malambo

Il malambo dei gauchos: una storia argentina

malambo

Questo pezzo è apparso sul Venerdì di Repubblica. (Fonte immagine)

A gennaio di ogni anno, Laborde, minuscola cittadina nel sudest della provincia di Córdoba, Argentina, diventa la capitale assoluta di un agone fra gauchos, i cavallerizzi della pampa che si nutrono di coraggio, lealtà, fierezza, silenzio, solitudine e nomadismo. Lo spazio entro cui questi uomini combattono è costituito dal palco arrangiato in un grande edificio e la sfida a cui si sono preparati con costanza e sacrificio per un anno intero è racchiusa nella perfezione con cui battono i piedi al ritmo della musica sulle assi di quel palco. La danza che è lo strumento di questa sfida, il malambo, dura poco più di quattro minuti, ma si tratta di minuti eterni. Le combinazioni di movimenti e colpi che costituiscono le mudanzas, ossia le figure del ballo, richiedono una preparazione fisica e mentale mostruosa che costa sacrifici impensabili.

Chi non si è esercitato a dovere rischia di soffocare. Chi non si mantiene calmo rischia la perdita di se stesso. La vittoria, del resto, non porta denaro ma solo gloria. E il sogno più straordinario a cui aspirano i combattenti di questo agone che è in primo luogo sfida a se stessi e alle proprie capacità ha addirittura un risvolto drammatico. Chi si laurea campione di malambo a Laborde, infatti, aderisce a un patto tacito in base a cui non gareggerà mai più né in questo né in altri festival. Il trionfo coincide con la fine, con l’ultimo malambo ballato in vita.

Una storia semplice di Leila Guerriero (Feltrinelli, pp. 107, euro 12) racconta “un uomo che, nello stesso istante in cui riceve la corona, viene annientato”, ma che va incontro alla sua fine con tenacia, ossessione, paura e orgoglio, per conquistarsi “il prestigio e l’ossequio, la consacrazione e il rispetto, l’importanza e l’onore di essere uno dei migliori fra i pochi capaci di ballare questa danza assassina”.

Per spiegare una sfida apparentemente paradossale nel tempo degli sport televisivi e delle competizioni milionarie Leila Guerriero è tornata tre volte a Laborde, scegliendo il primo anno (il 2011) l’uomo che si laureò vicecampione, Rodolfo González Alcántara, un uomo comune che apparve al centro del palco “come un vento funesto o come un puma, come un cervo o come un ladro di anime” capace, nei suoi quattro minuti e cinquantadue secondi, di “stritolare la notte in un pugno”.

La sua vita, le sue aspettative e la sua preparazione, circondato da gente che arriva a non mangiare pur di raggranellare monete per concedersi il lusso di accompagnare alla prova definitiva il suo beniamino, culmina nella prova che l’autrice segue l’anno successivo ormai lei stessa presa dalla lotta contro primo più severo ostacolo che i malambisti devono affrontare e sconfiggere per mezzo di una sorta di accettazione: la paura. I quattro minuti e quarantanove secondi in cui González Alcántara batte piedi in figure sublimi apparentemente calmo, ieratico e deciso, diventano il discrimine oltre cui sarà comunque un profluvio di lacrime: di trionfo o fallimento.

Nel 2013, il lettore di questo reportage narrativo che dischiude un mondo solo apparentemente lontano, potrà seguire l’eroe di Una storia semplice nel suo ritorno a Laborde. Per ballare ancora o per non ballare mai più.

Matteo Nucci è nato a Roma nel 1970. Ha studiato il pensiero antico, ha pubblicato saggi su Empedocle, Socrate e Platone e una nuova edizione del Simposio platonico. Nel 2009 è uscito il suo primo romanzo, Sono comuni le cose degli amici (Ponte alle Grazie), finalista al Premio Strega, seguito nel 2011 da Il toro non sbaglia mai (Ponte alle Grazie), un romanzo-saggio sul mondo della moderna tauromachia: la corrida. Nel 2013 ha pubblicato il saggio narrativo Le lacrime degli eroi (Einaudi), un viaggio nel pianto che versano a viso aperto gli eroi omerici prima della condanna platonica. Nel 2017 è uscito il romanzo È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie), finalista al Premio Strega. Del 2018 il nuovo saggio narrativo sul mondo greco antico: L’abisso di Eros, indagine sulla seduzione da Omero a Platone. I suoi racconti sono apparsi in antologie e riviste (soprattutto Il Caffè Illustrato e Nuovi Argomenti) mentre gli articoli e i reportage di viaggi escono regolarmente su Il Venerdì di Repubblica.
Commenti
Un commento a “Il malambo dei gauchos: una storia argentina”
Trackback
Leggi commenti...


Aggiungi un commento