L’avvenire secondo Julien Gracq

1lorma

Pubblichiamo un pezzo uscito sul Sole 24 ore, che ringraziamo.

La ricezione in Italia di Julien Gracq (1910-2007), tra i massimi prosatori francesi del ‘900, impareggiabile stilista, narratore irriducibile a ogni canone di genere o corrente, non è stata delle più fortunate. Le sue opere tradotte in italiano, passate sotto silenzio anche le rare volte che furono edite in collane di prestigio, sono oggi quasi tutte fuori commercio.

Meritoriamente, da un anno a questa parte, L’orma editore sta tentando di reintrodurre Gracq nel novero dei classici novecenteschi fruibili ai lettori italiani. Dopo avere riproposto nel 2017 quello che è considerato il capolavoro dello scrittore francese, La riva delle Sirti, L’orma torna in libreria con una gemma della bibliografia gracchiana: Acque strette (1976), un breve testo narrativo d’intonazione autobiografica, sinora inedito in Italia, e presentato nella sontuosa traduzione di Lorenzo Flabbi.

Rivivere dopo «Charlie Hebdo»

1lambeau

Pubblichiamo un pezzo apparso lo scorso 15 luglio su La domenica del Sole 24 ore, che ringraziamo. (fonte immagine)

di Filippo D’Angelo

La sera del 6 gennaio 2015, Philippe Lançon, uno dei migliori giornalisti culturali francesi, collaboratore di «Libération» e «Charlie Hebdo», assiste in compagnia di amici a una rappresentazione della Dodicesima notte. La sortita è anche l’occasione per festeggiare in un bistrot l’invito appena ricevuto a tenere un corso di letteratura all’università di Princeton. Lançon, che ha cinquant’anni e, dopo un divorzio doloroso, vive una nuova relazione con una donna che abita negli Stati Uniti, è raggiante per l’opportunità offertagli.

I crimini dell’amore. 200 anni di Sade

9781614282020-SADE-01

Pubblichiamo l’introduzione di Filippo D’Angelo a I crimini dell’amore, raccolta di testi del Marchese De Sade che ha curato per L’orma editore. Vi segnaliamo che il libro sarà presentato domani, venerdì 5 dicembre, alle 19 al Caffè letterario di Più Libri Più Liberi. Intervengono Filippo D’Angelo, Massimo Fusillo, Tilli Bertoni e Luca Donnini. (Fonte immagine)

Strano destino, quello di un’opera che, nelle intenzioni dell’autore, avrebbe dovuto dargli una rispettabilità letteraria mai avuta prima, e finì viceversa con l’affrettare la rovina della sua reputazione.

Quando, nel 1800, vengono dati alle stampe I crimini dell’amore, Donatien Alphonse François de Sade è reduce da oltre due decenni di tribolazioni. La lunga detenzione nelle prigioni del castello di Vincennes e della Bastiglia, nel periodo subito anteriore alla Rivoluzione, lo ha crudelmente minato nel fisico, trasformandolo in un uomo obeso, affetto da tosse cronica, emicranie, gotta, dolori agli occhi e allo stomaco; la sua troppo convinta adesione al dissolvimento della religione dell’Ancien Régime (con le posizioni espresse in Francesi, ancora uno sforzo se volete essere repubblicani) gli è valsa, all’epoca del Terrore, una condanna alla ghigliottina, cui fortunatamente riuscirà a sfuggire grazie alla caduta di Robespierre; le sue finanze e i suoi beni sono stati inghiottiti dall’amministrazione del Direttorio, riducendolo in miseria.

La letteratura è un’arte marziale: consigli ai giovani scrittori

balzac

Arriva in libreria, edito da minimum fax, Troppe puttane! Troppo canottaggio! Da Balzac a Proust, consigli ai giovani scrittori dai maestri della letteratura francese a cura di Filippo D’Angelo. Pubblichiamo l’introduzione e vi segnaliamo l’incontro oggi, giovedì 23 ottobre, alla libreria minimum fax di Roma: intervengono Filippo D’Angelo, Emiliano Morreale e Gianluigi Simonetti.

Se si volesse riassumere in una sola frase il magistero degli autori antologizzati in queste pagine, poche parole potrebbero essere sufficienti: la letteratura è un’arte marziale.

Lontano dai luoghi comuni che vorrebbero il critico sodale e complice degli scrittori, nobilmente impegnato nelle dispute per il riconoscimento dei loro meriti; lontano dalla falsificazione umanistica di una società letteraria pacificata, l’immaginaria République des Lettres, i cui abitanti si troverebbero a collaborare per la salvaguardia dei valori e il progresso dello spirito; lontano dalla finzione accademica di un canone nel quale, superati ormai gli agonismi che li divisero in vita, gli autori riposerebbero gli uni accanto agli altri, come gli Ave Maria e i Pater Noster di un rosario da snocciolare nelle aule universitarie; insomma, lontano da ogni rassicurante e consolatoria visione di quel magma dai movimenti indecifrabili che è la res literaria, i grandi autori di uno dei periodi aurei della letteratura francese ci restituiscono con questi scritti l’immagine credibile di ciò che è uno scrittore e di ciò che è, o dovrebbe essere, un’opera.

Nell’occhio di chi guarda

MASK_V01

Il 16 giugno è uscito, pubblicato da Donzelli, Nell’occhio di chi guarda. Scrittori e registi di fronte all’immagine, a cura di Clotilde Bertoni,  Massimo Fusillo e Gianluigi Simonetti, e con postfazione di Stefano Chiodi. A ventitré fra narratori, poeti, registi teatrali e cinematografici è stato chiesto di scegliere un’immagine e di descriverla, o commentarla; variazione sul tema classico dell’ekphrasis, ma anche esperimento sul senso della relazione tra visivo e scritto in epoca contemporanea. Hanno partecipato Roberto Andò, Franco Buffoni, Maria Grazia Calandrone, Mauro Covacich, Filippo D’Angelo, Elio De Capitani, Giorgio Fontana, Gabriele Frasca, Nadia Fusini, Andrea Inglese, Helena Janeckzek, Valerio Magrelli, Guido Mazzoni, Enzo Moscato, Tommaso Pincio, Vincenzo Pirrotta, Laura Pugno, ricci/forte, Alessandra Sarchi, Walter Siti, Domenico Starnone, Federico Tiezzi ed Emanuele Trevi.

Pubblichiamo il contributo di Filippo D’Angelo ringraziando l’autore, i curatori e l’editore.

Mundonarco

Non lo vedevo da dieci anni, ma ne riconobbi il profilo intento alla contemplazione di un’urna funeraria. All’epoca dei nostri studi in Normale, eravamo stati buoni amici: avevamo condiviso le stesse indifferenze e idiosincrasie. Mi avvicinai e gli posi una mano sulle spalle. Guido si voltò e ci abbracciammo.

Il suo viso era meno cambiato del mio, manteneva una patina di giovinezza, come se, per un prodigio a me ignoto, fosse riuscito ad arginare le derive del tempo. Iniziammo a conversare e scoprimmo di trovarci in una situazione di perfetta specularità: io insegnavo letteratura italiana in Francia e avevo appena avuto un figlio con una donna che abitava a Roma; Guido insegnava letteratura francese in Italia e aspettava una figlia da una ragazza che viveva a Parigi. Ci dividevamo entrambi fra i due Paesi, in un’esitante aspirazione da transfughi. Scherzammo sulla simmetria dei nostri destini e decidemmo di visitare insieme ciò che restava di Teotihuacán, la Cité des Dieux.

Parigi, capitale dell’inesperienza

venatrix_2010_cara_barer.jpg

Questo pezzo è uscito su Orwell. (Immagine: Cara Barer.)

Nella letteratura francese degli ultimi tempi, sempre più visibile è la presenza di opere che hanno per oggetto la vita di personaggi reali. Solo per fare alcuni esempi illustri: le vicende picaresche del Limonov di Emmanuel Carrère; i destini sofisticatamente narrati da Jean Echenoz (quello di Ravel nel volumetto omonimo, del fondista Emil Zátopek in Courir e dell’inventore Nikola Tesla in Des éclairs); la vocazione da medico-esploratore di Alexandre Yersin in Peste et Choléra, ultimo romanzo di Patrick Deville. Dopo l’orgia di insipide autofictions intimiste che, nello snodo fra i due millenni, ha depravato il mondo letterario francese, la salutare lezione del successo di Houellebecq sembra infine essere stata accolta: uno scrittore incapace di confrontarsi con ciò che è altro da sé non merita di essere letto. L’altro può assumere le forme più diverse: la Storia, la società, l’arte, le grandi vite di personaggi celebri o quelle, minime, di anonimi individui. E può assumerle anche nelle varianti di scrittura più egotistiche. Ma non laddove l’egotismo rifiuti di confrontarsi coi presupposti della sua legittimità: una madeleine che non racchiuda in sé l’intera architettura del tempo è, letterariamente, senza sapore.

Classi, rabbia, illusioni

genova_g81

Pubblichiamo una recensione di Emiliano Morreale, uscita in forma più breve su «Repubblica», su «La fine dell’altro mondo», romanzo d’esordio di Filippo D’Angelo. Stasera a Roma Filippo D’Angelo parteciperà con un reading a Bimbi belli, rassegna di opere prime del Nuovo Sacher.

di Emiliano Morreale

Leggere in termini generazionali i nuovi scrittori italiani, come si fa quasi d’ufficio, può essere fuorviante. A volte l’elemento generazionale è rivendicato dagli autori; altre volte però è un riflesso condizionato, una pigrizia di chi legge, che non aiuta a cogliere le differenze. Ad esempio, a considerare solo un “romanzo generazionale” l’esordio di Filippo D’Angelo, La fine dell’altro mondo, si imbocca una falsa pista. Certo, il protagonista ha la stessa età dell’autore, e vi si narra un momento di “perdita dell’innocenza” generazionale quasi canonico, l’estate che va dal G8 di Genova alla caduta delle Twin Towers. La quarta di copertina, poi, riporta addirittura il protagonista alle prese con “un’ideale lista di proscrizione composta di nati fra il 1945 e il 1955: (…) politicanti incapaci, imprenditori parassiti, intellettuali cialtroni”. Ma il cuore del romanzo, la sua forza, è altrove. Perché La fine dell’altro mondo è anzitutto un romanzo borghese, progettato e pensato come tale.

Gli antiesordi

immagine gli antiesordi

Filippo D’Angelo, esordiente con un romanzo molto duro e arrabbiato («La fine dell’altro mondo»), inizierà in questi giorni il suo primo giro di presentazioni. Vista la retorica spesso insopportabile con cui in Italia il mondo della comunicazione ha circondato il concetto stesso di esordio letterario, Filippo D’angelo racconta a minima&moralia l'”antiesordio” di Franco De Longis.

I lettori genovesi sicuramente ricorderanno la misteriosa e tragica figura che, nell’inverno a cavallo fra il 1998 e il 1999, invase il paesaggio letterario della loro città: Franco De Longis, autore del romanzo Il cerchio. Figura misteriosa perché sorta dal nulla, come quella di ogni scrittore esordiente, ma prima che l’esordio diventasse un fenomeno di moda editoriale; figura tragica in quanto destinata a rapidamente tornare nel nulla da cui si era strappata, e a sprofondarvi del tutto. Non sarà inutile, per i lettori delle altre città, evocare la vicenda di un personaggio che meriterebbe il capitolo centrale di una Storia universale dell’infamia letteraria, opera che, fra quelle immaginarie possibili, raggiungerebbe senz’altro il numero più elevato di pagine, essendo gli scrittori le persone maggiormente esposte al rischio di ignominia. Ma non vorrei che, in ragione della sua stramberia, la veridicità del personaggio De Longis fosse messa in dubbio. Potrebbe sembrare un aborto espulso dalla penna senile di Borges o da quella moribonda di Bolaño. Egli è invece realmente esistito. Per accertarsene, basta controllare su Google.