deandrè

Uno dei più grandi intellettuali italiani

Quindici anni fa moriva Fabrizio De Andrè. Tra le tante cose meravigliose che è stato, e tra le infinite ragioni per cui ci manca, c’è sicuramente quella di aver perduto una delle poche voci al tempo stesso libere e autorevoli del dibattito pubblico: libertario, violento, anarchico, ecologista, laico, perfezionista, narciso, alcolista, misericordioso, sociofobico, umanissimo. Quelli che seguono sono alcuni video documentari su Faber.

Aggiungi un commento