Seminario sui luoghi comuni

35. Pedinare e essere pedinati
di Francesco Pacifico

Indebitato, sotto processo, il proprietario terriero Vel’caninov non fa che incontrare per strada un ometto inquietante che gli ricorda qualcosa… ma Vel’caninov non riesce a ricordare cosa. Sono le prime scene de L’eterno marito, splendido romanzo breve del Dostoevskij seconda fase, e l’ometto si rivelerà essere il marito della sua vecchia amante, da poco morta: fra i due uomini, di lì a poco, si svilupperà una morbosa simbiosi

Seminario sui luoghi comuni

34. L’uomo-cane e l’uomo-macchina

di Francesco Pacifico

Da una novella di Thomas Mann un brano che sembra calmo e ben conciliato con la vita, che poi si complica dicendo qualcosa sull’Uomo, però senza perdere quella calma. Il narratore è un uomo che guarda un bel paesaggio di fiume e cascata, in compagnia del proprio cane Bauschan.

Seminario sui luoghi comuni

33. In politichese Prima della globalizzazione, del consumismo, un grande modo dei romanzieri per affrontare il discorso sull’oggettività paradossale che l’uomo riesce a dare alle proprie idee e alle forme che immagina è stato raccontare la burocrazia. La burocrazia è un sogno di organizzazione oggettiva, di rappresentazione formale lineare, razionale dei bisogni umani e di […]

Seminario sui luoghi comuni

32. Impicci

di Francesco Pacifico

Frédéric ha un credito di 15mila franchi con Arnoux, il marito della donna che ama: gli ha prestato quei soldi perché ha percepito, da un semplice biglietto dello stesso Arnoux, che la richiesta urgente di denaro – denaro che si deve l’indomani a un notaio – è formulata sia da Arnoux che dalla moglie.

Seminario sui luoghi comuni

31. Movimento

di Francesco Pacifico

Questa pagina di Bolaño, tratta dal diario di Garcia Madero, il giovane poeta che domina la prima sezione dei Detective selvaggi, racconta parte di una movimentata vigilia di Capodanno a casa dell’eccentrica famiglia della sorelle Maria e Angélica.

Seminario sui luoghi comuni

30. Il vile denaro I soldi sono un problema per tutti: servono a campare, ma pure a misurare i propri successi e insuccessi, il grado di autonomia dal mondo o dai genitori, servono a pagarsi l’aereo per andare a sedurre donne straniere, servono a rendere fiera la mamma, a comprare libri, ad andare al ristorante, […]

Seminario suoi luoghi comuni

La malattia che ci colpisce, che sia un virus intestinale destinato a farci perdere un appuntamento e sprecare la notte in ginocchio davanti al water, o una cosa brutta che ci farà morire, è una forza della natura. Per quasi la totalità del tempo la narrativa parla dell’io e degli uomini, e tutto intorno agli uomini mette la natura, il mondo, come oggetti d’indagine e fonti di problemi o soluzioni.

Seminario sui luoghi comuni

In questa descrizione di Agathe, la sorella dell’uomo senza qualità, Musil fa il ritratto di una donna molto particolare, che vive in uno stato di articolata passività, direi quasi di attiva passività; una donna che stando immobile a osservare il mondo dell’altro sesso riesce a farsi un’immagine chiara

Seminario sui luoghi comuni

Mickey Sabbath vuole farsi la moglie dell’amico che lo sta ospitando in casa. D’altra parte nella vita ha fatto il burattinaio hipster, come John Malkovic verso la fine di Essere John Malkovic. La coppia di vecchi conoscenti del giro artistico è progressista, sana, well-wishing, generosa, e Sabbath è uno di quegli antiprofeti cresciuti nella cultura di sinistra e che la vogliono confutare dal di dentro, godendone intanto i vantaggi

Seminario sui luoghi comuni

25. Ai confini della realtà Il rischio e l’avventura di scrivere della morte: il capitolo finale della Morte di Ivàn Iljìc è forse il caso più celebre, e uno dei brani più famosi di Tolstoj. Di solito scelgo paragrafi poco appariscenti degli autori che mi piacciono, perché penso che i segreti del raccontare si rivelino […]