“Il re, il cuoco e il buffone” di Daniel Kehlmann: un estratto

KEHLMANN_Credit foto_BeowulfSheehan-min

Il premio Lattes Grinzani, giunto alla X edizione, è stato assegnato ieri alla scrittrice Elif Şafak. Pubblichiamo, ringraziando editore e autore, un testo del finalista Daniel Kehlmann tratto dal libro Il re, il cuoco e il buffone, uscito per Feltrinelli nella traduzione di Monica Pesetti.

di Daniel Kehlmann

Lo scrittore Klaus-Werner Wencken-Heinrichs (K. W.), a casa davanti al suo iPad.

 K.W.

Grazie. Grazie, sto bene. La ringrazio molto. Della proposta. In breve, le sono grato ecco. È un periodo di raccoglimento, riflessione, introspezione. Un periodo di concentrazione. Molto era sbagliato, lo sapevamo tutti, ma eravamo prigionieri. E ora, all’improvviso, la natura reclama i propri diritti, ci ricorda che non siamo mai stati così liberi come pensavamo e ci rendiamo conto di cosa sia realmente importante e cosa no.

“I fratelli Firedland” e il conflitto tra verità e menzogna: intervista a Daniel Kehlmann

Kehlmann

Questa intervista è uscita su Repubblica Sera, che ringraziamo.

Leggendo I fratelli Friedland viene da chiedersi davvero quanto sia rimasto di vero nella nostra società, e quanto non sia invece solo convenzione, immagine, o peggio. Sembra una questione da letteratura “postmoderna”, ma Daniel Kehlmann non ama essere definito “postmoderno”. Tedesco, quarant’anni, capelli corti, curati, un viso sorridente e diversi romanzi all’attivo tradotti in decine di lingue, tra cui il best seller La misura del mondo.