coglioneNo

Su #coglioneNo

coglioneNo

di Niccolò Contessa

Avete presente le pubblicità su facebook degli studi idraulici? Quelle che da qualche mese vi invadono la home? In genere c’è la foto di un bagno da sogno, con qualche termoarredo spettacolare (così raffinato che neanche si vede, ma così bello che vorresti si vedesse) e un water elegantissimo, che ti sentiresti quasi a disagio a cacarci dentro. Il testo dice qualcosa del tipo “Volete un bagno così? Allora avete bisogno di professionisti, professionisti VERI, come noi. Diffidate degli idraulici dilettanti che non si fanno pagare.” Avete presente, no?

E poi: anche voi non ce la fate più, con tutti questi giovani idraulici (o aspiranti tali) che vi mandano inviti su LinkedIn? Giorno e notte! “Leonardo vuole entrare a far parte della tua rete LinkedIn.” “Mauro vuole entrare a far parte della tua rete LinkedIn.” Ho capito che siete giovani, che avete appena finito l’apprendistato e avete bisogno di farvi un po’ di contatti per iniziare a lavorare, però basta, dai. Ci conosciamo appena, e io LinkedIn neanche lo uso. Non se ne può più. Giusto?

E le catene di email? Quelle in cui c’è un gruppetto di giovani idraulici che hanno bisogno di trovare uno o più altri giovani idraulici disposti a smezzarsi l’affitto di un coworking space? Chiaramente, qui a Roma, tutti lo cercano al Pigneto, o a Monti, o al limite a Ostiense, perché ormai si è capito che le zone degli idraulici sono quelle (e magari a trovartelo in un altro quartiere c’è pure rischio che perdi qualche lavoro, perché rimani fuori dal giro), però il problema è in che quelle zone i proprietari degli immobili si sono fatti furbi, e adesso chiedono affitti esorbitanti.

Avete presente, no? No?

No, in effetti non credo che abbiate presente, perché queste cose non esistono. E questo è il primo indizio che l’analogia creativi/idraulici, forse, regge solo fino a un certo punto.

* * *

I tre video della campagna #coglioneNo hanno raggiunto in totale, al momento in cui scrivo, circa trecentocinquantamila visualizzazioni in meno di due giorni: una cifra altissima, che normalmente in Italia solo i clip dei rapper di successo riescono a sfiorare. I video sono ben fatti, hanno i tempi giusti e un protagonista simpatico, ma al di là di questo, per aver incontrato una risposta tanto clamorosa, devono aver toccato un qualche nervo scoperto condiviso da una parte significativa del “popolo di internet” italiano.

Il concetto di tutti e tre i video è semplice, ed è sintetizzato molto bene dai rispettivi titoli: “Lo diresti al tuo idraulico?” “Lo diresti al tuo giardiniere?” “Lo diresti al tuo antennista?”. Cioè: ti permetteresti mai di chiedere l’intervento di una di queste figure professionali e poi, a metà lavoro, o a lavoro terminato, buttare lì che non ci sono i soldi per pagarlo? No, ovvio. Eppure ai freelance (i video non lo specificano, ma immagino che il riferimento sia ai freelance “creativi”: grafici, designer, copywriter, scrittori, registi, etc. e non, per dire, ai consulenti aziendali freelance) questo capita di continuo. Quindi, ovviamente: è un’ingiustizia, non si può andare avanti così, creativi sì ma coglioni no, tutti i giovani freelance dovrebbero iniziare a chiedere soldi da subito. Fine del problema.

* * *

O no?

Purtroppo non riesco a togliermi dalla testa che uno dei motivi del successo di questi video sia che propongono un messaggio tanto consolatorio quanto falso: ovvero, che diano l’illusione poter intervenire semplicemente (sia a livello sostanziale, facendo proprio il messaggio della campagna e rifiutando di lavorare gratis, sia a livello immediato, condividendo il video sulle propria bacheche) su un problema che in realtà è molto più difficile.

In economia, una situazione in cui l’offerta supera di gran lunga la domanda si definisce mercato del compratore, ovvero chi ha il coltello dalla parte del manico è il compratore: ci sono tanti soggetti disposti a vendergli quello stesso prodotto o servizio. Se non è soddisfatto del prezzo offerto dal venditore A, il compratore può rivolgersi al venditore B, C, D, e così via: in una situazione estrema il prezzo di un determinato prodotto o servizio può arrivare a essere zero. (Un esempio di questi anni è rappresentato dagli indirizzi e-mail: vent’anni fa era un servizio che si pagava, ma chi è che, oggi, pagherebbe per avere una casella e-mail?)

A questo punto credo che sia chiaro dove voglio andare a parare: il lavoro creativo, in questo momento, è un mercato del compratore. Non credo che la categoria dei giovani creativi sia disposta a lavorare gratis perché antropologicamente più cretina di quella degli idraulici: trovo più probabile che siano le condizioni di mercato a essere diverse, e che effettivamente l’offerta di lavoro creativo non riesca a essere assorbita, se non in minima parte, dalla domanda. La conseguenza è che chi ha bisogno di lavori del genere è disposto a pagare sempre meno, sia quando si rivolge a esperti di comprovata esperienza, sia quando si rivolge a giovani emergenti. In un contesto del genere, è (tristemente) possibile che il giovane emergente si trovi costretto ad accettare le condizioni suggerite dal cattivone dei tre clip: lavorare gratis in cambio di cose come “la visibilità” perché qualunque cifra chiedesse, anche relativamente bassa, potrebbe rischiare di non renderlo più concorrenziale rispetto al suddetto esperto di comprovata esperienza.

(Tra l’altro, gli autori della campagna #coglioneNO, intelligentemente, non mancano di rilevare quanto sia ironico che i video stessi siano stati realizzati a titolo gratuito: ora, io sono sinceramente convinto che la campagna sia stata ideata con le migliori intenzioni, ma viene anche spontaneo immaginare che, alla luce del successo che ha avuto, essa possa fruttare agli autori, in futuro, dei lavori retribuiti. Contraddicendo quindi il messaggio stesso della campagna: lavorare gratis, in certi casi, serve.)

Non sto dicendo che quindi la soluzione consista, per i giovani creativi, nell’accettare allegramente di lavorare gratis: sto solo dicendo che nel breve termine, può essere una scelta comprensibile. Nel lungo termine, di fronte a un mercato del lavoro creativo in cui la domanda è molto inferiore all’offerta, le strade che si aprono di fronte al giovane creativo sono due: una è quella dell’eccellenza, ovvero essere talmente bravo da entrare a far parte dei pochissimi a cui vengono effettivamente commissionati i lavori ben pagati, e l’altra è quella della diversificazione, ovvero specializzarsi in un campo dove il rapporto tra domanda e offerta di lavoro è più equilibrato.

A differenza del messaggio ovvio e semplice del video, entrambe le soluzioni sono problematiche.

Il problema di eccellere è nella parola stessa: non tutti possono eccellere, anzi, gli eccellenti sono per definizione pochissimi: se tutti fossero eccellenti, la definizione di eccellenza non avrebbe più senso. Oltretutto è difficilissimo misurare la propria eccellenza: esiste una tendenza naturale, studiata in psicologia, a considerarsi più bravi della media nel proprio campo. Uno dei nomi di questa tendenza è Lake Wobegon effect, dalla città immaginaria di Lake Wobegon, creata dallo speaker radiofonico americano Garrison Keillor, dove “tutti i bambini sono sopra la media”. Non si può essere tutti sopra la media: quindi, per la maggior parte delle persone, essere sopra la media è un’illusione.

Anche la questione della diversificazione è delicata, forse anche più profondamente: in fondo, potendo scegliere tra essere un fotografo di moda di successo (che ne so, un Terry Richardson) o fotografare prodotti di supermercato per i volantini con le offerte settimanali, chi sceglierebbe la seconda (posto che esista effettivamente più domanda per fotografi del genere, fatto che non sono assolutamente in grado di dimostrare)? Qui si entra nel territorio altamente personale dei concetti quali la realizzazione di sé, e ovviamente è difficilissimo dare dei giudizi: però mi sembra interessante notare il ruolo che ha avuto internet (e in particolare i social network) nell’indirizzare i progetti esistenziali e professionali di una certa parte della mia generazione, quella che ha, più o meno, tra i venti e i trent’anni. Gli intellettuali italiani hanno per anni gridato allo scandalo delle giovani generazioni “che sognano di diventare calciatori o veline” (più recentemente, concorrenti di reality e talent), denunciandone l’appiattimento su modelli di vita difficilmente sostenibili, e sottintendendo che l’adesione a tali modelli era la conseguenza di un deficit educativo in cui la televisione aveva occupato interamente il campo degli orizzonti culturali. A me sembra che internet abbia interpretato esattamente lo stesso ruolo della televisione per i “giovani creativi” della mia generazione (che pure, per provenienza sociale e titoli di studio, dovrebbero in molti casi essere in possesso di strumenti culturali ben più avanzati), pronti a puntare su progetti professionali difficilmente realizzabili: alla ricerca, più che di un’effettiva realizzazione personale, di un certo “stile di vita creativo” osservato più su Instagram e Tumblr che su Canale 5 e Italia 1: stile di vita che, ironia della sorte, è molto difficile da realizzare quando non si ha un soldo in tasca.

* * *

A questo punto il lettore attento (o più probabilmente, il lettore sopra i trent’anni), si sarà reso conto di una cosa: il ragionamento che ho fatto fin qui è del tutto individualista, non prevede la minima contestazione dello stato attuale delle cose, e in particolare accetta il mercato (il mercato come è dato qui ed ora) come un elemento assiomatico: in poche parole è un ragionamento conservatore, un ragionamento di destra. “Che fine ha fatto la fantasia al potere? Immaginare un futuro diverso? Il dibattito collettivo per cambiare la realtà?”

Me lo chiedo anch’io.

Sicuramente non lo trovo nei video della campagna, che concepiscono l’intervento collettivo unicamente come somma di interventi individuali; non lo trovo sulle bacheche dei miei coetanei “creativi”; non lo trovo nelle riviste online che leggono i venti-trentenni che conosco. Anzi, vedo tutto il contrario: vedo la celebrazione dei pochissimi che “ce l’hanno fatta” (spesso mista a forme più o meno sotterranee di rabbia e invidia) e soprattutto un’interminabile teoria di autopromozione, corsi di creatività, concorsi di creatività, “piattaforme” che promettono “visibilità”, e in generale l’incessante alimentazione di questo sacro fuoco che è il sogno di “farcela”. Tra le caratteristiche della generazione di giovani creativi che si sono riconosciuti nei video di #coglioneNo, mi sembra che ci sia il totale disinteresse al discorso politico, a una qualsiasi forma di intervento, o anche solo di dibattito, collettivo: se da una parte questo è frutto di un individualismo incistito e alimentato dalle condizioni economiche di cui sopra, che portano inevitabilmente alla competizione degli uni con gli altri, dall’altra è dovuto a una disillusione che si ferma ancora prima della famosa antipolitica, e che è più simile al disprezzo paternalistico di chi trova che la politica sia un film noioso, che ha visto molto tempo fa e che sa già benissimo come va a finire, ovvero in un nulla di fatto. Una posizione che peraltro non è del tutto incomprensibile, alla luce degli ultimi decenni di storia politica italiana, ma che si risolve nel rincorrere un modello non sostenibile senza neanche prendere in considerazione l’ipotesi di contestarlo, se non con forme di slacktivism del tutto superficiali e innocue. In questo senso un po’ di creatività in più, tutto sommato, non guasterebbe.

Commenti
180 Commenti a “Su #coglioneNo”
  1. Massimo Rossi scrive:

    Sì, però come mai nel mondo degli idraulici la sproporzione tra domanda e offerta è così pesantemente a loro favore, mentre in quello dei “creativi”, al contrario, no ?

    Capisco che ci sia sempre bisogno, per ovvi motivi, di idraulici/imbianchini/muratori, ecc. ecc., ma perché la forza lavoro non arriva di conseguenza a tamponare in massa questo bisogno, riportando equilibrio ? E perché invece, di creatività non sembra esserci poi tutto questo bisogno ?

  2. rafeli scrive:

    Ho goduto molto.

    Grazie.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] c’è l’ovvia obiezione: è un problema di domanda e […]

  2. […] occhi penso ai bombardamenti di Dresda, a Belgrado, a Srebrenica, alle cover band di Rino Gaetano, a sto cazzo di #coglioneNO, ai buongiorno di Gramellini, al libro di Paolo Sorrentino, ai diti al culo di Marco Travaglio, […]

  3. […] Da Su #coglioneNo : minima&moralia. […]

  4. […] ECCELLERE O DIVERSIFICARSI – Se fino a qui le tesi sostenute denotano la totale mancanza di fiducia nel sistema scolastico e universitario, altrove c’è chi entra ancora di più nel merito della questione parlando del mercato del lavoro creativo e della necessità di eccellere o diversificarsi in questo campo. Scrive Niccolò Contessa su Minima&Moralia: […]

  5. […] preambolo perchè oggi leggevo anche questo: http://www.minimaetmoralia.it/wp/su-coglioneno/ relativamente alla campagna #coglioneno in difesa del lavoro dei creativi. Nell’articolo, molto ben scritto […]

  6. […] che gli avevo dedicato, onestamente non mi sarei aspettata. Alcune reazioni sensate (una, due), altre non tanto – e quando le cose muovono così, a me sembra che si debba capire come mai. […]

  7. […] autostimiamo: Lake Wobegon Effect, la città immaginaria dove tutti i bambini sono sopra la media, come dice Niccolò Contessa, che dice cose giuste, con le parole […]

  8. […] Qui una riflessione invece di Niccolò Contessada leggere e rileggere. E rileggere. […]

  9. […] vuol fare il macellaio. O il panettiere. CoglioneNo, allora, ma neanche CreativoPerForza. Sul sito minimaetmoralia, andando oltre l’alta marea della creatività, è intervenuto Niccolò Contessa, membro unico del […]

  10. […] letto un po’ di pensieri sull’argomento fra cui spiccano quello di Minima & Moralia rilanciato su twitter da @macminimalista che condivido in gran parte, ma anche il video che ha […]

  11. […] “lo fa mio cugino a molto meno”. Interessante vedere come non manchi chi è contrario alla rivoluzione e ai creativi in generale (anche se penso sia una mera forma […]

  12. […] finito di parlare con Stefano ho letto l' articolo di Niccolò Contessa , e mi sento di concordare con lui quando afferma che allo stato delle cose la creatività […]

  13. […] di là delle altre castronerie che secondo me ci sono in questo post, che non mi trova minimamente d’accordo, c’è una domanda in particolare che mi […]

  14. […] 4- Su CoglioneNo: che fine ha fatto il dibattito collettivo? Me lo chiedo anch’io (Minima&Moralia). * La Rivolta Di Burgos, in Spagna (LaPrivataRepubblica). * Le sette squadre più socialiste della […]

  15. […] settimana ho seguito un po’ la vicenda di #coglioneNo e relativo strascico polemico. Per chi non sapesse: il collettivo Zero ha realizzato una campagna, composta da 3 video, a favore […]

  16. […] Riporto i link di un paio di articoli che approfondiscono il tema meglio di come potrei fare io Minimaetmoralia, Alex Busanel. C’è da dire che probabilmente chi è al di fuori di questo sistema, o almeno di […]

  17. […] da diversi punti di vista. Qui di seguito i link ai primi risultati che appaiono su twitter: Wired, minima&moralia, il post, blog del Corriere, osservatori esterni, le parole e le cose con un post del 2012 coerente […]

  18. […] articolo è stato pensato molto prima che partisse la campagna #coglioneno ma tiene conto del pezzo di Niccolò Contessa, e candida ufficialmente C+B a una lotta politica e comunitaria contro il […]

  19. […] Contessa su Minimum Fax ha scritto un articolo di 11.600 battute (11.600!!!) per dire che “fra le caratteristiche della generazione di giovani creativi che si […]

  20. […] Una delle più interessanti l’ha scritta Niccolò Contessa (aka I Cani, la band) su Minima & Moralia. […]

  21. […] peggio) che sono ben felici di avere tanta manodopera pronta a scannarsi per poche briciole. È la legge del mercato, […]

  22. […] questione non mi sembrava affato dovesse sollevare questo dibattituccio in cui cantanti, redazioni online, anonimi veneziani, bloggers, riviste musicali, etc. hanno detto la loro su […]

  23. […] ogni giorno negli ambiti più diversi: soprattutto quelli relativi alla “creatività” dove l’offerta è infinitamente superiore alla domanda e la necessità primaria è quella di evitare enormi perdite di tempo nella difficle selezione dei […]

  24. […] ogni giorno negli ambiti più diversi: soprattutto quelli relativi alla “creatività” dove l’offerta è infinitamente superiore alla domanda e la necessità primaria è quella di evitare enormi perdite di tempo nella difficle selezione dei […]

  25. […] giorno negli ambiti più diversi: soprattutto quelli relativi alla “creatività” dove l’offerta è infinitamente superiore alla domanda e la necessità primaria è quella di evitare enormi perdite di tempo nella difficle selezione dei […]

  26. […] che gli avevo dedicato, onestamente non mi sarei aspettata. Alcune reazioni sensate (una, due), altre non tanto – e quando le cose muovono così, a me sembra che si debba capire come mai. […]

  27. […] autostimiamo: Lake Wobegon Effect, la città immaginaria dove tutti i bambini sono sopra la media, come dice Niccolò Contessa, che dice cose giuste, con le parole […]



Aggiungi un commento