Nel cuore del conflitto in Irlanda del Nord. “Milkman” di Anna Burns

1milk

Questo pezzo è uscito sul Messaggero, che ringraziamo.

La vita di Anna Burns, classe 1962, prima autrice nordirlandese ad aggiudicarsi nell’ultima edizione il prestigioso Man Booker Prize, non è stata semplice, ma non ha mai tradito la scrittura. Nata ad Ardoyne, quartiere situato nel nord di Belfast, in una famiglia cattolica della working class, Burns ha affrontato col coraggio della letteratura la propria realtà complessa fino alla consacrazione internazionale del romanzo Milkman, che finora ha venduto cinquecentomila copie.

Dopo il premio letterario anglosassone più importante, il libro ha ottenuto l’Orwell Prize for political fiction e negli Stati Uniti il National Book Critics Circle Award. Con una scelta saggia, il titolo non cambierà nella versione italiana, che dal 20 settembre sarà in libreria. L’opera è tradotta da Elvira Grassi per la casa editrice Keller.

Il trauma nelle parole: Intervista a Max Porter

porter

di Elvira Grassi (fonte immagine) In un appartamento di Londra abita una famiglia felice, padre, madre e due bambini. Un giorno la madre muore e tutto si tinge di dolore. Il padre è disperato, affronta inerte la gentilezza dei conoscenti, i «condoglianti in orbita», mentre i bambini si chiedono: «Dove sono i pompieri? Dov’è il […]

Madeleine dorme

Questa recensione di Giorgio Vasta al libro di Shun-Lien Bynum Sarah, «Madeleine dorme», primo titolo di narrativa straniera pubblicato dalla casa editrice Transeuropa, è uscita per «Repubblica».

di Giorgio Vasta

Madeleine dorme – primo titolo di narrativa straniera pubblicato da Transeuropa (nella bella traduzione di Elvira Grassi e Leonardo G. Luccone) – è un teatrino di stoffa. Uno di quelli per bambini – il panno colorato che si srotola per tutta la sua lunghezza, il sipario rosso fermato da due cordicell