fotonn-laura-x-cartalogo

Risultati della ricerca sui coinquilini di merda. Con la prima dispensa in regalo anche la seconda.

Dispensa numero 1

Buongiorno a tutti.

Siamo qui oggi per esporre i risultati della ricerca svolta dalla nostra organizzazione negli ultimi due anni. L’oggetto della nostra ricerca è stata la coabitazione studentesca, altresì nota come coinquilinaggio. Attraverso il popolare social network Facebook sono state raccolte migliaia di testimonianze: segnalazioni, storie e fotografie.

Tali ricerche si focalizzano sull’esemplare umano che più spesso si incontra presso gli appartamenti abitati da studenti universitari: il coinquilino di merda.

Dalle ricerche effettuate, sono emerse tre leggi fondamentali. Leggi che regolano ogni rapporto di convivenza:

1. c’è un Coinquilino di Merda in ogni casa;

2. il Coinquilino di Merda porta a fare cose da Coinquilino di Merda;

3. il Coinquilino di Merda: se non ce l’hai, sei tu.

Come descritto nel volume “Il coinquilino di merda – Manuale di non sopravvivenza“, esistono numerosi tipi di coinquilni di merda, ognuno con il suo look, le sue peculiarità e le azioni che ama intraprendere quando si trova in cucina, in bagno o nella sua stanza. Tuttavia, in questa sede è opportuno evidenziare i comportamenti che accomunano gran parte dei cdm.

Il coinquilino di merda:

Lava i piatti mentre ti fai la doccia.

Accendi la stufa, apre la finestra.

Non parla, usa i biglietti sul frigo.

Ti fa notare che gli devi venti centesimi.

Parla male di te senza sapere che sei in casa.

E spesso, non sai mai se è in casa.

Attenzione: è importante sottolineare che il cdm non è collocabile in nessuna area geografica, non è ascrivibile ad alcuna categoria anagrafica o sociale, né tantomeno lo si può confinare al solo genere maschile. Per ogni coinquilino di merda c’è una coinquilina di merda. I padroni di casa che inseriscono nei loro annunci di affitto la dicitura “solo per studentesse/lavoratrici” non si tutelano in alcun modo da qualcuno che, come vedremo, potrebbe materialmente distruggere il loro appartamento.

Proseguiamo.

Il coinquilino di merda usa da un anno lo stesso asciugamano. Il tuo.

Trasforma la casa in un ostello della gioventù.

Lava il cesso con la spugna per i piatti.

Ti offre il tuo cibo.

Trasforma ogni contenitore in un posacenere.

Afferma spesso: «Domani alle 9 andiamo all’uni». Si sveglia alle 18.

Inoltre, succede spesso che il coinquilino di merda fosse il tuo migliore amico. Poi siete andati a vivere insieme.

Dispensa numero 2

Dopo aver introdotto il concetto di coinquilino di merda ed esposto i comportamenti che lo caratterizzano, ci appresteremo oggi a fornire alcune delle testimonianze fotografiche ricevute dalla pagina Facebook del cdm:

 

Foto82

Il coinquilino di merda ti fa passare il sabato pomeriggio a lavare i piatti.

Foto48

«Nel lavare i piatti, il cdm intasa gli scarichi di entrambi i lavelli della cucina. Anziché sturarli, si trasferisce in bagno per finire il lavoro».

fotooutside07

«Quando gli fai notare che i suoi piatti sporchi attirano le mosche, il coinquilino di merda mette strisce di carta moschicida».

A proposito di questo tipo di cdm, ci comunicano:

««Il coinquilino di merda esce dal bagno dopo aver fatto la doccia, e ti dice che se ora vuoi andare tu è libero. Ha indosso però il tuo accappatoio».

«Il coinquilino di merda ti comunica che non ha i soldi per pagare l’affitto e il condominio. Te lo scrive via Whatsapp, con il suo nuovo e scintillante iPhone 6».

«Il mio coinquilino di merda si lamenta del cattivo odore dei suoi vestiti appena lavati.

Alla mia domanda: “Quale detersivo usi?”,

Lui risponde: “Nessuno, sono tutte stronzate!”»

Proseguiamo con le testimonianze fotografiche.

FotuAL

«Prima di partire per il weekend, il cdm lava finalmente i piatti.  Per informarmi dell’avvenuta pulizia, decide di lasciare un messaggio di fronte alla porta della mia camera».

«Il coinquilino di merda, dopo averti accusato di non essere in grado di fare le pulizie, si accinge a lavare lo scopettone del water (con tutto quello che ovviamente c’era sopra) sul lavandino della cucina, per poi lasciarlo ad asciugare bellamente accanto a tazze, piatti e posate».

FotoTM

«Questo documento fotografico testimonia l’unica volta in cui il cdm ha provato a pulire. Pensava che il mocio si strizzasse così, intingendolo nel gabinetto. Da quel giorno gli abbiamo detto di non preoccuparsi più della pulizia».

Il materiale qui presentato è parte del volume: “Il Coinquilino di Merda – manuale di non sopravvivenza“.

Per i documenti fotografici ringraziamo: E.M.,  Andrea Alberti, David Casagrande, myroommateisadick, Oriana Siracusa.

Commenti
2 Commenti a “Risultati della ricerca sui coinquilini di merda. Con la prima dispensa in regalo anche la seconda.”
  1. SoloUnaTraccia scrive:

    Pura curiosità: lo scopo sarebbe far ridere? Far riflettere? Far rimembrare simili esperienze?

    E’ prevista per il futuro una guida-spin-off “Il condomino di merda”?

  2. girolamo scrive:

    http://2.bp.blogspot.com/-oh99aoHsDAw/T0Y9jpwfPOI/AAAAAAAAfac/wGPSy7S-jtc/s1600/acc2032bis.jpg
    (immagino l’autore dica che non gli è venuto in mente mentre scriveva)

Aggiungi un commento