zenobattaglia

Zenobattaglia! il Novissimo Dizionario di YouTube: filmati privi di qualsiasi ambizione artistica recensiti per voi

Abbiamo deciso di ospitare alcuni post di Zenobattaglia, dal cui sito ricopiamo la spiegazione del progetto.

“Dallo sforzo creativo a dall’applicazione certosina di Michelangelo Zeno e Remo Battaglia nasce lo ZenoBattaglia – il Novissimo Dizionario di YouTube: i filmati pubblicati sul browser americano privi di qualsiasi ambizione artistica recensiti per voi.
Lo ZenoBattaglia è sia un’impresa letteraria, che un’esplorazione sul futuro del cinema che intende aprire un dibattito sulle nuove forme della settima arte attraverso un’opera narrativa autonoma e originale. L’obiettivo dello ZenoBattaglia è raccogliere un numero sterminato di recensioni e consegnare all’umanità una Summa Artis del ventunesimo secolo.
Ed ora una tautologica e tediosa necessaria spiegazione del sito:
1) Recensiamo unicamente filmati amatoriali che sono stati pubblicati su YouTube senza alcuna operazione di montaggio.
2) Le recensioni trattano i filmati come pellicole d’autore facendone un’analisi formale e cinematografica.
3) Le categorie suddividono i filmati in base alla votazione conseguita: Flop, 1 stella, 2 stelle, 3 stelle, 4 stelle, Pietre Miliari.
4) Oltre a queste categorie ne compare un’altra: quella delle Epopee. Questa sezione è nata dall’esigenza di analizzare in modo collettivo i filmati di uno stesso regista, datosi l’inscindibilità della sua opera totale.
Lo ZenoBattaglia è un’idea, un progetto, una creatura di Matteo Salimbeni e Diego Zanoni.”

Ed ecco, dunque, il primo film recensito.

Drunk Girl Pole Dancing Accident Wedding / Garota bêbada causa acidente em um casamento.

Di AndersonLuiis. Durata 1’31”, Polonia-Brasile(?), 19 Novembre 2009, , sonoro.

Voto *****

Esilarante, caustico, multiforme, scioccante, Alcolizzata rovina il matrimonio dell’amica è un capolavoro di apocalittico splendore. Durante una festa di matrimonio le persone ballano e scalciano a ritmo di musica, come da copione, circondando la sposa. Una ragazza dai capelli e dal vestito rosso si scatena al centro della pista. Trascinata dall’esaltazione agguanta lo sposo e balla con lui. La sposa rimane sullo sfondo. Emarginata, seduta in sé, osserva la vera regina della festa. AndersonLuiis riproduce il progressivo disorientamento della festeggiata, alternando zoom e primi piani di lei, a stacchi improvvisi sulla danzatrice.

Schiavi della Valchiria in rosso gli invitati pian piano stringono l’attenzione attorno all’ospite prodigiosa e ben presto una festa di matrimonio si tramuta nel trionfo di una barbara. Di una dea libidinosa. Tutti dimenticano la bianca e bionda sposa. Ma nei suoi occhi increduli, gonfi di indicibile livore, attraversati da oscuri presagi vediamo riflessa una tela simbolica di dimensioni megalitiche: la stizza abissale della donna umiliata dalla donna; l’orrore muto di una principessa che, come in una fiaba claustrofobica, è costretta, per incantesimo, a fissare l’angosciante futuro che la attende; lo squagliarsi come neve al sole di una civiltà posta di fronte al germe dell’anarché che di lì a poco decreterà col suo scroscio allarmante di ormoni e con i suoi palpiti di troppo la fine sua e di tutti i filistei.
La donna in rosso è il fuoco fatuo delle verità sepolte. In una cerimonia in cui si celebra la sacralità della famiglia una baccante diventa incontrollabile sirena del caos che vive sotterraneo alle convenzioni (e alle convinzioni) della specie umana. Nei suoi ululati scorgiamo la rappresentazione terrificante dell’uomo come bestia, ovverosia nel suo stato più cristallino e vitale, osceno e distruttivo. E infatti: nell’enfasi del ballo, l’ospite prodigiosa si attacca a un palo. Al pilastro portante del tendone sotto il quale si svolge la cerimoniosa, secolare festa di nozze. E tutto crolla. Anche la pellicola di AndersonLuiis non è più la stessa.
La musica è finita. L’alba del day after illumina un paesaggio postnucleare. Altra poetica, altre simbologie, saltando di palo in frasca, da un campo semantico all’altro, senza mai (ed è questo il miracolo del film) perdere l’organicità formale. Il mondo è ora ribaltato come un calzino: è l’assieparsi di una carovana di miserabili intorno alle ceneri del vitello d’oro: grida, pianti, nasi insanguinati, tacchi che schizzano come topi terrorizzati su ciuffi d’erba. Solo la stentorea, ma gratificante, presenza di due belle figone ci ricorda, come un antico rudere, l’odiosa ostinazione della tracotanza umana; il persistere dell’errore che sopravvive alle sue conseguenze. E qui l’allegoria diventa apocalittica. La morale disarmante.

Caravanserraglio di generi- dal musical, all’erotico, alla commedia, al cinema verità, a quello di guerra, con tuffi nella favola dell’orrore e ammiccamenti splatter. Una sconvolgente metafora sulla civiltà edonista? Un dramma sintetico sul crollo dell’impero? Una screwball comedy un po’ hard che si trasforma in una sagra della morte? Un clamoroso fake, un mockumentario coi fiocchi? O, semplicemente, una risata vi seppellirà?

Come ogni grande opera, Alcolizzata rovina il matrimonio dell’amica è entrata a far parte del chiassoso tourbillon delle interpretazioni. C’è chi lo avvicina a un pastiche underground alla Alberto Grifi e c’è chi vi vede- negli evidenti richiami (la festa di matrimonio, il caos e la follia finale)- un sintetico rifacimento de Il cacciatore di Cimino. (Zeno&Battaglia)

Commenti
7 Commenti a “Zenobattaglia! il Novissimo Dizionario di YouTube: filmati privi di qualsiasi ambizione artistica recensiti per voi”
  1. Moranghetti scrive:

    da fan mai rassegnati aspettavamo a gloria il ritorno di Z&B

  2. zenobattaglia scrive:

    grazie Moranghetti,
    non sappiamo chi tu sia, ma ci piace tantissimo il tuo nome. presto verrai ripagato con degli stupefacenti inediti.

  3. Carolina scrive:

    grazie, conoscevo il film e leggere la vostra recensione mi ha dato quasi altrettanta soddisfazione che vederlo per la prima volta. per me luiis è un gigante, grazie del lavoro che fate.

  4. Enrico Marsili scrive:

    Mi sembra un sottofilone della critica trash. Che interesse c`e` ad analizzare minchiatine irrilevanti come il 99.99% dei filmati su YT? Se cononscete altri creativi in cerca di un lavoro che abbia la stessa produttivita` (zero), cerco una persona per contare batteri su piastre petri per otto ore/giorno :)

  5. Bandini scrive:

    La vostra opera è meritoria e i posteri ve ne saranno nei secoli grati.

Trackback
Leggi commenti...
  1. […] Zenobattaglia è orgoglioso di annunciare l’uscita di un suo classico su minima & moralia, il blog culturale di minimum fax. Una collaborazione che non si ferma qui. Torneremo presto, sul […]



Aggiungi un commento