sufjan1

Sufjan Stevens e la sua era di assurdità

di Roberto Manassero

Solo e ritroso come ci ha abituati a pensarlo, Sufjan Stevens è tornato nel 2010 con due lavori a meno di due mesi di distanza: l’EP All Delighted People, uscito all’improvviso a fine agosto, dopo cinque silenziosi anni di collaborazioni, cover e progetti strumentali, e The Age of Adz, l’album vero e proprio, il sesto della sua carriera da genio eccessivo, album atteso, sperato, mai annunciato se non all’ultimo e arrivato a inizio ottobre

treme01

Treme

Questo articolo è uscito sullo Straniero. di Simone Caputo “Trumpet bells ringing / Bass drum is swinging / As the trombone groans / And the big horn moans / And there’s a saxophone. / Down in the treme / Is me and my baby / We’re all going crazy / While jamming and having fun”. […]

sopranos

Manuale d’istruzione per una scrittura davvero televisiva

Denis Mc Grath, autore tv canadese, ci racconta come si scrive una serie. Alcune anticipazioni: per scrivere un telefilm bisogna dimenticarsi del cinema e capire che la scrittura seriale è tutta un’altra cosa. Che un break pubblicitario non è una pausa ma la chiusura di un atto. Che il motore di una serie è tutto […]

La_dolce_vita

Una vita in salsa agrodolce

di Tommaso Pincio

Qualche anno fa venni contattato dalla redazione di un programma televisivo. Stavano realizzando un servizio su Kurt Cobain. Avendo io scritto un romanzo centrato sulla triste vicenda di questo ragazzo suicidatosi a soli ventisette anni, chiedevano di intervistarmi. Volevano conoscere la mia opinione in merito alle «misteriose»

microfinzioni

Ecco il primo classificato del secondo concorso per microfinzioni. La vincitrice è Cinzia Sposato, che ha scritto questo racconto intitolato Lira di Dio alla maniera di Tommaso Landolfi. A presto con il prossimo bando.

microfinzioni

Ecco i secondi classificati a pari merito del concorso per microfinzioni di questo mese. La maggior parte dei racconti che ci avete mandato erano dei pastiches, pochissimi racconti declinavano il tema proposto in senso etico trattando dell’omologazione e così via, quindi i vincitori di questo mese sono tre «falsificatori». La prima microfinzione qui di seguito è un’imitazione di Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes scritta da Guerino Sciulli, mentre la seconda è un racconto alla maniera di un nostro collaboratore, Giorgio Vasta, scritto da Sarah Barberis. A domani con il vincitore e buona lettura!

thelastnewspaper

The Last Newspaper

Siamo in Cina, all’inizio del Ventunesimo Secolo. Una telecamera riprende una donna che accarezza un gattino, passa le dita facendo pelo e contropelo, poi lo adagia sul pavimento e infine lo schiaccia brutalmente con il tacco della scarpa, uccidendolo. Il video finisce su internet e circola all’impazzata, suscitando orrore e riprovazione

terremoto_fotosorrentini

L’osso del Mezzogiorno

di Alessandro Leogrande

Alle 19,34 del 23 novembre del 1980 la terra prese a tremare. Sono passati trent’anni da allora, dal terremoto dell’Irpinia che ha segnato irrimediabilmente la storia dell’Italia meridionale negli ultimi decenni. La memoria collettiva si nutre di ricordi condivisi, e oggi tutti gli abitanti di Campania, Basilicata e Puglia che allora

sidibe

La potenza dei poveri

Questo articolo è uscito su Alias.

La potenza dei poveri (Jaca Book, trad. di Marinella Correggia, pp. 300, 29 euro), secondo Majid Rahnema, non ha nulla a che fare con il potere, la potentia nulla a che spartire con la potestas. Credo di averne avuto una bella dimostrazione circa un mese fa, a Bamako, capitale del Mali.

proibizionismo

Scorsese & Schulberg

di Nicola Villa

Che la televisione americana sia molto più vitale e viva, oggi, del suo cinema sembra essersene accorto anche Scorsese, produttore di una nuova serie che si dice possa superare nell’immaginario l’egemonia vintage di Mad Men. Si tratta di Boardwalk Empire, la serie sugli anni venti e il proibizionismo prodotta e girata, solo il pilota, da Martin Scorsese e scritta da Terence Winter (l’autore dei Sopranos)