esercizio

Un estratto da “L’esercizio” di Claudia Petrucci

Pubblichiamo, ringraziando autrice ed editore, un estratto dal romanzo “L’esercizio” di Claudia Petrucci, uscito oggi per la Nave di Teseo. Capitolo Dieci L’esercizio Guardo Giorgia e penso abbia il dono della bellezza fuori posto, che la metti in ordine da una parte e si disfa dall’altra – i capelli, la postura, il vestito, tutto si […]

1sally

Persone normali di Sally Rooney, il grande romanzo (d’amore?) di una ventenne

di Valentina Berengo

I grandi romanzi non sono mai romanzi di genere. Nessuno si sognerebbe di definire Cime tempestose o Anna Karenina romanzi d’amore, o non solo. Anche se, a volerne raccontare la trama, il sentimento che ne pervade le pagine, nelle sue più complesse declinazioni, è proprio quel moto irrazionale dell’animo che, forse, è la prima spinta propulsiva della vita. I grandi romanzi sono un universo racchiuso in una scatola senza fondo, e Persone normali (Einaudi 2019, traduzione di Maurizia Balmelli) di Sally Rooney, scrittrice irlandese classe 1991, trasmette al lettore esattamente questa sensazione: che sotto ci sia sempre qualcosa, che però sfugge, restituendo la complicazione delle relazioni umane.

bela_guttmann

Un estratto da “Béla Guttmann, la storia” di David Bolchover

Pubblichiamo un estratto dal libro “Béla Guttmann, la storia” di David Bolchover, dal 30 gennaio in libreria per Milieu Edizioni, che ringraziamo. Béla Guttmann fece il suo debutto per i New York Giants nel settembre del 1926, in un clima nel complesso più favorevole che lo autorizzava a sentirsi ottimista. A ventisette anni era all’apice della […]

1stc

Un racconto sulla “Storia della colonna infame”: prima parte

Pubblichiamo una serie in tre puntate, a cura di Virginia Fattori, sulla Storia della Colonna infame di Alessandro Manzoni.

di Virginia Fattori

La Storia della Colonna infame di Alessandro Manzoni viene pubblicata per la prima volta nel 1840. In questo testo l’autore milanese racconta le vicissitudini e le terribili torture che Guglielmo Piazza e Gian Giacomo Mora subirono dagli inquisitori dopo essere stati indagati come untori.

L’evento che colpì i due poveri innocenti si inserisce in un generale aumento dei processi agli untori a seguito di nuove epidemie di peste, a tal proposito è legittimo chiedersi perché mai Manzoni abbia deciso di raccontare la vicenda specifica di questi due personaggi. Infatti nel caso in cui avesse scelto di ignorarla la trama narrativa dei Promessi Sposi (opera all’interno della quale si inserisce) non ne avrebbe minimamente risentito.

tramontoinstagram

Instagram al tramonto. Conversazione con Paolo Landi

Scrive Paolo Landi nel suo Instagram al tramonto (La Nave di Teseo) che i nostri profili sono “un mosaico contemporaneo che, come un dipinto di Pompei esposto all’improvviso dopo secoli di buio alla luce del sole, svanisce per incanto”. Su Instagram tutto è vacuo, consumabile e già consumato, involontariamente kitsch a prescindere dalla raffinatezza e […]

1tc

Da Truman Capote a Maggie Nelson, l’ascesa del true crime come genere

Pubblichiamo un pezzo uscito su Linus, che ringraziamo.

Appare sempre più evidente, per i lettori, spettatori e ascoltatori attenti a letteratura, cinema, serie tv e podcast americani, che il true crime sia diventato nel giro di pochi anni uno dei territori contemporanei più interessanti da esplorare. Podcast come Serial e serie tv come The Jinx, Making of a Murderer, o la più recente When They See Us diretta dalla regista americana Ava DuVernay, prodotta e distribuita da Netflix e dedicata alla storia dei cinque ragazzini di New York che negli anni ottanta vennero ingiustamente accusati e incriminati per l’aggressione e lo stupro di una donna a Central Park, ci hanno tenuto incollati agli auricolari degli smartphone e agli schermi di televisori e computer, affascinati più che dall’aspetto “crime” delle relative vicende, dalla possibilità che l’autorialità, l’audacia e la conquista di una forma che sia adeguata al contenuto guidi a una verità più autentica, profonda e giusta di quella cercata e trovata attraverso indagini della polizia e processi, o attraverso prodotti che inseguendo il mainstream perdono originalità e potenza.

natale_mantello

L’anonima legge del Natale

di Marco Mantello A passeggio per una città deserta con una robusta malinconia serale ho respirato nell´aria aperta l’anonima legge del natale. Non c’era niente, nemmeno la polizia mentre l´acqua inondava la ruota di una mercedes che non era mia I semafori erano tutti spenti il palazzo ha smesso di bruciare e il tuo regalo si […]

the_maze

La notte contraddice il giorno. Un racconto su Torquato Tasso

di Edoardo Rialti

Tutti siamo stati qualcun altro. Anche quando gli concederanno stanze più grandi e comode, con una finestra le cui sbarre a croce spiccano nere contro il cielo grigio o azzurro, i topi continueranno a strillare e parlare.

Meno numerosi e meno di frequente, magari, ma l’hanno fatto in passato, e questo vuol dire ricordarselo sempre. Sa benissimo che i detenuti possono affezionarsi persino ai ragni, che gli animali si possono addestrare per divertire o spaventare, che i suoi nemici sono pronti a qualsiasi scherzo, ma stavolta è diverso.

Nella cella bianca del seminterrato, dove lo avevano incatenato le prime settimane e poi tenuto alcuni mesi, i topi facevano più strepito degli altri prigionieri, di là dal muro che puzza d’urina e aceto.

pirateria, culturale

La pirateria (e la pigrizia) come lavoro culturale

La pirateria è la nostra ultima possibilità di salvezza e anche di divertimento. Chiaramente qui ci si riferisce a quella culturale, quella pirateria che in sostanza ruba alle major usurpatrici e assetate di denaro per restituire ai poveri millennials senza futuro e senza idee, prodotti culturali raffinati e massificati allo stesso tempo. Sì ammetto che […]

spielberg_jurassic-park

In difesa della banalità. Intervista a Stefano Bartezzaghi

Nell’ultimo decennio ci sono state due importanti prese di coscienza collettive: ci siamo resi conto, per quanto in ritardo, del fatto che il nostro impatto ambientale sul pianeta è devastante e insostenibile; e ci siamo accorti che internet è diventata una cosa molto diversa rispetto a quell’illimitato spazio di libertà, espressione e condivisione in cui […]