IMG_6084

Salviamo Monte Inici

IMG_6084

Castellammare del Golfo da qualche anno è protagonista di un risveglio culturale che coinvolge varie realtà locali e che ha portato in questo territorio, molti scrittori ed intellettuali italiani e stranieri, che ne hanno apprezzato le bellezze naturali e paesaggistiche.

Purtroppo, anche quest’estate, e più delle altre, il territorio della Sicilia occidentale è stato oggetto di una lunga serie di incendi dolosi, e nella zona di Alcamo ha preso fuoco anche un deposito per la raccolta differenziata in contrada Sasi che sta provocando un grave rischio di propagazione di sostanze tossiche nell’aria e per il quale è stato applicato con una ordinanza del sindaco il principio di precauzione.

Per tutto questo, chiediamo a tutti gli scrittori che sono transitati in questa provincia, e a tutti quelli che ne hanno a cuore la difesa, di sottoscrivere e di dare massima diffusione all’appello del Comitato Salviamo Monte Inici, che riportiamo qui di seguito.

***

Un attacco senza precedenti sta devastando il territorio di Castellammare del Golfo, uno dei luoghi turistici più pregevoli della provincia di Trapani.

Nel giro di un mese sono stati presi di mira in rapida successione Monte Inici con quattro incendi consecutivi, Monte Sparacio e la Riserva dello Zingaro. L’ultimo attacco,martedì 25 luglio, ha persino lambito una chiesetta e alcune abitazioni nella periferia del paese.
Ma questi roghi non sono gli unici che nei giorni scorsi hanno interessato la Sicilia e l’intero Paese. Le fiamme hanno devastato ettari ed ettari di bosco e messo a repentaglio l’incolumità di cittadini e turisti anche in Campania, Lazio, Sardegna, Toscana.

Noi non sappiamo quali interessi specifici ci siano dietro questi che non esitiamo a definire veri e propri attentati all’ambiente, non abbiamo le prove del giro d’affari che può muoversi intorno alle operazioni di spegnimento degli incendi o alla manutenzione e riqualifica delle aree bruciate.
Sappiamo però riconoscere il linguaggio mafioso e possiamo affermare che quello di fronte al quale ci troviamo, pur senza lupara né tritolo sotto i ponti, è un attacco di stampo mafioso.

Lo è nelle modalità, perché colpisce il bene comune per favorire gli affari di qualcuno o realizzare le vendette di qualcuno, e lo è negli effetti, nel senso di rabbia impotente e nello sconforto prodotto nei cittadini, che assistono inermi alla devastazione del proprio territorio.

Proprio per questo non possiamo rimanere passivi di fronte a questo ennesimo attacco all’ambiente, all’economia del Paese, alla nostra stessa dignità di cittadini.
La complessità del problema e la sua pervasività sull’intero territorio nazionale ci spinge a chiedere un intervento forte e risolutivo da parte delle istituzioni.

Chiediamo quindi al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato di istituire prontamente una commissione di inchiesta su quanto sta avvenendo in Italia in questi giorni, volta ad accertare cause, mandati, esecutori degli atti, ma anche ad individuare mancanze, omissioni ed eventuali errori nella gestione della prevenzione e delle emergenze da parte degli organi preposti.
Chiediamo alla Magistratura di intervenire con delle indagini congiunte tra le procure, anche attraverso l’istituzione di un apposito pool di magistrati che sia in grado di affrontare  il fenomeno in tutte le sue articolazioni  e di chiarire quale strategia si nasconde dietro a questi attentati contro l’ambiente.

Comitato Salviamo Monte Inici
Roberto Alajmo, Andrea Bajani, Gianni Biondillo, Caterina Bonvicini, Paola Caridi, Cristiano Cavina, Paolo Chicco, Teresa Ciabatti, Diego De Silva, Enrico Deaglio, Enzo Di Pasquale, Marcello Fois,  Alessandro Garigliano, Helena Janeczeck, Filippo Landi, Bjorn Larsson, Giuseppe Elio Ligotti, Valerio Magrelli, Rossella Milone, Michela Murgia, Valeria Parrella, Alessandra Sarchi, Evelina Santangelo, Fabio Stassi, Chiara Valerio, Hamid Ziarati

Commenti
2 Commenti a “Salviamo Monte Inici”
  1. Mariangela Galante scrive:

    La presa di posizione degli intellettuali ci rafforza e ci spinge ancora di più a lottare per la difesa del territorio e delle sue bellezze naturali. Siamo convinti che sia fondamentale lavorare insieme per creare una nuova sensibilità e una cultura ambientalista non di facciata, nella consapevolezza che la Terra non ci appartiene come bene di possesso, ma che piuttosto siamo noi ad appartenere alla Terra.
    Ringrazio tutti gli scrittori che hanno aderito al nostro appello a nome del Coordinamento Salviamo Monte Inici

  2. gianluigi scrive:

    abbiamo un ministro Galletti, che è una vergogna, poi oltre ai soliti possibili moventi, mai nessuno che dice quanto incide la speculazione dei Canadair.

Aggiungi un commento