Il violino blu

gentileschi

Questo pezzo è uscito su L’Ultimo Uomo. (Immagine a cura di Serena Pezzato.)

di Tim Small

1.

Il 24 giugno 2012, la Gazzetta dello Sport, principale quotidiano sportivo d’Italia (tiratura: circa 500.000 copie, direttore: Andrea Monti) manda in stampa una vignetta “satirica” disegnata da Valerio Marini che ritrae Mario Balotelli, attaccante italo-africano del Milan AC e della Nazionale italiana, aggrappato al Big Ben che smanaccia via palloni a lui indirizzati, ricalcando inequivocabilmente la famosa immagine di King Kong aggrappato all’Empire State Building. King Kong, come tutti sanno, è uno scimmione. Mi pare scontato puntualizzarlo, ma scherzare su una persona dalla pelle nera equiparandola a una scimmia è una cosa razzista.

Mario Balotelli, è arrivato l’uomo nero

000_Par7189865

Questo pezzo è uscito su Linkiesta.

Come mi sarei dovuto sentire io, tifoso romanista, durante i due minuti di sospensione di Milan-Roma? Ero in un pub in centro con il wi-fi e ho twittato d’istinto

Che vergogna

— Daniele Manusia (@DManusia) 12 maggio 2013

appena Rocchi ha preso la palla in mano e chiamato a sé i capitani. Al tavolo di uomini sulla cinquantina dietro di me qualcuno ha detto: «Ma Balotelli deve capì che lo fischiano perché è stronzo, non perché è nero». La mia ragazza era di spalle al televisore e si annoiava: «Perché, che ha fatto?», mi ha chiesto.

Mario Balotelli: una visita guidata

I

Tra poche ore l’Italia giocherà la seconda partita degli Europei. Pubblichiamo un racconto di Francesco Pacifico, contenuto nell’antologia «Ogni maledetta domenica. Otto storie di calcio» uscita nel 2010, che decostruisce splendori e miserie del «caso Balotelli».

«L’infanzia difficile, il pallone come unica arma di riscatto sociale e un sogno nel cassetto: quello di diventare calciatore…»

Non gliela si fa ai giornalisti sportivi: hanno un cuore tenero e un armamentario di immagini retoriche per far sentire al lettore da bar – una nevicata di sfoglie di cornetto sulla pagina aperta – che leggere un quotidiano sportivo non è un’attività alienante. Questo giornale contiene valori!

«Se saltelli muore Balotelli», gridano alcuni dei lettori dei quotidiani sportivi quando, lasciato il giornale sul tavolino del bar, si ritrovano allo stadio per la partita – in questo caso Juve-Inter di campionato, primavera 2009.