Intervista a Stefano Liberti

Abbiamo intervistato Stefano Liberti, autore del reportage Land grabbing (minimum fax, 2010), in cui si racconta come i legami fra politica internazionale e mercato globalizzato stiano instaurando una nuova forma di colonialismo nelle terre del Sud del mondo.

Nell’introduzione che apre il tuo libro racconti di quella volta in cui, seduto in un bar in riva al mare nell’isola di Zanzibar, hai intercettato la conversazione di quattro uomini bianchi coinvolti nel fenomeno del land grabbing, o che comunque discutevano sul prezzo delle terre in Africa. Riesci intanto a spiegarci che cosa significa land grabbing e perché nel sottotitolo parli di nuovo colonialismo? Poi, nel vero, come sei arrivato a questo tema?