1lucca-lrnz

L’arte di LRNZ in mostra a Lucca

1lucca-lrnz

In occasione dell’edizione 2018 di Lucca Comics & Games, pubblichiamo alcuni estratti dei testi che guidano la mostra principale dell’evento, LRNZ- la visione rinascimentale di un artista contemporaneo (a cura di Guido Martini, testi di Adriano Ercolani). LRNZ, oltre ad aver realizzato il poster della mostra di quest’edizione (un poster, come spiegato nei testi,senza precedenti per modalità di realizzazione) è anche il curatore grafico del progetto Fumetti nei Musei, premiato quest’anno col Gran Guinigi come Miglior Iniziativa Editoriale.
La mostra è visitabile al Palazzo Ducale fino al 4 Novembre 2018.

La mostra

Lorenzo Ceccotti, in arte LRNZ, è uno degli artisti italiani più stimati nell’ambito dell’arte visuale.
L’intento di questa mostra è indurvi ad andare oltre rispetto alla bellezza, di per sé evidente, delle sue immagini.
La straordinaria versatilità artistica che emerge anche solo a un rapido sguardo delle sue opere, infatti, non è figlia di una mera attitudine eclettica.

È la coerente espressione di una consapevole poetica, di una complessa e integrata teoria dell’Arte applicata nelle sue differenti forme.
Nella mostra testimonierete i mille aspetti della cangiante ricerca di LRNZ: dalle prime prove fumettistiche, acerbe ma interessanti, al visual design; dai flyer per serate di musica elettronica a raffinate illustrazioni per autori come Murakami e VanderMeer; dalle autoproduzioni a libri che hanno segnato una forte innovazione del fumetto popolare; dalle sue opere come autore unico fino a importanti progetti collettivi; dalla progettazione di videogiochi alle incursioni in ambito cinematografico, senza disdegnare sperimentazioni musicali.

Ciò che vogliamo far emergere è la visione dell’Arte di LRNZ, che integra conoscenze tecniche e ricerca intellettuale, amore per la tradizione classica e costante tensione all’innovazione tecnologica, profonda conoscenza dell’Oriente e cosciente rispetto delle proprie radici occidentali, sempre alla ricerca di una koinè visiva che trascenda le barriere culturali.
La visione rinascimentale di un artista contemporaneo.

Il poster

Non è enfasi affermare che un poster così non si era mai visto.
Non si tratta di un poster unico e irripetibile, ma di una serie letteralmente infinita di poster unici unici e irripetibili.
Se siete qui, probabilmente già conoscete la dinamica peculiare del progetto: sul sito ufficiale di Lucca Comics & Games ognuno di voi può scaricare una propria versione esclusiva del manifesto di LRNZ.
Attraverso un complesso sistema di combinazioni casuali, la posa e lo sfondo del personaggio rimarranno uguali, ma il vestiario, le sembianze e gli elementi di contorno del ritratto varieranno pressoché all’infinito.

L’idea è di LRNZ, con l’ausilio di Mauro Staci nella realizzazione di un software ad hoc e di Studio Kmzero per il sistema di codificazione che lega colori alle parole chiave, di volta in volta generanti una nuova combinazione.

Ma, al di là dello spontaneo stupore che tale gioco grafico desta, come in tutte le creazioni di LRNZ, c’è un significato nascosto e profondo: un manifesto che proclama la presenza di un’identità comune sottesa alle infinite, libere variazioni di etnia, colore, genere e orientamento che determinano la personalità di ognuno.

Un messaggio nobile e complesso reso concretamente comprensibile a tutti tramite il potere immediato della condivisione artistica.

Fumetti nei musei

Il talento grafico di LRNZ non si esprime soltanto nelle opere di cui è autore unico, ma si declina brillantemente anche al servizio di progetti collettivi o di opere di altri autori.

In qualità di “Mago” della Coconino Press-Fandango Editore, LRNZ ha creato e curato l’identità grafica del progetto, realizzato in collaborazione col MiBACT, Fumetti nei musei: ventidue storie a fumetti di 24 pagine ciascuna (raccontate tra gli altri, oltre allo stesso LRNZ, da autori del calibro di Paolo Bacilieri e Tuono Pettinato), ambientate in altrettanti musei nazionali, rivolte al pubblico dei giovani lettori.
Un progetto che ha ottenuto un notevole riscontro e che presto verrà ulteriormente sviluppato.

Come illustratore, ha realizzato le copertine di titoli di punta del catalogo Einaudi: i tre volumi della Trilogia dell’Area X, ovvero Annientamento, Autorità e Accettazione (2014-2015)  e  Borne (2018) di Jeff VanderMeer; La strana biblioteca (2015) e Ranocchio Salva Tokyo (2017) di Haruki Murakami. In questo caso si tratta di racconti illustrati in cui i disegni di LRNZ accompagnano ogni pagina della storia dell’autore giapponese, il quale da tradizione ha un illustratore diverso per ciascun paese (in Italia sono stati scelti due volte LRNZ e una volta Igort).

Molto apprezzati dagli autori, i contributi iconografici di LRNZ testimoniano il grande possesso formale del disegnatore romano, in grado di rappresentare in maniera egualmente potente, attraverso le sue visioni, mondi immaginari di autori celebri profondamente diversi tra loro.

Golem.jpg (1)

Il rapporto con la tecnologia

Una delle caratteristiche più note di LRNZ è quella di essere un artista all’avanguardia nella conoscenza e nell’utilizzo delle risorse tecnologiche.
Eppure, per la sua visione una matita, un pennello o una tavoletta grafica sono strumenti tecnologici alla pari, ciascuno con le proprie regole meccaniche.
Da ogni strumento diverso può nascere una forma diversa, dunque un’opera diversa.
Per la visione dell’autore è semplicemente ridicolo non esplorare tutte le innumerevoli possibilità creative che la tecnologia offre all’arte.

Il rapporto con la musica

Golem

Uscito nel dicembre del 2014 per Bao Publishing, realizzato (fra scrittura e storyboard) in sei mesi, disegnato e colorato in quattro, ma meditato e rielaborato per oltre venti anni, Golem è stato il primo, attesissimo fumetto di LRNZ.
Golem è un unicum, almeno nella recente produzione fumettistica italiana.
LRNZ riversa quasi furiosamente nelle 280 pagine della versione definitiva tutta la sua ricerca artistica e intellettuale, creando un’allegoria di rara complessità.
Il libro concilia la scorrevole facilità di lettura di un fumetto giapponese con il colto omaggio a maestri occidentali e russi della visione, da Caravaggio a Tarkovskij.
La narrazione è costruita su un poderoso impianto simbolico, una rigorosa griglia di archetipi universalmente riconoscibili.
Il racconto è una cristallina metafora alchemica, non solo dal chiaro significato di rinascita interiore, ma più profondamente di emancipazione collettiva.
L’ambizione intellettuale dell’opera è ardita, dacché LRNZ affronta temi filosofici cruciali: il rapporto tra individuo e Stato, tra Progresso e Natura, tra libero arbitrio e ruolosociale.
Al di là della straordinaria versatilità stilistica mostrata dall’autore, Golem rimarrà fondamentalmente un fumetto di profonda riflessione sul senso stesso della società umana.

Ghost in the Shell

Il contributo di LRNZ su Ghost in the Shell (Star Gardens all’interno dell’antologia Global Neural Network) conferma la sua straordinaria versatilità. La storia, scritta da Brenden Fletcher, è un omaggio alle varie incarnazioni del protagonista, Motoko Kusanagi, dal manga originale di Masamune Shirow alle differenti versioni cinematografiche. LRNZ riesce a cambiare continuamente forma e stile di rappresentazione di Kusanagi, nelle differenti apparizioni, fino a crearne una originale. La storia sottolinea significato filosofico dell’opera originale, ovvero il rapporto tra identità “spirituale” e manifestazione esterna del nostro corpo fisico

Adriano Ercolani è nato a Roma il 15 giugno 1979. Appena ventenne, ha avuto il piacere di collaborare con Giovanni Casoli nell’antologia Novecento Letterario Italiano e Europeo. Si occupo di arte e cultura, in varie forme dalla letteratura alla musica classica e contemporanea, dal cinema ai fumetti, dalla filosofia occidentale a quella orientale. Tra i suoi Lari, indicherei Dante, Mozart, William Blake, Bob Dylan, Charles Baudelaire, Carmelo Bene, Andrej Tarkovskij e G.K. Chesterton. È vicepresidente dell’associazione di volontariato InnerPeace, che diffonde gratuitamente la meditazione, come messaggio di pace, nelle scuole e nei campi profughi di tutto il mondo, dalla Giordania al Benin, dal Libano a Scampia.
Nel suo blog spezzandolemanettedellamente riversa furiosamente più di vent’anni di ricerca intellettuale. Tra le sue collaborazioni: Linkiesta, la Repubblica, Repubblica-XL, Fumettologica e ilfattoquotidiano.it.
Aggiungi un commento