L'immagine sopra è di Gabriele Frongia

La sinistra non ha bisogno di un leader ma di un popolo

di Christian Raimo

E così si terranno a Roma, in pratica in contemporanea, due incontri annunciati come decisivi – almeno a breve termine – per la politica di sinistra in Italia. Da una parte l’assemblea nazionale del Pd che dovrebbe trovare un bandolo nella matassa di fili elettrici con quale ha rischiato di rimanere fulminata negli ultimi due mesi (un percorso di seppuku composto da elezioni nonvinte – débâcle Marini-Prodi – governo di larghe intese) e la prima uscita di quel cantiere di cui un Vendola, orfano dell’alleanza col Pd, ha invocato la necessità, battezzandolo “La cosa giusta”.

C’è per fortuna un certo strano fermento a sinistra, soprattutto tra quei milioni di persone che hanno pensato, come dire, di votare per un programma di cambiamento e si ritrovano con Capezzone e La Russa alleati di governo: c’era quasi da sperare in una sconfitta. È vero che questo fermento alle volte sembra un tremolio di un agonizzante tenuto in vita dai farmaci, ma per altri versi è vero che non si può non rendere merito a quel minimo ottimismo della volontà che porta persone quali Stefano Rodotà, per esempio, o Fabrizio Barca, o Pippo Civati o Walter Tocci o Laura Puppato o varie teste pensanti di Sel, in queste settimane, a tenere il punto sulla possibilità di uno schieramento alternativo a questo Pd diventato senza colpo ferire quell’idea di partito dove all’improvviso un Francesco Boccia è un portavoce rappresentativo.

Vari di questi ottimisti li ho incontrati qualche giorno fa alla sede della casa editrice Laterza, che aveva organizzato (come spesso e meritoriamente fa) un seminario a partire dal famoso documento di Barca, Un partito nuovo per il buon governo, e dal libro di Pietro Ignazi, Forza senza legittimità, ispiratore ideale a detta di Barca di quello stesso documento. È stata una discussione lunga (ore 17-20) articolata, interessante. Si sono di fatto condivise molte delle analisi di Barca che ha trovato in questa formula – “partito palestra” – la concezione di un partito non autoreferenziale (spaccato tra correnti etc…), non parassitario nei confronti della macchina statale (anzi addirittura “sfidante”) e capace di fare tesoro della vitalità della politica dal basso (dal terzo settore a gli amministratori locali…).

La formula sintetica per questa trasformazione Barca l’ha definita più volte nel corso del suo intervento “mobilitazione cognitiva”, termine che nel suo documento spiega così: «La mobilitazione cognitiva come superamento della tensione fra tecnocrazia e democrazia. La mobilitazione cognitiva, realizzata sulla base dei convincimenti generali che caratterizzano la “cultura” del partito, si articola in due fasi. Consiste prima di tutto nel raccogliere, confrontare, selezionare, aggregare e talora produrre conoscenza sul “che fare” dell’azione di governo attraverso un confronto pubblico, informato, acceso, aperto e ragionevole, nei luoghi del territorio, fra iscritti, simpatizzanti e “altri” singoli o membri di associazioni, genuinamente indipendenti».

L’idea di politica che si evidenzia dal documento di Barca, come dalla sua introduzione al seminario Laterza, è quella di trovare finalmente un metodo per poter rinnovare un processo democratico interrotto, per affrontare insomma insieme la questione della governance e quella del deficit di rappresentanza. E quest’ultima ben ce la abbiamo presente come piaga assoluta della vita politica italiana della Seconda Repubblica, dominata da partiti azienda, governi tecnici, leaderismi, leggi elettorali emetiche. In questo senso le parole di Barca sembrano convincenti. Lo sono, anzi. Ma – come lui stesso lamentava – lo sembrano e lo sono nel metodo, meno nel merito. E questo per due ragioni che provo a spiegare. La prima è che accanto alla gigantesca questione del deficit di rappresentanza, c’è un’altra ineludibile questione politica, che è quella del deficit di uguaglianza. O meglio della mancata percezione di questo deficit. In modo per me incredibile da anni chi fa politica a sinistra non coglie più l’uguaglianza come un valore prioritario, imprescindibile, e al tempo stesso non sa riconoscere le sperequazioni sociali.

Quella grande immagine evocata da Marx nel Manifesto del partito comunista di una storia dominata dalla polarità tra oppressori e oppressi, oggi sembra un mosaico antico da non spolverare se non in qualche occasione nostalgica, un testo storico da interpretare assolutamente inutilizzato come chiave del presente. La differenza tra classi, pare, non sia più un problema perché non viene percepita. E se non c’è coscienza di classe, figuriamoci come possiamo pensare che ci sia lotta, conflitto, in nome di un principio di uguaglianza.
Questa parola “uguaglianza” ricorre solo una volta e mezzo nel documento di Barca, alla fine – nelle chiose – come a chiarire in cauda che è vero sì tutta questa necessità di trasformazione della struttura del partito certo va urgentemente compiuta proprio perché la crisi ha accentuato le disuguaglianze, ma che questa constatazione non è vissuta con l’urgenza di chi sta dalla parte delle vittime, evidentemente.

La sensazione di una disuguaglianza di classe feroce invece è schiacciante per chiunque viva in Italia, mistificata nel frame di asimmetrie (la questione generazionale, casta contro cittadini, precari contro tutelati, centro contro periferia, Nord/Sud…) che nascondono (mimano al massimo) la questione di analisi di classe e la rendono in definitiva assente.
[Faccio un esempio magari demenziale, ma a me utile: quando voglio capire dov’è questa benedetta linea che separa una classe dall’altra, la penso così: c’è una parte di italiani che va dal dentista e una parte che non può permetterselo: guardo le persone che mi stanno intorno e capisco con chi ho a che fare].

E soprattutto questa opacizzazione, questa sparizione della rappresentazione della società come divisa in classi, se ci pensiamo, è il vero “discorso di destra”: tanto per il berlusconismo che pensa l’Italia fondamentalmente come una società che si regge sul collante dell’abusivismo, di un reaganismo in formato paesanissimo, tanto per il grillismo. Anche Grillo, notiamolo, non può fare a meno di riconoscere un mondo diviso davanti ai suoi occhi, ma avendo buttato a mare qualunque capacità di analisi marxista, evoca come soluzione un feticcio del valore dell’uguaglianza: quell’uno vale uno, che sembra uno slogan orwelliano uscito male. Eppure quanta cattiva efficacia.

Del resto che il Movimento Cinque Stelle abbia incarnato in questo passaggio, consapevolmente o meno, la sordina alla rivolta sociale, è un’idea che hanno espresso in maniera articolata e persuasiva i Wu Ming un paio di mesi orsono (leggi). A rileggerlo alla luce della situazione non immediatamente post-elettorale, quel post sembra una profezia avveratasi troppo in fretta e troppo bene. (Debitore dell’analisi di Wu Ming l’altra sera alla Laterza era anche il senatore della sinistra Pd Tocci, che malinconicamente alzava le braccia, come avvinto malgré soi dal pessimismo della ragione). È così insomma per raggranellare il consenso di un quarto del Paese, il Movimento Cinque Stelle si è inventato questi due feticci: quell’uno-vale-uno come feticcio che evoca l’uguaglianza, e la Rete (con le sue parlamentarie e le sue quirinarie) come feticcio che evoca la rappresentanza. Il risultato è che oggi di queste due questioni politiche urgentissime ne abbiamo delle versioni parodiche.

In più in Italia è avvenuto un altro processo, innavertito e singolare. Ci pensavo qualche giorno fa leggendo un anomalissimo articolo di Žižek (uscito in inglese sul New Statesman, tradotto in italiano da Internazionale, consultabile qui: http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2013/4/18/32814-il-semplice-coraggio-della-scelta-un-tributo-da-sinistra/). Il filosofo sloveno faceva un paradossale peana alla Thatcher perché aveva saputo incarnare le doti di un Comandante: «Dopo che gli specialisti (economisti ed esperti militari, psicologi, meteorologi) propongono le loro analisi, qualcuno deve assumersi la responsabilità più semplice e proprio per questa ragione più difficile, quella di convertire questa complessa moltitudine in un semplice sì o no». Abbozzando un bilancio della stagioni di movimenti del 2011-12 (dalle primavere arabe a Occupy), Žižek finiva con l’invocare – dopo questi mesi di rivoluzioni, partecipazione dal basso, democrazia diretta – «l’avvento di una Thatcher della sinistra: un leader che ripeta i comportamenti della Thatcher nella direzione opposta, trasformando l’intero campo di presupposti condivisi dall’elite politica odierna di tutti i principali orientamenti». Non capisco se è un mito che ho poco adorato, ma sotto mentite spoglie ecco riemergere l’ennesima versione di un partito leninista ancora più ristretto. Perché, mi chiedevo, Žižek dopo essere stato uno dei teorici di riferimento di questi anni di rivoluzioni e mobilitazioni adesso chiede questo redde rationem? Cosa solo spinge a quest’accelerazione autoritaria?

Una domanda simile me la facevo l’altro giorno leggendo del dibattito interno al Pd, perché un simile anelito mi sembrava sia oggi espresso da molti: la mania che si trovi il prima possibile una leadership convincente. Qualunque, pure Letta e il suo governo acchiappachiunque, pure Renzi con le sue comparsate da Maria De Filippi, pure Renzi più giovani turchi, pure Barca in connessione chimerica con Renzi, o Barca da solo… Santo cielo, è un desiderio rispettabile certo, verrebbe da dire se si fosse d’accordo con Žižek, ma se almeno in Italia ci fosse stata una rivoluzione. Però: se persino i referendum sull’acqua e il nucleare pare abbiano avuto la gloria effimera di una hit dell’estate per una parte consistente (tutta? quasi tutta?) della sinistra parlamentare, se le persino quel pallido tentativo di partecipazione democratica delle primarie ha rappresentato un rito del tutto sterile, perché oggi dobbiamo evocare una leadership? Che cosa dovrebbe canalizzare questa leadership? Il vuoto?

Questo che chiamerei “leninismo senza rivoluzione” oscura a sua volta due dei problemi decisivi che rimangono irrisolti per un partito di sinistra che voglia avere un futuro…

Continua a leggere su Linkiesta.

[L’immagine d’apertura è di Gabriele Frongia, che ringraziamo per la disponibilità]

Christian Raimo (1975) è nato a Roma, dove vive e insegna. Ha pubblicato per minimum fax le raccolte di racconti Latte (2001), Dov’eri tu quando le stelle del mattino gioivano in coro? (2004) e Le persone, soltanto le persone (2014). Insieme a Francesco Pacifico, Nicola Lagioia e Francesco Longo – sotto lo pseudonimo collettivo di Babette Factory – ha pubblicato il romanzo 2005 dopo Cristo (Einaudi Stile Libero, 2005). Ha anche scritto il libro per bambini La solita storia di animali? (Mup, 2006) illustrato dal collettivo Serpe in seno. È un redattore di minima&moralia e Internazionale. Nel 2012 ha pubblicato per Einaudi Il peso della grazia (Supercoralli) e nel 2015 Tranquillo prof, la richiamo io (L’Arcipelago). È fra gli autori di Figuracce (Einaudi Stile Libero 2014).
Commenti
15 Commenti a “La sinistra non ha bisogno di un leader ma di un popolo”
  1. Gabriele Frongia scrive:

    Mi chiedevo solo come foste entrati in possesso di questa foto.

  2. Gabriele Frongia scrive:

    La foto viene da questo mio articolo, scoperto l’arcano… Non mi spiegavo come una mia foto fosse finita in rete :-)

  3. viviana scrive:

    Molto bella comunque, la foto

  4. Gabriele Frongia scrive:

    Grazie

  5. Mario Vergano scrive:

    Caro Raimo,

    e questi sarebbero gli unici commenti al tuo articolo?
    Che miseria morale ed intellettuale!
    Aspettavamo i giovani ( per sostituirci/rottamarci ) e sono arrivati !
    Ora ne abbiamo un esempio.

  6. Gina scrive:

    Esattamente: abbiamo un buon articolo costruttivo (Raimo) e un commento acido e rancoroso (Vergano). Verificate chi appartiene a quale generazione e avrete la soluzione del problema.

    Il pezzo era stato pubblicato (come si legge nel link finale) originariamente sul sito dell’Inkiesta ed è lì che si è naturalmente sviluppati la maggior parte dei commenti. Così come qui (su questo blog) si sono sviluppati dibattiti molto lunghi e articolati quando sono apparsi articoli originali di argomento politico.

    Il che (il fatto di capire che il pezzo veniva dall’Inkiesta) la dice molto lunga anche sulla competenza di certi signori persino nel (non saper) leggere una pagina di nuovo giornalismo.

  7. Gabriele Frongia scrive:

    Caro Mario,
    Mi scuso per i commenti superficiali e dettati dall’impulso di trovare una cosa che non ti aspetti in un posto che non ti aspetti.
    Avevo precedentemente commentato questo articolo, in merito al suo contenuto, non la foto, naturalmente, sul sito dove per primo apparse, se non ricordo male l’inkiesta.
    Segua il il link alla fine dell’articolo e troverà una discussione articolata e interessante, se ne volesse far partire una da questa pagina mi permetto solo di suggerirle un tono diverso e un contenuto propositivo.

  8. Mario Vergano scrive:

    Carissimi,

    io i commenti su l’inkiesta li ho letti ( sarò vecchio ma non stupido ) , a parte uno gli altri mi sembrano superficiali e certamente non all’altezza dell’ articolo.
    Il tono è volutamente polemico.
    Sono stufo di andare dietro a gente che , se viene criticata da qualche rottamando, si stupisce e si indigna ( ma come si permette..)
    Vediamo un po’ se altri si “indignano” e attiviamo un bel conflitto generazionale ma sulle cose, però, sui contenuti.
    Ripeto, l’articolo di Raimo meritava ben altra attenzione e commenti.
    Se non arrivano ho ragione io.

    In ogni caso, cordiali saluti a tutti ( autore compreso)

    Mario Vergano

  9. Gina scrive:

    Io (29 anni) non volevo metterla sul generazionale. L’ha messa il signor Vergano. Generazionale per generazionale, allora – volendo guardare ai risultati e non ai proclami – la sua è la generazione che ha quasi distrutto questo paese, la mia quello che (meno tutelata, più a rischio) lo sta reggendo. Però è brutto farsi tirare in queste polemiche per più di cinque minuti. Ognuno si prenda le sue responsabilità. Mi chiedo solo: se l’articolo è (come dice Vergano) interessante, perché mai dovrebbero rispondere solo le nuove generazioni? Perché (ammesso che quello che dice Vergano sia vero) se non si innesca un dibattito di gran livello, non dovrebbe essere fatto da quello della sua generazione?
    Voglio dire. Se il pezzo è così interessante, è perché l’ha scritto Raimo e non Lerner. Perché allora non rispondono anche quelli della generazione di Lerner?
    Ancora: Raimo ci ha messo i contenuti. Il signor Verbano una polemica su dei commenti che non sono arrivati. Signor Verbano: si dia da fare, per favore. Non si faccia schiacciare dal senso di colpa generazionale (ne avete ben d’onde, ma la vita non è finita).

  10. Gina scrive:

    Scusi il refuso: volevo scrivere Vergano.

  11. Lucia De Santis scrive:

    Gina, ma non ti è mai venuto il sospetto che la tesi di una generazione (50/60enni?) che “ha quasi distrutto questo paese” vs. un’altra (20/30, anche 40enni?) che “lo sta reggendo” (e come?) sia un tantino semplicistica e autoconsolatoria?
    E’ mai esistita un’epoca storica (prima degli anni ’60 del Novecento) in cui i cosiddetti giovani erano sicuri di avere un futuro sicuro, un futuro, oltretutto “migliore di quello dei genitori”, che lo davano per assodato, lo consideravano un diritto, nientemeno? Ma quando mai? (Prima nemmeno esistevano, “i giovani”, se non nelle classi aristocratiche).
    Ma che davéro-davéro pensi che oltre a tutti i giocattoli (prima infantili e poi tecnologici) che volevi, ai biscotti del mulino, alle vacanze di massa, alla cultura di massa, alla sanità di massa, all’università di massa, POI avevi pure diritto al lavoro dei tuoi sogni? Ma quando mai è successo, questo, storicamente? Quando mai i genitori, le generazioni precedenti, oltre a sperarlo, a sognarlo, hanno anche dovuto costruire LORO il lavoro delle generazioni successive?
    Mah.
    Da quando è successo, mi chiedo, che, ben oltre il famoso cambio di paradigma, ci si è cominciati a sentire così fuori dalla storia, e dal “vero” (al cui primo apparire i sogni devono pure fare i conti: e per fortuna): così assoluti?
    (Ho 45 anni).

  12. Axel Shut scrive:

    più che autoconsolatoria la tesi della battaglia generazionale è una visione di destra (quindi anche semplicistica, sì), che spinge alla guerra tra poveri per impedire che i poveri capiscano chi è il vero nemico (sì, lo so, parlo da vecchio usando vecchie parole e vecchi concetti ma fidatevi, sono giovane come Gina 😉 )
    l’articolo di Raimo è interessante, ci trovo però qualche contraddizione con altre dichiarazioni (e pratiche) passate

  13. Gina scrive:

    Mi fa ridere una cosa. La faccenda della questione generazionale l’ha tirata fuori Vergano e ve la prendete con me.
    Sono d’accordo (per quanto vi può sembrare strano) con quel che dice Lucia.

    Voglio solo dire che ci sono le generazioni che fanno salire il fascismo al potere e quelle che scrivono la costituzione. Ci sono classi dirigenti e classi dirigenti. Volente o no, ogni classe dirigente è anche figlia di una classe anagrafica.

  14. Mario Vergano scrive:

    Bene!
    Cominciamo a ragionare.
    Il motivo della mia polemica (ogni tanto ci vuole!) va ritrovato nella indifferenza/disattenzione ad un tema così ben evidenziato da Raimo : il deficit di uguaglianza e la sua mancata percezione.
    Questa era la osservazione: ma come, in un sito notoriamente frequentato da gente giovane, ma non solo, attenta alla cultura, aperta al mondo e al nuovo, un tema del genere non attiva commenti, discussioni, opinioni, ecc..?
    Così come il tema della rappresentanza e della democrazia ( val la pena di citare l’ultimo intervento di Reichlin sulla Unità di oggi) ; bene ha scritto nell’ultimo post chi individua come di destra la polemica generazionale.
    Mi viene da ridere pensando alle torme dei “ rottamatori” schierati dietro un democristiano di lunga data come Renzi e da piangere pensando che l’attuale crisi nasce dal lontano 1964 ( avete letto bene, 1964 ) e dal dramma di un Paese eterodiretto e destinato ad un lungo declino.
    Infine, ancora complimenti a Raimo per la citazione di De Mauro circa la semplificazione del linguaggio, così necessaria in questi tristi tempi di mistificazione del nulla di marca televisiva .
    Spero che la passata provocazione serva a qualcosa.
    Cordiali Saluti a tutti
    Mario Vergano
    P.S. Circa Petraeus varrebbe la pena dare una occhiata all’articolo “Warrior Petraeus” di Thomas Powers apparso sul New York Review of Books di Marzo, sull’inferno tecnocratico dell’ imperialismo americano in Vietnam ( così ben raccontato da Micheal Herr in “Dispacci”) e sulle conseguenti riflessioni strategiche del suddetto comandante.

Aggiungi un commento