web_Houellebecq--672x359

Esce oggi in Italia “Sottomissione”: l’intervista a Michel Houellebecq

web_Houellebecq--672x359Dopo essere uscito in Francia lo scorso 7 gennaio, giorno dell’attentato contro la redazione di Charlie Hebdo, arriva oggi nelle librerie italiane Sottomissione, il nuovo romanzo di Michel Houellebecq (edito da Bompiani)Pubblichiamo l’intervista che lo scrittore ha rilasciato a Stefano Montefiori per il Corriere della sera, e ringraziamo la testata e l’autore. (Fonte immagine)

di Stefano Montefiori

Parigi. Dopo l’attentato a Charlie Hebdo, il più celebre scrittore francese Michel Houellebecq ha lasciato Parigi, protetto dalla polizia. Il giorno del massacro alla redazione, il 7 gennaio, è uscito in Francia per Flammarion il suo ultimo romanzo, Sottomissione, che sarà nelle librerie italiane domani [oggi per chi legge, ndr], edito da Bompiani. Houellebecq immagina una Francia del 2022 dove il presidente musulmano Ben Abbes vince le elezioni, islamizza la società e progetta di ricreare in Europa e nel Mediterraneo una sorta di impero romano, unito dall’Islam. Houellebecq aveva sospeso la promozione del suo libro, ma ha scelto di mantenere l’impegno preso con il Corriere della Sera.

Michel Houellebecq, lei ha paura?

«Sì, anche se è difficile rendersi conto completamente della situazione. Cabu per esempio, uno dei disegnatori uccisi, non era del tutto cosciente del rischio, c’era in lui l’anima sessantottina mescolata con una vecchia tradizione di mangiapreti, e in Francia essere un mangiapreti espone a un processo in tribunale che in genere si vince. Penso che Cabu non abbia colto che la questione è ormai di un’altra natura. Siamo abituati a un certo livello di libertà di espressione, e non ci siamo fatti una ragione del fatto che le cose sono cambiate. Anche io sono un po’ così, a livello inconscio. Ma l’idea della minaccia ti viene in mente, ogni tanto…».

Come ha vissuto il 7 gennaio, che avrebbe dovuto essere la sua giornata, quella della pubblicazione del libro atteso da mesi ?

«Quando ho saputo dell’attacco a Charlie Hebdo ho chiamato il mio amico Bernard (l’economista Bernard Maris, tra le vittime, ndr), ma non pensavo che fosse coinvolto. Collaborava con loro, non immaginavo che fosse alla riunione di redazione. Ho continuato a chiamarlo, dalle 12 alle 16, non rispondeva. Poi ho saputo».

Pensa che dopo gli attentati di Parigi la libertà di espressione sarà più difficile da esercitare? Nonostante l’immensa manifestazione di domenica?

«Sì, certo. Niente sarà più come prima. Sicuramente è più dura, per esempio per un disegnatore che comincia adesso».

Ma «Charlie Hebdo» ricomincia con un nuovo numero che ha in copertina Maometto. Forse quel che è successo potrebbe al contrario dare forza ai giovani.

«Adesso non c’è problema, faranno lo stesso tutti i disegnatori di Francia anzi del mondo. Dopo non so».

Lei è sulla copertina del numero uscito la mattina stessa della strage. Il nuovo «Charlie Hebdo» riparte da Maometto. Che cosa pensa di questa scelta?

«Sì, è quel che bisogna fare, è la scelta giusta. Charlie Hebdo ha sotto la testata la scritta “giornale irresponsabile”. È questo il loro motto, ed è giusto che restino fedeli alla loro linea».

Lei aveva paura anche mentre scriveva il suo romanzo? 

«No, per niente. Quando si scrive non si pensa affatto a come verranno accolte le proprie parole. Scrittura e pubblicazione sono due fasi separate. È adesso che uno capisce i rischi».

Il libro non mi è sembrato islamofobo, anzi al limite islamofilo. Ma in fondo neanche quello, l’Islam viene abbracciato un po’ per opportunismo.

«È così. I miei grandi riferimenti in letteratura sono Dostoevskij e Conrad. Entrambi hanno dedicato romanzi all’argomento di attualità più importante dell’epoca, ossia gli attentati anarchici e nichilisti, la rivoluzione russa che covava. Sono molto diversi nel modo di trattare il soggetto, ma questi rivoluzionari per loro si dividono in due tipi: farabutto cinico o naif assurdo, talvolta altrettanto pericoloso. Io descrivo invece, quasi unicamente, dei farabutti cinici attraversati talvolta da un pizzico di sincerità».

Questa parte di sincerità, che finisce per essere sconfitta, la si vede anche nel momento chiave del romanzo, quando il protagonista François si rivolge alla Vergine nera di Rocamadour, ma desiste, non trova la fede.

«Sì quella è la svolta del romanzo. È li che ho deluso i miei lettori cattolici, oltre a quelli laici. Nel progetto iniziale il protagonista si converte al cattolicesimo, ma non sono riuscito a scriverlo. L’avanzata islamica mi è parsa più credibile».

La settimana scorsa era cominciata con la parola chiave «Sottomissione»; si è conclusa con titoli come «La rivolta di Parigi», «La Francia in piedi», a proposito della marcia. È sorpreso dalla reazione dei suoi concittadini? 

«Non credo che quella marcia pur immensa avrà enormi conseguenze. La situazione non cambierà nel profondo, torneremo con i piedi per terra».

Davvero per lei è solo un episodio quindi?

«Sì. Non vorrei sembrare cattivo… Ma invece un po’ sì. Quando c’è stato l’incendio della redazione, il primo attentato a Charlie Hebdo nel 2011, non pochi dei colleghi giornalisti e dei politici dissero “sì, la libertà va bene, ma bisogna essere un po’ responsabili”. Responsabili. Questa era la parola fondamentale».

Anche a lei, di recente, è stato chiesto se non sente di avere una responsabilità in quanto grande scrittore. La trova appropriata questa domanda?

«No, io mi sento sempre irresponsabile e lo rivendico, altrimenti non potrei continuare a scrivere. Il mio ruolo non è aiutare la coesione sociale. Non sono né strumentalizzabile, né responsabile».

Qual è il problema alla base di tutto, in Francia?

«È il punto di partenza del libro. Il Paese è sempre più a destra ma la rielezione di un presidente di sinistra non è totalmente impensabile. E questo è destabilizzante».

Il Front National era assente dalla marcia di Parigi.

«Sì, sembra che non li abbiano voluti. Se vogliamo parlare nello specifico del Front National, hanno due deputati e il 25% dei voti (alle Europee, ndr)… C’è uno scarto evidente. Il Front National ha un peso nella società che non corrisponde affatto alla sua rappresentanza parlamentare. Mi domando fino a che punto una situazione simile sia sostenibile, con questa astensione poi. C’è un sistema che dovrebbe essere democratico e che non funziona più».

Hollande ha detto che leggerà il suo libro. È curioso di conoscere la sua opinione?

«No, dell’opinione letteraria dei politici mi interessa poco. Se François Hollande sarà rieletto presidente nel 2017 forse molte persone emigreranno. Per ragioni fiscali ed economiche, per l’idea che è difficile fare granché in Francia, un Paese che appare bloccato. E poi potremmo vedere qualcuno alla destra del Front National che si innervosisce e passa a un’azione violenta».

Nel suo romanzo la guerra civile sembra cominciare, poi per fortuna si ferma subito. Ma lei mi sta dicendo che nella realtà questa le sembra un’ipotesi possibile. 

«Sì, è un’ipotesi possibile. Sono allarmista, certo. Declinista no, perché ci sono cose bizzarre e positive che accadono in Francia, per esempio abbiamo una demografia molto alta, una cosa tutto sommato misteriosa».

Il grande soggetto del suo libro è in generale il ritorno della religione.

«Sì, è un fenomeno che i media non riescono a cogliere, pensano che la religione sia un fenomeno passato di moda. Ma prima di domenica le grandi manifestazioni di piazza sono state le manif pour tous. Fatte da cattolici molto diversi da quelli che mi ricordavo da giovane, ovvero gente complessata e all’antica oppure di sinistra insopportabilmente perbenista (ride, ndr)».

Ha letto «Il Regno», il romanzo di Emanuel Carrère, e il suo testo su «Sottomissione» pubblicato dal «Corriere»?

«Si. Carrère ha capito certe cose fondamentali del mio libro».

Per esempio la tentazione di liberarsi della libertà?

«Si. Della libertà l’uomo non ne può più, troppo faticosa. Ecco perché parlo di sottomissione. È un piacere parlare di Emanuel Carrère e del suo libro che ho molto amato».

Carrère spera che possa esserci una relazione feconda tra l’Islam e la libertà cara alla civiltà europea erede dei Lumi. È uno scenario possibile?

«I miei valori non sono quelli dell’Illuminismo. Ora, senza andare verso un progetto di fusione grandioso alla Carrère, diciamo che Cattolicesimo e Islam hanno dimostrato di poter coabitare. L’ibridazione è possibile con qualcosa che è davvero radicato in Occidente, il Cristianesimo. Mentre con il razionalismo illuminista mi pare inverosimile».

Rispetto al 2001 e alla sua celebre dichiarazione «l’Islam è la religione piu stupida del mondo», lei ha chiaramente cambiato opinione sull’Islam. Come mai?

«Ho riletto con attenzione il Corano, e una lettura onesta porta a supporre un’intesa con le altre religioni monoteiste, che è gia molto. Un lettore onesto del Corano non ne conclude affatto che bisogna andare ad ammazzare i bambini ebrei. Proprio per niente».

È il dibattito cruciale. I terroristi sono pazzi che stravolgono il messaggio dell’Islam, o la violenza è inerente alla natura stessa di quella religione?

«No, la violenza non è connaturata all’Islam. Il problema dell’Islam è che non ha un capo come il Papa della Chiesa cattolica, che indicherebbe la retta via una volta per tutte».

I suoi romanzi hanno sempre una parte di osservazione della società e un tocco profetico, a cominciare dal capitalismo applicato ai sentimenti di «Estensione del dominio della lotta»… 

«Sì, è stata la mia prima scoperta (ride, ndr)».

…per continuare con turismo sessuale e terrorismo di massa, clonazione, Francia trasformata in parco giochi per ricchi turisti, fino alla sottomissione all’Islam.

«Comincio dall’osservazione della realtà, ma resta letteratura. So che è difficile da credere ma l’Islam, nel romanzo, all’inizio non c’era. Uno dei motivi che mi hanno fatto scrivere il libro, oltre al fatto che essere ateo mi è diventato insopportabile, è che tornando in Francia dall’Irlanda mi sono reso conto che la situazione era molto peggiore di quanto pensassi. Ho pensato che le cose potevano precipitare in modo spiacevole, e questo mi ha sorpreso». L’intervista finisce, ci salutiamo. «Spero che avremo l’occasione di rivederci in circostanze più felici», conclude lo scrittore.

Commenti
12 Commenti a “Esce oggi in Italia “Sottomissione”: l’intervista a Michel Houellebecq”
  1. Dinamo scrive:

    Mi pare troppo comodo che uno scrittore ricco che da anni vive legittimamente come e dove più gli piace, disponendo liberamente del suo tempo, leggendo e scrivendo a suo piacimento, venga a dire che “l’uomo” della libertà non ne può più, che è troppo faticosa. Il gioco invece, in questi anni così reazionari, starebbe ancor di più nell’aumentarla, la libertà, in termini sociali e civili. Ad ogni modo, di certe pose e posizioni sappiamo bene che sono pieni i bauli di tanti dei migliori artisti contemporanei e no e quindi si può lasciarle correre come la solita sciocchezza di certi intellettuali reazionari. Sarebbe comunque stato più proficuo, e stimolante, una riflessione di Houellebecq sulla libertà artistica, in seno ai processi estetici. Ma non avrebbe fatto rumore (e vuoi mettere vendere una copia in meno?).

    Molto bello poi che finalmente abbia ammesso di aver polemizzato con l’Islam assecondando le maggiori campagne d’odio della stampa francese. Molto bello.

  2. giorgio scrive:

    infatti, reazionario e interessato solo alla letteratura. la libertà va difesa passo passo contro i movimenti che intendono schiacciarla, per una sottomissione ad ogni dinamica di potere, capitalista come religiosa. facile non è, houellebecq certo osserva la realtà, la meschinità umana ma sotto sotto l’ammira invece di reagire e disprezzarla. non dico dovrebbe farlo però il dato sociale che dinamo mette in gioco, la borghesia decadente e nichilista, non è da poco. vallo a dire alle donne oppresse nei paesi islamici quanto è comoda lo sottomissione…

  3. michela scrive:

    Pare che in Italia si convertano volontariamente all’islam circa quattromila persone l’anno, tra uomini e donne. Non sono molti, ma neanche pochissimi. Potrà non piacere, ma l’indagine di Houellebecq sulla sofferenza psichica indotta dalla libertà resta secondo me un contributo prezioso alla lettura del presente.

  4. RobySan scrive:

    Della libertà l’uomo non ne può più, troppo faticosa.

    Anche della stazione eretta l’uomo non ne può più; è troppo, troppo faticosa.

  5. Ilaria scrive:

    Io il libro l’ho letto d’un fiato. Bellissimo.
    Bellissimo perché racconta molte verità su di noi, uomini contemporanei, nella nostra incapacità di far fronte alla catastrofe. Quel che più inquieta è l’incapacità di assumere la libertà, poiché “piegarsi” è più semplice, più riposante. Non siamo più fatti per le battaglie. Abbiamo abdicato. E ci pieghiamo, uno ad uno, come milioni di marionette. Leggetelo. Ne vale la pena.

  6. Giovanni Ioannoni scrive:

    Inizio col dire, che noi non siamo il corpo fisico che momentaneamente abitiamo, è lui che serve l’anima che noi siamo, e che ridoniamo all’amata terra all’abbandonare del veicolo corporeo, che ringraziamo infinitamente per il dono ricevuto, riprendendo il proseguo del cammino dell’anima che noi siamo, verso l’Eternità in Dio nostro Signore!

    Mi permetto di presentare, la mia missione sulla terra, da trasmettere all’Umanità, Dio volendo, Dio lo voglia, dove, mi sento vincolato alla parola di Dio nostro Signore, alla sua unica Santa Verità!
    Non giudicare, ma conoscere, affinché il giudicare, male dell’umanità non alberghi più in noi.
    RIMARCO, CHE IL MONDO INTIERO E’ IN RIBELLIONE – IN RIVOLTA TOTALE, SARA’
    L’ORA DI SCENDERE DA QUESTA PRIGIONE CARROZZONE – MONDO, PER COME AL MOMENTO DA NOI CONOSCIUTO ORMAI ANDATO?
    PER NOI UMANI SULLA TERRA, LA VITA SEI TU, DIO NOSTRO SIGNORE!
    “TENDERE AMBIRE, ALL’UNIONE TRA L’UOMO E’ DIO!”
    “Miserere mei Deus secundum magnam misericordiam tuam!”
    “Pietà di me, o Dio, secondo la tua grande misericordia!”
    “Fede in nostro Signore Gesù Cristo, dove Amore, Pane, Lavoro, Dignità, Pace, Libertà e Giustizia per l’Umanità intera, risultano, essere le basi fondamentali dell’esistere! Dio ci salvaguarda ed é sempre presente in noi Umanità.”
    Solo il Signore potrà donare la pace mediante sé stesso, nel sangue di Cristo in noi!
    “ Non sono solo… Dio mi sostiene e mi porta.” (Papa Benedetto XVI )
    IN DIO L’ETERNO ESISTENTE, NOI UMANI SIAMO IL SUO SOGNO DI DIO, NOI SIAMO!
    PAROLA DI GESU’: NON SIAMO DI QUESTO MONDO, MA VENIAMO A QUESTO MONDO!
    Chiamo l’umanità tutta ad unirsi sotto l’unico Dio nostro Signore! ( Giovanni Ioannoni) SHALOM “PACE”- PACE E BENE ALLE DONNE E AGLI UOMINI DI BUONA VOLONTA’!
    GESU’ ACCOGLI LE NOSTRE ANIME ALLA SALVEZZA CELESTE.
    Dio mandò il Messia nella persona di Gesù Cristo dove Cristo sta all’ Unto, che sta al Messia Re.
    LA SHOAH, VERGOGNA PER L’UMANITA’, DI NON AVER FATTO NIENTE PER LA LIBERAZIONE DEI DEPORTATI NEI LAGER, DESTINATI AI FORNI CREMATORI – ALLE CAMERE A GAS, DOVE, IL RESTO DEL MONDO E’ RIMASTO INERME, QUINDI, A MIO AVVISO, COLPEVOLE DI FRONTE A TALE IMMANE GENOCIDIO!
    Perdonarsi per perdonare l’umanità intera delle generazioni, e nel contempo, mantenere viva la memoria delle azioni.

    Qual è l’elemento essenziale per essere un vero Israelita? Non è la discendenza letterale da Abrahamo, ma la fede in Dio. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 3:7 (NR): “Riconoscete dunque che quanti hanno fede sono figli d’ Abrahamo.”
    In Romani 9:6-8 (NR) è scritto: “…… infatti non tutti i discendenti d\’Israele sono Israele; né per il fatto di essere stirpe d’Abraamo, sono tutti figli d’Abraamo……. ma i figli della promessa sono considerati come discendenza.” I figli della promessa sono coloro che ripongono la loro fede in Gesù. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 3:29 (TILC): “E se appartenete a Cristo, siete discendenti di Abramo: ricevete l’eredità che Dio ha promesso.” Che si tratti di Ebrei o Gentili, Dio considera solamente coloro che hanno rinnovato i propri cuori, proprio come dei veri Israeliti.

    E’ scritto nella Bibbia, in Romani 2:28,29 (NR): “Giudeo infatti non è colui che è tale all’esterno; e la circoncisione non è quella esterna, nella carne; ma Giudeo è colui che lo è interiormente; e la circoncisione è quella del cuore, nello spirito, non nella lettera; di un tale Giudeo la lode proviene non dagli uomini, ma da Dio.” In Filippesi 3:3 (NR) è scritto: “Perché i veri circoncisi siamo noi, che offriamo il nostro culto per mezzo dello Spirito di Dio, che ci vantiamo in Cristo Gesù, e non mettiamo la nostra fiducia nella carne.” Dio ha un patto speciale con quelli che fanno parte del vero Israele spirituale.

    E’ scritto nella Bibbia, in Ebrei 8:10-12 (NR): “Questo è il patto che farò con la casa d’Israele….. dice il Signore: io metterò le mie leggi nelle loro menti, le scriverò sui loro cuori; e sarò il loro Dio, ed essi saranno il mio popolo. Nessuno istruirà più il proprio concittadino e nessuno il proprio fratello, dicendo: ‘Conosci il Signore!’ Perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande di loro. Perché avrò misericordia delle loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati.” Confronta con Geremia 31:31-34 ed Ezechiele 36:26-28.

    La Bibbia riporta le caratteristiche spirituali dell’Israele spirituale di Dio. Esso è un popolo moralmente puro. E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 73:1 (NR): “Certo, Dio è buono verso Israele,
    verso quelli che son puri di cuore. ” Esso è un popolo che è spiritualmente intimo con Dio. Nel Salmo 148:14 (NR) è scritto: “Egli ha ridato forza al suo popolo, è motivo di lode per tutti i suoi fedeli, per i figli d’Israele, il popolo che gli sta vicino.” Esso è un popolo assolutamente onesto. E’ scritto nella Bibbia, in Isaia 63:7,8 (NR): “Io voglio ricordare le bontà del Signore…. che ha fatto alla casa d’Israele, secondo la sua misericordia e secondo l\’abbondanza della sua bontà. Egli aveva detto: ‘Certo, essi sono il mio popolo, i figli che non m’inganneranno. ’ Fu il loro salvatore.” Parlando di Natanaele, Gesù ha dichiarato, in Giovanni 1:47s.p. (NR) è scritto: “Ecco un vero Israelita in cui non c’è frode.” Vedere anche Sofonia 3:13. Il vero Israele di Dio è profondamente consapevole del valore salvifico del sangue di Cristo.

    E’ SCRITTO NELLA BIBBIA, in Efesini 2:11-13, 19 (NR): “Perciò, ricordatevi che un tempo voi, stranieri di nascita, chiamati incirconcisi da quelli che si dicono circoncisi, perché tali sono nella carne per mano d\’uomo, voi, dico, ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d’Israele ed estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo…
    Ma ora, in Cristo Gesù, voi che allora eravate lontani siete stati avvicinati mediante sangue di Cristo.

    Così dunque non siete più né stranieri né ospiti; ma siete concittadini dei santi e membri della famiglia di Dio”, vedere versetti 11-22, e anche Apocalisse 7:1-14. Il vero Israele di Dio è stato rigenerato dal potere della croce di Cristo; esso è fermamente sostenuto dal Suo amore e dalla Sua grazia. E’ scritto nella Bibbia, in Galati 6:14-16 (NR): “Ma quanto a me, non sia mai che io mi vanti di altro che della croce del nostro Signore Gesù Cristo, mediante la quale il mondo, per me, è stato crocifisso e io sono stato crocifisso per il mondo. Infatti, tanto la circoncisone che l’incirconcisione non sono nulla; quello che importa è l’essere una nuova creatura. Su quanti cammineranno secondo questa regola siano pace e misericordia, e così siano sull’Israele di Dio.”
    Agli Israeliti spirituali sarà riconosciuta la propria cittadinanza in cielo, nella Nuova Gerusalemme.

    E’ scritto nella Bibbia, in Ebrei 13:14 (NR): “Perché non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura. ” In Ebrei 11:10 (NR) è scritto: “Perché aspettava la città che ha le vere fondamenta e il cui architetto e costruttore è Dio. ” Ed ancora in Ebrei 12:22 (NR) è scritto: “Voi vi siete invece avvicinati al monte Sion, alla città del Dio vivente, la Gerusalemme celeste, alla festante riunione delle miriadi angeliche.

    ” Questa è la Gerusalemme “…. di lassù è libera, ed è nostra madre.” Galati 4:26 (NR). Quando Dio creerà un nuovo cielo e una nuova terra, allora il Suo Israele spirituale abiterà la Nuova Gerusalemme. Dio porrà questa città sulla terra e ne farà la capitale spirituale dell’Universo. Sarà una città di pace che non sarà mai toccata da apostasia, conflitto, violenza o empietà di qualsiasi tipo. E’ scritto nella Bibbia, in Apocalisse 21:1-4, 27 (NR): “Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, poiché il primo cielo e la prima terra erano scomparsi… vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scender giù dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii una gran voce dal trono, che diceva: ‘Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Egli abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio.

    Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate ’…… E nulla di impuro né chi commetta abominazioni o falsità, vi entrerà; ma soltanto quelli che sono scritti nel libro della vita dell\’Agnello.” Benché rispettosi delle leggi umane, gli Israeliti spirituali non considerano alcun governo terreno come massimo rappresentante di Dio. La loro cittadinanza spirituale e i loro affetti principali sono in cielo.

    E’ scritto nella Bibbia, in Filippesi 3:20 (NR): “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesù Cristo, il Signore.” In 1 Pietro 2:9 (NR) è scritto: “Ma voi siete una stirpe eletta, un sacerdozio regale, una gente santa, un popolo che Dio si è acquistato, perché proclamiate le virtù di colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua luce meravigliosa.”

    Ma l’Israele spirituale di Dio non disprezza i governi terreni. E’ scritto nella Bibbia, in Romani 13:1 p.p. (NR): “Ogni persona stia sottomessa alle autorità superiori.” Eppure quando c’è un conflitto tra legge umana e legge divina, sta scritto in Atti 5:29 s.p. (NR): “Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini.” L’amore per Dio, la fede in Cristo come personale Salvatore, e ricevere un cuore nuovo che dà un’obbedienza serena e spontanea alla Sua legge sono l’essenza dell’essere un Vero Israelita.
    I nomi di tutti questi sono scritti nel Libro della Vita dell’Agnello. Lo abbiamo visto nella Bibbia. Il Vero Israele di Dio da Bibleinfo.com. Ripreso e ritrasmesso da Giovanni Ioannoni, libero pensatore.

    L’ETERNO L’UNICO E’ IL NOSTRO DIO, SI’, L’ETERNO L’UNICO E’ IL NOSTRO DIO!
    Dalla Vergine Maria: Io posso, con mio Figlio, darvi le Grazie e il cerchio di protezione che nessun angelo caduto è in grado di penetrare, ci sono i veri Angeli del Signore, Figli dell’Iddio Uno l’unico Dio dell’Universo degli Universi“ Preghiamo, la preghiera può mitigare il castigo “, da: messaggi da Gesù Cristo. Da non confondere con gli angeli impropri del demonio che cerca invano di usurpare, sicuri che il Signore saprà porre rimedio e abbattere definitivamente il demonio, da: messaggi da Gesù Cristo.

    Nel tempo dell’oggi, nell’anno 2015 dopo Gesù Cristo, Ben presto il momento sarà.
    FINE E RI-INIZIO DELLA NOSTRA AMATA TERRA MONDO, CHE VERRA’ RI-GENERATA DA NOSTRO SIGNORE L’IDDIO UNO L’ETERNO L’ONNIPOTENTE L’ONNISCIENTE. Siamo pronti alla fine di questo mondo per come da noi conosciuto.
    La democrazia può resistere alla minaccia autoritaria soltanto a patto che si trasformi, da democrazia di spettatori passivi,in democrazia di partecipanti attivi, ( Erich Fromm )
    La storia dimostra che tutte le dittature, tutte le forme di governi autoritari sono transitorie. Solo la democrazia non lo é. Con tutti i suoi difetti, l’umanità non ha inventato nulla di migliore. (V. Putin)
    Brilla Colosseo, brilla nella notte in tutte le tue luci, come petali della rosa troverai pace e riposo nel grembo della Terra, Colosseo brilla nella notte in tutte le tue luci, fatti da parte il fiore deve passare, la sposa è in trepidante attesa dello sposo, essa veglia giorno e notte, brilla Colosseo, brilla nella notte in tutte le tue luci. ( Giovanni Ioannoni )

    Gesù disse: ” Bisogna che voi siate generati di nuovo” (Giov. 3:7).
    Lo Spirito é pronto, ma la carne è debole. ( Gesù Cristo )
    NELLA MANIFESTAZIONE di DIO IN MADRE, PADRE, FIGLIO, SPIRITO SANTO E DEL SOLE NEL TERZO MILLENNIO, IL QUINTITARIO E’ ENTRATO CON IMPETO NEL MONDO DEGLI UMANI.
    Dio é più Mamma che Papà. ( Papa Luciani.)-( La Chiesa é Femminile é Madre e Donna. ( Papa Francesco I Bergoglio ) Bisogna che abbondi in noi, sempre più, il bene. Lasciamoci contagiare dal bene e contagiamo il bene!“ ( Papa Francesco I Bergoglio ) IL disfacimento della Famiglia tradizionale tra Donna e Uomo potrà portare al disfacimento dell’umanità sulla Terra? Sembra che il ritorno alla Fede Cristiana della Russia sia cosa fatta… Un grande Miracolo di Maria, foriero di grandi cose…
    L’umanità é invasa da spiriti immondi, nell’ultima definitiva nostra lotta contro detti spiriti immondi, noi Figli di Dio, ne usciremo vincitori e trionfanti, le forze maligne saranno sconfitte. Dio chiama a sé il suo popolo. La nostra certa e sicura definitiva risposta é sì.
    L’umanità in questo mondo é pervaso dall’amore e dall’odio, ma l’amore vincerà sull’odio.
    «Nessuno può dire: “Gesù è Signore!”, se non sotto l’azione dello Spirito Santo» (1 Cor 12,3b)
    Se non è ancora avvenuta la conversione spirituale in Cristo Re da parte di Israele, la si compia adesso come nella chiesa in Cristo Re già avvenuta? Siamo ostaggio del sistema ingabbiante? Ascolta Jerusalem, ascolta Santissima Chiesa Apostolica Romana : IL Signore è il nostro unico D-o,noi sue Anime del Signore siamo, nel Tabernacolo del Signore posti in noi. Gesù Cristo : Gli ultimi saranno i primi. Solo il Signore potrà donare la pace mediante sé stesso.

    Diffondere, le idee innovative nell’ambito religioso spirituale filosofico, del nuovo mondo che cambia nel terzo millennio, e come se cambia. Si sussurra, si riporta che il Quintitario sia entrato con impeto nel mondo degli umani.
    Cosa che il sottoscritto, condivide in pieno, da anni predico tali convinzioni su internet, so di essere nel vero, nel giusto. Destiamoci, umanità, il Quintitario é entrato con impeto nel mondo degli umani, prendiamone piena coscienza in libera accettazione. In nome del Padre in nome della Madre quale principio generatore femminile Madre di Dio, in nome del Figlio, in nome dello Spirito Santo e del Sole. Amen. Forse causa mutazione del nostro DNA apportato ulteriormente dal Sole Divino in noi umani? VISTO – INTESO, COME TUTTI I SOLI, DEGLI UNIVERSI DI TUTTI GLI UNIVERSI.

    SI PRENDA PURE LA COSA, QUALE, MIO PROFETICO APPORTO NEL MONDO DEGLI UMANI, DONO CHE DIO HA VOLUTO FARCI – DONARCI, PER RITRASMETTERLO ALL’UMANITA’.
    Come si fa a ritenere il Sole fuori dal monoteismo se il monoteismo è espressione stessa del Sole quale parte tangibile religioso spirituale dell’Iddio Uno Uni-verso L’Eterno.
    IL Sole di tutti i Soli degli Universi del Creatore giunge a noi! Con questo, senza dimenticare, il primo monoteista della storia, il Faraone Akenaton stesso!
    Elia dunque è tornato un altra volta prima dell’avvento del Passaggio {Universale} o in alternativa di un Giudizio {sempre Universale} per riportare tutte le Fedi-Religioni, di chi Figlio di Dio E’, verso la nostra Unica Sorgente dell’Iddio Uno L’Unico, affinché il Mondo non perisca.
    IL pensiero Jurmiano si riconosce quale nuova genesi del libero pensiero, religioso spirituale Filosofico dell’essere, verso la riconquista delle vere origini incontaminate tali quale realizzazione appagante della pura espressione dell’anima. Vivere la nostra interiorità realizzandola così come esteriormente in ogni sua forma per mezzo specchiale del mondo sensibile temporale dove l’anima esprime se stessa nel senso vero della vita che sta nel vivere la vita per proiettare il sé cosciente. Nuova visione, sia interiore che esteriore, quale chiave di svolta dell’umanità.
    Auspico, spero che le mie convinzione mi conducano a percepire le condizioni sul mio cammino a proseguire, che le condizioni che il Signore vorrà, trasmettermi- indicarmi.
    Ritenevo erroneamente di essere un ateo, tante è vero che nel 1998, presi come facente parte del movimento raeliano, il 5/6 Aprile sempre dello stesso anno, feci, contrassi apostasia a Losanna. A fine Dicembre 1998 abbandono definitivamente la mia falsa appartenenza certamente erronea all’ateismo, per fare ritorno e risposo in coscienza Cristo in me, nell’assoluto mio essere nei nostri Madre, Padre, Figlio, Spirito Santo e del Sole. Amen.
    IL nostro pentimento é d’Obbligo, vista la nostra caduta dai cieli in terra, caduta avvenuta all’Apparire del serpente, il dragone satana, il denominato anche oh malament.

    Donna Madonna, dai il là all’agire dell’uomo. Donna Madonna, legittima con la tua Santità la nostra catartica azione. Donna Madonna, richiama all’azione i tuoi uomini del mondo. Donna Madonna, investi di tal autorità l’uomo che si immola alla somma causa. Donna Madonna, l’uomo terreno tenda spedito al suo ritorno celeste nel corpo unico totale dell’assoluto nostro Dio. Donna Madonna, dai il là all’agire dell’uomo. Donna Madonna…..
    La “religione” del futuro sarà una religione cosmica. Dovrà trascendere un Dio personale ed evitare dogmi e teologie. Comprendendo sia il naturale sia lo spirituale, dovrà fondarsi su un senso religioso che nasca dall’esperienza di tutte le cose spirituali e naturali, intese come unità significativa. (Albert Einstein)
    Dio rivelò che stava per distruggere Sodoma, dopo averne dato contezza, fu dato l’ordine di non voltarsi indietro a vedere quanto Dio aveva decretato accadesse alla città, tale ordine non fu rispettato dalla moglie di Lot, che per quell’atto di disubbidienza, fu trasformata in una statua di sale. Fuggite, dal trasformarvi in statue di sale.
    A presto, a breve scadenza, forte e verità di tutti i suoi fratelli in Dio Uno, JURM Ben ISman, la guida spirituale delle religioni del mondo ( nel senso simbolico del termine ), che portano all’unità in Dio Uno di chi Figlio di Dio E’, si porrà palesemente allo scoperto in tutto il mondo, appena le sarà ordinato dallo Spirito Santo. Tutte le Religioni che aderiranno all’unione manterranno la propria autonomia.
    Sono un cristiano, sono un ebreo, sono un musulmano, sono di tutte le religioni del mondo dei Figli di Dio di chi Figlio di Dio é, dell’Uno L’Assoluto, il Glorioso, L’Onnipotente L’Eterno. Io, quale umile servitore delle genti. Dio lo voglia.
    Bisognerà tornare dalla fine del mondo, al ri-inizio del nuovo mondo, per capire il mondo.
    ( L’Unificazione alla Religione dell’unione non trasmette nessuna dottrina o dogma, chiede solo di riconoscersi in Dio Uno, per tutta l’umanità Terrestre. Sorelle e Fratelli di tutti i Santissimi popoli sulla Terra, prendiamo coscienza del valore sacro di amare il prossimo nostro come noi stessi e Dio Uno sopra ogni cosa. Forti di così tanta luce, si invochi costantemente la venuta di Dio Uno in Terra. Bene, dopo questo dire all’umano cuore, nel mio essere umile servitore dell’Umanità ed indegno servo di Dio Uno in Terra.
    Rimetto tutto me stesso a ciò per cui sono, rimetto tutto me stesso al servizio dell’Umanità consacrato a Dio. A nome di chiunque sia nell’Unione e dell’Unione delle Religioni del mondo intero, di chi Figlio di Dio é, invoco la venuta del Regno di Dio in Terra. Questo messaggio di unione al Signore, trovi immediata e fulminea diffusione in ogni angolo della Terra. Si adoperi ogni mezzo pacifico legale consentito, che risulti conciso e incisivo. Si trasmetta in un sol colpo coscienza alle genti, Dio ricompensa ognuno secondo le proprie opere, azioni e pensieri. )

    ( Comunque sia, comunque vada, comunque avvenga, anche nel caso, io venissi meno a questo mondo, o potrei anche non essere più memore del mio vissuto ( perdere la memoria ), diciamo essere come quasi se non del tutto annullato, la cosa, non cambierebbe affatto, l’effetto – efficacia del presente messaggio qui trasmesso e impresso alla amata Umanità Terrestre non verrebbe mai meno. Tale messaggio, resterà comunque impresso nel profondo della Coscienza dell’Umanità sulla Terra, in modo operativo indelebile Generato, quindi attuato, ripeto operativo Generato nella vita degli umani sulla Terra, esso, resterebbe comunque per sempre registrato Generato in Eterno. )
    Quando le potenze dei cieli saranno sconvolte, allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina. State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso come un laccio, infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo»”. ( Lc 21,25-28.34-6 )
    Noi Umani, siamo giunti al Giudizio Universale, al Giudizio Universale, noi siamo giunti. Siamo alla fine dell’Umanità e del Mondo, ma solo, per come al momento da noi conosciuti, trovo alquanto palese per non ravvedersene e rendersene conto, niente paura, noi Anime del Signore siamo Anime Eterne, noi, sue Anime Eterne siamo.
    La morte non esiste, è semplicemente cosciente risveglio alla vita Eterna! Da adesso siamo più ricchi spiritualmente, da adesso in questo tempo non si potrà più sostenere di non essere a conoscenza delle cose che ci riguardano, da adesso in questo tempo siamo messi inevitabilmente di fronte a noi stessi.
    Che la nostra e la vostra scelta sia L’Iddio Uno L’Onnipotente, nostro Signore Gesù Cristo.
    Cosmologia Mistica Religiosa in continuo e perenne movimento, L’Altare della Croce è Gesù!
    Quando la regola tende ad opprimere l’uomo schiacciandolo, l’uomo avverte imperante il là che gli viene da Dio di sovvertire la regola oppressiva.
    L’umanità è giunta al punto che s’animi la vera e sana rivoluzione del pensiero che porti alla sua saggezza equivalente, unico antidoto all’autodistruzione è la unificazione di tutte le Religioni del mondo di chi Figlio di Dio é, Divina risposta dell’uomo di buona volontà. Le Fedi sono sorte come raggi di luce rivelatrici della sorgente primaria una, è il tempo ed è adesso che le richiami tutte a sè. E’ stato detto che solo chi sa di essere intermediario del disegno divino porta gioiosamente il peso delle umiliazioni che parte dei propri simili gli riversano, è stato detto che chi sarà….. perseguitato lo sia, chi sarà imprigionato lo sia, chi sarà ….. Questa è la splendida pazienza e forza di chi i cui nomi sono registrati dalla fondazione dell’uomo nel libro della vita dell’agnello immacolato. chi ha orecchie intenda. E’ stato detto che……
    Quale libero pensatore e ricercatore spirituale ho il diritto dovere di ricercare a 360 gradi senza limiti ne barriere, nell’intento di rimuovere dal giogo la nostra santissima umanità che sotto le oppressioni, le privazioni, le ingiustizie, le torture, le violenze, la fame, la miseria e lo sfruttamento pesano da sempre sulle sue – nostre spalle.
    Doniamo il risveglio dell’essere all’essere e saremo sulla strada maestra per liberarci dal giogo.
    Le forze di contrasto agiscono pesantemente nel raggio della spirituale azione terrena.
    Si imputa allo spirito, all’anima, alla persona di aver ridestato sulla terra la sacra pianta spirituale universalista, l’araba fenice che risorge dalle proprie ceneri.

    C’è conoscenza per i ridestati. C’è dogma per i plasmati. C’è sovranità individuale dei liberi nella consapevolezza. C’è prigionia in chi crede di essere solo il proprio corpo fisico. C’è espansione di libertà in chi sa di abitare solo temporaneamente il proprio momentaneo corpo fisico per poi proseguire verso la nostra Eternità. Perdonarsi per perdonare l’umanità intera delle generazioni, e nel contempo, mantenere viva la memoria delle azioni del vissuto. Non inveite, inveireste contro quella parte che al momento rifiutate di accettare in voi stessi, si prenda atto che si dovrà solo capire, si prenda atto che si dovrà solo trovare la dovuta forza di accettazione consapevole che l’anima nostra ci saprà donare appena dopo l’individuale ed amorevole nostra sentita richiesta dell’io scelgo consapevole.
    IL progetto non é cambiare ne appiattire quello che differisce, il progetto è di piena accettazione delle differenze, unire non significa sovvertire ma significa rispettare, accettare è riconoscere l’altro come tua parte stessa nell’essere corpo unico totale dell’umanità in Dio! )
    ( Si riceve il dono della Salvezza per Grazia del Signore non per meriti propri ma in quanto, sue, Anime di Dio. IL Predicatore Giovanni il Battista per mezzo del Battezzo dell’acqua sul Giordano, fece suoi. E’ come essere stato Crocifisso con Nostro Signore e non essere più io che vivo in me ma è Cristo Re che vive in me. Tutto giungerà dal Cielo e tornerà al Cielo, posto nel Santissimo Gesù Cristo Re. I segni mi si sono benevolmente presentati e donati…..)

    Ora noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito che viene da Dio, per conoscere le cose che Dio ci ha donato. ( 1 Corinzi 2:12 ).
    Quando l’umano chiede aiuto é il momento di intervenire é questo é il momento di farlo.
    Chiamiamo a noi e in noi tutti i nostri antenati fin dall’inizio dei tempi, loro non potranno mancare di venire a noi ed in noi poiché noi siamo il solo motivo per cui a loro volta essi vennero al mondo, nel proiettare il loro sé cosciente.
    Ricordo che noi tutti siamo luce del pensiero vivente del sé cosciente che dall’universo portiamo come dono al genere umano.
    Jerusalemm Ombelico del Mondo. ( Papa Francesco I Bergoglio.)
    Jerusalemm Capitale delle tre Religioni Monoteiste. ( Papa Francesco I Bergoglio. )
    Jerusalemm e Roma – SantaSede, Capitali Mondiali delle Religioni Abramitiche.

    Le scritture che presento sono da ritenere scritture Religiose Spirituali, non si annette loro altra valenza che non sia quella di vivificare nell’animo umano nel pieno discernimento del proprio libero arbitrio. Operation Unitary Unification of Religions, risveglio dell’essere per il risveglio delle coscienze, all’alba del terzo millennio, nella rivelazione storica, filosofica religiosa e spirituale del cambiamento nel terzo millennio del Movimento Jurmiano di Unificazione delle, Religioni mondiali pacifiche e libere di chi Figlio di Dio é.
    Johannes Unificator Religio Mundi, predicatore del terzo millennio, il nuovo Giovanni Battista, profeta del passaggio dalla vecchia era alla nuova, “( nel senso simbolico del termine. )
    IL Grandangolo Spirituale del risveglio dell’essere, per un risveglio delle coscienze, all’alba del terzo millennio. )
    LA FEDE IN NOSTRO SIGNORE GESU’ CRISTO, APRE IL CUORE ALLA SUA GRAZIA! RINTOCCHI DELLA CAMPANA PER LA NOSTRA SALVEZZA UMANA GIA’ SI ODONO! VIVIAMO NELL’ORA DEL SIGNORE, SIATE SEMPLICI, FELICI E PURI IN GESU’ CRISTO RE! AFFIDIAMOCI COMPLETAMENTE A DIO!
    Gesù di Nazareth, disse ai suoi discepoli, andate e mantenete il segreto. La Fede tutto può! La Fede in Dio é positiva e funge da Creatore!
    La Fede dei Cristiani é fondata dal sangue dei suoi martiri, il vero Cristiano é pronto ad essere sacrificato in onore dei suoi martiri in Gesù Cristo.
    Credere in Gesù Cristo é più importante che credere ad una Religione!
    Noi Figli di Dio siamo il Santo Tabernacolo del Signore posto in noi.
    ( “ I tempi ultimi di cui parla la bibbia segnano il punto di non ritorno, una soglia oltrepassata la quale non è più possibile tornare indietro o fermare il processo iniziato. Sono convinto che ormai, al punto in cui siamo, gli eventi seguiranno il loro corso. Dall’ecatombe deriverà un riallineamento globale dei superstiti. Giusto o no, il traguardo degli artefici del progetto è una società perfetta. Così coloro che sono posti alla guida di questo progetto si preparano ad attraversare ancora una volta le epoche dimostrando di essere potenti come e più di Dio, di poter governare il tempo e con esso l’uomo e la sua storia”. Dal libro, Il tempo della fine, di Sigismondo Panvini )
    Che bello pensare che le donne possano accedere all’apparato clericale della religione, che bello pensare che preti,vescovi e cardinali di entrambi i sessi possano contrarre matrimonio tra uomo e donna “ famiglia naturale appunto tra Donna e Uomo”, che bello pensare che possano sperimentare e trasmettere direttamente la Divina esperienza della famiglia, che bello pensare che i gay anche apertamente dichiarati, di ogni sesso, possano accedere all’apparato clericale della religione, che bello pensare. Siamo tutti figli di Dio, di chi Figlio di Dio é.
    Il popolo di Dio deve lasciarsi guidare dallo Spirito Santo. ( Papa Francesco I Bergoglio )

    Io accettai il mio cammino il mio andare già prima delle antiche origini dei giorni, io accettai.

    Non si può definirsi Cristiani senza riconoscere la propria origine Ebraica. (Papa Francesco I)
    Sono un cristiano, sono un ebreo, sono un musulmano e si dimentica quasi sempre della Fede Baha’i, essa stessa monoteista, con sette milioni di seguaci, si faccia anche menzione di ciò. Riporto che sono anche di tutte le religioni del mondo dell’Iddio Uno l’Assoluto, il Glorioso, L’Onnipotente L’Eterno, di chi figlio di Dio é, io quale umile servitore delle genti. Dio lo voglia. Bisognerà tornare dalla fine del mondo, all’inizio del nuovo mondo per capire veramente il mondo.

    E’ palese che il mondo sia ormai andato, come non rendersene conto, (almeno per come da noi conosciuto ) come non ravvedersene, non c’è più niente da fare. Mettiamoci l’anima in pace, care sorelle e cari fratelli del mondo si torna a casa, alla casa del Padre nostro.
    Niente paura, noi siamo Anime Eterne, Anime Eterne noi siamo!
    Amiamoci l’un l’altro fraternamente oggi domani e sempre! )
    “ L’Onnipotente, trova buono che si viva una sola volta alla volta, per non dare peso e zavorra eccessivi sulla Eternità dell’uomo all’uomo stesso, se prima non maturata in coscienza. La qualcosa si palesa in me come in altri nel mondo. L’Onnipotente, trova buono…..

    E’ scritto nella Bibbia, in 1 Corinzi 1:7,8 (NR): “In modo che non mancate di alcun dono, mentre aspettate la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo. ”
    Egli vi renderà saldi sino alla fine, perché siate irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo.
    Restiamo fedeli a nostro Signore che ci chiama alla comunione con Gesù Cristo!
    Ricordo, che per noi Anime Eterne, non sarà mai fine, perche anche se esistesse, essa, la fine comporterebbe incessantemente un nuovo inizio, di fatto non esiste, noi siamo Anime Eterne!

    SPIRITUALMENTE SIAMO TUTTI SEMITI ! ATTRAVERSO CRISTO E IN CRISTO, NOI SIAMO I DISCENDENTI SPIRITUALI DI ABRAMO! In vero e in co-scienza di fede in Gesù Cristo, ricordo che noi siamo in Dio e negli uomini, dove auspico che la schiavizzazione terrena indotta manipolativa forzata sull’uomo abbia termine ! SIGNORE PIETA’, CRISTO PIETA’, CARISSIMO GESU’ RICOPRICI DEL TUO PREZIOSISSIMO SANGUE.

    FATE CONOSCERE LE VOSTRE RICHIESTE A DIO IN PREGHIERE E SUPPLICHE, ACCOMPAGNATE DA RINGRAZIAMENTI. ( Filippesi 4 : 6 )
    (( “Gesù disse ai suoi discepoli: ‘Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo avere lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se la sera o a mezzanotte o al canto del gallo o di mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: Vegliate”. (Mc. 13, 33-37))
    “ Colpire l’errore non l’Errante. Noi siamo noi stessi, il tempo ci confonde. IL tempo non è quello che conosciamo. Un uomo che parlerà, comunque, con una forza tale, da essere ascoltato dal mondo intero. IL mondo lo ascolta ogni notte, dalle profezie di Angelo Roncalli – Papa Giovanni XXIII.) Dio nostro Signore é nei nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo e del Sole, Dio é!
    Per come ho riceduto così ritrasmetto alla Amata Umanità!!!!! Dio sia con noi, Dio lo voglia. Insieme uniti, coscientemente ce la faremo. Vostro Spiritualmente, pace in terra agli uomini di
    Io ho testimoniato la mia esistenza al presente, per mia stessa volontà e coscienza in Dio nostro Signore, che per suo amore verso l’umanità, tutto vede tutto sa tutto può!!!!!
    ( ‘Benedetto colui che viene nel nome del Signore, pace in cielo e gioia nel più alto dei cieli’. Io vengo nel nome del Signore. )
    Fedele a e in Gesù Cristo, in sua Fede, io Giovanni Ioannoni, nel nome del Signore ho Scelto.
    Portare, le Fedi – Religioni all’unica Sorgente dell’Iddio Uno, l’unico l’Eterno L’Onnisciente.
    TORNARE ALL’IDDIO UNO UNIVERSO di TUTTO CIO’ CHE E’, DIO VOLENDO. Nell’anno 2015 dopo Gesù Cristo, Ben presto il momento sarà….. Il tutto della serie E stato bellissimo, non ciò capito niente, noi siamo il suo sogno, il sogno di D-O.
    Più ci si poggia sul Signore Gesù Cristo, il Salvatore, più si riesce a dare misericordia al nostro amato prossimo.
    AMA IL TUO PROSSIMO COME TE STESSO, AMANDO IL TUO PROSSIMO, TU AMI, D-O E TE.
    Che Dio ci benedica, portandoci al ravvedimento, ravvedimento, per noi miseri peccatori.
    GESU’, GUIDACI PERDONACI, NOI NON SAPPIAMO QUELLO CHE FACCIAMO.
    Le nascite miracolose di Sansone e Giovanni Battista, raccontate. (Gdc 13, 2-7. 24-25a Lc 1, 5-25) Da Papa Francesco, sono state al centro della riflessione di sua Santità’, durante la messa mattutina in Casa Santa Marta: quando l’umanità giunge alla fine, alla sterilità, allora interviene Dio, per salvarla, con una nuova creazione.
    Affrettiamoci ad amare, non ci rimane molto tempo, non ci rimane molto tempo. (Roberto Benigni)
    Io sono ciò che sono per merito di ciò che tutti noi siamo. ) Andiamo fiduciosi verso ciò che secondo la volontà di nostro Signore Gesù Cristo L’Iddio Uno, accadrà.

    Natale 2014: Nel Natale il Creatore stesso celebra la germinazione della Vita. Il Natale è la negazione della morte: la vittoria sulla morte. Inizia difatti una vicenda che culmina nella resurrezione, e cioè nella morte della Morte. ( Da Città Nuova. )

    L’IMPORTANTE E’ NON SMETTERE MAI di CERCARE, FORTI DEL NOSTRO LIBERO ARBITRIO DONATOCI DA DIO NEI NOSTRI MADRE, PADRE, FIGLIO, SPIRITO SANTO E DEL SOLE. AMEN.

    SARETE ODIATI DA TUTTI IN NOME di CRISTO, MA CHI AVRA’ PERSEVERATO FINO ALLA FINE, SARA’ SALVATO. ( Gesù Cristo ) ( Ripreso da Papa Francesco Bergoglio.)

    Rilasciare il proprio corpo fisico al mondo terreno, ma solo, quando il Signore riterrà opportuno, non prima, ossia non di nostra insana volontà, solo a Dio spetta tale compito, tornando così alla nostra Eternità, alla nostra vera essenza, alla casa del Padre nostro L’Unico L’Eterno L’Onnisciente! Fare altrimenti, equivarrebbe a dare la propria Anima al diavolo, pensiamoci bene gente, meditiamo. Mai desistere, qualsiasi cosa possa accadere, mai desistere, non si prenda la strada sbagliata. Mai cedere alla disperazione, all’insana drastica malevole soluzione indotta dal diavolo nelle nostre menti. Affidiamoci sempre e comunque a nostro Signore Gesù Cristo il Salvatore!

    “ DIO DONA LA VITA, E LA RIPRENDE – LA RICHIAMA A SE, QUANDO EGLI VUOLE!

    Si dice che quando una persona guarda le stelle é come se volesse ritrovare la propria dimensione dispersa nell’universo. ( Salvador Dali )
    L’anima, tramite successive reincarnazioni, deve liberarsi dalla prigione del corpo per tornare alla sua primitiva condizione Divina. (da, Religione Dell’orfismo )
    Laude a te, Padre, Signore del cielo e della terra, che nascondesti queste cose à dotti e saputi, e le hai rivelate à parvoli. Mt. XI.

    IL MIO E’ IL RISPONDERE ALLA CHIAMATA ULTIMA DECISIVA IN DIO NEI NOSTRI MADRE, PADRE, FIGLIO, SPIRITO SANTO E DEL SOLE. AMEN.
    IL SANO DUBBIO SIA SEMPRE MECO IN OGNI COSA, DIO LO VOGLIA!

    La verità in assoluto è solo la verità di Dio!
    I comandamenti si riassumano nei due più importanti comandamenti che ci ha indicato Gesù: “amare Dio, perché Lui é amore” ed “amare il prossimo.“ ))) ((( Giovanni Ioannoni: La terza guerra mondiale è bella che già in atto, e noi che facciamo? A mio modesto avviso, solo Papa Francesco può aiutarci a districare e risolvere il grave problema? Affidiamoci a sua Santità Papa Francesco, solo lui, baciato dallo Spirito Santo, potrà fare la differenza è salvare l’umanità, anche a costo di immolarsi così come si immolò Gesù Cristo a sua volta! Risveglio di Libertà e Pace, dopo gli accadimenti in Francia, Europa, come altrove nel mondo. Si gridi forte al mondo: Essere uniti contro la follia e il delirio della guerra, da qualsiasi parte provenga! Siamo alla barbarie nel mondo oltre ogni dire.
    NOUS SOMMES TOUS JUIFS-EBREI! NOI SIAMO TUTTI EUROPEI! NOI SIAMO TUTTI DELLA FAMIGLIA UMANA NELLA NOSTRA APPARTENENZA COMUNE, DI CHI, FIGLI DI DIO E’.

    DOPO LA MORTE DEL CORPO, DI NOI UMANI, NOI FIGLI DI DIO, DI CHI FIGLI DI DIO E’, ACCEDEREMO ALLA VITA ETERNA! IN MOME DELLA MADRE, IN NOME DEL PADRE, IN NOME DEL FIGLIO, IN NOME DELLO SPIRITO SANTO E DEL SOLE. AMEN!

    BISOGNA, APPROFITTARE PRENDENDO L’ ULTIMA SCIALUPPA A NOSTRA DISPOSIZIONE, CHE E’ LA SEGUENTE: L’UNIONE DELLE RELIGIONI, L’UNICA VERA POSSIBILITA’ CONTRO CONFLITTI DI RELIGIONE E CIVILTA’.

    PER LA SALVEZZA DELL’UMANITA’, DOVREMMO INTAVOLARE UNA SERIA TRATTATIVA DI DIALOGO, FRA TUTTE LE PARTI IN CAUSA, DI TUTTI I CONTINENTI, NESSUNO ESCLUSO, ALTRIMENTI NON NE USCIREMO VIVI.

    QUESTA SARA’ PEGGIO DI QUALSIASI ALTRA GUERRA MAI VISSUTA PRIMA, TUTTI ASSIEME C’E’ LA FAREMO, DIVERSAMENTE NO. PACE, FRA LE GENTI DEL MONDO.

    PAPA FRANCESCO BERGOGLIO, POTRA’ FARE LA DIFFERENZA, SOLO LUI PUO’, A MIO AVVISO LUI, E’ GIA’ ATTIVATO, E COME SE SI E’ GIA’ ATTIVATO, E SONO CONVINTO CONTINUERA’ AD ATTIVARSI, CON LUI, E’ IL NOSTRO GESU’ CRISTO, SICURAMENTE CI AIUTERA’, GESU’ ILLUMINACI. PACE.

    RICERCA DI UNITA’, NOI TUTTI, SIAMO UNA COSA SOLA, NON LO DIMENTICHIAMO MAI, AFFINCHE’ IL MONDO CONTINUI AD ESISTERE, CREDERE E SOPRAVVIVERE! SIAMO TUTTI FIGLI DI DIO, DI CHI FIGLIO DI DIO E’! NON FARE IL GIOCO DEL MALIGNO!

    Sono da sempre Cristiano Cattolico della Chiesa di Roma!
    Simpatizzante dei Bahà’i, dove, l’unità di Dio, l’unità della Religione e l’unità dell’umanità mi trovano in sintonia. E’ dovere di ognuno di essere pietoso e non arrecare male ad alcuno, e di evitare la gelosia e la malignità a tutti i costi. ( Dalla Saggezza di Abdu’l – Bahà’i ) Promessa di speranza: Non é la fine del mondo, ma é l’alba del nuovo giorno per l’umanità redenta in Cristo! ( Dai BAHA‘I )

    1 SULTAN 19 gennaio: COMPAGNO DEL MIO TRONO! Non ascoltare e non vedere alcun male, non degradarti, non sospirare, né piangere. Non dire il male, affinché tu possa non udire il male che ti vien detto, e non esagerare le colpe degli altri, affinché le tue possano non apparire grandi; non desiderare l’avvilimento di alcuno, affinché non sia palesato il tuo. Vivi dunque i giorni della tua vita, che sono meno di un fugace istante, con mente immacolata, cuore incontaminato, pensieri puri e natura santificata, cosicché, libero e felice, tu possa deporre questa spoglia mortale, rifugiarti nel mistico paradiso e dimorare per sempre nel regno eterno. Da ” Letture quotidiane”- 1^ ed.pag.318- PCP,n.44.

    9 SULTAN 27 gennaio: La Lingua di Grandezza dice: Per Me Stesso che dice la Verità! In questa potentissima Rivelazione tutte le dispensazioni del passato hanno raggiunto il loro compimento supremo e finale. Chiunque vanti una Rivelazione dopo di Lui non è che un mendace impostore. Noi preghiamo Dio che lo assista benevolmente a ritrarre ed a rinnegare un tale vanto. Se si pentirà,
    Dio lo perdonerà certamente. Se egli, però, persisterà nel suo errore, Dio invierà sicuramente uno che lo tratterà senza pietà. Egli è, invero, l’Onnipotente, il Più Possente. Da “Letture quotidiane”- 1^ ed.pag.327-SPG,CXV.

    10 SULTAN 28 gennaio: “E’ vero uomo colui che si dedica a servire l’intera razza umana. Il Grande Essere dice: Benedetto e felice è colui che si leva a promuovere i migliori interessi dei popoli e delle tribù della terra. In un altro passo Egli proclama: Non ci si deve gloriare di amare la propria patria, ma piuttosto di amare il mondo intero. La terra è un solo paese e l’umanità i suoi cittadini.”
    Da”Letture quotidiane” – 1^ ed.-pag.328-PRO,p.127.

    11 SULTAN 29 gennaio: In verità Io dico che in questa potentissima Rivelazione tutte le Dispensazioni del passato hanno raggiunto la loro più alta, la loro finale consumazione…Il Misericordisissimo ha conferito all’uomo la facoltà della vista e l’ha dotato del potere di udire.
    Alcuni l’hanno descritto come il «microcosmo» mentre invece dovrebbe essere considerato il «macrocosmo». Le potenzialità inerenti allo stadio d’uomo, la grande dignità del suo destino sulla terra, l’innata eccellenza del suo essere si paleseranno appieno in questo Giorno promesso di Dio.
    Da “Letture quotidiane”- 1^ ed. -pag.329-SPG,CLXI.

    16 SULTAN 3 febbraio: Questa è una informazione celata che noi abbiamo dato ai prescelti,
    affinché essi non siano privati del loro lodevole stato, associandosi alle personificazioni dell’odio. Perciò incombe su tutti gli amici di Dio di evitare ogni persona nella quale essi avvertono l’emanazione dell’odio per la gloriosa Bellezza di Abhá, sebbene essa possa celare tutte le celesti espressioni e si attacchi a tutti i Libri… Proteggetevi con la massima vigilanza, affinché non siate presi nel laccio della falsità e della frode. Da “Letture quotidiane” -1^ ed. pag.334-PAT,p.62.

    17 SULTAN 4 febbraio: Dì: O genti del Bayán! Vi abbiamo scelto nel mondo perché conosceste e individuaste il Nostro Essere. Vi abbiamo accordato di avvicinarvi alla destra del Paradiso – il Luogo dal quale il Fuoco immortale grida in vari accenti- : «Non v’è altro Dio che Me, I’Onnipotente, l’Altissimo». Fate attenzione a non mettervi nella condizione di essere tagliati fuori,
    come da un velo, dalla Stella Mattutina che brilla all’orizzonte della Volontà del vostro Signore, il Misericordisissimo, e la cui luce ha abbracciato tanto gli umili che i grandi. Purificate la vostra vista per poterne scorgere la gloria con i vostri stessi occhi senza fidarvi della vista di altri tranne che la vostra, poiché Dio non ha mai sovraccaricato nessuna anima al di là della sue forze. Questo è stato inviato ai Profeti ed ai Messaggeri dell’antichità e riportato in tutte le Scritture.
    Da “Letture quotidiane”- 1^ ed. pag.335- SPG,LII.

    18 SULTAN 5 febbraio: O Genti! Giuro per l’unico vero Dio! Questo è l’Oceano dal quale sono derivati tutti i mari e nel quale, infine, ciascuno di essi confluirà. Da Lui sono stati generati tutti i Soli ed a Lui tutti ritorneranno. Per Suo potere tutti gli Alberi della Rivelazione Divina hanno dato i loro frutti, ciascuno dei quali è stato inviato in forma di Profeta, recando un messaggio alle creature di Dio in ciascuno dei mondi, il numero dei quali soltanto Dio, nella Sua Sapienza universale, può contare. Tutto questo Egli ha fatto con una sola Lettera del Suo Verbo, rivelata dalla Sua Penna
    – Penna guidata dal Suo Dito; Dito sorretto dal potere della Verità Divina. Da “Letture quotidiane” 2^ ed.-pag.344-SPG,LI,1.

    19 SULTAN 6 febbraio: “Benedetto il sito ove s’innalza l’inno della Sua lode e benedetto l’orecchio che ascolta ciò che è stato inviato dal cielo del tenero amore del tuo Signore, il Misericordiosissimo.
    Porgi i Miei saluti a coloro i cui volti rispecchiano il fulgore di Bahá, indi menziona loro questa parola che consola gli occhi dei giusti. La gloria di Dio si posi su te e su coloro che si sono tenacemente avvinti alla Corda di Dio, Rivelatore dei versetti…”Da “Letture quotidiane”-2^ ed.- pag.345- Tab, pp.177-178.
    24. Le donne orientali sono progredite. Un tempo in India, in Persia e in tutto l’Oriente, le donne non erano considerate esseri umani. Certe tribù arabe contavano le donne con il bestiame. Nella loro lingua lo stesso vocabolo significava donna e asino, cioè lo stesso vocabolo valeva per entrambi e le ricchezze dell’uomo erano contate in base al numero di tali animali da soma che egli possedeva. Il peggiore insulto che si potesse pronunziare contro un uomo era di gridargli « Donna! » Dal momento in cui è apparso Bahá’u’lláh, tutto questo è cambiato. Egli ha abolito l’idea della distinzione fra i sessi proclamandoli uguali in ogni capacità. Un tempo era considerato più saggio che la donna non sapesse leggere e scrivere; essa doveva solo occuparsi di lavori ingrati. Era molto ignorante. Bahá’u’lláh dichiara che l’educazione della donna è più importante di quella dell’uomo.
    Se la madre è ignorante, anche se il padre ha una vasta conoscenza, l’educazione del figlio sarà
    manchevole, perché l’educazione inizia col latte. Un bambino al seno è come un tenero ramo che il giardiniere può far crescere come vuole. L’Oriente ha incominciato a educare le sue donne. Ve ne sono alcune in Persia che per questo si sono emancipate e gli ‘ulamà non possono negarne l’intelligenza e l’eloquenza. Molte di loro sono poetesse. Sono assolutamente intrepide… Spero che le donne europee progrediscano altrettanto — che tutte le donne risplendano come fari; che annunzino la proclamazione del regno; che assistano veramente gli uomini; anzi che siano addirittura superiori ad essi, versate nelle scienze eppure distaccate, sì che tutto il mondo veda che uomini e donne hanno assolutamente gli stessi diritti. Sarebbe per me causa di grande gioia vedere donne siffatte. Ecco un lavoro utile: grazie a ciò le donne entreranno nel regno. Altrimenti non vi saranno risultati. (‘Abdu’l-Bahá on Divine Philosophy, pp. 81-83.

    3MULK 9 febbraio: “E’ evidente che ogni età in cui è vissuta una Manifestazione di Dio è decretata da Dio e può, in un certo senso, caratterizzarsi come il Giorno da Lui designato. Questo Giorno è tuttavia unico e deve distinguersi da quelli che l’hanno preceduto. La designazione «Sigillo di Dio» ne appalesa pienamente il rango. Il Ciclo profetico è davvero concluso. L’eterna verità è ora giunta.
    Egli ha innalzato le insegne del potere e diffonde sul mondo il pieno fulgore della Sua Rivelazione.
    In questa potentissima Rivelazione, tutte le Dispensazioni del passato hanno raggiunto la loro massima e finale consumazione. Quel che è stato reso manifesto in questa preminente ed elevatissima Rivelazione non ha paralleli negli annali del passato né il futuro ne vedrà l’eguale.” Da “letture quotidiane” – 2^ ed. pag.349 OMB,p.168 abbiamo rivelato esser Giustizia è che l’uomo si liberi da oziose fantasie e imitazioni, percepisca con occhio di unicità la Sua gloriosa opera e tutto esamini con sguardo indagatore. Così t’abbiamo ammaestrato, palesandoti Parole di Saggezza, acché tu possa esser grato al Signore Iddio tuo e gloriartene fra tutte le genti. Dal libro Letture Quotidiane. Ed.1 – p.331 – TAB, p.142.

    4 MULK 10 febbraio: “Medita su ciò che ti abbiamo rivelato affinché tu possa scoprire il disegno di Dio, il Tuo Signore e il Signore di tutti i mondi. In queste parole sono racchiusi i misteri della Divina saggezza. Ogni uomo che meditasse in Cuor suo ciò che ha rivelato la Penna dell’Altissimo
    e ne assaporasse la dolcezza, si troverebbe,certamente,svuotato e liberato dai suoi desideri e completamente obbediente alla Volontà dell’Onnipotente. Felice chi ha raggiunto un così alto
    stadio, e non ha rinunciato a così munifica grazia.”Da “Letture quotidiane”- 2^ ed.-pag.350 -SPG,LXXIX,1 -SPG,CLXIV,4.

    5 MULK 11 febbraio: “Il Grande Essere dice: Il cielo della saggezza divina è illuminato dai due astri della consultazione e della compassione. Riunitevi a consiglio per ogni cosa, poiché la consultazione è faro di retta guida che mostra il cammino e dona comprensione.”Da “Letture quotidiane”2^ ediz.pag.351-CRF p.7.

    6 MULK 12 febbraio: “Se ti riuscisse a libare soltanto una sola gocciola delle acque cristalline della sapienza divina, ti renderesti subito conto che la vera vita non è della carne ma dello spirito. Poiché la vita della carne è comune tanto agli uomini quanto agli animali, mentre la vita dello spirito è posseduta soltanto dai puri di cuore che hanno bevuto abbondantemente all’oceano della fede e mangiato il frutto della certezza. Questa vita non conosce morte e tale esistenza è coronata dall’immortalità. Come è stato detto: «Il vero credente vive sia in questo mondo sia nel mondo a venire». Se per «vita» s’intende questa vita terrena è chiaro che la morte deve di necessità sopraffarla.”da “Letture quotidiane” 2^ ed. – pag.352-LDC,p.135.

    7 MULK 13 febbraio: “O genti di Dio! V’esorto ad attenervi alla cortesia, perché essa è la più grande di tutte le virtù. Fortunato chi è illuminato dalla luce della cortesia e ammantato nella veste della rettitudine. Chi di essa è permeato ha in verità raggiunto un sublime stadio. Si spera che questo Vilipeso e tutti gli altri possano acquisirla, aggrapparsi ad essa, usarla e su essa fissare lo sguardo. È un comando perentorio sgorgato dalla Penna del Più Grande Nome.”Da “Letture quotidiane”-2^ ed. pag.353-TAB, pag.81.

    8 MELK 14 febbraio: La vitalità della fede degli uomini in Dio va spegnendosi in ogni paese; null’altro che la Sua salutare medicina può ristabilirla. La corrosione dell’empietà sta distruggendo gli organi vitali della società umana; che cosa, tranne l’Elisir della Sua potente Rivelazione può purificarla e rinnovarla? È nei limiti del potere umano, o Hakím, di effettuare negli elementi costituenti di una qualsiasi piccola e indivisibile particella di materia una trasformazione così
    completa da tramutarli nell’oro più puro? Per quanto imbarazzante e difficile ciò possa apparire, pure, Ci è stato dato il potere di effettuare l’ancor più ardua impresa di convertire la forza satanica in potenza celeste… Il Verbo di Dio soltanto può vantare la distinzione di essere dotato della capacità necessaria per un sì grande e vasto cambiamento. Dal Libro Letture Quotidiane Ed.1,p.346 – SPG,XCIX.

    “In questi giorni la veracità e la sincerità sono dolorosamente afflitte tra le grinfie della falsità
    e la giustizia è tormentata dalla sferza dell’iniquità. Il fumo della corruzione ha avviluppato il mondo intero a tal segno che, in ogni dove, si vedono solo reggimenti di soldati e in ogni terra non si sente altro che fragor di spade. Supplichiamo Dio, l’Unico Vero, di rafforzare coloro che esercitano il Suo potere in ciò che riabiliterà il mondo e porterà tranquillità fra le nazioni.”
    Da “Letture quotidiane” 2^ ed. pag.357-TAB, p.34.

    13 MULK 19 febbraio: Tutti questi Specchi purissimi, queste Aurore di antica gloria sono Esponenti sulla terra di Colui Che è l’Orbe centrale dell’universo, Sua Essenza e suo Fine ultimo. Da Lui scaturiscono la loro sapienza ed il loro potere; da Lui deriva la loro sovranità. La bellezza del loro sembiante non è che il riflesso della Sua Immagine; la loro rivelazione un segno della Sua gloria immortale. Essi sono Miniere della sapienza Divina, Depositari della saggezza celestiale.
    Tramite Loro fluisce una grazia che è infinita, e da Loro viene rivelata la Luce che non può spegnersi… Mediante la rivelazione di queste Gemme di virtù Divina si manifestano tutti i nomi e gli attributi di Dio, quali sapienza e potere, sovranità e dominio, misericordia e saggezza, gloria, generosità e grazia. Questi attributi di Dio non sono e non sono mai stati concessi specialmente a certi Profeti e negati ad altri. Anzi, tutti i Profeti di Dio, gli eletti, i santi ed i Messaggeri prescelti da Dio sono, senza eccezione, portatori dei Suoi nomi e personificazioni dei Suoi attributi.
    Differiscono soltanto nell’intensità della rivelazione e nella relativa potenza della luce.
    Da “Letture quotidiane” 2^ ed. pagg.361-362-SPG,XIX.

    15 MULK 21 Febbraio: Così pure queste anime, per il potere dell’Elisir Divino, traversano in un batter d’occhio il mondo della polvere e s’inoltrano nel regno della Santità e con un sol passo oltrepassano la terra delle limitazioni e raggiungono il dominio dell’infinito. Fa’ il possibile per guadagnare questo Elisir che, in un sospiro fuggevole, fa sì che l’occidente dell’ignoranza raggiunga l’oriente della sapienza, illumina le tenebre della notte con lo splendore del mattino, guida il viandante nel deserto del dubbio alla Sorgente della Divina Presenza ed alla Fonte della certezza e conferisce alle anime mortali l’onore di essere ammesse nel Ridván dell’immortalità.
    Dal libro letture quotidiane Ed. 1, p.356 – LCD, p. 170.

    16 MULK 22 Febbraio: Giustizia ed equità sono due inseparabili custodi che vegliano sugli uomini.
    Da esse appaiono parole limpide e benedette, apportatrici di benessere per il mondo e di protezione per le nazioni. Dalla penna di questo Vilipeso, in una delle Sue Tavole, sono fluite queste parole: «Lo scopo dell’unico vero Dio, esaltata sia la sua gloria, è stato quello di portare alla luce, dalla miniera dell’uomo, le Mistiche Gemme – Coloro Che sono gli Orienti della Sua Causa e i Depositari delle perle della Sua Sapienza; perché Dio Stesso, glorificato sia, è l’Invisibile, Colui Che è celato e velato a occhi umani…». Dal Libro Letture Quotidiane, Ed.1, p,357 EFL,p.9.

    17 MULK 23 febbraio: Tutta la terra è ora pregna. S’avvicina il giorno in cui produrrà i suoi più nobili frutti, in cui da essa nasceranno gli alberi più alti, i fiori più incantevoli e i più squisiti doni del cielo. Immensamente esaltata è la brezza che spira dalla veste del tuo Signore, il Glorificato.
    Ecco, essa ha alitato la sua fragranza e rinnovato tutte le cose! Felice colui che comprende.
    Gl’impetuosi venti della grazia divina hanno trascorso su tutte le cose. Ogni creatura è stata dotata di tutte le potenzialità che questa grazia porta… Si approssima il tempo in cui ogni cosa creata depositerà il suo fardello. Glorificato Dio Che ha elargito questa grazia che avviluppa tutte le cose,
    visibili e invisibili! Da “Letture quotidiane”2^ ed.-pag.366-OMB,p.170.

    19 MULK 25 febbraio: È ora giunto per te il momento di purificarti con le acque del distacco, sgorgate dal Calamo Supremo, e di meditare, unicamente per amor di Dio, su quelle cose che sono state più volte inviate o manifestate e, quindi, di fare ogni sforzo per soffocare, mediante il potere della saggezza e la forza della tua parola, il fuoco dell’odio e dell’inimicizia serpeggiante nei cuori dei popoli del mondo. I Divini Messaggeri sono stati inviati, e i Loro Libri rivelati, allo scopo di promuovere la conoscenza di Dio e di accrescere l’unità e la concordia fra gli uomini.
    Da “Letture quotidiane”- 2^ ed. pag.368- EFL,pp.8-9.

    2 AYYAM I HA 27 febbraio: Ogni parola della tua poesia è come uno specchio in cui si riflettono i segni della devozione e dell’amore che nutri verso Dio e i Suoi eletti. Fortunato te che hai libato il prezioso vino della parola e ti sei abbeverato al rivo dolcemente scorrente del vero sapere. Felice chi se n’è dissetato ed è pervenuto a Lui… È stata una lettura invero molto commovente, perché ne trasparivano la luce della riunione e il fuoco della separazione.Da “Letture Quotidiane” 2^ed. pag.370.

    Messaggio del 25 Gennaio 2015 MEDJUGORJE.“ Cari figli oggi vi invito: vivete nella preghiera la vostra vocazione- Adesso, come mai prima, Satana desidera soffocare con il suo vento contagioso dell’odio e dell’inquietudine l’uomo e la sua anima. In tanti cuori non c’è gioia perché non c’è Dio ne la preghiera. L’odio e la guerra crescono di giorno in giorno. Vi invito, figlioli, iniziate di nuovo il cammino della Santità e dell’amore perché io sono venuta in mezzo a voi per questo. Siamo insieme amore e perdono per tutti coloro che sanno e vogliono amare soltanto con l’amore umano e con quell’immenso amore di Dio al quale Dio vi invita. Figlioli, la speranza in un domani migliore sia sempre nel vostro cuore. Grazie per aver risposto alla sua chiamata” Divulgazione a cura dell’Associazione”Vivete i miei messaggi”.

    Messaggio del 25 febbraioi 2015 Medjugorje: “ Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti: pregate di più e parlate di meno. Nella preghiera cercate la volontà di Dio e vivetela secondo i comandamenti ai quali Dio vi invita. Io sono con voi e prego con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”Divulgazione a cura dell’associazione “Vivete i miei messaggi.

    Messaggio Terreno All’Umanità Terrena. Da Giovanni Ioannoni: Pervenga all’umano, la luce cangiante di analogie religiose spirituali vivificanti nella parola di quanto segue. Siamo alla dodicesima ora! Si, è adesso l’ora fatale di trasmutazione dimensionale. Sia, ora la realizzazione all’unificazione, del ritorno all’unità dell’assoluto Dio Uno. JURM Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni A presto, a breve scadenza, forte della luce di verità di tutti i suoi fratelli in Dio Uno, JURM la guida spirituale di tutte le religioni del mondo, (nel senso simbolico del termine ), che portano all’unità in Dio Uno, si porrà palesemente allo scoperto. Tutte le religioni che aderiranno all’unione manterranno la propria autonomia.

    L’unificazione alla religione dell’unione non trasmette nessuna dottrina o dogma, chiede solo di riconoscersi in Dio Uno, per tutta l’umanità Terrestre. Sorelle e Fratelli di tutti i Santissimi popoli sulla Terra, prendiamo coscienza del valore sacro di amare il prossimo nostro come noi stessi e Dio Uno sopra ogni cosa. Forti di così tanta luce, si invochi costantemente la venuta di Dio Uno in Terra. Bene, dopo questo dire all’umano cuore, nel mio essere umile servitore dell’Umanità ed indegno servo di Dio Uno in Terra. Rimetto tutto me stesso a ciò per cui sono. Io JURM Ben ISman, rimetto tutto me stesso al servizio dell’Umanità, consacrato a Dio.

    A nome di chiunque sia nell’Unione e dell’Unione di tutte le religioni in Dio Uno L’Unico L’Eterno, invoco la venuta del Regno di Dio in Terra. Questo messaggio di unione al Signore, trovi immediata e fulminea diffusione in ogni angolo della Terra. Si adoperi ogni mezzo legale consentito che sia conciso e incisivo. Si trasmetta in un sol colpo coscienza alle genti. Dio ricompensa ognuno secondo le proprie opere, azioni e pensieri, All’umanità in Dio. Io potrei anche sparire all’istante da questo mondo, la cosa non cambierebbe, ma il mio presentare alla Umanità Terrestre tale messaggio, resterà comunque impresso alla Umanità sulla Terra, in modo indelebile generato.
    Giovanni Ioannoni ( alias ) JURM Ben ISman. Libero pensatore, secondo propria libertà di
    coscienza. Dove, JURM, sta a Johannes Unificator Religio Mundi, dove, Ben, sta a figlio di ISman.

    ((((( “Nel momento in cui noi ci fermiamo per pensare e prendere decisioni, scegliere qualcosa, sappiamo che il Signore è con noi, è accanto a noi, per aiutarci – ha quindi concluso il Santo Padre – Mai ci lascia andare da soli, mai. È sempre con noi. Anche nel momento della scelta è con noi.“ ( Papa Francesco Bergoglio.))))) ((((( Dall’ultimo romanzo di Pierfrancesco Prosperi, che così conclude: L’interpretazione che Prosperi dà delle famose Profezie di Malachia è diversa dal solito: l’ultimo Papa, il famoso Pietro Romano, che si metterà a capo del proprio gregge in un momento di catastrofi e persecuzioni, sarà chi porterà la Chiesa verso una nuova rinascita superando l’Apocalisse. )))))
    Da ultimo raggio: Ciao viadelcosmo – Giovanni Ioannoni, la tua saggezza merita una risposta, io la vedo. La bestia ha “sette grandi” teste, che operano solidali per fare di questo mondo un NWO, tutti quelli che non si piegano alla sua demoniocrazia vengono bombardati e ridotti alla fame, anche gli ultimi Santi sono il suo obiettivo, ma Dio è con loro e chi può toccarli? L’Amore di Dio sia con te.
    Giovanni predicatore del terzo millennio immagina un mondo in cui le conquiste tecnologiche siano poste al servizio gratuito della vita, dell’amore, della libertà e del libero pensiero. Ricordo che il miracolo accade adesso.
    Prova, prova e riprova ancora. (Artur Chamberlain).( Fino all’ottenimento delle cose prefissomi, aggiungo io, Giovanni Ioannoni. Dio mi ascolti, Dio lo voglia.)
    Faccio una proposta sfacciata, auspico una rilettura dei libri originali delle Sacre Scritture delle Religioni del mondo, che sia posta nel senso dell’Amore Pacifista – Universalista, con la rimozione qualora si voglia ben inteso, degli equivoci che creano generano incitamento all’oppressione, alla violenza, all’odio etnico, e dall’odio in generale, alle guerre tra nazioni e al razzismo di popoli.
    Il sistema globale mondialista basato sui sensi di colpa e sulla paura, sta collassando su se stesso ridonando piena libertà di pensiero, di giustizia e d’azione all’intera umanità in espressione totale di amore.
    Ricordo che il miracolo accade adesso, adesso, adesso. Il nostro sulla terra sia intervento responsabile costante di una fortissima volontà di voler essere nella consapevolezza di essere nel vivere per proiettare il sé cosciente. L’essenza di tutto, in noi si cela!Prendiamone coscientemente atto. E se la Terra sia fisica che extra fisica non fosse che L’Iddio Uno stesso? gijurm144@gmail.com

  7. Giovanni Ioannoni scrive:

    PANE, PACE, AMORE, SOLIDARIETA’ E DIGNITA’ PER L’UMANITA’. NOI UMANITA’, SIAMO IL CORPO UNICO TOTALE IN DIO UNO L’UNICO L’ETERNO.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Esce oggi in Italia “Sottomissione”: l’intervista a Michel Houellebecq : minima&moralia. […]

  2. […] OGGI ON LINE: Houellebecq visto da Houellebecq […]

  3. […] libertà l’uomo non ne può più, troppo faticosa” (Michel Houellebecq) Non riusciamo ad agganciarla, questa libertà. Ci siamo messi in testa di spiccare il volo, ma […]

  4. […] di fronte alla Vergine nera di Rocamadour: “non sono riuscito a scriverlo”, ha detto a Stefano Montefiori del Corriere, “l’avanzata islamica mi è parsa più […]



Aggiungi un commento