sued-using-photos-your-blog-my-story?page=full

  8. Massimo Rossi scrive:

    Il richiamo al rispetto per il limite da insegnare da un padre a un figlio è preparazione al rispetto delle regole, in tutta la vita, per poter essere liberi.
    Norberto Bobbio (che preferiva il governo delle leggi rispetto al governo degli uomini) ricordava Cicerone che scriveva nel Pro Cluentio: “Omnes legum servi sumus uti liberi esse possumus”

  9. Más seguro. Pero todo con tal de salvar a Sacha.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] La formazione passa per la via del Fallimento, di Massimo […]

  2. […] da leggere: “La formazione passa per la via del Fallimento”, articolo di Massimo Recalcati, uno degli psicanalisti lacaniani più noti in […]

  3. […] M. Recalcati, La formazione passa per la via del fallimento, http://www.minimaetmoralia.it/wp/la-formazione-passa-per-la-via-del-fallimento/ […]



Aggiungi un commento