In 500: Ornaghi dimetta De Caro

biblioteca-dei-girolamini-napoli

Pubblichiamo un articolo di Tomaso Montanari, uscito sul «Fatto quotidiano», sulla petizione sottoscritta da intellettuali, studiosi e artisti per chiedere al ministro dei Beni culturali di rimuovere il direttore della Biblioteca dei Girolamini a Napoli.

di Tomaso Montanari

Per la senatrice PDL Diana De Feo, Marino Massimo De Caro è chino sui libri della Biblioteca napoletana dei Girolamini «come un medico che amorevolmente esamina i pazienti da curare» (Corriere del Mezzogiorno, 12 aprile). Meno entusiasti della moglie di Emilio Fede, sono gli oltre cinquecento intellettuali che (partendo dalla denuncia pubblicata dal Fatto il 30 marzo) hanno firmato una dura petizione al ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi «a proposito dello stranissimo e increscioso affare che riguarda l’attuale direzione della Biblioteca Nazionale dei Girolamini a Napoli, una delle biblioteche storiche più gloriose d’Italia». (L’elenco completo delle circa 500 firme ad oggi pervenute si trova in www.patrimoniosos.it; la petizione si può firmare nella pagina web.).