Proletari.com: i nuovi lavoratori della Rete

Vincitore-ICONA-2011_Teun-Hocks_Untitled-n233_2010_Paci-contemporary-Brescia

(Immagine: Untitled n. 233 (Cloud), 2010, di Teun Hocks.)

Roberto, 31 anni, cassintegrato residente a Palermo, nelle ultime tre settimane ha guadagnato 1700 euro lavorando per una società australiana che vende servizi alle imprese. Dunque uno stipendio di gran lunga superiore a quello che prenderebbe se, ironia delle ironie, tornasse al lavoro nella sua azienda in crisi. Tutto è avvenuto tramite Elance.com, un sito che mette in contatto chi cerca e offre lavoro senza frontiere. Basta avere un pc, e le competenze necessarie. Roberto deve progettare macchinari per la lavorazione della sabbia, le sue abilità tecniche hanno convinto l’azienda di Perth che lui è la persona giusta nonostante viva a migliaia di chilometri di distanza. La paga è oraria, e il controllo delle ore effettivamente lavorate avviene attraverso un timer installato nel computer di Roberto che non permette furberie. Se poi arriva la necessità di dialogare con il datore di lavoro, basta aprire Mikogo ovvero il programma di videoconferenza modellato su Skype ma studiato per il mondo del business.