maxresdefault (1)

L’opaca viltà della politica romana

Questo pezzo è uscito oggi sul Manifesto. A Roma oggi alle 18.30 è previsto un presidio davanti a Regina Coeli, alle 20.30 un’assemblea sul diritto alla città al Nuovo Cinema Palazzo.

di Sandro Medici

Nun­zio D’Erme è un istrut­tore di nuoto. I bam­bini che par­te­ci­pano ai suoi corsi l’adorano, così come i loro geni­tori. Piace la cor­dia­lità con cui inse­gna ai più pic­coli a stare in acqua e a nuo­tare. È insomma un uomo gene­roso e appas­sio­nato, rico­no­sciuto per la sua pro­fes­sio­na­lità e il garbo con cui la eser­cita. Que­ste sue doti, per la pro­cura romana, costi­tui­scono un’aggravante, che da sta­mat­tina gli stanno costando una deten­zione nel car­cere di Regina Coeli.

È stato impri­gio­nato «in ragione della sua figura cari­sma­tica e per il suo ruolo di lea­der­ship», sostiene il capo d’imputazione. Insieme a lui, incri­mi­nato anche il ven­tot­tenne Marco Bucci, mili­tante spar­ta­chi­sta. L’accusa parla di resi­stenza e lesioni, ma in realtà il reato che viene adde­bi­tato ai due è l’antifascismo. Nella scorsa pri­ma­vera, insieme ad altri ragazzi di Cine­città, hanno respinto l’aggressione di una squa­drac­cia di monaci omo­fobi, quei cre­pu­sco­lari figu­ranti di Mili­tia Chri­sti. In sé, né più né meno di una baruffa, squal­li­da­mente pro­vo­cata per con­te­stare un incon­tro pub­blico sul diritto alle dif­fe­renze. E aver difeso quell’assemblea, che peral­tro si stava svol­gendo in una sede isti­tu­zio­nale, in una sala del Muni­ci­pio, per le buro­cra­zie giu­di­zia­rie diventa un reato, con tanto di misure detentive.

È molto dif­fi­cile resi­stere alla ten­ta­zione di inter­pre­tare que­sti arre­sti come un ulte­riore pas­sag­gio di que­sta sta­gione per­se­cu­to­ria, che da qual­che tempo aleg­gia cupa­mente in città. Oltre a D’Erme e Bucci, sono in stato di deten­zione due espo­nenti del movi­mento di lotta per la casa, Di Vetta e Fagiano. Così com’è in corso l’istruttoria giu­di­zia­ria sull’Angelo Mai. E nell’ultimo anno abbiamo assi­stito a sgom­beri su sgom­beri, da Tor di Nona a Via delle Aca­cie, dal Vol­turno all’America.

Dopo più di un decen­nio di espe­rienze di movi­mento tanto vitali quanto con­sa­pe­voli, che hanno deter­mi­nato un’impronta poli­tica tra le più avan­zate in Ita­lia (e in Europa), la linea di comando repres­siva, tra incri­mi­na­zioni e inter­venti musco­lari, sta siste­ma­ti­ca­mente sfi­brando il tes­suto con­net­tivo della sini­stra sociale. E lo scopo è ridurre a un’emergenza di ordine pub­blico quello che è stato (ed è tut­tora) un largo pro­cesso sociale di fer­tile con­ta­mi­na­zione tra riven­di­ca­zione di biso­gni e ini­zia­tiva poli­tica. Un per­corso che ha agito sulla pro­get­ta­zione sociale, sulla riap­pro­pria­zione dei beni comuni, sulle poli­ti­che dei diritti, sulla rige­ne­ra­zione territoriale.

È insomma un attacco poli­tico a vasto rag­gio. Ana­logo a quello in corso in Val di Susa o nel Meta­pon­tino, anche qui con arre­sti e incri­mi­na­zioni. Un attacco poli­tico in assenza della poli­tica: o meglio, in sosti­tu­zione della poli­tica, appa­ren­te­mente neu­trale, in realtà com­par­te­cipe. E a Roma tutto ciò avviene con una niti­dezza tanto spie­tata quanto avvi­lente. D’Erme è stato un con­si­gliere comu­nale per molti anni, un ottimo con­si­gliere comu­nale: in molti ricor­dano e ancora apprez­zano le sue bat­ta­glie, la sua pas­sio­na­lità. Oggi è in galera. Lungo que­sta para­bola tra­spare tutta l’opaca viltà dell’attuale poli­tica romana.

Commenti
2 Commenti a “L’opaca viltà della politica romana”
  1. Gennaro avallone scrive:

    ottimo articolo, descrive bene la situazione di attacco politico ai movimenti sociali, a quanti e quante non rinunciano a costruire i diritti in autonomia, senza chiedere il permesso di Matteo Renzi, Maurizio Lupi ed altri come loro.

  2. Fiorediferro scrive:

    Quando vengono eletti i manichini come Marino, ci si chiede come mai avvenga.Poi si capisce che i voti dei palazzinari romani hanno fatto centro da quanto sta succedendo. La Caritas che privatizza i servizi sociali e l’emergenza casa a Roma. Gli sgomberi, altri 200 milioni di euro a Roma capitale che vengono dirottati alla mafia politica crimi.alito organizzata delle banche e delle multinazionali. Marco e Nunzio sono un monito a tutti coloro che quotidianamente creano un sistema altro che propone un modello al pensiero unico consumista. Sono un monito a chi vuole vivere senza cercare protezioni religioso politiche, a chi pensa che la condivisione sia un luogo sociale e non una parola. Un monito a tenere che sempre la giustizia degli infami ti raggiunge e crea una legge che difende che ha torto e accusa chi ha ragione.

Aggiungi un commento