lucchetti_def

L’Ikea del romanzo

Il brano che segue è tratto da un saggio dal titolo Lo stile Ikea. Su Moccia e gli altri, in uscita su «Il Ponte», 12, 2010.

Di Gianluigi Simonetti

È nella terra di confine tra racconto di consumo e Midcult che lavorano a pieno ritmo i laboratori in cui si clonano i best-seller. Bianca come il latte, rossa come il sangue di Alessandro D’Avenia sembra progettato a tavolino per occupare una posizione intermedia tra gli ultimi libri di Moccia e il romanzo di Giordano

Risposte a Shields

Articolo uscito sul Sole 24 Ore e sul mensile Lo straniero.

di Nicola Lagioia

Fame di realtà, dello scrittore e saggista statunitense David Shields (in Italia pubblicato da Fazi) si propone come una sorta di manifesto irrituale per la letteratura all’inizio del III millennio. Negli Stati Uniti ha suscitato un dibattito molto acceso, specie tra gli scrittori, che alle suggestioni-provocazioni di Shields hanno reagito con entusiasmo

L’amore mutante

Pubblichiamo di seguito l’inedito scritto da Walter Siti, e da lui letto, in occasione del Festival delle Letterature di Massenzio 2010, ringraziandolo per questa gentile concessione.

1. L’espansione orizzontale-estensiva dell’economia di mercato pare avviarsi a completamento, ma l’espansione verticale-intensiva è ben lontano dall’essere completa. L’amore logora chi non ce l’ha.

almanacco1

A proposito dell’Almanacco

di Liborio Conca

L’uscita per Isbn dell’Almanacco Illustrato del calcio ’80, gustoso sin dalla carta frusciante e profumata di colla, nella grafica stra-vintage che richiama i vecchi album Panini, nelle foto sgranate o limpide che si susseguono come un arcobaleno storico – un oggetto che su un lettore e-book perderebbe quasi tutto – ha provocato più di un tuffo al cuore di chi legge.

vinile2

Listen to This!

L’ascoltatore perfetto è un animale fantastico che a un certo punto, nel sonno silenzioso in cui accordi e note diventano necessità, vede spuntare dal fianco una proboscide simile a una cornucopia, o alle tasche di Eta Beta, colma di suoni trasformati in immagini, immagini piene di senso, senso e conoscenza venuti al mondo sotto forma di amore musicale.

cemento

Io urlo

di Alessandro Leogrande

Mimmo Beneventano viene ucciso la mattina del 7 novembre del 1980. Viene crivellato di colpi sotto casa. Sta entrando in macchina per andare al lavoro, la madre è ancora alla finestra che lo saluta. Mimmo ha 32 anni. Fa il medico di base nel suo paese alle pendici del Vesuvio, Ottaviano, ed è chirurgo all’ospedale San Gennaro di Napoli.

corrente_fiamminga_jean_fouquet_madonna_con_bambino_1450

La vita sessuale degli altri

Questo articolo è uscito su GQ.

di Daniele Manusia

Catherine Millet, per sua stessa definizione, è una donna molto comme il faut: come si deve. Una camicia bianca dal colletto rigido, un gilet più verde che giallo, cinturina rossa e pantaloni corti sulle caviglie, sulle scarpe nere di vernice.

PorcoRosso16

Porci con le ali: un cartone animato per tornare antifascisti

TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI MA ALCUNI ANIMALI SONO PIÙ UGUALI DEGLI ALTRI. È ciò che appare scritto sul muro della fattoria degli animali dove i maiali hanno compiuto la loro rivoluzione totalitaria, nel famoso romanzo omonimo di George Orwell. La più vituperata bestia da allevamento, il porco, assurgeva a simbolo, con quel libro, del […]

siti

In principio erano i corpi gloriosi

In principio erano i “corpi gloriosi”: i culturisti (cartacei/carnali) di Scuola di nudo, le infinite repliche di un archetipo celeste infine, nei libri successivi, sceso in terra, atterrato tra le palazzine della periferia romana. In Troppi paradisi il messaggero divino si chiamava Marcello Moriconi, già immortalato, con tanto di cahier fotografico, nel breve ma intenso libretto intitolato La magnifica merce.

sufjan1

Sufjan Stevens e la sua era di assurdità

di Roberto Manassero

Solo e ritroso come ci ha abituati a pensarlo, Sufjan Stevens è tornato nel 2010 con due lavori a meno di due mesi di distanza: l’EP All Delighted People, uscito all’improvviso a fine agosto, dopo cinque silenziosi anni di collaborazioni, cover e progetti strumentali, e The Age of Adz, l’album vero e proprio, il sesto della sua carriera da genio eccessivo, album atteso, sperato, mai annunciato se non all’ultimo e arrivato a inizio ottobre