Non esiste sentiero senza una fine

1etranger

Jane Sautière è una scrittrice francese, nata a Teheran nel 1952 e tornata successivamente a Lione e Parigi, dove ha lavorato come educatrice penitenziaria. Come scrittrice esordisce nel 1998: tra i suoi romanzi, tutti pubblicati per i tipi di Verticales, compaiono Fragmentation d’un lieu commun (2008) e Mort ‘un cheval dans les bras de sa mère (2018). La Nuova Frontiera ha pubblicato in Italia il suo Guardaroba (2013), nella traduzione di Silvia Turato.
Di seguito pubblichiamo un testo inedito in Italia della scrittrice francese.

di Jane Sautière

Non sono nata in Francia. E ho anche vissuto parecchio all’estero (vissuto, non viaggiato). Quindi mi è successo spesso di venire accolta da altri.

Dunque, nata in Iran. La persona che mi tira fuori da mia madre, che mi srotola il cordone ombelicale dal collo, che mi batte sulla schiena perché pianga è un’ostetrica armena. Quella che mi asciuga via il muco dal corpo, che lo aspira fuori dalle mie narici è una levatrice iraniana.