wait

Mi interessa il futuro

wait
di Gianni Montieri

Mi interessa il futuro
sapere come diventeranno
le sedie, le poltrone,
con cosa le sostituiremo
o se ci invecchieremo sopra,
immaginare i libri a venire,
accanto a quali staranno,
sapere se tutto questo
precipitare finirà,
se arrivati sull’orlo
tireremo indietro il piede,
e voltandoci vedremo punti
grigioazzurri, ognuno mancanza,
ognuno cosa perduta

Gianni Montieriè nato a Giugliano nel 1971 e vive a Venezia. Ha pubblicato: Le cose imperfette (ottobre 2019 per Liberaria) Avremo cura (2014) e Futuro semplice (2010). Suoi testi sono inseriti nella rivista monografica Argo, nei numeri sulla morte (VIXI) e sull’acqua (H2O) e nel numero 19 della rivista Versodove; sue poesie sono incluse nel volume collettivo La disarmata, (2014). È tra i fondatori del laboratorio di scrittura Lo squero della parola. Scrive su Doppiozero, minima&moralia, Huffington Post, Rivista Undici e Il Napolista, tra le altre. È redattore della rivista bilingue THE FLR. È nel comitato scientifico del Festival dei matti.
Aggiungi un commento