1431074366_gattiniconsalvini2

La guerra civile degli italiani on line che la politica sfrutta senza pietà

Questo pezzo è uscito su “La Repubblica”, che ringraziamo

di Nicola Lagioia

Una guerra civile incruenta per tutto ciò che non riguarda i nervi, il tempo perso e l’avvelenamento del clima emotivo sta incendiando l’Italia. È la rissa che i sostenitori delle opposte fazioni politiche ingaggiano ogni giorno sui social network. Non mi riferisco a chi siede in parlamento o ai professionisti dell’informazione. Sono i comuni cittadini, questa volta, a darsele di santa ragione. Vale tutto: insulti, linciaggi, accuse, colpi bassi, emoticon scagliati come pietre, inviti al suicidio rituale. Lo spettacolo è desolante, non solo per il linguaggio utilizzato. Più che altro è triste vedere gli italiani lasciarsi sfruttare così dalla politica.

Tra i modi con cui il potere vampirizza i cittadini c’è la capacità di scaricargli addosso dei compiti che sarebbe suo dovere assolvere, o anche solo delle incombenze ingrate. Ad esempio, il lato più becero dello scontro politico. La Seconda Repubblica è stata celebre anche per le risse nel corso delle quali in televisione (o in parlamento) esplodevano insulti impossibili ai tempi della Democrazia Cristiana. Non era esaltante vedere un onorevole comportarsi come un ultras, ma quella era diventata la parte meno nobile di una professione in cui l’aggressione scomposta pagava più di un normale ragionamento. Oggi il lavoro sporco è affidato ai cittadini, i quali lo eseguono a titolo gratuito, con una diligenza che rasenta l’entusiasmo.

Da una parte il consenso politico – a causa delle regole che il dibattito pubblico si è dato e da cui ora fatica a svincolarsi – ha bisogno di un nemico contro cui scagliare senza pace insulti e accuse farneticanti. Dall’altra, non è detto che ai membri di un partito convenga usare sempre apertamente quei metodi. In certe fasi, lasciano che a farlo siano gli elettori sui social.

Se un deputato dichiara di non essere razzista ma i suoi post scatenano centinaia di messaggi xenofobi e migliaia di aggressioni telematiche in difesa della razza, un problema dovrebbe porselo. A meno che appaltare la violenza fuori dal parlamento (perché ci rientri in forma di consenso) sia il vero fine di quei post. Ma come si spinge la gente a diventare violenta al posto nostro? Come possono due pugili che si sfidano per il titolo portare il pubblico del palazzetto a riempirsi di botte intascando la borsa per interposti picchiatori? Risposta: convincendoli che non si stanno scontrando tra pari. Il trucco consiste nel fare in modo che dei comuni cittadini attacchino altri comuni cittadini come un tempo sognavano di fare con i politici che odiavano. In questo scambio rituale si nasconde la trappola tesa dal potere alle sue vittime, che sono anche i suoi tifosi.

Assistiamo così al paradosso folle per cui su Facebook un onesto elettore della Lega che paga le tasse e fatica ad arrivare a fine mese può attaccare sui migranti un onesto elettore del PD che paga le tasse e fatica ad arrivare a fine mese come se si trovasse di fronte George Soros in persona; e al tempo stesso quell’elettore del PD può aggredire qull’elettore della Lega come se una parte dei cinquanta milioni di euro di rimborsi elettorali svaniti nel nulla se li fosse intascati il suo interlocutore telematico.

Per la democrazia contemplare un avversario non è una possibilità ma la conditio sine qua non. Peccato che il peggior potere non abbia bisogno oggi di avversari cui riconoscere dignità, bensì di gladiatori-elettori da far scannare in nome di un nemico che ogni disgraziato armato di elmo e di spadone vede incarnato nel suo omologo.

Più ci si tratta da nemici tra comuni cittadini, tuttavia, meno si sarà disposti a sottoporre a verifica le proprie convinzioni. E chi, se non i fanatici, cessano di sottoporre a verifica le proprie idee? Con l’aggravante che se la persona in nome della quale non sei più disposto a cambiare idea è un leader politico, ti trasformi nel suo servo senza rendertene conto. Uno scontro brutale tra servi di diversi padroni: è lo spettacolo cui assistiamo, e da cui rischiamo di farci contagiare.

Ma trasformarsi in hater non paga mai. L’istigazione alla violenza conviene ai politici che la fomentano, mentre l’odio della gente comune danneggia chi lo pratica. L’hater sui social lo riconosci di solito per l’incredibile sproporzione tra numero di messaggi prodotti (a volte centinaia di migliaia) e i follower (pochissimi). Peccato che i messaggi pieni di odio non siano convertibili in bitcoin, non servano a trovare lavoro, non creino integrazione sociale, non migliorino il futuro dei propri figli. Cosa succederà quando, dopo aver scagliato un altro milione di tweet violenti, quell’esercito di gladiatori si ritroverà con gli stessi problemi di prima, e, guardando verso l’alto, riconoscerà, circonfuso di luce, il leader di cui ha determinato il successo combattendo al suo posto nel fango?

Hater, ultras, gladiatore, servo telematico: è lui la vittima del nuovo sistema di potere, e – per quanto complicato da affrontare – il nostro vero prossimo.

 

Nicola Lagioia (Bari 1973), ha pubblicato i romanzi Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj (senza risparmiare se stessi) (vincitore Premio lo Straniero), Occidente per principianti (vincitore premio Scanno, finalista premio Napoli), Riportando tutto a casa (vincitore premio Viareggio-Rčpaci, vincitore premio Vittorini, vincitore premio Volponi, vincitore premio SIAE-Sindacato scrittori) e La ferocia (vincitore del Premio Mondello e del Premio Strega 2015). È una delle voci di Pagina 3, la rassegna stampa culturale di Radio3. Nel 2016 è stato nominato direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino.

I commenti sono chiusi.